Vai al contenuto

Organaria italiana attuale


Tonino
 Condividi

Recommended Posts

Tonino, purtroppo devo sottoscrivere Niki. Se vuoi, non parliamo di "nuova generazione", parliamo di "ultime"... ma il succo non cambia (anche se, per correttezza, limiterei il discorso alle ancie tipo Tromba, non Oboe nè Cromorno nè Regale &C). Prendi il Tamburini di S. Maria Segreta a Milano (1985, 3 manuali, 46 registri, tutto meccanico). Io l'ho visto costruire pezzo per pezzo quell'organo... potrei dire di averlo amato. Ma se ascolti la Tromba orizzontale 8' (che doveva essere proprio il suo punto di forza)... un citofono! E non lo dico solo io, chè la mia opinione conta come il 2 di picche: l'hanno detto tutti quelli che lo hanno ascoltato. Se invece prendi la Tromba 8' (interna) del Tamburini della Chiesa Protestante, sempre a Milano (1969, 3 manuali, 32 registri), è *letteralmente* "tutta un'altra musica": una di quelle belle anciotte rotonde, POPOPOPOOOOO!!!! :whistle3: senza parlare poi dell'Oboe 8' del 3° che strapperebbe lacrime anche a un secchio di calcinacci...

Cachius che poetico! appunto parlando con niki abbiamo discusso a fondo! dipende da organo ad organo perchè per esempio il tamburini che ho citato la costruzione sopra è ancora del "vecchio" Giovanni Tamburini (1914) e le ance sono state mantenute quasi tutte, le altre le ha restaurato Bonato... dipende!... comunque discutendo anche oggi pomeriggio con un mio amico esperto in organologia e organaro professionista, anche lui mi ha citato questo problema della casa Tamburini negli ultimi decenni.... queste sono state le sue parole: "Ance tamburini?... latta pura! se ne accumuli un bel pò trovi qualche quintale da buttare alla discarica!".... :ninja:

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 1 month later...
  • Risposte 253
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

ciao ragazzi...parliamo di organaria...

Qual'è secondo voi la miglior casa organaria italiana...e quali sono i suoi migliori strumenti rappresentativi che avete o non avete provato personalmente...

Secondo me Ruffatti, Mascioni, Zanin, (Balbiani anche se non riguarda l'organaria attuale)

NO Tamburini!!!

ciao...

Link al commento
Condividi su altri siti

ciao ragazzi...parliamo di organaria...

Qual'è secondo voi la miglior casa organaria italiana...e quali sono i suoi migliori strumenti rappresentativi che avete o non avete provato personalmente...

Secondo me Ruffatti, Mascioni, Zanin, (Balbiani anche se non riguarda l'organaria attuale)

NO Tamburini!!!

ciao...

Perfettamente d' accordo con te. Io penso che Mascioni per la musica romantica non abbia uguali. Anche Tamburini non mi dispiace anche se a mia avviso con un suono troppo secco, ma dipende da organo ad organo. A te perchè non piace Tamburini ?

Link al commento
Condividi su altri siti

Ecco un bel esempio :

http://www.ruffatti.com/new_organs.html

http://www.ruffatti.com/spec/torino.html

un nuovo organo 3 tastiere dove la terza è un eco-solo con una tromba reale con pressione di 340 mm...

realizzato da ruffatti su specifiche del M. Massimo Nosetti.

(Il Bordone 32 e contrabombarda 32 purtroppo sono elettronici in quanto non ci stavano in altezza...)

cosa ne pensate?

Link al commento
Condividi su altri siti

Perfettamente d' accordo con te. Io penso che Mascioni per la musica romantica non abbia uguali. Anche Tamburini non mi dispiace anche se a mia avviso con un suono troppo secco, ma dipende da organo ad organo. A te perchè non piace Tamburini ?

xkè tutti quelli che ho provato erano dei bidoni allucinanti...senza fondamento (fondi) ed ance pernacchie con difetti acustici inaccettabili...

guardate questo:

http://www.giuseppericcardi.it/tarlifossano.htm

saluti

Link al commento
Condividi su altri siti

ciao ragazzi...parliamo di organaria...

Qual'è secondo voi la miglior casa organaria italiana...e quali sono i suoi migliori strumenti rappresentativi che avete o non avete provato personalmente...

Secondo me Ruffatti, Mascioni, Zanin, (Balbiani anche se non riguarda l'organaria attuale)

NO Tamburini!!!

ciao...

Devo dire però che Zanin dalle mie parti nelle chiese più piccole ha creato alcuni organi (da me provati)

che mi lasciano davvero perplesso, ma alcuni sono davvero grandiosi, vedi quello della Chiesa dei Frati

di Spilimbergo: ci si può suonare di tutto, dal barocco, al romanticismo ai brani più recenti.

Link al commento
Condividi su altri siti

Guest graz_ian

Tamburini: non generalizzare mai.

La ditta ha avuto varie vicende e gli organi prodotti sono -nel corso del tempo- completamente diversi l'uno dall'altro.

Vi sono alcuni strumenti di eccezionale bellezza e altri, effettivamente, senza fondi e ben poco sonori. Ma questi ultimi risalgono agli anni '70 - '80.

Al momento attuale, inoltre, vi sono due Ditte "Tamburini", ciascuna appartente ad un distinto sig. Anselmi-Tamburini (la prima al sig Saverio, l'altra alla sig.ra Rosanna, molgie di Claudio) ed operano in modo molto diverso tra loro!

Link al commento
Condividi su altri siti

Tamburini: non generalizzare mai.

La ditta ha avuto varie vicende e gli organi prodotti sono -nel corso del tempo- completamente diversi l'uno dall'altro.

Vi sono alcuni strumenti di eccezionale bellezza e altri, effettivamente, senza fondi e ben poco sonori. Ma questi ultimi risalgono agli anni '70 - '80.

Al momento attuale, inoltre, vi sono due Ditte "Tamburini", ciascuna appartente ad un distinto sig. Anselmi-Tamburini (la prima al sig Saverio, l'altra alla sig.ra Rosanna, molgie di Claudio) ed operano in modo molto diverso tra loro!

E' vero quello che dici...purtroppo io nella mia esperienza ho sempre avuto a che fare con tamburini degli anni '80, e sappiamo tutti che razza di organi sono usciti da quella bottega in quei anni...

ma è anke vero che nei decenni precedenti sono stati realizzati dei bei organi (es : cattedrale di Messina 170 registri su 5 tastiere dove a breve frequenterò un corso di musica, ma ce ne sono tanti altri...)

Il problema principale dei Tamburini '80 sono i somieri "diretti" di loro invenzione che non reggono pressioni piu' alte di 50-60 mm, ed è ridicolo come abbiano potuto mettere certi somieri con certe pressioni in cattedrali enormi...il risultato è che non si sente assolutamente nulla di fondamento e di ance...senze parlare del fatto che questi somieri sono assolutamente inaffidabili nel tempo e rumorosi...

Link al commento
Condividi su altri siti

Devo dire però che Zanin dalle mie parti nelle chiese più piccole ha creato alcuni organi (da me provati)

che mi lasciano davvero perplesso, ma alcuni sono davvero grandiosi, vedi quello della Chiesa dei Frati

di Spilimbergo: ci si può suonare di tutto, dal barocco, al romanticismo ai brani più recenti.

Ecco un'altro bel esempio di ZANIN 4 tastiere a TORINO

http://www.santaritafestival.it/

cosa ne pensate? testato personalmente...

Link al commento
Condividi su altri siti

Guest graz_ian
Cos'ha che non va quello di Spilimbergo? :scratch_one-s_head:

E' un bello strumento. Per cui non ha NIENTE che non va, forse il solo fatto che era pensato per un'altra chiesa (il Duomo) e poi collocato in una un po' più piccola dove risuona in maniera un po' troppo poderosa.

Ma l'organo di Santa Rita è migliore, anche se la collocazione laterale a pavimento lo penalizza un po'. L'unico modo per rendersene conto è provare (entrambi) per credere.

Piuttosto, sai mica se Zanin ha concluso quell'organo a tre manuali con positivo tergale destinato in provincia di Pescara, progettato dal m.o Pappagallo? Sarebbe proprio il caso di andarlo a suonare!

Link al commento
Condividi su altri siti

E' un bello strumento. Per cui non ha NIENTE che non va, forse il solo fatto che era pensato per un'altra chiesa (il Duomo) e poi collocato in una un po' più piccola dove risuona in maniera un po' troppo poderosa.

Ma l'organo di Santa Rita è migliore, anche se la collocazione laterale a pavimento lo penalizza un po'. L'unico modo per rendersene conto è provare (entrambi) per credere.

Piuttosto, sai mica se Zanin ha concluso quell'organo a tre manuali con positivo tergale destinato in provincia di Pescara, progettato dal m.o Pappagallo? Sarebbe proprio il caso di andarlo a suonare!

L'avete già suonato l'organo zanin di santa rita per caso?

Un'altro nome che non mi piace del tutto è PINCHI, ho suonato quest'organo :

http://www.pinchi.com/italiano/scheda_cata...categoria=nuovo

e devo dire che ne son rimasto deluso, un organo monumentale che poi una volta suonato si è rivelato senza fondi e pedale e ance cosi' metalliche che non avevo mai sentito prima...non conosco però molti altri organi costruiti da PINCHI...voi cosa ne pensate?

Link al commento
Condividi su altri siti

Guest graz_ian

Certamente, ho suonato l'organo di Santa Rita cortesemente accolto dall'amico M.o Nosetti.

Per quanto riguarda il grosso Pinchi di Colle San Giovanni Bosco, sulla carta sembra un gran bello strumento.

Se invece, dal vivo, il suo suono ti è apparso deludente, direi che non devi dare tutte le responsabilità all'organaro ma in gran parte al progettista. Il progettista non deve solo dare un elenco di registri, ma deve anche indicare come questi registri devono suonare (cioè deve indicare in che modo devono essere INTONATI).

In questo caso, il progettista è stato Arturo Sacchetti. Perciò, ritengo, bisognerebbe chiedere a lui e non all'organaro quanto l'organo realizzato sia effettivamente rispondente e coerente con le sue idee foniche originarie...

saluti

Link al commento
Condividi su altri siti

Certamente, ho suonato l'organo di Santa Rita cortesemente accolto dall'amico M.o Nosetti.

Per quanto riguarda il grosso Pinchi di Colle San Giovanni Bosco, sulla carta sembra un gran bello strumento.

Se invece, dal vivo, il suo suono ti è apparso deludente, direi che non devi dare tutte le responsabilità all'organaro ma in gran parte al progettista. Il progettista non deve solo dare un elenco di registri, ma deve anche indicare come questi registri devono suonare (cioè deve indicare in che modo devono essere INTONATI).

In questo caso, il progettista è stato Arturo Sacchetti. Perciò, ritengo, bisognerebbe chiedere a lui e non all'organaro quanto l'organo realizzato sia effettivamente rispondente e coerente con le sue idee foniche originarie...

saluti

Concordo con quello che dici...è vero...il progettista è A.Sacchetti, difficile andare indagare quali siano le ragioni e le scelte fatte e da chi...cmq il risultato è dal mio punto di vista deludente...(chissà quanto è costato!!)

Mi fa piacere che hai già provato l'organo di santa rita e che conosci il M.o Nosetti; è stato il mio maestro e ne ho profonda stima sia come organista che a livello personale...è veramente una persona straordinaria per capacità e conoscenze...

Saluti

Link al commento
Condividi su altri siti

Ma alla fine qual'è e dove si trova l'organo italiano che si può definire migliore di tutti?

Dipende...bisognerebbe provarli tutti e poi dipende dai gusti personali...magari per un organista il migliore è un concone...a me un concone pur bello che sia non piacerà mai...

Questi sono i miei gusti personali...

Link al commento
Condividi su altri siti

Devo dire però che Zanin dalle mie parti nelle chiese più piccole ha creato alcuni organi (da me provati)

che mi lasciano davvero perplesso, ma alcuni sono davvero grandiosi, vedi quello della Chiesa dei Frati

di Spilimbergo: ci si può suonare di tutto, dal barocco, al romanticismo ai brani più recenti.

Purtroppo la costruzione organaria di zanin dipende molto dai periodi. Ho suonato 2 anni fa un organo zanin costruito abbastanza recentemente nella piccola chiesa di Colle S.Lucia (diocesi di Belluno, provincia... mi sembra sempre Belluno ma non ricordo) .... e come opera artistica devo riconoscerla proprio come un gioiellino.

I 2 organi del conservatorio di Castelfranco V.to invece (sia il piccolo che quello grande costruiti quasi 10 anni fa) fanno schifo!: le canne non sono canne... sono più che altro pezzi di latta fusi con stagno scadente!!!... l'unica roba decente che si salva di quei 2"organi" sono i tasti intarsiati!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

beh.. ultimamente ho suonato su un Mathis nel duomo dei Santi Apostoli di Brunico, che tra l'altro mi pare il + grande di tutto il Trentino.... devo dire che non è malaccio ed è pure abbastanza nuovo (1989 se non erro)...

Cmq la mia fede resta per gli organi della bottega organara Carli o Legros....

Link al commento
Condividi su altri siti

Chiedo scusa dell'intromissione, sono uno studente d'organo 9 anno; ho letto alcuni messaggi nel forum sia per ciò che riguarda la pedaliera che per le case organare che mi hanno lasciato in pò perplesso: definire l'organo classico italiano indegno di suonarvi Bach in quanto la pedaliera è nella maggior parte dei casi un'ottava scavedda ed idem per la prima ottava del manuale, lo trovo osceno in quanto non vi si potrà suonare repertori stranieri ma quelli Italiani si, e le toccate di c. Merulo, Pasquini,Storace, Banchieri, frescobaldi, non hanno nulla d'invidiare ad un Buxtehude ed un Bach, avete mai suonato Frescobaldi su di un organo tedesco? io si e non ha nulla a che vedere se suonato sul nostro; con questi discorsi si torna indietro di 50 anni quando per volere organi su cui si potesse suonare di tutto e soptrattutto Bach e poichè gli antichi organi non erano che trabiccoli, si distruggevano strumenti di grande valore per inserirvi al loro posto osceni pornorgani "es. cattedrale di Lucca in cui due organi un Domenico di lorenzo 1481 ed un Ravani 1615 furono smontati e dentro le antiche casse installato un Mascioni elettrico".

Per ciò che riguarda l'organaria Italiana io credo che un grande merito, sia per la costruzione che per il restauro, vada dato ai piccoli artigiani, piccoli perchè magari lavorano da soli o con un operaio ma che dalle loro botteghe escono dei veri capolavori: vedi per esempio: G. Ghilardi (LU), R. Lorenzini (PO), P. Tollari (PD); mentre le grandi fabbriche di che fanno organi con lo stampino es. Mascioni, credo che non riusciranno mai ha costruire veri organi in quanto un organo nasce si nella bottega ma la voce la deve trovare nell'ambiente dove viene collocato, e se s'intona in fabbrica ed in chiesa l'organo viene solo montato ed accordato, quando va bene è un organo mediocre.

S. D. G.

Link al commento
Condividi su altri siti

Guest graz_ian
Per ciò che riguarda l'organaria Italiana io credo che un grande merito, sia per la costruzione che per il restauro, vada dato ai piccoli artigiani, piccoli perchè magari lavorano da soli o con un operaio ma che dalle loro botteghe escono dei veri capolavori: vedi per esempio: G. Ghilardi (LU), R. Lorenzini (PO), P. Tollari (PD); mentre le grandi fabbriche di che fanno organi con lo stampino es. Mascioni, credo che non riusciranno mai ha costruire veri organi in quanto un organo nasce si nella bottega ma la voce la deve trovare nell'ambiente dove viene collocato, e se s'intona in fabbrica ed in chiesa l'organo viene solo montato ed accordato, quando va bene è un organo mediocre.

S. D. G.

Giovino', io non volevo ulteriormente intervenire ma stavolta devo farlo!

A me sembra che stai generalizzando troppo. Peraltro Ghilardi e Lorenzini iniziarono insieme poi si separarono, evidentemente erano talmente diversi come organari da non poter ulteriormente "convivere" nella stessa società. Allora, dei due l'una: o aveva ragione (come organaro) l'uno l'altro, tutt'e due non possono averla altrimenti non avrebbero "litigato".

Per quanto riguarda Mascioni, tra tutti quelli che hai nominato è l'unico a poter essere chiamato Organaro con la O maiuscola, sia per tradizione familiare accertata, certificata e continuata dal 1829 a oggi, e sia per un fatto importante che a te pare non freghi nulla ma invece fa la differenza. Mascioni le canne -soprattutto quelle di metallo- le ha sempre costruite e tuttora le costruisce nel proprio laboratorio, non le va a comprare sul mercato dei componenti d'organo come fanno quegli altri lì!

Avessi nominato Formentelli, forse un po' di ragione ti si poteva dare... ma così, no!

Infine, vai a Trento e vai a suonare il capolavoro d'organo meccanico dell'Abbazia chiamata Tempio Civico. Poi dimmi che te ne pare o trovane un altro altrettanto ben costruito sotto TUTTI i punti di vista.

A proposito, l'ha costruito Mascioni, poco più d'un anno fa!!!!

Saluti

Link al commento
Condividi su altri siti

Non vorrei fare una polemica su una casa organara in particolare, ma se cosi si vuole:

1° a proposito della fabbricazione delle canne: Mascioni se le fa da se su misure sue che si sono tramandati in famiglia misure che non hanno niente di eccezionale, ma la cosa più importante non è chi fabbrica le canne e cioè se un organaro se le fa da se e per suo conto altra ditta le fabbrica, la cosa è molto più complicata, e qui per motivi di spazio la semplificherò in una cosa sola e cio è l'arte d'intonare, a voglia Mascioni a farsi le canne ma se non sanno fare ad intonare è cosa inutile; per intonazione non intendo far accontentarsi di far suonre bene una canna ma che ci sia proporzione di sviluppo nel registro e ci sia rapporto con tutti i registri dell'organo, i mascioni che ho suonato io, organi di varie epoche: anni 40 - 60- 80- 90, non hanno niente di eccezionale: Organo Mascioni op. 1069 1983 Duomo di Barga (LU) OSCENO è insuonabile non c'è un registro che suoni bene ance che sembrano pernacchie, questo perche "intonato" in fabbrica e montato ed accordato in chiesa; organo della Badia di Camaiore (LU), lo si vuol vendere come unico ver organo bacchiano in Italia, le misure delle canne sono state prese da organi storici ma l'intonazione non và es. : in alcuni registri ci sono canne che suonano più piano ed altre più forte, non ha effetto presenza suona tutto in cassa ed ha un suono così dolciastro che dopo 30 minuti non se ne può più, credo che chi sistiene che questo sia un organo Bacchiano debba fare una capatina in germania specie nel nord dove c'erano gli organi che Bach ammirava, gli esempi potrebbero continuare; per il Ghilardi non c'è niente da dire, andate a provare un suo organo es Larciano (PT) od un restauro, ci troverete non dico la perfezione nell'intonazione ma quasi, lo stesso vale per Lorenzini diviso da ghilardi perchè non andavano d'accordo non come organari ma dal punto di vista di società; esistono anche ditte più grandi che non lavorano male anzi tuttaltro es. Dell'orto e Lanzini (NO) sia per la costruzione che per il restauro, ma Mascioni sa restaurare, io credo di no visti i lavori fatti qui nella mia zona; e per i nuovi nascono come organi per suonarci di tutto ma nulla ci viene bene!

per ciò che riguarda l'organo classico italiano cosa mi dite? sapete il primo organo in italia con il cosi detto "pedalier alla tedesca" dove si trova e da chi è stato costruito?

S. D. G.

Link al commento
Condividi su altri siti

Guest graz_ian

Ma amico mio, sembra che tu vada a suonare proprio i casi patologici e non gli organi come si deve...

E' un vero peccato, mi permetto di dirtelo. Andiamo per ordine.

l'arte d'intonare:

a mia memoria, Enrico Mascioni ricordo che era un grande intonatore, oggi c'è un altro ottimo intonatore che, oltre che basarsi sul proprio orecchio, è particolarmente attento alle esigenze del COMMITTENTE (e non di qualche organista capitato lì sporadicamente per caso a sgranchirsi braccia e gambe).

l'arte di fare le canne:

guarda, lasciamo perdere certi tuoi corregionali. Tanto per fare un solo esempio piccolo piccolo piccolo piccolo, le canne di facciata 16' e 12' del Grande Organo Ghilardi di Battipaglia hanno avuto cedimenti al piede che -pur se bene intonate (non a mio giudizio, comunque)- hanno dimostrato un difetto di progettazione e dimensionamento che un Organaro non dovrebbe commettere...

canne intonate in fabbrica:

negli anni '50 - '60 e primi anni '70 ditte come Tamburini, Mascioni e Ruffatti costruivano non 3 o 4 organi come capita oggi negli anni più fortunati, ma DECINE di organi all'anno, di ogni tipo, forma e dimensione. Per far fronte a tutti gli ordini ricevuti e consegnare le canne in tempo avevano sicuramente preso una serie di "standard" che applicavano nella pre-intonazione in modo da non dover perdere troppo tempo nelle Chiese di consegna. Anche perché, spesso (e lo so per esperienza diretta), molti preti volevano risparmiare sulle spese di vitto e alloggio per gli organari durante i lavori di montaggio in chiesa!!!!

Organo Mascioni op. "quello che ti pare"

se non si fa manutenzione, qualsiasi organo, anche dei migliori di ogni secolo, diventa OSCENO e le ance diventano pernacchie!

Organo della Badia di Camaiore (LU),

ho abitato a Viareggio fino al 1984, questo è stato costruito dopo. E' stato progettato da "un certo" Lorenzo Ghielmi (scusa se è poco), che ha anche dato sue disposizioni sull'intonazione, che Mascioni ha eseguito alla lettera. Prenditela con lui, se l'effetto non ti piace. Quanto a suonare Bach, chissenefrega, io manco lo suono più. Ho suonato la Passacaglia nell'ultimo concerto ma era da anni che non lo suonavo.

Dopo 30 minuti non se ne può più

chissà che cavolo stavi ascoltando o come cavolo stavi suonando... :sleeping_03anim:

Mascioni sa restaurare

sa restaurare e come, gira un po' l'Italia, non restare nei "pascoli di Pascoli..." che diamine!

anzi se mi vieni a trovare a Roma ti faccio vedere qualche organo comme se deve, o se vieni a Napoli te ne faccio vedere qualcun altro commo s'adda fa'...

nascono come organi per suonarci di tutto ma nulla ci viene bene

ripeto, chissà che cavolo stavi ascoltando o come cavolo stavi suonando... :sleeping_03anim:

Non so cosa ti hanno detto in 9 anni di COnservatorio, ma insomma, prima SUONA, poi discutiamo...

saluti e AUGURI di suonare tanti organi come se piovesse

Link al commento
Condividi su altri siti

Ripeto non voglio far polemica su una ditta organara in particolare, ma per ciò che riguarda gli organi Mascioni quando va bene sono mediocri c'è poco da dire e fortunatamente so di molti organisti di fama internazionale che la pensano come me, e comunque se uno è contento di mangiare M.... contento lui non sarò io a fermarlo, un vero organaro a mio avviso si riconosce dall'amore che ha verso gli organi non solo i suoi ma anche e soprattuto verso i monumenti dell'arte organara del passato e se un organara che pur di accontentare la committenza è pronto a smontare 2 capolavori dell'arte e non contento di vandalizarli durante lo smontaggio (canne semi distrutte somieri tagliati a metà) io non posso considerarlo che un farabutto, e questo è ciò che hanno fatto i grandi mascioni nel 1962 nella cattedrale di lucca per collocarvi un orrendo organo stereofonico, sono stati deturpati dell'oro posto un Domenico di Loreno 1481 e un Andrea e Cosimo Ravani 1615 del quale A. Banchieri disse di non aver mai sentito niente di cosi bello, mentre dell'attuale, cito un piccolo aneddoto, un anziano organaro che venne invitato all'inaugurazione gli venne monstrato tutto,: la consol movibile, gli aggiustabili ecc. e lui rispose " bello, bello, ma bisogna ricordarsi che un organo deve anche suonare" penso che basti per definire questo strumento e simili, di Battipagli ho saputo che ci sono stati problemi, anche i migliori possono sbagliare, ed a mio avviso ghilardi rimane uno dei migliori a cui mascioni e simili non legano neanche le scarpe; creco che lei dovrebbe venire dalle mie parti a sentire degli organi come si deve sia nuovi che restauri. :girl_prepare_fish:

S. D. G.

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy