Jump to content

Iniziare a studiare da adulti


Kreutzer

Recommended Posts

Ciao a tutto il Forum.

Come da oggetto, essendo affetto da lieve forma di insanità mentale e da una grande passione per la musica classica, con predilezione per Beethoven, Mozart e Bach, ho deciso di imbarcarmi in una titanica impresa, ovvero (ri-)cominciare a studiare la musica e il piano.

Il (ri-)cominciare è dovuto al fatto che in realtà mi ero avvicinato al pianoforte a 19 anni e ho giusto fatto in tempo a prendere qualche (4 o 5) lezioni private da una diplomanda al conservatorio di mia conoscenza. Dopo di che mi sono fratturato la mano sx in un incidente di snowboard... e tutto questo dopo una sola settimana che avevo acquistato un piano digitale Yamaha Clavinova per potermi esercitare, visto che non mi sembrava assolutamente sufficiente un'ora di lezione alla settimana e qualche misero solfeggio nel tempo libero.

In ogni caso, i postumi dell'incidente mi hanno lasciato la mano leggermente menomata; l'ortopedico che mi ha operato non si era accorto che avevo la lussazione del 5° dito (mignolo), per cui ora l'estensione pollice-mignolo è un po' più corta di quella della mano destra, oltre ad avere qualche piccolo problema di mobilità articolare e di forza nella presa...

Sono qui a chiedere qualche consiglio per cominciare, e per sentire l'opinione di chi ha intrapreso lo studio del piano in un'età non più verdissima...

Gradirei inoltre sapere quali testi sono a vostro avviso più indicati a questo scopo, tenendo conto che dovrei avere ancora il Beyer da qualche parte e forse anche un libro di solfeggio.

Inoltre, potrebbe essere in qualche modo utile l'utilizzo di software didattici musicali, ad esempio "Teach me Piano Deluxe" della voyetra oppure "Adventus Piano Suite Premiere"? Qualcuno di voi li ha mai utilizzati o ne ha mai sentito parlare?

Scusate se ho occupato molto spazio con questo post, ma la cosa mi sta a cuore...non aspiro certo all'attività concertistica, ma anche il solo affrontare qualche sonata di Beethoven senza dovermi vergognare di me stesso sarebbe importante per me!!

Inoltre vorrei imparare soprattutto per poter essere un giorno il primo insegnante dei miei figli, quando arriveranno, e dar loro una possibilità che a me non è stata concessa.

Grazie a tutti dei consigli che sono sicuro arriveranno numerosi...

Ciao

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 332
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Buttati anima e corpo ... !!!

32, 42, 52 ... !! Non è un problema di età ... bensì di costanza, voglia ed impegno !!!

L'unico consiglio, però, è quello di trovare un insegnante veramente bravo ... !!

Un mio amico (quasi trentenne), con un'insegnante bravissima, in poco tempo suonava già discretamente ... !!!

Quindi ... Buono studio.

:D

Link to comment
Share on other sites

Ciao Kreutzer,

mi dispiace ma ti batto alla grande: io la tua idea l'ho avuta alla bell'età di 38 anni e da un paio di mesi sto facendo le nottate con il piano (a proposito in caso di divorzio qualcuno ha un buchetto per me e il piano? :lol::lol: ).

A mio modesto parere non c'è meglio che un insegnante in carne e ossa per imparare e poi tanto lavoro....in proprio!!!

In bocca al lupo!!!

Link to comment
Share on other sites

  • 6 months later...

Ciao a tutti.

Complimenti per questo bel forum ricco di persone appassionate.

Vi scrivo per avere un vostro parere, in special modo dagli esperti.

Ho trent'anni e da almeno un anno mi sta passando per la mente l'idea di avvicinarmi al pianoforte. Ho letto su alcuni siti internet che si consiglia di iniziare nell'infanzia, perchè proprio alla mia età le capacità di apprendimento per questo tipo di strumento sono molto ridotte (questioni sinaptiche a quanto dicono).

Ho provato a rispolverare i vecchi libri di musica di quanto andavo alle scuole medie, ma non ho trovato molto, solo alcuni accenni al pentagramma che ricordo abbastanza bene.

In realtà ciò che mi fa esitare non è la teoria, in quanto penso di saper leggere...! Ma è la pratica ciò che mi spaventa un pò. La coordinazione, lo studio e la memorizzazione. Tutte cose a cui non sono abituato, in quanto non ho mai praticato in passato questo strumento.

In questi giorni mi sono comunque comprato un libro teorico con cui sto apprendendo il significato delle note, il loro funzionamento, ecc. Però torno a riflettere ed a chiedermi se sono in grado di fare la pratica. Potrei cercare un insegnante nella mia zona, e concordare lezioni durante la pausa dal lavoro. A casa potrei far esercizio la sera. Potrei acquistare una tastiera da poco, ed in futuro se vedo che riesco ad apprendere la pratica, allora potrò considerare un pianoforte.

Con queste premesse voi che percentuale di riuscita mi date? Meglio che lascio perdere? Meglio che continuo ad ascoltare il pianoforte dai cd?

Ho sempre visto i pianisti come persone che hanno un qualcosa in più per riuscire a creare i suoni. Interpretare tutti quei segni sui fogli e trasformarli in colori e calore. Forse un qualcosa riservato a chi fa un percorso fin da piccolo, e che comunque è portato per natura..!

Grazie per eventuali consigli.

Ciao.

Playmind.

Link to comment
Share on other sites

ciao playmind,

allora ti scrivo da non esperto, ma come te da appassionato :D

io di anni ne ho 39 ed ho appena ripreso lo studio del pianoforte (suonavo da bambino ed ho interrotto a 14 anni) in una scuola di musica della mia città. non costa tanto e l'ambiente è stimolante, la mia insegnante ben più giovane di me e molto brava. per il pianoforte ne ho affittato uno, costa molto meno che comprarlo, lo comprerò più in là se arriveranno progressi :ph34r: chissà!

sto leggendo bach (invenzioni a due voci, suites francesi) e molta tecnica (Hanon, scale e arpeggi)

insomma, un solo consiglio: prendi un maestro, qualcuno che ti possa guidare, imparare a suonare da soli è difficile, e per i comuni mortali credo.....impossibile!

bye

Ciao a tutti.

Complimenti per questo bel forum ricco di persone appassionate.

Vi scrivo per avere un vostro parere, in special modo dagli esperti.

Ho trent'anni e da almeno un anno mi sta passando per la mente l'idea di avvicinarmi al pianoforte. Ho letto su alcuni siti internet che si consiglia di iniziare nell'infanzia, perchè proprio alla mia età le capacità di apprendimento per questo tipo di strumento sono molto ridotte (questioni sinaptiche a quanto dicono).

Ho provato a rispolverare i vecchi libri di musica di quanto andavo alle scuole medie, ma non ho trovato molto, solo alcuni accenni al pentagramma che ricordo abbastanza bene.

In realtà ciò che mi fa esitare non è la teoria, in quanto penso di saper leggere...! Ma è la pratica ciò che mi spaventa un pò. La coordinazione, lo studio e la memorizzazione. Tutte cose a cui non sono abituato, in quanto non ho mai praticato in passato questo strumento.

In questi giorni mi sono comunque comprato un libro teorico con cui sto apprendendo il significato delle note, il loro funzionamento, ecc.  Però torno a riflettere ed a chiedermi se sono in grado di fare la pratica. Potrei cercare un insegnante nella mia zona, e concordare lezioni durante la pausa dal lavoro. A casa potrei far esercizio la sera. Potrei acquistare una tastiera da poco, ed in futuro se vedo che riesco ad apprendere la pratica, allora potrò considerare un pianoforte.

Con queste premesse voi che percentuale di riuscita mi date? Meglio che lascio perdere? Meglio che continuo ad ascoltare il pianoforte dai cd?

Ho sempre visto i pianisti come persone che hanno un qualcosa in più per riuscire a creare i suoni. Interpretare tutti quei segni sui fogli e trasformarli in colori e calore. Forse un qualcosa riservato a chi fa un percorso fin da piccolo, e che comunque è portato per natura..!

Grazie per eventuali consigli.

Ciao.

Playmind.

<{POST_SNAPBACK}>

Link to comment
Share on other sites

Ciao e benvenuto!

Io parlo da sedicenne però penso di non dire un'assurdità (in caso contrario contraddicetemi!!!): non ti devi spaventare! Suonare è troppo bello, è troppo magico, è troppo..... insomma ti prende un sacco e non devi pensare che potresti non farcela, non ti ostacolare da solo! Vedrai che quando avrai preso dimestichezza con le note non vedrai più i tasti come una fila di incomprensibili rettangolini bianchi e neri, bensì come una pazzesca orchestra che potrai comandare con le tue sole dita....davvero non rinunciare, se la cosa ti attira....ti consiglio di leggere su di tutto di più la discussione "cosa si prova" (o ha un titolo simile) e ne scoprirai delle belle....

Procedendo un po' alla volta la tecnica viene. Ovvio che se ti vuoi arrampicare su un albero non cominci certo dai rami più alti no? Via via che sali però l'orizzonte che puoi scorgere tra le foglie si fa via via più ampio....e ti assicuro che la soddisfazione non tarda ad arrivare!!! In bocca al lupo!!!! :lol:

Link to comment
Share on other sites

Grazie a tutti per le rincuoranti risposte..! ;)

Forse avevo proprio bisogno di questi piccoli incoraggiamenti! E sentirli dire proprio da chi suona già, mi da fiducia! Oggi ho deciso che farò visita ad una scuola qui vicino, sperando così di trovare l'insegnante giusto (ovvero con tanta pazienza..)!

Continuerò certamente a leggervi tutti! E' davvero un forum interessante!

Ciao!!

:)

Link to comment
Share on other sites

Guest pianodevil31

se ti rassicura io ho 12 anni suono da quasi 5 mesi e col mio insegnante( privato xkè è un amico ) in 3 giorni ho imparato a memoria tutta la teoria e cmq per mi9a esperienza superata la parte della pratica con le scale maggiori e minori basterà rilassarsi e poco a poco aquisire un movimento istintivo delle mani per qualsiasi sonata o minuetto...... insomma tutta la musica

Link to comment
Share on other sites

Che suite francese stai leggendo??? Che brani hai fatto?

ciao playmind,

allora ti scrivo da non esperto, ma come te da appassionato :D

io di anni ne ho 39 ed ho appena ripreso lo studio del pianoforte (suonavo da bambino ed ho interrotto a 14 anni) in una scuola di musica della mia città. non costa tanto e l'ambiente è stimolante, la mia insegnante ben più giovane di me e molto brava. per il pianoforte ne ho affittato uno, costa molto meno che comprarlo, lo comprerò più in là se arriveranno progressi :ph34r: chissà!

sto leggendo bach (invenzioni a due voci, suites francesi) e molta tecnica (Hanon, scale e arpeggi)

insomma, un solo consiglio: prendi un maestro, qualcuno che ti possa guidare, imparare a suonare da soli è difficile, e per i comuni mortali credo.....impossibile!

bye

Link to comment
Share on other sites

Ciao Playmind, ti scrivo da coetaneo con, all'inizio, i tuoi stessi dubbi.

Io ho una storia abbastanza varia e altalenante di approccio alla tastiera ed alla musica, ma al di là di qualche consiglio che ti è già stato dato (insegnante, tecnica, etc..) ti dico che la prima cosa da fare è sedersi allo strumento e iniziare ad imparare qualcosa.

La prima cosa vera è che a trent'anni si è abbastanza maturi per comprendere lo "spirito" di una composizione, magari semplice, e se fossi un'insegnante di pianoforte ti indirizzerei subito, accanto alla solita ed utilissima tecnica, ad imparare un primo pezzo, molto bello, su cui potresti stare anche sei mesi, ma che ti serve per provare subito la sensazione che stai facendo qualcosa di bello e gratificante.

Ascolta un pezzo che ti piace e proponilo ad maestro/a, e se è abbastanza alla tua portata probabilmente te ne saprai rendere conto da solo. Lascia perdere i soliti "pezzi facili", sono spesso riduzioni che vanno al di là delle intenzioni degli autori e presto stufano.

Ascolta l'Aria della Variazioni Goldberg e vedi se ti piace, per esempio.

Forse in qualche mese potresti, partendo da zero, farla tutta.

Ma fin dall'inizio sentirai, dopo le prime tre note, che stai proprio mettendo le dita dove le mise Bach quando la scrisse. E non è poco.

Link to comment
Share on other sites

Secondo me, il fatto di voler fare iniziare le persone a studiare pianoforte, o qualsiasi altro strumento, fin da piccole non ha una sua maggiore utilità: continuo a battezzarlo EFFETTO MOZART: a mio giiudizio, voler produrre piccoli pianisti, è una deriva mitologica sviluppatasi dal maestro salisburghese.

Tuttavia, iniziare da piccoli ha alcuni vantaggi, come il fatto di ricordarsi le cose imparate in futuro (non so per quale meccanismo, ma a me è successo così). Senza parlare del fatto che, soprattutto per fare carrietra come concertista alcuni sosengono dell'esistenza di alcune scadenze (aò, questa l'ho capita poco :P ).

Però, esiste anche il fatto che una certa sensibilità musicale è correlata alla maturità della persona: io iniziai a studiare pianoforte a nove anni e molte cose non le capivo mentre ora sì.

Senza contare il fatto della dimensione della mano... :P

Inizia pure a suonare!!!!!!!!!!!!!!

Link to comment
Share on other sites

Secondo me, il fatto di voler fare iniziare le persone a studiare pianoforte, o qualsiasi altro strumento, fin da piccole non ha una sua maggiore utilità: continuo a battezzarlo EFFETTO MOZART: a mio giiudizio, voler produrre piccoli pianisti, è una deriva mitologica sviluppatasi dal maestro salisburghese.

Tuttavia, iniziare da piccoli ha alcuni vantaggi, come il fatto di ricordarsi le cose imparate in futuro (non so per quale meccanismo, ma  a me è successo così). Senza parlare del fatto che, soprattutto per fare carrietra come concertista alcuni sosengono dell'esistenza di alcune scadenze (aò, questa l'ho capita poco  :P ).

Però, esiste anche il fatto che una certa sensibilità musicale è correlata alla maturità della persona: io iniziai a studiare pianoforte a nove anni e molte cose non le capivo mentre ora sì.

Senza contare il fatto della dimensione della mano... :P

Inizia pure a suonare!!!!!!!!!!!!!!

<{POST_SNAPBACK}>

Per puntualizzare,forse si dice così perchè è risaputo che quando uno inzia una cosa da piccolo,sarà con ogni probabilità quella che gli riuscirà meglio nella vita..e questo perchè appena siamo nati siamo molto intelligenti,essendo l'intelligenza pura la capacità di adattarsi a varie situazioni.Poi ci sono i vantaggi fisici,perchè la mano (ossa comprese) iniziano a svilupparsi anche in vista dell'uso che se ne fa..

Ovviamente come si è detto il problema è che da piccoli si fa tutto per gioco,quindi un bambino se è obbligato,al 70% dei casi non si impegna e finirà per non riavvicinarsi + allo strumento.

Però non serve farsi troppe seghe mentali,quando si inizia si inizia,ci si impegna e via! ;)

Tanto a nessuno importa quando hai iniziato a suonare,ma COME suoni.

Link to comment
Share on other sites

Secondo me è un vantaggio enorme iniziare da piccoli, per i motivi che sono già stati elencati (skriabin, ecc.).

Non è così importante però per chi lo fa per interesse, hobby, o altro, per chi insomma non ha intenzione di far carriera col pianoforte.

Il problema si presenta (ed è enorme) per chi suono per poi farne un lavoro o per chi studia con la speranza di avere successo un giorno: molti concorsi (quasi tutti) prevedono dei limiti di età molto ristretti (tipo 21 anni!!), perciò i "ritardatari" sono esclusi a priori, di conseguenza anche dalla vita concertistica, a meno di avere un po' di hulo e incontrare le persone giuste.. :ph34r:

Insomma Playmind non starci a pensare e comincia subito!! In bocca al lupo e divrtiti! ;)

Link to comment
Share on other sites

Ciao Doctor,

sto leggendo l'Allemande aarrgghhhh ma anche quale pagina più semplice (Polinaise e qualcos'altro che non ricordo) poi invenzioni a due voci....ho anche iniziato a leggere scarlatti mozart (la n.16 sembra semplice sembra) e anche chopin (valzer n.3 spero fryederick mi perdonerà!) ma insomma...tutto da perfezionare.....la tecnica la tecnica!!!

e tu?? che studi???

DrZazzu

Che suite francese stai leggendo??? Che brani hai fatto?

ciao playmind,

allora ti scrivo da non esperto, ma come te da appassionato :D

io di anni ne ho 39 ed ho appena ripreso lo studio del pianoforte (suonavo da bambino ed ho interrotto a 14 anni) in una scuola di musica della mia città. non costa tanto e l'ambiente è stimolante, la mia insegnante ben più giovane di me e molto brava. per il pianoforte ne ho affittato uno, costa molto meno che comprarlo, lo comprerò più in là se arriveranno progressi :ph34r: chissà!

sto leggendo bach (invenzioni a due voci, suites francesi) e molta tecnica (Hanon, scale e arpeggi)

insomma, un solo consiglio: prendi un maestro, qualcuno che ti possa guidare, imparare a suonare da soli è difficile, e per i comuni mortali credo.....impossibile!

bye

<{POST_SNAPBACK}>

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Ciao Playmind,

secondo me se è una cosa che ti appassiona dovresti iniziare però non è per contraddire i miei colleghi o per scoraggiarti ma è impossibile raggiungere livelli ottimi (suonare per dire Chopin, Liszt ed altri, soprattutto allegri) alla tua età...potrai diventare bravino e coltivare il pianoforte come hobby, ma non riuscirai mai a fare certi pezzi..

Imparare da bambini non è solo una questione di memoria, di intelligenza, ma proprio una questione fisica (come diceva Skriabin), ovvero la mano si forma sullo strumento..

Poi, devi PER FORZA imparare seguito, ovvero avvalendoti di un insegnante, inoltre dovresti, secondo me, seguire anche un corso di solfeggio, ma soprattutto escludi di imparare da autodidatta, sarebbe soltanto una perdita di tempo e soldi.

In bocca al lupo (e non odiarmi..)!

Link to comment
Share on other sites

Ciao Playmind,

secondo me se è una cosa che ti appassiona dovresti iniziare però non è per contraddire i miei colleghi o per scoraggiarti ma è impossibile raggiungere livelli ottimi (suonare per dire Chopin, Liszt ed altri, soprattutto allegri) alla tua età...potrai diventare bravino e coltivare il pianoforte come hobby, ma non riuscirai mai a fare certi pezzi..

Imparare da bambini non è solo una questione di memoria, di intelligenza, ma proprio una questione fisica (come diceva Skriabin), ovvero la mano si forma sullo strumento..

Poi, devi PER FORZA imparare seguito, ovvero avvalendoti di un insegnante, inoltre dovresti, secondo me, seguire anche un corso di solfeggio, ma soprattutto escludi di imparare da autodidatta, sarebbe soltanto una perdita di tempo e soldi.

In bocca al lupo (e non odiarmi..)!

Link to comment
Share on other sites

Ciao Playmind,

secondo me se è una cosa che ti appassiona dovresti iniziare però non è per contraddire i miei colleghi o per scoraggiarti ma è impossibile raggiungere livelli ottimi (suonare per dire Chopin, Liszt ed altri, soprattutto allegri) alla tua età...potrai diventare bravino e coltivare il pianoforte come hobby, ma non riuscirai mai a fare certi pezzi..

Imparare da bambini non è solo una questione di memoria, di intelligenza, ma proprio una questione fisica (come diceva Skriabin), ovvero la mano si forma sullo strumento..

Poi, devi PER FORZA imparare seguito, ovvero avvalendoti di un insegnante, inoltre dovresti, secondo me, seguire anche un corso di solfeggio, ma soprattutto escludi di imparare da autodidatta, sarebbe soltanto una perdita di tempo e soldi.

In bocca al lupo (e non odiarmi..)!

<{POST_SNAPBACK}>

io invece credo che l'età non influisce così tanto, la componente meccanica dello studio del pianoforte non è una cosa così impossibile, sia per grandi che per piccini(mica è ginnastica artistica)

Link to comment
Share on other sites

io invece credo che l'età non influisce così tanto, la componente meccanica dello studio del pianoforte non è una cosa così impossibile, sia per grandi che per piccini(mica è ginnastica artistica)

<{POST_SNAPBACK}>

A me sembra esattamente quello...

ginnastica (per le mani) artistica (come mezzo per fare arte) :P

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Ciao a tutti mi accingo a scrivere il mio primo messaggio su questo forum. Ho preso la decisione circa due mesi fa di intraprendere lo studio del pianoforte. Niente di straordinario, vero. Ma la cosa forse più folle è che ho preso questa decisione a 40 anni( suonati), per restare in tema. Leggo dei vostri vostri studi, cosa fate, cosa dite,le ore di studio, ecc... Io mi sento troooppo demoralizzato. Ho poco tempo per studiare, però mi impegno. Non ho e sò di non poter avere grandi aspirazioni alla mia età, ma voglio tanto imparare anch'io. Alla mia quinta lezione il mio maestro mi ha dato il mio primo pezzo da studiare. Piccolo, piccolo, facile, facile, di Clementi per l'esattezza. Ci ho messo più di due ore per impararlo. Ma quando lo suono sono tanto felice. Mi sento un bambino che ha ricevuto il suo primo giocattolo. Grazie per avermi ascoltato e complimenti a tutti voi. Ciao

Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti mi accingo a scrivere il mio primo messaggio su questo forum. Ho preso la decisione circa due mesi fa di intraprendere lo studio del pianoforte. Niente di straordinario, vero. Ma la cosa forse più folle è che ho preso questa decisione a 40 anni( suonati), per restare in tema. Leggo dei vostri vostri studi, cosa fate, cosa dite,le ore di studio, ecc... Io mi sento troooppo demoralizzato. Ho poco tempo per studiare, però mi impegno. Non ho e sò di non poter avere grandi aspirazioni alla mia età, ma voglio tanto imparare anch'io. Alla mia quinta lezione il mio maestro mi ha dato il mio primo pezzo da studiare. Piccolo, piccolo, facile, facile, di Clementi per l'esattezza. Ci ho messo più di due ore per impararlo. Ma quando lo suono sono tanto felice. Mi sento un bambino che ha ricevuto il suo primo giocattolo. Grazie per avermi ascoltato e complimenti a tutti voi. Ciao

<{POST_SNAPBACK}>

Benvenuto nel forum.

La tua scelta coraggiosa fa di te indiscutibilmente un grande.

Goditi Clementi e tutto quello che verrà, e vedrai che a piccoli passi coprirai grandi distanze.

Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti mi accingo a scrivere il mio primo messaggio su questo forum. Ho preso la decisione circa due mesi fa di intraprendere lo studio del pianoforte. Niente di straordinario, vero. Ma la cosa forse più folle è che ho preso questa decisione a 40 anni( suonati), per restare in tema. Leggo dei vostri vostri studi, cosa fate, cosa dite,le ore di studio, ecc... Io mi sento troooppo demoralizzato. Ho poco tempo per studiare, però mi impegno. Non ho e sò di non poter avere grandi aspirazioni alla mia età, ma voglio tanto imparare anch'io. Alla mia quinta lezione il mio maestro mi ha dato il mio primo pezzo da studiare. Piccolo, piccolo, facile, facile, di Clementi per l'esattezza. Ci ho messo più di due ore per impararlo. Ma quando lo suono sono tanto felice. Mi sento un bambino che ha ricevuto il suo primo giocattolo. Grazie per avermi ascoltato e complimenti a tutti voi. Ciao

<{POST_SNAPBACK}>

Non sei l'unico a provare certe sensazioni :-) io ho 34 anni e anche io ho iniziato adesso... i bambini sono due!

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy