Vai al contenuto
Beethoven

Il vostro prossimo acquisto musicale

Recommended Posts

14 ore fa, Wittelsbach dice:

0880242879684.jpg

Novità per gli adepti del celibidismo.
12 DVD con musica e addirittura due film-documentari dal titolo vagamente esoterico.

Se avete 79 euro, fate la coda: arriva in gennaio!

https://www.jpc.de/jpcng/classic/detail/-/art/sergiu-celibidache-firebrand-philosopher/hnum/8828482

Ah beh, @Madiel starà già in coda...

:cat_lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Ives dice:

Ah beh, @Madiel starà già in coda...

:cat_lol:

In fuga verso l'Oceania :cat_lol:

1 ora fa, hurdy-gurdy dice:

Ma che non lo sai? Ha curato i libretti!!! :rofl:

Pronti per il rogo :cat_lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, Wittelsbach dice:

@Madiel ne conosci qualcuno?

Sì, qualcuno mi è noto. Così ad occhio, almeno dai nomi che riconosco, mi pare un cofanetto di tendenze tutto sommato conservatrici, al più ci sono delle curiosità. Credo che l'unico autore "antico" sia il Cavaliere de Saint-Georges, creolo-francese della fine del XVIII secolo (la sua musica è perfettamente in linea con i suoi tempi, su youtube è pieno di video). Gli altri: Kay, Walker, Heilstork e Anderson sono compositori di tendenze accademiche o neoromantiche, niente di spaventoso o di originale, tipica musica americana del primo novecento (non tutti sono di quel periodo, per esempio Heilstork è vivente ma scrive musica di retroguardia da sempre). Still è famoso perché inseriva il folklore negro e caraibico nelle sue musiche, pur essendo coetaneo di Gershwin non lo si può paragonare. E' stato il primo compositore nero statunitense di successo già in vita, a lungo considerato come una specie di patriarca. La sua musica è piacevole e tutto sommato ben fatta, tentò un sincretismo del neoromanticismo statunitense con il jazz, l'esotismo e Hollywood, ma l'aspetto accademico è preponderante. I risultati mi sembrano superficiali e non hanno niente a che vedere con i "populismi" europei dello stesso periodo storico. Coleridge-Taylor era un autore inglese, metà africano da parte di padre e metà inglese da parte di madre,  vissuto all'inizio del novecento e, credo, pure medico come prima professione. Fu il primo compositore inglese di pelle nera a diventare noto. Si entusiasmò per il folklore indiano, tanto che provò a fonderlo con il sinfonismo britannico del tempo. Produsse anche una sfilza di pezzi da salotto su temi indiani, africani e sudamericani che ebbero un discreto successo commerciale. Scrisse un'opera intitolata Hiawatha (nome che diede anche a suo figlio, poi divenuto poeta di fama se non erro), ambientata tra gli indiani d'America, che è stata molto rivalutata nella seconda metà del Novecento, però mai ascoltata. L'etichetta Argo (Decca) ne aveva fatto una incisione negli anni novanta, pure con ottima accoglienza critica e ricordo che al tempo si parlava pure di "scoperta" (forse per il soggetto, forse a causa dell'autore?) Da quel poco che ho sentito mi pare che le innovazioni nella musica di Coleridge-Taylor, al di là dei temini indiani e di un certo dilettantismo, siano più apparenza che sostanza, però conosco quasi niente e potrei anche sbagliarmi. Ignoro gli altri signori citati! Se non ci sono sorprese, il cofanetto dovrebbe essere composto da musica per lo più innocua. Vedo dalle copertine che le incisioni risalgono al 1974-1978, periodo in cui la cultura nera in USA cercava una sua affermazione.

Se ti interessa il genere, la Marco Polo aveva inciso alcuni cd di compositori nigeriani, sudafricani e senegalesi. Cd ora divenuti rari, avevano un mercato minimo, ma qualcosa ascoltata qua e là sul web mi era parsa perfino di buona qualità.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
15 ore fa, Wittelsbach dice:

@Madiel ne conosci qualcuno?

Tra gli autori è citato George Walker, morto di recente nell'agosto scorso. E' segnato anche nei topic dei necrologi. Compositore neoromantico di un certo talento, vinse il Pulitzer. Doveva essere piuttosto quotato in certi ambienti accademici americani al di là dello stile conservatore, forse anche per via del lungo insegnamento in conservatorio, perché ricordo una valanga di segnalazioni della sua morte su fb.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per gli appassionati di Lyatoshynsky, che nel forum non mancano, finalmente un'incisione di pregio:

71HIjn4Gk2L._SL1200_.jpg

In uscita il 4 gennaio su amazon.co.uk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Indeciso sui prossimi arrivi Naxos, ma potrebbe scapparci qualche nuovo acquisto di qua ad alcuni mesi (a Natale ho fatto una scorta talmente imponente di carneadi compositori da riscoprire che non ci sarà più bisogno di metter mano al carrello per un pezzo).

FIELD, J.: Piano Concertos / Nocturnes / Piano Sonatas (Frith, Northern Sinfonia, Haslam) (6-CD Box Set) Piano concertos - Nocturnes - Sonatas (naa potevano fa' più piccola l'immagggine?)

BACH, W.F.: 6 Duets for 2 Flutes (Patrick Gallois, Kazunori Seo) Questo merita di sicuro (anche considerando gli interpreti)

SMETANA, B.: Swedish Symphonic Poems - Richard III / Wallenstein's Camp / Hakon Jarl (Slovak Philharmonic, Svárovský)Questo può essere interessante (Smetana è autore di un certo rilievo, ma ancora poco esplorato)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 2/1/2019 at 19:04, giobar dice:

Altra uscita imminente (11 gennaio) molto appetitosa: box Schulhoff per Capriccio

715oSs6SYtL._SL1200_.jpg

71TEai+aoBL._SL1200_.jpg

Presa! 😍

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Appena riesco a trovarlo ad un prezzo decente (per le mie tasche):

71QG+sIC89L._SL1500_.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, Ives dice:

 

CH20077.jpg

Non so, non vedo molto congruo Mena in questo repertorio. Comunque, @kraus....

Faute de mieux, è una segnalazione che mi solletica, perché Arriaga è certamente un autore da approfondire (di lui ho solo i Quartetti per archi e lo Stabat Mater). Grazie per l'informazione ;) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, glenngould dice:

Appena riesco a trovarlo ad un prezzo decente (per le mie tasche):

71QG+sIC89L._SL1500_.jpg

Io ce l’ho già...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, glenngould dice:

Appena riesco a trovarlo ad un prezzo decente (per le mie tasche):

71QG+sIC89L._SL1500_.jpg

Anche io ce l'ho, acquistato a vilissimo prezzo due o tre anni fa. Box eccellente, che apre squarci interessanti anche su pezzi desueti e rivela la grande maestria del povero Ogdon. Peraltro non c'è tutto il lascito discografico di Ogdon per la EMI, perché, ad esempio, manca il suo originale e bellissimo Scriabin, reperibile comunque a ottimo prezzo in rete.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi interessano in particolare i pezzi novecenteschi

818X6N9CPBL._SL1500_.jpgPrenderò il suo Scriabin! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, Ives dice:

0028948364237.jpg

@Madiel in abbinamento con il box di Celibidone...:cat_lol:

La mamma gli ha tagliato i capelli con la scodella 😕

Quanto al box di Celibidè, credo che un giorno lo prenderò 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
13 minuti fa, Ives dice:

0028948364237.jpg

@Madiel in abbinamento con il box di Celibidone...:cat_lol:

Santo cielo Ives, a momenti mi veniva un colpo! :wacko: Uno dei direttori viventi che detesto di più! :wacko_x:

Risultati immagini per mattoni cemento 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Ives dice:

😁 Puoi rifarti con questo, scherzi a parte:

https://www.jpc.de/jpcng/classic/detail/-/art/albert-roussel-albert-roussel-edition/hnum/8928299

Credo però che già avrai più o meno tutto...

La maggior parte dei pezzi orchestrali sembrano essere le vecchie edizioni di Martinon. A parte la musica da camera e qualcosa per voce, il resto ce l'ho già e nelle stesse esecuzioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×