Vai al contenuto

Notizie dal mondo della musica classica


kraus
 Condividi

Recommended Posts

1 ora fa, Majaniello dice:

Io mi rivedo proprio in Sgarbi 😆

Fammi postare una cosa e poi la pianto, giuro: la versione "melodramma metastasiano" dell'epico scontro, una chicca per gli amanti dell'opera settecentesca:

https://fb.watch/cYLmNZPvgW/

abbiate pazienza se non è yt, è l'unico link che ho trovato. 

Sgarbi controtenore è un lampo di genio.

😄

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Risposte 1,4k
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

2 ore fa, Majaniello dice:

Io mi rivedo proprio in Sgarbi 😆

Fammi postare una cosa e poi la pianto, giuro: la versione "melodramma metastasiano" dell'epico scontro, una chicca per gli amanti dell'opera settecentesca:

https://fb.watch/cYLmNZPvgW/

abbiate pazienza se non è yt, è l'unico link che ho trovato. 

no, vabbe'.

Sto morendo.

:rofl:

Link al commento
Condividi su altri siti

8 ore fa, Majaniello dice:

Io mi rivedo proprio in Sgarbi 😆

Fammi postare una cosa e poi la pianto, giuro: la versione "melodramma metastasiano" dell'epico scontro, una chicca per gli amanti dell'opera settecentesca:

https://fb.watch/cYLmNZPvgW/

abbiate pazienza se non è yt, è l'unico link che ho trovato. 

:rofl::rofl::rofl::rofl:

Link al commento
Condividi su altri siti

8 ore fa, Majaniello dice:

Io mi rivedo proprio in Sgarbi 😆

Fammi postare una cosa e poi la pianto, giuro: la versione "melodramma metastasiano" dell'epico scontro, una chicca per gli amanti dell'opera settecentesca:

https://fb.watch/cYLmNZPvgW/

abbiate pazienza se non è yt, è l'unico link che ho trovato. 

Fantastico :lol::lol: !

Link al commento
Condividi su altri siti

On 19/5/2022 at 01:21, Madiel dice:

come se a Putin gli fregasse qualcosa.

Io temo che tutto questo ostracismo ci si ritorcerà contro in maniera orribile. Non mi stupirei, ad esempio, se nascessero in Europa gruppi terroristici russi intestini con finalità anti-occidentali.

Link al commento
Condividi su altri siti

7 ore fa, Keikobad dice:

come se a Putin gli fregasse qualcosa.

Io temo che tutto questo ostracismo ci si ritorcerà contro in maniera orribile. Non mi stupirei, ad esempio, se nascessero in Europa gruppi terroristici russi intestini con finalità anti-occidentali.

Non credo si finirà così. Resta comunque una follia, suscitano odio in materie che dovrebbero unire invece di dividere e, cosa più vergognosa, le usano al servizio dell'utilità corrente. Oggi tocca ai russi, domani a chiunque altro solo perché qualcuno ha bisogno di creare un nemico. 

Link al commento
Condividi su altri siti

48 minuti fa, hurdy-gurdy dice:

Estrapolo questa, perchè è grandiosa:

Per quanto riguarda le spese del "panettiere, del supermercato, del pescivendolo", spiega Pereira, "possono essere oggetto di critiche perché male interpretate". Ma "non è un segreto per nessuno - rivela - che io ami cucinare e ospitare a casa mia, e di tanto in tanto mi metto ai fornelli per spirito conviviale e cioè vale a dire con lo stesso spirito di contribuire sempre di più al rilancio del Maggio per ospitare finanziatori e artisti. Saltuariamente e con gioia e piacere, succede che io prepari per loro piatti con i prodotti presi alla bottega vicino casa, alla pescheria o dal macellaio".

Link al commento
Condividi su altri siti

7 ore fa, Majaniello dice:

Estrapolo questa, perchè è grandiosa:

Per quanto riguarda le spese del "panettiere, del supermercato, del pescivendolo", spiega Pereira, "possono essere oggetto di critiche perché male interpretate". Ma "non è un segreto per nessuno - rivela - che io ami cucinare e ospitare a casa mia, e di tanto in tanto mi metto ai fornelli per spirito conviviale e cioè vale a dire con lo stesso spirito di contribuire sempre di più al rilancio del Maggio per ospitare finanziatori e artisti. Saltuariamente e con gioia e piacere, succede che io prepari per loro piatti con i prodotti presi alla bottega vicino casa, alla pescheria o dal macellaio".

Presa così fa ridere e forse anche indignare, sembrerebbe la solita manifestazione di satrapismo del potente di turno. Io non mi indigno e anzi osservo che, davanti alle immediate giustificazioni di Pereira, questo è un caso in cui la presunzione di innocenza è d'obbligo.

Temo che si tratti del non nuovo paradosso generato dall'incomunicabilità fra il buon senso e l'applicazione occhiuta delle regole sulla contabilità pubblica. Provate a convincere il responsabile della ragioneria o il cosiddetto funzionario pagatore di un'amministrazione pubblica o simile che è meglio, sul piano del risparmio per l'ente, della riuscita di una manifestazione pubblica, della fecondità delle relazioni istituzionali, dell'immagine dell'ente, ospitare a casa vostra, comoda e accogliente, un funzionario in trasferta, il relatore a un convegno, un consulente, persona di cui siete amici o buoni conoscenti, piuttosto che alloggiarlo in un costoso albergo pluristellato consono al rango dell'ospite ma anonimo e tutt'altro che caloroso. Anziché rimborsarvi qualche orata cucinata secondo la sfiziosa ricetta della nonna, graditissima all'ospite, e una buona bottiglia di vino, il solerte ragioniere vi dirà che le regole della contabilità impongono il quattro stelle con suite imperiale a un prezzo scandaloso e che no, le orate e il vermentino non sono rimborsabili.

Nel caso di Pereira, per giunta, la componente "accoglienza calorosa e simpatica" avrebbe costituito la benzina per far lievitare non i costi gravanti sulla sua carta di credito bensì gli ingenti contributi degli sponsor e dei sostenitori privati al MMF. Mi pare infatti di capire che fra le spese in discussione e l'incremento esponenziale, in pochi anni, dei contributi privati ci sia qualche zero di differenza. Forse si ignora che nell'ambito del fundraising l'opera di sensibilizzazione personale e il contatto umano svolgono un ruolo fondamentale.

Poi, forse, risulterà che la mia è una pretestuosa difesa d'ufficio, ma le giustificazioni di Pereira mi paiono tutt'altro che pretestuose.

Link al commento
Condividi su altri siti

45 minuti fa, giobar dice:

Presa così fa ridere e forse anche indignare, sembrerebbe la solita manifestazione di satrapismo del potente di turno. Io non mi indigno e anzi osservo che, davanti alle immediate giustificazioni di Pereira, questo è un caso in cui la presunzione di innocenza è d'obbligo.

Temo che si tratti del non nuovo paradosso generato dall'incomunicabilità fra il buon senso e l'applicazione occhiuta delle regole sulla contabilità pubblica. Provate a convincere il responsabile della ragioneria o il cosiddetto funzionario pagatore di un'amministrazione pubblica o simile che è meglio, sul piano del risparmio per l'ente, della riuscita di una manifestazione pubblica, della fecondità delle relazioni istituzionali, dell'immagine dell'ente, ospitare a casa vostra, comoda e accogliente, un funzionario in trasferta, il relatore a un convegno, un consulente, persona di cui siete amici o buoni conoscenti, piuttosto che alloggiarlo in un costoso albergo pluristellato consono al rango dell'ospite ma anonimo e tutt'altro che caloroso. Anziché rimborsarvi qualche orata cucinata secondo la sfiziosa ricetta della nonna, graditissima all'ospite, e una buona bottiglia di vino, il solerte ragioniere vi dirà che le regole della contabilità impongono il quattro stelle con suite imperiale a un prezzo scandaloso e che no, le orate e il vermentino non sono rimborsabili.

Nel caso di Pereira, per giunta, la componente "accoglienza calorosa e simpatica" avrebbe costituito la benzina per far lievitare non i costi gravanti sulla sua carta di credito bensì gli ingenti contributi degli sponsor e dei sostenitori privati al MMF. Mi pare infatti di capire che fra le spese in discussione e l'incremento esponenziale, in pochi anni, dei contributi privati ci sia qualche zero di differenza. Forse si ignora che nell'ambito del fundraising l'opera di sensibilizzazione personale e il contatto umano svolgono un ruolo fondamentale.

Poi, forse, risulterà che la mia è una pretestuosa difesa d'ufficio, ma le giustificazioni di Pereira mi paiono tutt'altro che pretestuose.

Insomma tu dici: meglio farsi rimborsare il pesce a casa che non il ristorante. Detta così lo dobbiamo ringraziare :D 

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 2 weeks later...
9 ore fa, giobar dice:

Prima del concerto non fanno una richiesta di spegnere gli aggeggi rivolta ai rinc... ehm, distratti? Nel qual caso un cecchino sarebbe autorizzato a risolvere lo sgradevole episodio.

Chailly è stato un signore. Fin troppo.

Link al commento
Condividi su altri siti

12 ore fa, giobar dice:

La cosa divertente è che a volte vedi i malcapitati che cercano disperati di spegnere il cellulare o di staccare la chiamata in tutti i modi senza riuscirci :D

Link al commento
Condividi su altri siti

On 25/5/2022 at 20:24, giobar dice:

Presa così fa ridere e forse anche indignare, sembrerebbe la solita manifestazione di satrapismo del potente di turno. Io non mi indigno e anzi osservo che, davanti alle immediate giustificazioni di Pereira, questo è un caso in cui la presunzione di innocenza è d'obbligo.

Temo che si tratti del non nuovo paradosso generato dall'incomunicabilità fra il buon senso e l'applicazione occhiuta delle regole sulla contabilità pubblica. Provate a convincere il responsabile della ragioneria o il cosiddetto funzionario pagatore di un'amministrazione pubblica o simile che è meglio, sul piano del risparmio per l'ente, della riuscita di una manifestazione pubblica, della fecondità delle relazioni istituzionali, dell'immagine dell'ente, ospitare a casa vostra, comoda e accogliente, un funzionario in trasferta, il relatore a un convegno, un consulente, persona di cui siete amici o buoni conoscenti, piuttosto che alloggiarlo in un costoso albergo pluristellato consono al rango dell'ospite ma anonimo e tutt'altro che caloroso. Anziché rimborsarvi qualche orata cucinata secondo la sfiziosa ricetta della nonna, graditissima all'ospite, e una buona bottiglia di vino, il solerte ragioniere vi dirà che le regole della contabilità impongono il quattro stelle con suite imperiale a un prezzo scandaloso e che no, le orate e il vermentino non sono rimborsabili.

Nel caso di Pereira, per giunta, la componente "accoglienza calorosa e simpatica" avrebbe costituito la benzina per far lievitare non i costi gravanti sulla sua carta di credito bensì gli ingenti contributi degli sponsor e dei sostenitori privati al MMF. Mi pare infatti di capire che fra le spese in discussione e l'incremento esponenziale, in pochi anni, dei contributi privati ci sia qualche zero di differenza. Forse si ignora che nell'ambito del fundraising l'opera di sensibilizzazione personale e il contatto umano svolgono un ruolo fondamentale.

Poi, forse, risulterà che la mia è una pretestuosa difesa d'ufficio, ma le giustificazioni di Pereira mi paiono tutt'altro che pretestuose.

concordo su tutto.

Purtroppo in Italia abbiamo la tendenza all'indignazione facile, soprattutto quando si parla di soldi pubblici spesi in tale o talaltro modo. Intanto mentre si guarda il dito la Luna è già esplosa sotto i nostri occhi. 

Link al commento
Condividi su altri siti

In una sola volta, il Concertgebouw di Amsterdam ha assunto due decisioni sorprendenti. Sebbene sia privo di un direttore stabile da circa quattro anni (dal controverso licenziamento in tronco di Daniele Gatti nell'estate 2018), ha scelto di restare in questa situazione addirittura per altri cinque anni. Solo nel 2027, infatti, assumerà l'incarico di direttore stabile il giovane finlandese Klaus Mäkelä, oggi nominato ufficialmente. Fino al 2027 Mäkelä svolgerà le sole funzioni di "partner artistico", assicurando un certo numero di concerti all'anno.

Il Concertebouw è una di quelle compagini superorganizzate e blindate, capaci spesso di esibirsi anche senza direttore; tuttavia appare davvero strana la decisione di restare senza una guida stabile per ben nove anni. D'altra parte, se anche si comprende l'esigenza di far giungere il neodirettore annunciato, oggi appena 26enne, ad assumere l'incarico stabile dopo aver maturato una certa esperienza, anche alla guida della stessa orchestra, il rodaggio previsto è lunghissimo e forse si corre il rischio di trovarsi, fra cinque anni, con un musicista diverso da quello attuale. Lo stesso Mäkelä, in recenti interviste, ha confessato che, anche per ragioni anagrafiche, ha ancora grosse lacune nel repertorio sinfonico e che, al momento, soffre alcune importanti idiosincrasie che spera di superare col tempo. Quella su di lui sembra dunque una rilevante scommessa. Staremo a vedere. 

Link al commento
Condividi su altri siti

13 minuti fa, Majaniello dice:

Che poi non ho capito perché le dovrebbe superare.. 

Beh ragionava da professionista a cui cominciano a chiedere un po' di tutto e che non si trova ancora nella posizione di poter imporre il proprio repertorio di elezione. E poi è frequente che nell'arco della carriera si facciano scoperte, ripensamenti e simili. Leggevo giorni fa il divertente racconto che Sesto Quatrini, cresciuto come direttore eminentemente sinfonico e con un po' di puzza sotto il naso rispetto al melodramma, faceva del colpo di fulmine che ebbe per il belcanto grazie all'incontro con Fabio Luisi.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 2 weeks later...
2 ore fa, Majaniello dice:

Per conto mio, se vogliono far certe cose allora possono anche commissionare nuove Opere. Non sarebbe neanche male come idea, tanto per allargare un po' e rinnovare il repertorio (nonché, dare un po' d'occasioni a qualche compositore vivente e contemporaneo).

Peraltro vorrei dire che, soprattutto se li vediamo nella loro epoca, molto spesso i grandi compositori erano assai più avanti di quanto questi "geni" che li vogliono "correggere" li farebbero... ma adesso mi interrompo, non voglio dilungarmi troppo su sentieri potenzialmente infuocati :o :o .

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy