Vai al contenuto
kraus

Beethoven

Recommended Posts

5 minuti fa, glenngould dice:

Sì, io ho l'edizione di Casella delle sonate e lui stesso scrive che la pedalizzazione di quelle 14 battute è sua. Giustificandosi, scrive che il magma sonoro creato dal pedale di dominante porta all'affermazione della tonalità di Do maggiore proprio come l'aurora portaa la notte indistinta all'apparire della luce (di qui il nome della sonata)

Visione interessante. Ora è un po' che non ascolto questa Sonata, ma dovrei rifarlo tenendo a mente questa prospettiva. Comunque grazie per la precisazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, .Andrea dice:

Visione interessante. Ora è un po' che non ascolto questa Sonata, ma dovrei rifarlo tenendo a mente questa prospettiva. Comunque grazie per la precisazione.

Personalmente ho provato a suonarla così e devo ammettere che è un effetto "singolare", come tante indicazioni del Casella che rimane pur sempre compositore e, si sa, i compositori sono pericolosi nella veste di revisori 😁

Tuttavia, in alcune parti, recupera il testo originale che in altre revisioni (Czerny, Bülow) era stato stravolto. Inoltre, specifica sempre quando propone una versione alternativa segnando quella di Beethoven come principale.

Come avrai capito, pur contestualizzando Casella nel suo tempo (la filologia in musica era fantascienza), apprezzo molto il suo lavoro 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, glenngould dice:

Personalmente ho provato a suonarla così e devo ammettere che è un effetto "singolare", come tante indicazioni del Casella che rimane pur sempre compositore e, si sa, i compositori sono pericolosi nella veste di revisori 😁

Tuttavia, in alcune parti, recupera il testo originale che in altre revisioni (Czerny, Bülow) era stato stravolto. Inoltre, specifica sempre quando propone una versione alternativa segnando quella di Beethoven come principale.

Come avrai capito, pur contestualizzando Casella nel suo tempo (la filologia in musica era fantascienza), apprezzo molto il suo lavoro 

Sì le sue revisioni devono essere contestualizzate assolutamente. Quelle beethoveniane non le conosco affatto, conosco invece quelle di Chopin (Valzer) e di Bach. Quella chopiniana la comprai da piccolo senza sapere nulla su consiglio di una mia professoressa delle medie (oggi acquisterei Paderewski o Ekier) e Casella si limitava a qualche aggiunta di metronomo oppure a consigliare quale fosse lo spirito di un passaggio; non sempre era indicato però cosa fosse di Casella e cosa di Chopin e spesso dovevo consultare altre edizioni. In Bach invece lo trovo catastrofico, usare le sue edizioni oggi mi pare solo che dannoso. Capisco che studenti inesperti possano trovare difficoltà ad usare edizioni Urtext, magari senza neanche le diteggiature (per me sono quelle ideali), però almeno nei conservatori tutti gli insegnanti dovrebbero essere capaci di usare edizioni non rivedute, cosa che non accade sempre. Giustamente tu ricordi come la filologia musicale fosse ancora un miraggio e infatti io non posso screditare così il lavoro di Casella, però credo che oggi, con tutti gli studi compiuti, non si possano ancora utilizzare revisioni così vecchie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, glenngould dice:

Sì, io ho l'edizione di Casella delle sonate e lui stesso scrive che la pedalizzazione di quelle 14 battute è sua. Giustificandosi, scrive che il magma sonoro creato dal pedale di dominante porta all'affermazione della tonalità di Do maggiore proprio come l'aurora portaa la notte indistinta all'apparire della luce (di qui il nome della sonata)

Esatto..... Esso afferma proprio questo , intende affermare il Do maggiore e passare da una sonorità di "rumore" alla luce.

Ed io , grazie al vostro aiuto ho chiarito i miei dubbi, e sono passata dalla nebulosa del caos alla luce 🙃😀

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×