Jump to content

Video flautati


Trinity

Recommended Posts

  • Replies 1.7k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Quanta compostezza, quanto garbo, quanta eleganza...


qui c'è solo la musica...!


Da notare il profondo controllo della respirazione senza inutili boccate d'aria


( tanto di moda in questi ultimi anni...), infatti sembra che suoni in playback...


eppoi la postura serena e tranquilla del corpo


( senza balletti da primati da giungla)...



il "circo" è lontano!



P.S.: ... nel 2° e 3° video, un Louis Lot del 1859!


Che suono pastorale, lieve...


Altro che i ventiquattrocaratoni...! :rofl:









Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...



Premesso che è in playback per stessa ammissione del regista. ^^


Ma non importa!


Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Questo (per chi non lo conoscesse) è José Castellon, un grande flautista francese allievo di Larrieu. Attualmente insegna all'accademia di Losanna e suona molto in giro per il mondo come solista. Ho suonato un paio di volte con lui in orchestra ed è davvero molto simpatico, dotato di una sonorità bellissima...

Tutto molto interessante -nonostante la lingua- solo che... li hanno messi a suonare in un angoletto?!?

:ninja:

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...
  • 4 weeks later...

www.youtube.com/watch?v=AAM76wZXmiY

Tanto di cappello!!

Abbiamo trovato il sostituto di Pahud!!!

(anche per presenza scenica... :P )

Volevo sapere che flauto suonasse, mi pare abbia detto che era un prestito del suo maestro Jacques Zoon fatto da un flautaio a Parigi nel 1900 o una copia...

Peccato per l'acustica.

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Non pensavo che si potesse suonare questo pezzo in modo tardo-romantico.

A parte la quasi assenza di dinamiche,il vibrato sguaiato e i portamenti nel legare le note -quasi il flauto fosse un violino- é la chiave di lettura che non condivido. Con buona pace dei fans qui Formisano mi dà la nausea.La dolcezza é trasformata in melassa!!Ahahah!

Link to comment
Share on other sites

Pahud e Formisano insieme...

Teatro San Carlo - Napoli -

6 Maggio 2013

... accontentiamoci di questa videata...

https://www.youtube.com/watch?v=jQybCATrk-4'>https://www.youtube.com/watch?v=jQybCATrk-4

certo che pezzo! L'ho anche suonato un paio di volte ma questo rezpertorio non é n elle mie corde.Mi fa pensare all'Ermengarda del Prati co' tutto sto languido dolciume,con tutto questo sentimentalismo e poco sentimento.

Link to comment
Share on other sites

Con buona pace dei fans qui Formisano mi dà la nausea.La dolcezza é trasformata in melassa!!Ahahah!

Preferisci questo? asd.gif

eh si, d'altronde il pezzo in sè non è che sia proprio un capolavoro, diciamolo. Ha un 2 tempo interessante...

..se iniziamo a degradare quei pochi brani che ha il repertorio flautistico, siamo persi... :sad02:

Comunque forse meglio Undine, anche per il tempo lento.

Link to comment
Share on other sites

SE pref erisco Rampal a Formisano? Non é nemmeno da chiedersi. Per quanto riguarda la Sonata di poulenc noi flautisti oggi ci abbiamo fatto il callo; forse siamo andati in overdose ma alla gente piace credo di più della massiccia Undine.

Link to comment
Share on other sites

Penso sinceramente che il repertorio del flauto non abbia nulla da invidiare a quello violinistico. ( pure loro con sti' Bruch, Sarasate e tardo romanticherie sciatte hanno veramente rotto i...). La mia domanda è : avendo un bel po' di musica interessante francese tipo Jolivet, Dutilleux, Sancan, Ibert, Caplet, Milhaud, Roussel oppure per citarne alcuni moderni Boulez, Mantovani, Leroux, Manoury, Murail perchè essere costretti a suonare Poulenc?


Link to comment
Share on other sites

Hai citato uno dei miei grandi amori flautistici: Jolivet. La sua opera per flauto é, a mio avviso, non solo bellissima ma anche importante nella storia della musica. Le Incantazioni, Chant de linos etc. etc. sono ben più interessanti di Poulenc , concordo. Non so se si é costretti a suonare poulenc ame, tutto sommato come brano non dispiace. Lo spessore musicale di jolivet -che ha scritto le Incantazioni nel 1936, quando la Sonata di Poulenc era ancora da immaginare, concepire e comporre- é a mio avviso maggiore.

Link to comment
Share on other sites

Non volevo dire che bisogna essere obbligati a suonare Poulenc... per carità. :unsure:


Ogni flautista è liberissimo di costruire il repertorio come meglio crede, in base alle sue caratteristiche e al suo gusto.


Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...
  • 1 month later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy