Vai al contenuto

Rule Britannia


Recommended Posts

Beh, io critico a ragion veduta... ho ascoltato ad esempio anche tutto Bax (sempre Naxos). I cd li ho venduti, attualmente ho solo Elgar e Frankel.

Vabbè, ma Bax è un minore dei minori! Ascoltarlo tutto è da suicidio. Elgar va bene, Frankel non so chi sia...ma Britten e Tippett, cioè i due maggiori compositori inglesi del 900?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 212
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Vabbè, ma Bax è un minore dei minori! Ascoltarlo tutto è da suicidio. Elgar va bene, Frankel non so chi sia...ma Britten e Tippett, cioè i due maggiori compositori inglesi del 900?

Ho dimenticato Walton e Delius che anche mi piacciono. Di Tippett ho un solo cd (concerto per piano e altre due composizioni per archi), Britten in linea di massima non mi interessa, solo un po' i concerti e 'The Turn of the Screw'.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 1 month later...

Di William Alwyn che mi dite? Ho sentito il concerto per arpa e mi è piaciuto molto, a breve prenderò il disco della Naxos:

0747313264728.jpg

Sto ascoltando or ora Lyra Angelica, e di primo acchito mi sta conquistando. Ecco, inutile opporsi, nell'ordine discografico incombente so già che includerò il summenzionato (e forse altri) cd Naxos, dedicato a questo compositore d'Albione. Se poi penso alle varie "Appendici alla Sfinge" che indubitabilmente seguiranno l'ordine, beh... mi consolo col fatto che il mio fiuto di veltro da negozio mi porta spesso a fare interessanti affari. :yes:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho tutte le sue sinfonie nella stessa tua edizione, ancora incellofanati.

Aspetto il parer tuo.

...tra i miei tempi di decisione di un ordine, e quelli di reperibilità e spedizione, mi sa che fai prima tu a scartare i dischi e ad ascoltarli. :D

Sto ascoltando or ora Lyra Angelica, e di primo acchito mi sta conquistando. Ecco, inutile opporsi, nell'ordine discografico incombente so già che includerò il summenzionato (e forse altri) cd Naxos, dedicato a questo compositore d'Albione. Se poi penso alle varie "Appendici alla Sfinge" che indubitabilmente seguiranno l'ordine, beh... mi consolo col fatto che il mio fiuto di veltro da negozio mi porta spesso a fare interessanti affari.

Sì Lyra Angelica è davvero un bel concerto, dotato anche di una buona dose di originalità (cosa davvero sorprendente nei compositori inglesi "minori") lo stile sembra riconducibile alla corrente hindemitiana-waltoniana ma è più duttile ed incline ad un senso espressivo, spero che tali qualità siano conservate anche nelle sinfonie.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

è morta la vedova di Walton, che gestiva la fondazione di Ischia dedicata al compositore. (dove tra l'altro ho fatto diversi concerti e ho avuto quindi modo di conoscerla)

Walton

mi dispiace, il suo genio nel creare giardini era pari a quello musicale del marito. Erano una coppia incredibile :o

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che si dice di Peter Maxwell Davies?

Anni fa (molti) presi due LP con "Into The Labyrinth", "Sinfonietta Accademica", "Ave Maris Stella" e "Tenebrae Super Gesualdo". Da tanto non li ascolto, ma ricordo che mi affascinò l'idea di un compositore contemporaneo così legato all'antico. Dovrò riascoltarli, però soprattutto l'ultima composizione, ispirata a Gesualdo da Venosa, meritava decisamente.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 3 months later...

Ricordo che Madiel ne parlò anni fa chissà dove, e lo definì mediocre o qualcosa del genere. Dev'essere un super moderno.

ahah, che memoria :D Non è un super moderno, è un più povero post moderno. Fa il verso a tutti, soprattutto ad autori tonali e neoclassici: minimal, Stravinsky, Bartok, Janacek, Ravel, passando per il jazz e il pop, ma senza trovare una sintesi convincente. Su questo genere, nel suo paese, ce ne sono parecchi. Anni fa la Decca-Argo produsse un'operina, Greek, rivisitazione in chiave moderna e punk di Edipo che ebbe una buona accoglienza di critica (si parlò di capolavoro, addirittura!) e pubblico. Una roba terribile, non mi azzardo a consigliarla a nessuno, ma magari può anche piacere. Tutto sommato è un autore innocuo, per palati poco raffinati.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ahah, che memoria :D Non è un super moderno, è un più povero post moderno. Fa il verso a tutti, soprattutto ad autori tonali e neoclassici: minimal, Stravinsky, Bartok, Janacek, Ravel, passando per il jazz e il pop, ma senza trovare una sintesi convincente. Su questo genere, nel suo paese, ce ne sono parecchi. Anni fa la Decca-Argo produsse un'operina, Greek, rivisitazione in chiave moderna e punk di Edipo che ebbe una buona accoglienza di critica (si parlò di capolavoro, addirittura!) e pubblico. Una roba terribile, non mi azzardo a consigliarla a nessuno, ma magari può anche piacere. Tutto sommato è un autore innocuo, per palati poco raffinati.

Eppure ai Proms è di casa... Ma si sa che spesso gli Inglesi si lasciano accecare dal nazionalismo.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eppure ai Proms è di casa... Ma si sa che spesso gli Inglesi si lasciano accecare dal nazionalismo.

sì, possibile, oppure la fortuna è proprio cieca. A volte alcuni autori sfondano in determinati ambienti anche in virtù di simpatie di varia natura, di seguaci disposti a tutto o a causa di idiomi musicali che vanno bene per quel preciso pubblico. Ad esempio un caso opposto è quello di Luigi Nono, autore per altro celebre: amatissimo ed eseguitissimo in Germania, ma praticamente ignorato nei paesi anglosassoni. Oppure, penso all'accademico (non lo intendo in senso negativo) Gottfried von Einem, che oggi suonano solo al festival di Salisburgo o alla radio austriaca.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 4 months later...
  • 7 months later...

Sono molto contento di scoprire tanti esperti sulla musica inglese.

Invece di scrivere un elenco di miei pezzi romantici preferiti ho fatto una

selezione in Spotify e un altro più breve in Youtube. Ho escluso i nomi grandi

(Elgar, Holst, Delius, Vaughan Williams, Walton, Britten, Tippet).

Ho scelto una mescolanza di canzone, musica della chiesa, musica strumentale e

un paio di opere più lunghe per coro e orchestra.


/>http://www.youtube.com/playlist?list=PL116A4F95968DED2F


/>http://open.spotify.com/user/jh109e/playlist/0hxakyv4pPOMNzRcXKDjEE

Non so se si deve accedere o connettersi per ascoltarle. Spero che vi piacciano.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 2 months later...
  • 1 year later...

Stamattina ero galvanizzato dalle sonate per piano di Tippett (al terzo ascolto ormai)...


Non sapevo se aprire una discussione, se volete possiamo parlarne qui...


insomma, ditemi qualcosa in più di quest'autore, sul suo percorso artistico, sugli interpreti ecc.


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.


×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy