Vai al contenuto

L'ultimo CD acquistato (musica classica)


BaBi_YAR
 Condividi

Recommended Posts

  • Risposte 18,1k
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

  • Madiel

    2338

  • il viandante del sud

    880

  • superburp

    1088

  • Wittelsbach

    1302

Top utenti di questa discussione

44 minuti fa, superburp dice:

Perché quell'avviso in rosso a caratteri cubitali? È brutta musica :lol:?

No, per fortuna! Le vecchie produzioni Bis anni ottanta (questa è del 1984) erano caratterizzate da una ripresa sonora particolarmente "potente" che metteva a dura prova gli impianti del tempo, così segnalavano con un avviso.

Link al commento
Condividi su altri siti

9 ore fa, Madiel dice:

No, per fortuna! Le vecchie produzioni Bis anni ottanta (questa è del 1984) erano caratterizzate da una ripresa sonora particolarmente "potente" che metteva a dura prova gli impianti del tempo, così segnalavano con un avviso.

Era un po' di marketing del neonato CD. Se da una parte è vero che il range dinamico può essere superiore a quello del vinile, dall'altra tutto sta nell'uso assennato della manopola del volume, esattamente come per il vinile.

Piuttosto, molti CD BIS di quel periodo usavano la pre-enfasi e credo che questo non faccia eccezione. Al giorno d'oggi la quasi totalità dei lettori CD la riconosce e applica la de-enfasi correttamente durante la riproduzione. Diverso è il discorso se si estrae l'audio in digitale per utilizzarlo come "musica liquida", come si usa dire oggi. In questo caso la de-enfasi va applicata a posteriori altrimenti la musica suonerà troppo brillante e stridula a causa dell'enfatizzazione delle alte frequenze.

Link al commento
Condividi su altri siti

2 ore fa, hurdy-gurdy dice:

Era un po' di marketing del neonato CD. Se da una parte è vero che il range dinamico può essere superiore a quello del vinile, dall'altra tutto sta nell'uso assennato della manopola del volume, esattamente come per il vinile.

Piuttosto, molti CD BIS di quel periodo usavano la pre-enfasi e credo che questo non faccia eccezione. Al giorno d'oggi la quasi totalità dei lettori CD la riconosce e applica la de-enfasi correttamente durante la riproduzione. Diverso è il discorso se si estrae l'audio in digitale per utilizzarlo come "musica liquida", come si usa dire oggi. In questo caso la de-enfasi va applicata a posteriori altrimenti la musica suonerà troppo brillante e stridula a causa dell'enfatizzazione delle alte frequenze.

Esatto! Adesso non so quando è stato stampato il cd, non l'ho ancora ricevuto, ma è probabile che abbia una certa età. All'epoca riproducevano le copertine degli lp come se fosse la stessa cosa !

Link al commento
Condividi su altri siti

On 19/9/2021 at 21:55, satorno dice:

Grazie ! Il tempo vola..:rolleyes: ma ho continuato a leggere di tanto in tanto e ad imparare...

Ma non ce la fai a usare il tuo vecchio profilo? Hai scordato la password? Se è così posso impostartene manualmente una provvisoria, che ti comunico in privato e tu poi la cambi e te ne scegli una.

Link al commento
Condividi su altri siti

On 27/9/2021 at 14:26, Keikobad dice:

presumo che anche tu apprezzi la saggistica, quasi divulgativa, di Restagno ;) è uno degli autori che leggo più volentieri, ovviamente lo ascolto spesso in radio e sono stato anche a un paio di sue conferenze. 

Quel testo mi lascia perplesso e l'ho preso più per curiosità, anche perché di rapporti diretti tra i due compositori ce ne fu solo uno nel 1912. In seguito, si incrociarono indirettamente due volte negli Stati Uniti, senza vedersi o parlarsi. Pensa che in un caso accadde in uno studio di registrazione a Los Angeles. Erano separati solo da una parete, ma per uno scherzo del destino non si videro - o per meglio dire, fecero di tutto per non incontrarsi. Piuttosto, sarà un libro pieno di pettegolezzi sull'ambiente di Schoenberg e Stravinsky, descriverà l'altalena dei loro rapporti. Per anni si fecero una guerra silenziosa e a distanza attraverso i loro uomini, pare iniziata dall'austriaco per gelosia. Avrebbe dovuto sottotitolarlo "Storia di una inimicizia" !

Di recente ho riletto "Ricordi e Commenti" (Adelphi), al di là dell'unico episodio raccontato direttamente da Stravinsky pur con tutto il pathos del momento, noto che l'atteggiamento del russo verso Schoenberg è troppo ossequioso e un tantino ipocrita. Sembra che voglia farsi perdonare qualcosa o, almeno, farsi ricordare per la stima verso il collega (aspetto che sembra non venne mai meno anche nei momenti peggiori). Su diversi dettagli è assai reticente e si percepisce tra le righe che per molti anni ci furono dei dissidi a distanza. Per esempio, ad un certo punto dice che dopo un contatto epistolare subito dopo la prima guerra mondiale, mi pare attorno al 1919-1920, non si parlarono più, non ascoltò niente di niente di Schoenberg fino al 1937 e afferma che neppure sapeva cosa stesse facendo. Abbastanza curioso, visto e considerato che era uno dei compositori di area germanica più quotati a livello internazionale, perfino stampato da un colosso dell'editoria musicale. Il russo fece numerose tournées in Germania fino al 1938, dove la sua musica era popolare presso di addetti ai lavori, e in una occasione incontrò anche Berg.

Il secondo vero e proprio incontro avvenne a cadavere ancora caldo di Schoenberg. Il giorno dopo la notizia della morte, Stravinsky andò a casa del collega per porgere le condoglianze alla famiglia e racconta che Anna Mahler gli fece vedere la maschera mortuaria ancora fresca :mellow:

Link al commento
Condividi su altri siti

41SQX9MoBAS._SY580_.jpg

Mia moglie ha azzardato questo regalo, dicendo che se lo voglio mandare indietro non c'è problema.

Le mie perplessità riguardano sia il fatto che ho già quasi tutto (a naso il 75%), sia il fatto che sono principalmente registrazioni in studio, che sappiamo bene non essere il massimo per Furt.

Non ho trovato il dettaglio delle registrazioni purtroppo, qualcuno (un nome a caso, Snorlax? 😄) sa entrare nello specifico per dirmi se vale la pena tenerlo? La qualità dell'audio è così miracolosa?

Link al commento
Condividi su altri siti

29 minuti fa, superburp dice:

41SQX9MoBAS._SY580_.jpg

Mia moglie ha azzardato questo regalo, dicendo che se lo voglio mandare indietro non c'è problema.

Le mie perplessità riguardano sia il fatto che ho già quasi tutto (a naso il 75%), sia il fatto che sono principalmente registrazioni in studio, che sappiamo bene non essere il massimo per Furt.

Non ho trovato il dettaglio delle registrazioni purtroppo, qualcuno (un nome a caso, Snorlax? 😄) sa entrare nello specifico per dirmi se vale la pena tenerlo? La qualità dell'audio è così miracolosa?

Ehi Burpo, stavo per coricarmi ma ti rispondo molto brevemente: a me sembra l'ennesima operazione di marketing, e nemmeno troppo furba. Pubblicare sempre il solito materiale, millantando un remastering miracoloso - sappiamo benissimo che più di tanto non si può fare - mi pare l'ulteriore presa per i fondelli per i fanatici delle registrazioni storiche quali noi siamo. Ho controllato il contenuto - e al ribasso credo di avere il 98% delle registrazioni qui presenti, anche in duplice o triplice copia - e per me possono pure tenerselo. Però dai, è un bellissimo pensiero da parte di tua moglie, quindi pensaci almeno due volte prima di restituirlo!

Link al commento
Condividi su altri siti

1 ora fa, Snorlax dice:

Ehi Burpo, stavo per coricarmi ma ti rispondo molto brevemente: a me sembra l'ennesima operazione di marketing, e nemmeno troppo furba. Pubblicare sempre il solito materiale, millantando un remastering miracoloso - sappiamo benissimo che più di tanto non si può fare - mi pare l'ulteriore presa per i fondelli per i fanatici delle registrazioni storiche quali noi siamo. Ho controllato il contenuto - e al ribasso credo di avere il 98% delle registrazioni qui presenti, anche in duplice o triplice copia - e per me possono pure tenerselo. Però dai, è un bellissimo pensiero da parte di tua moglie, quindi pensaci almeno due volte prima di restituirlo!

Eh, è proprio questo che mi frena!

Grazie della risposta comunque 😉.

P.S. Su YouTube c'è in video pubblicitario dove intervistano il presidente (o vice, non ricordo) della società francese WF. Questa potrebbe essere l'unica garanzia di "qualità" del progetto (le virgolette sono d'obbligo perché anche queste società devono mangiare).

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy