Jump to content

Notizie dal mondo della musica classica


kraus

Recommended Posts

5 minuti fa, Ives dice:

Gli orchestrali della Sinfonica di Palermo bocciano la Venezi: "La politica non c'entra, non sa proprio dirigere"

...un flautista: "Fa solo gesti scoordinati, manca proprio di tecnica basilare, meglio non guardarla"...e un violinista: "Ce l'hanno presentata manco fosse Bernstein, ma non è capace, siamo andati avanti da soli"...

https://palermo.repubblica.it/societa/2024/01/23/news/beatrice_venezi_orchestra_sinfonica_palermo_polemica_musicisti-421961598/?ref=RHLF-BG-P6-S1-T1

😁

Mi hai preceduto di pochi minuti...

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 1.9k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

51 minuti fa, Ives dice:

Gli orchestrali della Sinfonica di Palermo bocciano la Venezi

Un'altra patacca dorata 🤣

Sarebbe proprio da organizzare uno scherzo, con la Raffaele che va a dirigere un'orchestra che non l'ha mai vista in persona, per poi chiedere il parere agli orchestrali.

Link to comment
Share on other sites

Claudio Sardisco, flautista da quasi 40 anni:

«Se nessuno di noi si è mosso è perché la direttrice d’orchestra ha solo complicato il nostro lavoro: sarebbe stato più facile suonare senza di lei...Durante e dopo le prove d’orchestra abbiamo avuto dei problemi con la direttrice Venezi e abbiamo concordato con i colleghi di non guardarla in modo da riuscire a coordinarci concentrandoci solo sull’ascolto reciproco: ce la siamo dovuta cavare da soli perché i gesti della Venezi non erano coerenti con l’esecuzione musicale...Anche un neofita può guidare una macchina di Formula 1, ma quando ci sono curve e tratti più insidiosi, o non si sa controllare il mezzo ad alta velocità, se non c’è il giusto pilota bisogna andare in modalità pilota automatico. Allo stesso modo, nei cambi di ritmo e di tempo e nei momenti più critici e complessi della partitura, un bravo direttore deve essere in grado di guidare l’orchestra. Ecco, non è il caso della Venezi...non mi interessa per chi vota la direttrice, qua si parla di musica e di tecnica direttoriale, il problema è che la vedi da fuori e sembra pure brava, poi però lavorandoci ti accorgi che non è in grado di seguire l’orchestra».

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/ldquo-beatrice-venezi-fenomeno-mediatico-politica-non-382372.htm

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Ives dice:

Claudio Sardisco, flautista da quasi 40 anni:

«Se nessuno di noi si è mosso è perché la direttrice d’orchestra ha solo complicato il nostro lavoro: sarebbe stato più facile suonare senza di lei...Durante e dopo le prove d’orchestra abbiamo avuto dei problemi con la direttrice Venezi e abbiamo concordato con i colleghi di non guardarla in modo da riuscire a coordinarci concentrandoci solo sull’ascolto reciproco: ce la siamo dovuta cavare da soli perché i gesti della Venezi non erano coerenti con l’esecuzione musicale...Anche un neofita può guidare una macchina di Formula 1, ma quando ci sono curve e tratti più insidiosi, o non si sa controllare il mezzo ad alta velocità, se non c’è il giusto pilota bisogna andare in modalità pilota automatico. Allo stesso modo, nei cambi di ritmo e di tempo e nei momenti più critici e complessi della partitura, un bravo direttore deve essere in grado di guidare l’orchestra. Ecco, non è il caso della Venezi...non mi interessa per chi vota la direttrice, qua si parla di musica e di tecnica direttoriale, il problema è che la vedi da fuori e sembra pure brava, poi però lavorandoci ti accorgi che non è in grado di seguire l’orchestra».

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/ldquo-beatrice-venezi-fenomeno-mediatico-politica-non-382372.htm

Ci piace ricordarla così:

Bioscalin-Beatrice_Venezi-Vital_Print-1.

Link to comment
Share on other sites

https://www.open.online/2024/01/25/beatrice-venezi-vs-critiche-orchestra-sinfonica-siciliana/

«Sono stata la prima donna a dirigere in Armenia, in Georgia, in Azerbajan. Ho condotto oltre 200 concerti e più di 70 recite d’opera. Ma se non sei dalla parte giusta… il mondo della musica, come quello della cultura in generale, è stato dominato dalla sinistra......  Comunque, tre comunicati stampa, uno delle prime parti, smentiscono la versione di una piccola minoranza di tre professori su oltre settanta elementi in organico “perché non corrispondente alla realtà” e nello stesso pezzo di Repubblica il primo violino Pasquale Faucitano mi fa i complimenti e mi definisce “una professionista seria e preparata”. Il tutto verrà valutato dai miei avvocati.» 

(non si capisce cosa dovranno valutare gli avvocati, l'opinione degli orchestrali sul lavoro del direttore?)

https://www.open.online/2024/01/25/palermo-francesco-piersanti-vs-beatrice-venezi/

Franco Piersanti: 

«È intollerabile continuare a spacciarsi per qualcuno che ha delle qualità particolari che evidentemente non si possiedono....nel panorama musicale la considerano quasi tutti incompetente, solo che nessuno vuole esporsi per paura di ripercussioni.... Il commento dei tanti amici orchestrali che hanno lavorato con lei è sempre lo stesso: “Meglio non parlarne”..... Venezi millanta una professione che non c’è sulla carta. Ha fatto solo concerti di un certo tipo per eventi, non ha diretto in teatri di tutto il mondo. È il suo curriculum, basta fare una ricerca.....siccome è una donna, si tende a pensare che ci si scagli contro di lei per questo motivo. Il che è falso. Il mondo è pieno di donne di talento che dirigono; Oksana Lyniv, Speranza Scappucci, Claire Gibault, Alondra de la Parra, Barbara Hunnigan, Marin Alsop».

Tutto molto divertente :cat_lol:

Link to comment
Share on other sites

Gli avvocati cosa dovrebbero valutare? 😁Un giudizio tecnico sulla direzione d'orchestra? 😯Anzi, i musicisti siciliani sono stati molto coraggiosi, perchè, come dice giustamente Piersanti, c'è molta paura ad esporsi sulla Venezi, evidentemente per i suoi agganci politici. Io ho sempre sostenuto che non mi piace avversarla per le sue posizioni politiche, ma non sarebbe male avere una lista precisa delle sedi e soprattutto della collocazione all'interno di regolari stagioni concertistiche e operistiche e non di fantomatici "eventi speciali" (basta appunto andare su google). Il suo nome non compare in stagioni con orchestre, per dire, delle Radio tedesche, o anche di provincia in UK o nei teatri delle capitali di Stato USA...rinunci agli "eventi speciali", magari pure alla collaborazione col Ministero e provi ad emergere per le sue sole doti artistiche.

Link to comment
Share on other sites

8 ore fa, Ives dice:

Gli avvocati cosa dovrebbero valutare? 😁Un giudizio tecnico sulla direzione d'orchestra? 😯Anzi, i musicisti siciliani sono stati molto coraggiosi, perchè, come dice giustamente Piersanti, c'è molta paura ad esporsi sulla Venezi, evidentemente per i suoi agganci politici.

E invece temo che gli avvocati e i giudici potrebbero avere molto lavoro da questa vicenda. Le dichiarazioni dei musicisti "coraggiosi" potrebbero essere qualificate come diffamatorie e dare la stura a cause civili o addirittura penali (proprio per diffamazione).

Link to comment
Share on other sites

13 minuti fa, giobar dice:

E invece temo che gli avvocati e i giudici potrebbero avere molto lavoro da questa vicenda. Le dichiarazioni dei musicisti "coraggiosi" potrebbero essere qualificate come diffamatorie e dare la stura a cause civili o addirittura penali (proprio per diffamazione).

Sono d'accordo, secondo me è proprio così!

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, giobar dice:

E invece temo che gli avvocati e i giudici potrebbero avere molto lavoro da questa vicenda. Le dichiarazioni dei musicisti "coraggiosi" potrebbero essere qualificate come diffamatorie e dare la stura a cause civili o addirittura penali (proprio per diffamazione).

 

47 minuti fa, Madiel dice:

Sono d'accordo, secondo me è proprio così!

Se così fosse i membri di questi beneamato Forum dovrebbero temere per la propria libertà, visto i giudizi caustici - ma quasi sempre ben motivati - che sovente si esprimono nei confronti di molti artisti. E se Norrington avesse il caratterino della Venezi, Hurwitz dovrebbe temere di essere rinchiuso al gabbio! :cat_lol::cat_lol:

A che punto siamo arrivati, d'altronde quando la questione artistica diventa questione politica, e si ha a che fare con elementi del genere, c'è ben poco da stupirsi. E qui mi taccio, anche perché potrei partire per la tangente ed esser tacciato di diffamazione, visto ormai che così si usa!

Link to comment
Share on other sites

58 minuti fa, Snorlax dice:

 

Se così fosse i membri di questi beneamato Forum dovrebbero temere per la propria libertà, visto i giudizi caustici - ma quasi sempre ben motivati - che sovente si esprimono nei confronti di molti artisti. E se Norrington avesse il caratterino della Venezi, Hurwitz dovrebbe temere di essere rinchiuso al gabbio! :cat_lol::cat_lol:

A che punto siamo arrivati, d'altronde quando la questione artistica diventa questione politica, e si ha a che fare con elementi del genere, c'è ben poco da stupirsi. E qui mi taccio, anche perché potrei partire per la tangente ed esser tacciato di diffamazione, visto ormai che così si usa!

Non sono un giurista, ma temo che davvero possano passare dei guai e non solo a causa degli avvocati della sig.ra Venezi. Dove lavoro io li passerei, se esprimessi un parere personale a mezzo stampa, su chiunque e non per forza negativo. Per quel che riguarda un forum privato ad iscrizione credo che, per ora, le cose siano diverse, almeno lo spero.

 

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, giobar dice:

E invece temo che gli avvocati e i giudici potrebbero avere molto lavoro da questa vicenda. Le dichiarazioni dei musicisti "coraggiosi" potrebbero essere qualificate come diffamatorie e dare la stura a cause civili o addirittura penali (proprio per diffamazione).

 

1 ora fa, Snorlax dice:

 

Se così fosse i membri di questi beneamato Forum dovrebbero temere per la propria libertà, visto i giudizi caustici - ma quasi sempre ben motivati - che sovente si esprimono nei confronti di molti artisti. E se Norrington avesse il caratterino della Venezi, Hurwitz dovrebbe temere di essere rinchiuso al gabbio! :cat_lol::cat_lol:

A che punto siamo arrivati, d'altronde quando la questione artistica diventa questione politica, e si ha a che fare con elementi del genere, c'è ben poco da stupirsi. E qui mi taccio, anche perché potrei partire per la tangente ed esser tacciato di diffamazione, visto ormai che così si usa!

Penso - chiedo a giobar - che la diffamazione sia in relazione all'accusa di clientelismo, di essere protetta dalla politica ecc. 

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Snorlax dice:

 

Se così fosse i membri di questi beneamato Forum dovrebbero temere per la propria libertà, visto i giudizi caustici - ma quasi sempre ben motivati - che sovente si esprimono nei confronti di molti artisti. E se Norrington avesse il caratterino della Venezi, Hurwitz dovrebbe temere di essere rinchiuso al gabbio! :cat_lol::cat_lol:

A che punto siamo arrivati, d'altronde quando la questione artistica diventa questione politica, e si ha a che fare con elementi del genere, c'è ben poco da stupirsi. E qui mi taccio, anche perché potrei partire per la tangente ed esser tacciato di diffamazione, visto ormai che così si usa!

Forse, ma qua dicono che non sa tenere la bacchetta in mano, cioè danno un giudizio prettamente tecnico. Se dimostrasse il contrario nelle sedi opportune, cioè che sa fare il suo mestiere, la vedo dura per i querelati. Saper fare il proprio lavoro non implica essere geni del podio o aver fatto una carriera sfolgorante. Ecco, io non l'avrei messa su quel punto una eventuale stroncatura. Poi, che si passi realmente alle vie legali è un altro problema.

Per quanto mi riguarda, ci sono stati tanti mediocri a sinistra che hanno fatto carriere sfolgoranti nel nostro paese solo perché considerati dalla parte "giusta", per come siamo finiti non è che bisogna perseguitare la Venezi a prescindere per le sue idee di destra. Bisogna anche essere giusti nei suoi confronti, per me è una come tanti nella melassa mediocre corrente. Più che altro, mi meraviglio dei vari soloni che oggi frignano e si stracciano le vesti, ma che a suo tempo non hanno mai alzato il dito per criticare l'andazzo musicale istituzionale italiano, in decadenza da decenni per motivi esclusivamente politici. 

Comunque, mi candido al gabbio: in forum l'anno passato ho scritto che un suo video di The Planets è il più brutto mai ascoltato in assoluto in vita mia (finora) :cat_lol:

Link to comment
Share on other sites

Ovviamente la mia era una mezza boutade, detta con una punta di amarezza. D'altronde in questi giorni è impossibile non notare gli stessi exploit d'intolleranza nei confronti della carta stampata da parte di quella politica a cui la Venezi si sente vicina. E qui mi fermo, perché altrimenti si toccherebbero campi che in questo Forum non si possono toccare. 

Il mio giudizio sulla Venezi artista lo sapete già, quindi è inutile che mi esponga di nuovo, non si sa mai che a Snorlino arrivi una querela... :cat_lol::cat_lol:

Link to comment
Share on other sites

10 ore fa, hurdy-gurdy dice:

Molto rumore per nulla.

Credo anch'io, non ci sarà nulla, l'obiettivo è solo la spettacolarizzazione del personaggio che porta a notorietà di facciata. Anche queste polemiche vanno bene, purchè se ne parli. Quanto al resto, avevo scritto dei commenti tanti anni fa quando neanche vi era stato ancora alcun outing politico, alcuna pubblicità "shampistica" o "gommistica" né tantomeno Sanremo. E il giudizio da ascoltatore fu molto negativo, vicino a quello che oggi esprimono gli strumentisti siciliani. Soprattutto non sono mai riuscito a trovare alcuna afferenza tra il gesto e quel che si sentiva e quando il discorso musicale si complicava, l'esecuzione andava in vacca (siamo molte molte spanne sotto la routine di una normale stagione sinfonica italiana)...quanto al "dirige in tutto il mondo" provate a fare una ricerca su OperaBase (Tosca a Cagliari; Concerto a Palermo) o Bachtrack (zero risultati), cioè i portali più potenti per ricercare un evento di musica classica nel mondo, risultati impietosi....😒

https://bachtrack.com/search-events/medium=1;freetext=beatrice venezi

Link to comment
Share on other sites

9 ore fa, Madiel dice:

Forse, ma qua dicono che non sa tenere la bacchetta in mano, cioè danno un giudizio prettamente tecnico. Se dimostrasse il contrario nelle sedi opportune, cioè che sa fare il suo mestiere, la vedo dura per i querelati. Saper fare il proprio lavoro non implica essere geni del podio o aver fatto una carriera sfolgorante. Ecco, io non l'avrei messa su quel punto una eventuale stroncatura. Poi, che si passi realmente alle vie legali è un altro problema.

Per quanto mi riguarda, ci sono stati tanti mediocri a sinistra che hanno fatto carriere sfolgoranti nel nostro paese solo perché considerati dalla parte "giusta", per come siamo finiti non è che bisogna perseguitare la Venezi a prescindere per le sue idee di destra. Bisogna anche essere giusti nei suoi confronti, per me è una come tanti nella melassa mediocre corrente. Più che altro, mi meraviglio dei vari soloni che oggi frignano e si stracciano le vesti, ma che a suo tempo non hanno mai alzato il dito per criticare l'andazzo musicale istituzionale italiano, in decadenza da decenni per motivi esclusivamente politici. 

Comunque, mi candido al gabbio: in forum l'anno passato ho scritto che un suo video di The Planets è il più brutto mai ascoltato in assoluto in vita mia (finora) :cat_lol:

Ha diretto The Planets?? 

(ora, per colpa tua, sarò costretto ad ascoltarla).

 

EDIT: ho ascoltato metà di "Marte", ma ho chiuso per mancanza di tempo.

Tra le altre cose, leggevo anche di commenti positivi di altri orchestrali che, riconoscendo limiti tecnici importanti, le consigliavano di lavorare sulla tecnica. E questo credo che sia un tipo di critica che la Venezi, se ha la giusta dose di umiltà, potrebbe tenere a mente per migliorarsi (professionalmente e umanamente). Come diceva Madiel, la mediocrità è generale e non è fenomeno attuale, ma storico; a questo si aggiunge il fatto che la persona in questione sia stata presentata "come fosse Bernstein" (detto da altri orchestrali) il che, a mio parere, ha contribuito in peggio al giudizio già di per sé negativo.

Link to comment
Share on other sites

10 ore fa, Madiel dice:

Per quanto mi riguarda, ci sono stati tanti mediocri a sinistra che hanno fatto carriere sfolgoranti nel nostro paese solo perché considerati dalla parte "giusta", per come siamo finiti non è che bisogna perseguitare la Venezi a prescindere per le sue idee di destra. Bisogna anche essere giusti nei suoi confronti, per me è una come tanti nella melassa mediocre corrente. Più che altro, mi meraviglio dei vari soloni che oggi frignano e si stracciano le vesti, ma che a suo tempo non hanno mai alzato il dito per criticare l'andazzo musicale istituzionale italiano, in decadenza da decenni per motivi esclusivamente politici. 

 

1 ora fa, Ives dice:

Credo anch'io, non ci sarà nulla, l'obiettivo è solo la spettacolarizzazione del personaggio che porta a notorietà di facciata. Anche queste polemiche vanno bene, purchè se ne parli. Quanto al resto, avevo scritto dei commenti tanti anni fa quando neanche vi era stato ancora alcun outing politico, alcuna pubblicità "shampistica" o "gommistica" né tantomeno Sanremo.

Ecco mi ha preceduto Ives. Io penso che qui dentro siamo abbastanza smaliziati da sapere tutti che la politica ha sempre condizionato gli ambienti della cultura, ma il fenomeno Venezi è assolutamente inedito, per scelta di Venezi!

A me diverte molto la gestione goffa e scomposta che fa Venezi della sua immagine, penso anche che questa ragazza, che abbia o no talento, sia mal consigliata dal suo agente, e probabilmente questo la porterà a bruciarsi in ogni caso. Il fatto che sia una giovane donna poteva essere un elemento mediatico favorevole ("finalmente le donne italiane sul podio"), Venezi ha scelto di offrire la sua immagine "femminile" a pubblicità televisive anche abbastanza cringe (come dicono i giovani) in cui fa finta di dirigere e parla di prodotti di bellezza per la persona. Il fatto che sia aperta a contaminazioni pop poteva essere un elemento di apertura culturale che poteva renderla simpatica (anche rispetto a gente snob tipo Pollini che andava in televisione a dire "pop = schifo"), Venezi ha scelto di fare la "giurata" a Sanremo giovani, a fianco di Morgan e Pelù, esponendosi in un contesto teoricamente non suo (dico teoricamente perchè poi si sta rivelando il suo contesto naturale). 

bioscalin-_thumb_714778.png

barbara-palombelli-amadeus-venezi-2.jpg

Per non parlare della gestione della sua immagine politica. Qui non si parla di avere un orientamento o essere sostenuti da... Venezi è figlia di un dirigente di Forza Nuova (non esattamente destra liberale), e non è certo colpa sua, ma se porti un nome così divisivo devi avere certe accortezze nel muoverti mediaticamente; lei invece ha rilasciato un giorno sì e uno no dichiarazioni in cui si diceva "orgogliosa dell'ideologia dio, patria e famiglia", "chiamatemi direttore non direttrice" ecc., è salita sul palco di una manifestazione di partito e, due secondi dopo, ha accettato di dirigere il concerto al Senato. E' ovvio che se ti esponi così ti massacrano.

bea2.jpg

beatrice-venezi-lucca-1173x768.jpg

Ecco queste immagini parlano da sole, e vi sfido a trovare esempi del genere. La destra ha pensato semplicemente di strumentalizzare un personaggio che si era già creato, immaginando che questa nuova idea di "cultura" potesse portare un ritorno d'immagine. Anche perchè probabilmente, aggiungo io, i professionisti di destra con carriera alle spalle non si sarebbero certo esposti (diciamo pure sputtanati) in maniera così ingenua. Tra l'altro, io non vedo ancora sti gran vantaggi di Venezi a livello di carriera reale, non mi risulta abbia incarichi in teatri importanti, mentre Scappucci ha già diretto alla Scala, mi pare che sia tutta una quesitone di visibilità nei media popolari.

Link to comment
Share on other sites

22 minuti fa, Majaniello dice:

 

Ecco mi ha preceduto Ives. Io penso che qui dentro siamo abbastanza smaliziati da sapere tutti che la politica ha sempre condizionato gli ambienti della cultura, ma il fenomeno Venezi è assolutamente inedito, per scelta di Venezi!

A me diverte molto la gestione goffa e scomposta che fa Venezi della sua immagine, penso anche che questa ragazza, che abbia o no talento, sia mal consigliata dal suo agente, e probabilmente questo la porterà a bruciarsi in ogni caso. Il fatto che sia una giovane donna poteva essere un elemento mediatico favorevole ("finalmente le donne italiane sul podio"), Venezi ha scelto di offrire la sua immagine "femminile" a pubblicità televisive anche abbastanza cringe (come dicono i giovani) in cui fa finta di dirigere e parla di prodotti di bellezza per la persona. Il fatto che sia aperta a contaminazioni pop poteva essere un elemento di apertura culturale che poteva renderla simpatica (anche rispetto a gente snob tipo Pollini che andava in televisione a dire "pop = schifo"), Venezi ha scelto di fare la "giurata" a Sanremo giovani, a fianco di Morgan e Pelù, esponendosi in un contesto teoricamente non suo (dico teoricamente perchè poi si sta rivelando il suo contesto naturale). 

bioscalin-_thumb_714778.png

barbara-palombelli-amadeus-venezi-2.jpg

Per non parlare della gestione della sua immagine politica. Qui non si parla di avere un orientamento o essere sostenuti da... Venezi è figlia di un dirigente di Forza Nuova (non esattamente destra liberale), e non è certo colpa sua, ma se porti un nome così divisivo devi avere certe accortezze nel muoverti mediaticamente; lei invece ha rilasciato un giorno sì e uno no dichiarazioni in cui si diceva "orgogliosa dell'ideologia dio, patria e famiglia", "chiamatemi direttore non direttrice" ecc., è salita sul palco di una manifestazione di partito e, due secondi dopo, ha accettato di dirigere il concerto al Senato. E' ovvio che se ti esponi così ti massacrano.

bea2.jpg

beatrice-venezi-lucca-1173x768.jpg

Ecco queste immagini parlano da sole, e vi sfido a trovare esempi del genere. La destra ha pensato semplicemente di strumentalizzare un personaggio che si era già creato, immaginando che questa nuova idea di "cultura" potesse portare un ritorno d'immagine. Anche perchè probabilmente, aggiungo io, i professionisti di destra con carriera alle spalle non si sarebbero certo esposti (diciamo pure sputtanati) in maniera così ingenua. Tra l'altro, io non vedo ancora sti gran vantaggi di Venezi a livello di carriera reale, non mi risulta abbia incarichi in teatri importanti, mentre Scappucci ha già diretto alla Scala, mi pare che sia tutta una quesitone di visibilità nei media popolari.

Concordo praticamente su ogni parola, Maja. 

A me pare un personaggio naif, dotato oltretutto di un profilo culturale tutto sommato discutibile - non parlo di orientamento, ma proprio di qualità - che ha dato prova di cadere nel ridicolo, o addirittura nell'involontaria autoparodia. 

Non dimentichiamoci che il livello è questo:

...ora, è chiaro che si tratta di una cosa divulgativa, ma sfilza così grande di panzane - e di luoghi comuni, se va bene - parla da sé... 

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, glenngould dice:

Ha diretto The Planets?? 

(ora, per colpa tua, sarò costretto ad ascoltarla).

 

EDIT: ho ascoltato metà di "Marte", ma ho chiuso per mancanza di tempo.

Tra le altre cose, leggevo anche di commenti positivi di altri orchestrali che, riconoscendo limiti tecnici importanti, le consigliavano di lavorare sulla tecnica. E questo credo che sia un tipo di critica che la Venezi, se ha la giusta dose di umiltà, potrebbe tenere a mente per migliorarsi (professionalmente e umanamente). Come diceva Madiel, la mediocrità è generale e non è fenomeno attuale, ma storico; a questo si aggiunge il fatto che la persona in questione sia stata presentata "come fosse Bernstein" (detto da altri orchestrali) il che, a mio parere, ha contribuito in peggio al giudizio già di per sé negativo.

Quando ho letto di questa signorina in forum mi sono incuriosito e, prima di giudicare nel mio piccolo, mi sono chiesto cosa ascoltare. La solita "roba" di repertorio (Beethoven, Mozart) ? No, considerato che è ambiziosa proviamo con un pezzo tosto. Scappato a gambe levate :cat_lol:

1 ora fa, Majaniello dice:

Ecco mi ha preceduto Ives. Io penso che qui dentro siamo abbastanza smaliziati da sapere tutti che la politica ha sempre condizionato gli ambienti della cultura, ma il fenomeno Venezi è assolutamente inedito, per scelta di Venezi!

A me diverte molto la gestione goffa e scomposta che fa Venezi della sua immagine, penso anche che questa ragazza, che abbia o no talento, sia mal consigliata dal suo agente, e probabilmente questo la porterà a bruciarsi in ogni caso. Il fatto che sia una giovane donna poteva essere un elemento mediatico favorevole ("finalmente le donne italiane sul podio"), Venezi ha scelto di offrire la sua immagine "femminile" a pubblicità televisive anche abbastanza cringe (come dicono i giovani) in cui fa finta di dirigere e parla di prodotti di bellezza per la persona. Il fatto che sia aperta a contaminazioni pop poteva essere un elemento di apertura culturale che poteva renderla simpatica (anche rispetto a gente snob tipo Pollini che andava in televisione a dire "pop = schifo"), Venezi ha scelto di fare la "giurata" a Sanremo giovani, a fianco di Morgan e Pelù, esponendosi in un contesto teoricamente non suo (dico teoricamente perchè poi si sta rivelando il suo contesto naturale). 

Per non parlare della gestione della sua immagine politica. Qui non si parla di avere un orientamento o essere sostenuti da... Venezi è figlia di un dirigente di Forza Nuova (non esattamente destra liberale), e non è certo colpa sua, ma se porti un nome così divisivo devi avere certe accortezze nel muoverti mediaticamente; lei invece ha rilasciato un giorno sì e uno no dichiarazioni in cui si diceva "orgogliosa dell'ideologia dio, patria e famiglia", "chiamatemi direttore non direttrice" ecc., è salita sul palco di una manifestazione di partito e, due secondi dopo, ha accettato di dirigere il concerto al Senato. E' ovvio che se ti esponi così ti massacrano.

Ecco queste immagini parlano da sole, e vi sfido a trovare esempi del genere. La destra ha pensato semplicemente di strumentalizzare un personaggio che si era già creato, immaginando che questa nuova idea di "cultura" potesse portare un ritorno d'immagine. Anche perchè probabilmente, aggiungo io, i professionisti di destra con carriera alle spalle non si sarebbero certo esposti (diciamo pure sputtanati) in maniera così ingenua. Tra l'altro, io non vedo ancora sti gran vantaggi di Venezi a livello di carriera reale, non mi risulta abbia incarichi in teatri importanti, mentre Scappucci ha già diretto alla Scala, mi pare che sia tutta una quesitone di visibilità nei media popolari.

Non fare il pesantone per evidenti tue antipatie politiche: basterebbe vedere in qualsiasi conservatorio italiano come va l'andazzo, e poi ne riparliamo. D'Avalos ne parlava trent'anni  e rotti fa, tanto per fare un nome illustre, e fu sbertucciato per decenni come uno scemo farneticante. Nessuno ha mai alzato un dito per aiutarlo nella sua battaglia, almeno a livello istituzionale. Oppure si potrebbe commentare del solito "figlio di" sistemato nei posti giusti. Non è che farlo di nascosto o con riserbo migliori la posizione dei furbetti. La Venezi forse lo fa più apertamente di altri, e questo dà fastidio. Va giudicata per quello che fa e non per quello che dice o per come appare. Per disintegrare qualsiasi grande direttore, per esempio Abbado o Muti, basterebbe rileggere le loro interviste nel corso degli anni per scovare perle di genericità agghiacciante. Io non li giudicherei per i video di presentazioni con il ministro di turno o dalle interviste in cui sparlano degli elettori del campo avverso, sui caciocavalli o sui massimi sistemi che neanche conoscono.  La Venezi è una mediocre direttrice ? Sono d'accordo, ma se la si giudica come professionista bisogna portare critiche inattaccabili e non andare sui giornali a fare "sparate", o parlare delle sue simpatie politiche (tutto da dimostrare, fino a prova contraria, se l'hanno effettivamente favorita). Il metodo è proprio sbagliato. Per questo affermo che se denuncia qualcuno, potrebbe anche vincere la causa in via del tutto ipotetica.

E dopo questo mi taccio :cat_lol:

Link to comment
Share on other sites

8 minuti fa, Madiel dice:

Quando ho letto di questa signorina in forum mi sono incuriosito e, prima di giudicare nel mio piccolo, mi sono chiesto cosa ascoltare. La solita "roba" di repertorio (Beethoven, Mozart) ? No, considerato che è ambiziosa proviamo con un pezzo tosto. Scappato a gambe levate :cat_lol:

C'è anche la Turandot di Busoni...

Link to comment
Share on other sites

13 minuti fa, Ives dice:

C'è anche la Turandot di Busoni...

Questo video l'avevo incrociato, ma non ricordo di averlo ascoltato. Ci proverò... :girl_wacko:

Comunque, tengo a precisare, nel caso non sia stato chiaro, che non sto difendendo a priori la signorina in questione. Mi permetto solo di sottolineare che, al di là del folklore che la riguarda (politica, interviste e "beauty"), bisogna essere oggettivi nelle critiche. A me poco importa che venga presa in giro da una comica in tv o abbia detto castronerie in pubblico, non la valuto per queste sciocchezze. 

Link to comment
Share on other sites

26 minuti fa, Madiel dice:

Non fare il pesantone per evidenti tue antipatie politiche: basterebbe vedere in qualsiasi conservatorio italiano chi è figlio di, e poi ne riparliamo. D'Avalos ne parlava trent'anni  e rotti fa, tanto per fare un nome illustre, e fu sbertucciato per decenni come uno scemo farneticante. Nessuno ha mai alzato un dito per aiutarlo nella sua battaglia, almeno a livello istituzionale. Oppure si potrebbe commentare del solito "figlio di" sistemato nei posti giusti.

Madiel, anni fa la situazione era molto differente. Era molto più semplice accedere all'insegnamento nei conservatori (ma parlo di qualsiasi istituzione scolastica) a prescindere se qualcuno fosse "figlio di ...". C'erano molti più posti, i titoli richiesti erano praticamente nulli (conosco docenti neanche troppo anziani che hanno cominciato a insegnare ancor prima del diploma, se non dopo il compimento inferiore) e inoltre non era richiesta nessun tipo di preparazione più ampiamente musicale, o perlomeno, riguardante qualche ridimento di didattica. Fortunamente oggi la situazione è cambiata sotto questo profilo, anche se sono subentrati altri problemi - non meno gravi - su cui non sto a dilungarmi. Ovviamente questo è un discorso che non riguarda la qualità dei docenti, ma solo la selezione di questi.

Lo dico senza provocazione alcuna: io non sono contrario alle raccomandazioni, se il raccomandante ci mette la faccia e garantisce per il raccomandato. Lo trovo un metodo molto più onesto e meno dispendioso rispetto ai concorsi farlocchi con cui si ha a che fare oggidì, in cui è possibile, a cuor leggero, mandare avanti di tutto.

Link to comment
Share on other sites

Adesso, Snorlax dice:

Madiel, anni fa la situazione era molto differente. Era molto più semplice accedere all'insegnamento nei conservatori (ma parlo di qualsiasi istituzione scolastica) a prescindere se qualcuno fosse "figlio di ...". C'erano molti più posti, i titoli richiesti erano praticamente nulli (conosco docenti neanche troppo anziani che hanno cominciato a insegnare ancor prima del diploma, se non dopo il compimento inferiore) e inoltre non era rischiesta nessun tipo di preparazione più ampiamente musicale, o perlomeno, riguardante qualche ridimento di didattica. Fortunamente oggi la situazione è cambiata sotto questo profilo, anche se sono subentrati altri problemi - non meno gravi - su cui non sto a dilungarmi. Ovviamente questo è un discorso che non riguarda la qualità dei docenti, ma solo la selezione di questi.

Su questo non sono d'accordo in linea di massima, ma evito ulteriori commenti perché dovrei entrare in questioni troppo spinose da trattare in pubblico. Non sono neanche nella posizione per farlo. Anzi, in quanto moderatore non avrei neanche dovuto intervenire in questa polemica. 

Adesso, Snorlax dice:

Lo dico senza provocazione alcuna: io non sono contrario alle raccomandazioni, se il raccomandante ci mette la faccia e garantisce per il raccomandato. Lo trovo un metodo molto più onesto e meno dispendioso rispetto ai concorsi farlocchi con cui si ha a che fare oggidì, in cui è possibile, a cuor leggero, mandare avanti di tutto.

Su questo sono perfettamente d'accordo, però allora bisogna aprire il tappo e far uscire completamente la melma! Bisogna essere equi con tutti i furbastri.

Link to comment
Share on other sites

48 minuti fa, Madiel dice:

Non fare il pesantone per evidenti tue antipatie politiche:

Non vedevi l'ora di dirla eh :D che poi si potrebbe dirlo di ognuno di noi quel che hai detto, tanto ci conosciamo tutti. Comunque, ti ricordo che sono stato mutiano convinto, e Abbado non è mai stato il mio direttore preferito, quindi...

 

48 minuti fa, Madiel dice:

Non è che farlo di nascosto o con riserbo migliori la posizione dei furbetti. La Venezi forse lo fa più apertamente di altri, e questo dà fastidio.

Si diceva "attaccano Venezi perché di destra"... No attaccano Venezi perché fa pagliacciate e si espone così ad attacchi. Veronesi è passato con scioltezza da Pd ad Azione a FdI, nessuno gli ha mai rotto le balle, poi ha fatto la scenata di dirigere bendato e se n'è parlato.  

Hai citato Abbado e Muti, si è sempre saputo che uno veniva dai salotti buoni della sinistra e che l'altro era vicino agli ambienti conservatori di area cattolica, ma i due hanno sempre dribblato le domande in merito per evitare di alimentare polemiche e divisioni. 

Meglio Venezi che si espone? Magari sì, però si deve anche fare carico delle conseguenze, non può lagnarsi che tutti ce l'hanno con lei,è lei che si mette continuamente nella posizione di farsi giudicare per questioni di costume e non di qualità artistica. Se la smettesse la giudicheremmo per quello che fa sul podio. 

Link to comment
Share on other sites

13 minuti fa, Madiel dice:

Su questo non sono d'accordo in linea di massima, ma evito ulteriori commenti perché dovrei entrare in questioni troppo spinose da trattare in pubblico. Non sono neanche nella posizione per farlo. Anzi, in quanto moderatore non avrei neanche dovuto intervenire in questa polemica. 

Beh, non è una questione di essere o non essere d'accordo, poiché è un dato di fatto. I titoli e le specializzazioni richiesti al giorno d'oggi rispetto a quelli richiesti qualche anno fa non sono nemmeno lontanamente paragonabili. Ripeto: sto solo parlando di criteri d'accesso e non di bravura/competenza dell'aspirante docente. Nessuna polemica eh. 

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy