Vai al contenuto
BaBi_YAR

L'ultimo CD acquistato (musica classica)

Recommended Posts

8 ore fa, Ives dice:

L'avevo segnalato mesi fa. Qualcosa di buono esce dalle mani di Yoel Levi (1,4). Lopez-Cobos è un disastro. Si salvano le orchestre e parzialmente la presa di suono (in taluni casi però troppo "fredda"). Le note ci sono, l'expertise tecnico pure, manca Mahler...🤨

 

7 ore fa, Ives dice:

Ritengo quei giudizi di Hurwitz su certo Mahler di Levi inspiegabili, a meno che non si voglia sottolineare solo l'aspetto tecnico/esecutivo e allora possa concordare. Ma allora non serve il direttore, perchè di visione dell'opera neanche l'ombra. Di Delos/Litton avevo alcune sinfonie di Shosta, una roba di una noia mortale, cestinati, neanche li hanno voluti su amazon usati. Stavolta, Hurwitz posa il fiasco...😆

C'è dentro anche la famosa Ottava di Shaw vero?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, Wittelsbach dice:

C'è dentro anche la famosa Ottava di Shaw vero?

Si

5101vjV9a9L.jpg

Discreta, ma di molte spanne sotto uno Solti o un Bernstein. Ma pure un Wit.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Acquisti vari

0761203903221.jpg

0761203761920.jpg

0761203989928.jpg

(Questa grazie a @Madiel)

E poi, una mezza sola:

0881488190403.jpg

La realizzazione editoriale messa in essere da Profil pregiudica almeno in parte un'operazione culturale delle più meritevoli: il ricupero delle opere russe realizzate dalla Decca con fortunose incisioni in Croazia a partire dal 1955. La Decca non le aveva mai ripubblicate, e ci aveva pensato la Eloquence l'anno scorso, al punto da raccontare la storia quasi eroica di quelle sessioni oltrecortina. E' arrivata anche la Profil, casa che stimo molto. Ma non questa volta: il libretto non indica bene le tracce, che sono riportate sul dorso di ogni cardboard, ma solo col titolo (in tedesco e in inglese), senza l'elenco dei personaggi coinvolti. Che mascalzonata! Visto che non conosco quasi nessuno dei cantanti, e temo non riuscirò a fare ascolti coi libretti sottomano (su internet si trovano facilmente) ci sono rimasto male.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poi scusate, ma con queste avevo un conto aperto

0747313365371.jpg

0747313365173.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, Wittelsbach dice:

Poi scusate, ma con queste avevo un conto aperto

0747313365371.jpg

0747313365173.jpg

Mamma mia ! :confused: Quando si dice raschiare il fondo… compositore proprio mediocre….

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, Wittelsbach dice:

Acquisti vari

0761203989928.jpg

(Questa grazie a @Madiel)

Questa è una grande opera, in tutti i sensi. Forse la cosa più bella in assoluto che ho mai ascoltato di Reznicek. Colpisce in particolare la capacità di analisi psicologica dei personaggi, direi di marca espressionista, che lascia abbastanza stupiti se si conosce il solito Reznicek burlone e ameno. L'orchestrazione è magistrale, degna di Strauss, l'autore si sforza non solo di descrivere delle semplici atmosfere surreali, ma di ricreare in suoni la psicologia contorta, malata, del protagonista. C'è grande attenzione al testo, come noterai seguendo il libretto. Trovo interessante il modo di unire la tragedia alla commedia, con degli effetti di estraneazione direi moderni, che esaltano al massimo i contrasti (nel secondo cd un lungo intermezzo sinfonico che oscilla tra il sardonico e il drammatico, o la scena del cimitero che si apre con le facezie dei due becchini e si conclude con toni da horror). Le ultime scene lasciano senza parole, tirano via diritte fino alla catastrofe conclusiva in un crescendo parossistico, perfetta descrizione in suoni della follia devastante di Barbablu. Un Reznicek che si avvicinerebbe pure a Berg sotto certi aspetti, se non fosse per la volontà di evitare di calcare troppo la mano (v. la conclusione orchestrale anti-retorica) e per l'ovvia distanza generazionale. C'è tanta bella musica, penso ti divertirai :D 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
37 minuti fa, Madiel dice:

Mamma mia ! :confused: Quando si dice raschiare il fondo… compositore proprio mediocre….

DhLLxy8X0AAyDnD.jpg

22 minuti fa, Madiel dice:

Questa è una grande opera, in tutti i sensi. Forse la cosa più bella in assoluto che ho mai ascoltato di Reznicek. Colpisce in particolare la capacità di analisi psicologica dei personaggi, direi di marca espressionista, che lascia abbastanza stupiti se si conosce il solito Reznicek burlone e ameno. L'orchestrazione è magistrale, degna di Strauss, l'autore si sforza non solo di descrivere delle semplici atmosfere surreali, ma di ricreare in suoni la psicologia contorta, malata, del protagonista. C'è grande attenzione al testo, come noterai seguendo il libretto. Trovo interessante il modo di unire la tragedia alla commedia, con degli effetti di estraneazione direi moderni, che esaltano al massimo i contrasti (nel secondo cd un lungo intermezzo sinfonico che oscilla tra il sardonico e il drammatico, o la scena del cimitero che si apre con le facezie dei due becchini e si conclude con toni da horror). Le ultime scene lasciano senza parole, tirano via diritte fino alla catastrofe conclusiva in un crescendo parossistico, perfetta descrizione in suoni della follia devastante di Barbablu. Un Reznicek che si avvicinerebbe pure a Berg sotto certi aspetti, se non fosse per la volontà di evitare di calcare troppo la mano (v. la conclusione orchestrale anti-retorica) e per l'ovvia distanza generazionale. C'è tanta bella musica, penso ti divertirai :D 

Non ne dubito!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
33 minuti fa, Wittelsbach dice:

DhLLxy8X0AAyDnD.jpg

 

Mi sono imbattuto in Moyzes l'estate scorsa, per puro caso su YouTube, non l'avevo mai sentito neanche nominare. Facendo un po' di ricerche mi sono dedicato alle sinfonie pubblicato da Marco Polo/Naxos, una mi pare di averla anche segnalata nella discussione degli ascolti. Dopo averne sentite in particolare due o tre tra le ultime, mi sono rotto gli zebedei e ho lasciato perdere: mediocre senza appello, al massimo accademico, privo di capacità espressiva, senza virilità, senza personalità. Note messe insieme nel rispetto della forma, con qualche moderato effetto gradevole qua e là nei movimenti veloci, con qualche tirata lirica fuori controllo nei movimenti lenti. Un particolare che noterai subito è la somiglianza pressochè totale di questi pezzi, sembra abbia scritto sempre la stessa sinfonia fino a ottant'anni! Bisogna ammettere che per essere così mediocri ci vuole un gran talento! :D 

Cita

Non ne dubito!

Eh sì, se conosci i suoi poemi sinfonici rimarrai a dir poco stupito perché l'autore stravolge del tutto la sua natura "burlona". Gli spunti umoristici ci sarebbero pure qua e là, ma tendono al sardonico, all'amaro, all'acerbo. Per lo più c'è una cappa nera sulla vicenda, abbonano le dissonanze e le manipolazioni (soprattutto dei ritmi di danza), la psicologia contorta dei personaggi principali si riflette nella loro linea vocale accidentata e involuta. Potrebbe, forse, essere criticabile, almeno moralmente, il modo di delineare Barbablù soprattutto nell'ultimo atto, perché Reznicek lo rende grandioso nella morte, non lo condanna per le sue nefandezze ma sospende il giudizio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
15 ore fa, Madiel dice:

Mi sono imbattuto in Moyzes l'estate scorsa, per puro caso su YouTube, non l'avevo mai sentito neanche nominare. Facendo un po' di ricerche mi sono dedicato alle sinfonie pubblicato da Marco Polo/Naxos, una mi pare di averla anche segnalata nella discussione degli ascolti. Dopo averne sentite in particolare due o tre tra le ultime, mi sono rotto gli zebedei e ho lasciato perdere: mediocre senza appello, al massimo accademico, privo di capacità espressiva, senza virilità, senza personalità. Note messe insieme nel rispetto della forma, con qualche moderato effetto gradevole qua e là nei movimenti veloci, con qualche tirata lirica fuori controllo nei movimenti lenti. Un particolare che noterai subito è la somiglianza pressochè totale di questi pezzi, sembra abbia scritto sempre la stessa sinfonia fino a ottant'anni! Bisogna ammettere che per essere così mediocri ci vuole un gran talento! :D

Trovo che le vecchie copertine Marco Polo, con quadri novecenteschi non sempre belli, fossero più adatte di quelle fotografie baroccheggianti di Praga a illustrare il contenuto della musica in questione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Wittelsbach dice:

Trovo che le vecchie copertine Marco Polo, con quadri novecenteschi non sempre belli, fossero più adatte di quelle fotografie baroccheggianti di Praga a illustrare il contenuto della musica in questione.

Non so, perché non ho mai visto la versione originale Marco Polo. Quando ho scoperto Moyzes esisteva già la ristampa Naxos, ma ho ascoltato le sinfonie su YouTube: c'è un canale che le ha (o aveva) messe tutte. 

Un caso di disastro di passaggio da MP a Naxos mi pare la serie sinfonica di Malipiero. Hanno tolto le belle copertine con i quadri simbolisti di Mantovani per delle robette generiche astrattiste fatte al computer.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy