Jump to content

Notizie dal mondo della musica classica


kraus

Recommended Posts

14 minuti fa, Majaniello dice:

 

"Abbiamo alla Scala 'La dama di picche' diretta dal maestro Valery Gergiev che ha più volte dichiarato la sua vicinanza a Putin, con il sovrintendente del teatro gli stiamo chiedendo di prendere una posizione precisa contro questa invasione e se non lo facesse saremmo costretti a rinunciare alla collaborazione". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala.

https://www.huffingtonpost.it/esteri/2022/02/24/news/scala_gergiev_ucraina-8833259/?ref=HHLF-BH-I8832776-P1-S3-T1

Non capisco... Gergiev era amico di Putin anche il mese scorso, perchè lo hanno chiamato... allora andava bene solo perchè non c'era la guerra? A prescindere dal fatto che, per me, bisognerebbe giudicare un interprete sul piano artistico.

Beh, Gergiev però si è esposto parecchio nel sostegno esplicito a Putin, di cui è abituale frequentatore. Così come il suo amico pianista Denis Matsuev, che si fa ritrarre persino mentre nuota insieme a Putin. Non si tratta perciò di una semplice manifestazione di vicinanza politica, che ogni artista è libero di fare. Un mese fa la situazione era diversa da oggi 24 febbraio 2022.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 1.9k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

32 minuti fa, giobar dice:

Beh, Gergiev però si è esposto parecchio nel sostegno esplicito a Putin, di cui è abituale frequentatore. Così come il suo amico pianista Denis Matsuev, che si fa ritrarre persino mentre nuota insieme a Putin. Non si tratta perciò di una semplice manifestazione di vicinanza politica, che ogni artista è libero di fare. Un mese fa la situazione era diversa da oggi 24 febbraio 2022.

Quel che voglio dire è che si sa da sempre che Putin è un dittatore (almeno di fatto), come si conosce da sempre la simpatia di Gergiev per questi... Se lo si voleva escludere per quella vicinanza non lo si doveva proprio chiamare. Non è che essere amici di Stalin o di Hitler prima della guerra fosse meno grave che durante. Si è giocato troppo d'equivoci con Putin, ora che è impossibile non rilevare la sua spregiudicatezza, non schierarsi parrebbe imbarazzante, e quindi Gergiev è diventato improvvisamente inopportuno.. almeno, io me la sono spiegata così. 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Majaniello dice:

Quel che voglio dire è che si sa da sempre che Putin è un dittatore (almeno di fatto), come si conosce da sempre la simpatia di Gergiev per questi... Se lo si voleva escludere per quella vicinanza non lo si doveva proprio chiamare. Non è che essere amici di Stalin o di Hitler prima della guerra fosse meno grave che durante. Si è giocato troppo d'equivoci con Putin, ora che è impossibile non rilevare la sua spregiudicatezza, non schierarsi parrebbe imbarazzante, e quindi Gergiev è diventato improvvisamente inopportuno.. almeno, io me la sono spiegata così. 

Non andrei troppo avanti nelle valutazioni di natura politica per evitare di infrangere le regole del forum. Penso che basti la mera cronaca dei fatti, comunque rilevante sul piano delle notizie circa il mondo della musica... ;)

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, Majaniello dice:

 

"Abbiamo alla Scala 'La dama di picche' diretta dal maestro Valery Gergiev che ha più volte dichiarato la sua vicinanza a Putin, con il sovrintendente del teatro gli stiamo chiedendo di prendere una posizione precisa contro questa invasione e se non lo facesse saremmo costretti a rinunciare alla collaborazione". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala.

https://www.huffingtonpost.it/esteri/2022/02/24/news/scala_gergiev_ucraina-8833259/?ref=HHLF-BH-I8832776-P1-S3-T1

Non capisco... Gergiev era amico di Putin anche il mese scorso, perchè lo hanno chiamato... allora andava bene solo perchè non c'era la guerra? A prescindere dal fatto che, per me, bisognerebbe giudicare un interprete sul piano artistico.

Parlerei di ipocrisia. Non aggiungo altro.

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, giobar dice:

Non andrei troppo avanti nelle valutazioni di natura politica per evitare di infrangere le regole del forum. Penso che basti la mera cronaca dei fatti, comunque rilevante sul piano delle notizie circa il mondo della musica... ;)

Hai ragione, non voleva essere un discorso politico (anche se mi pare che l'intero Occidente oggi condivida un solo punto di vista), quanto di opportunità, o dovrei dire di metodo. Wittel ha appena sintetizzato ciò che io ho spiegato con troppe parole. 

Detto ciò, la stagione della Scala mi pare particolarmente reazionaria e senza sorprese, e non per colpa di Gergiev. Non capisco proprio questa linea di Chailly. 

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, Majaniello dice:

 

"Abbiamo alla Scala 'La dama di picche' diretta dal maestro Valery Gergiev che ha più volte dichiarato la sua vicinanza a Putin, con il sovrintendente del teatro gli stiamo chiedendo di prendere una posizione precisa contro questa invasione e se non lo facesse saremmo costretti a rinunciare alla collaborazione". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala.

https://www.huffingtonpost.it/esteri/2022/02/24/news/scala_gergiev_ucraina-8833259/?ref=HHLF-BH-I8832776-P1-S3-T1

Non capisco... Gergiev era amico di Putin anche il mese scorso, perchè lo hanno chiamato... allora andava bene solo perchè non c'era la guerra? A prescindere dal fatto che, per me, bisognerebbe giudicare un interprete sul piano artistico.

Mi fa piacere sentirtelo dire, non posso che essere d'accordo.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Majaniello dice:

Detto ciò, la stagione della Scala mi pare particolarmente reazionaria e senza sorprese, e non per colpa di Gergiev. Non capisco proprio questa linea di Chailly. 

Ammetto di non aver neanche visto il cartellone...

Link to comment
Share on other sites

7 ore fa, superburp dice:

Mi fa piacere sentirtelo dire, non posso che essere d'accordo.

Da come scrivi sembra che io abbia avuto un ravvedimento :D in realtà l'ho sempre pensata così, da quando un po' di anni fa mi si contestava la presunta incoerenza nel disprezzare Furtone e nell'amare lo Strauss direttore. Se dovessimo guardare frequentazioni e tessere di partito non dovremmo ascoltare più nessuno.

6 ore fa, Wittelsbach dice:

Ammetto di non aver neanche visto il cartellone...

A memoria: Macbeth, Rigoletto, Don Giovanni con Casado, Matrimonio segreto con Dantone, Capuleti con Scappucci, e tanto tardoromanticismo che manco il Met ai tempi della Tebaldi (Gioconda, Adriana, Thais, Fedora, Ballo e La dama di picche di Gergiev). C'è pure un'Arianna di Stauss e in coda The tempest di Ades, una coproduzione internazionale che viene qui in tour. 

Link to comment
Share on other sites

Per i monacensi è una svolta, cambiare Gergiev e mettere finalmente un direttore normale dopo anche gli anni di Thielemann 😅 non lo faranno mai, ma uno per me bravo e sottovalutatissimo è Theodore Kuchar, per restare in ambito russo-ucraino. Meriterebbe una grande orchestra.

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, Ives dice:

Per i monacensi è una svolta, cambiare Gergiev e mettere finalmente un direttore normale dopo anche gli anni di Thielemann 😅 non lo faranno mai, ma uno per me bravo e sottovalutatissimo è Theodore Kuchar, per restare in ambito russo-ucraino. Meriterebbe una grande orchestra.

... e dopo gli anni di:

 

Link to comment
Share on other sites

19 ore fa, Majaniello dice:

Bella roba, da andarne fieri...

Link to comment
Share on other sites

12 minuti fa, Wittelsbach dice:

Debbo dire che la cosa mi lascia sconcertato.

Idem. Ora per avere una qualche dignità intellettuale è necessario richiedere il patentino del politicamente corretto!

12 minuti fa, Wittelsbach dice:

La Netrebko, con cui collabora da quasi trent'anni, gli ha testimoniato solidarietà.

Ha fatto benissimo, è vergognoso il linciaggio a cui lo stanno sottoponendo. Per quanto possa valere, ha anche la mia.

Link to comment
Share on other sites

49 minuti fa, Wittelsbach dice:

Preferisco non dire altro, vedo una generale velenosità sull'argomento che preferisco non alimentare. Stiamo andando verso la pazzia globale assoluta, fomentata da rete e social.

Verissimo e la cosa si evince nell'utilizzo del linguaggio, sul web e fuori.

Personalmente ho letto/sentito cose allucinanti, auguri di sofferenze e morte, terapie intensive e campi di concentramento seguiti da messaggi di pace, amore e libertà. Schizofrenia pura.

 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Wittelsbach dice:

Debbo dire che la cosa mi lascia sconcertato.

La Netrebko, con cui collabora da quasi trent'anni, gli ha testimoniato solidarietà.

Aspetta, fatemi capire. La Netrebko che ha detto "Abbasso la guerra" e "Solidarietà a Gergiev" ora è buona o cattiva? Le faranno fare l'Adriana alla Scala o no? magari optano per un atto solo :cat_lol:

6 minuti fa, glenngould dice:

Verissimo e la cosa si evince nell'utilizzo del linguaggio, sul web e fuori.

Personalmente ho letto/sentito cose allucinanti, auguri di sofferenze e morte, terapie intensive e campi di concentramento seguiti da messaggi di pace, amore e libertà. Schizofrenia pura.

Beh ma la storia è piena di buoni che sono buoni perchè odiano tantissimo i cattivi, o no? 

Link to comment
Share on other sites

12 minuti fa, Majaniello dice:

Aspetta, fatemi capire. La Netrebko che ha detto "Abbasso la guerra" e "Solidarietà a Gergiev" ora è buona o cattiva? Le faranno fare l'Adriana alla Scala o no? magari optano per un atto solo :cat_lol:

Beh ma la storia è piena di buoni che sono buoni perchè odiano tantissimo i cattivi, o no? 

Nel nostro caso odiano tantissimo non solo i cattivi, ma anche altri esseri umani come loro che hanno l'imperdonabile colpa di non pensarla alla stessa maniera

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Wittelsbach dice:

Bella roba, da andarne fieri...

Non posso che unirmi allo sdegno, neanche avesse detto lui a Putin di attaccare l'Ucraina. Ho letto anche di deliri riguardanti lo sport (vietare competizioni a tutti gli atleti russi, non solo alle rappresentative nazionali), ma qui è anche peggio dato che si colpisce una persona, che non ha commesso nessun reato, solo per le sue simpatie personali.

Sono passati più di 75 anni dalla fine della II guerra mondiale e la mentalità (purtroppo) occidentale da grande inquisitore non è passata.

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, glenngould dice:

Nel nostro caso odiano tantissimo non solo i cattivi, ma anche altri esseri umani come loro che hanno l'imperdonabile colpa di non pensarla alla stessa maniera

Era quello che ironicamente intendevo infatti. Dico che non c'è da stupirsi che si usino le stesse armi (che siano di violenza fisica o verbale) del nemico in nome di una presunta superiorità morale (che evidentemente non esiste, nel momento in cui utilizzi gli stessi mezzi). Anche i nobili ghigliottinati durante la rivoluzione francese (per fare un esempio lontano che non urta nessuno) erano dei poveracci, non si tratta mai di stare dalla parte dei buoni o dei cattivi, ma solo da una parte o dall'altra.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy