Vai al contenuto

Allevi, Einaudi & altre schifezze


Recommended Posts

  • Risposte 3,4k
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Ma Allevi è morto? Non ne ho più sentito parlare... Potrebbe essere un grande sollievo!

No, dai, morire non si augura mai a nessuno!

È passato di moda.

Ora scrive anche libri... non credo passerà facilmente di moda... secondo me sta preparando una rentrée con i controfiocchi (o i controriccioli, se preferite...) :D

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 4 weeks later...

Il problema non è chi ascolta allevi,il problema è chi dice che allevi sia un compositore di musica classica. La sua musica è leggera e poco ha a che fare con le vere suonate romantiche per pianoforte (Chopin,Liszt...) ma nemmeno nulla a che fare con Rachmaninoff e altri

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il problema non è chi ascolta allevi,il problema è chi dice che allevi sia un compositore di musica classica. La sua musica è leggera e poco ha a che fare con le vere suonate romantiche per pianoforte (Chopin,Liszt...) ma nemmeno nulla a che fare con Rachmaninoff e altri

Questo è pacifico.

Il problema è che Allevi, a furia di autoincensarsi ed autoproclamarsi "compositore di musica classica contemporanea" se ne è autoconvinto (insomma, tutto auto-qualcosa :D) e ne ha convinto anche il pubblico più sprovveduto. A tal punto che chiunque si azzardi a contraddirlo, e a contraddire la vulgata che lui stesso ha creato attorno a sé, viene bollato come detrattore del Genio.

Per questo credo che, anche se parlarne tra detrattori dà un certo gusto, sarebbe forse meglio ignorarlo... sicuramente contribuirebbe a smontare questo colosso dai piedi d'argilla.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 1 month later...
Guest Fede_Rinhos

Non mi ha fatto ridere la vignetta, ma l'idea che autori così politicamente corretti se la prendano (finalmente) con Allevi.

ahem, evidentemente c'è qualcosa che mi sfugge :D

cmq voi preferite questa imitazione:


/>http://video.corriere.it/parodia-giovanni-allevi/7cfc2a00-4150-11dd-9ccf-00144f02aabc

o questa:


/>http://www.youtube.com/watch?v=0s_8cpT4hGg

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ahem, evidentemente c'è qualcosa che mi sfugge :D

cmq voi preferite questa imitazione:


/>http://video.corriere.it/parodia-giovanni-allevi/7cfc2a00-4150-11dd-9ccf-00144f02aabc

o questa:


/>http://www.youtube.com/watch?v=0s_8cpT4hGg

Io preferisco quella di Checco, ma in particolare quella dello zalone show di un annetto fa, che faceva davvero scompisciare (purtroppo sul tubo non c'è più).

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

a me onestamente non fa ridere neanche questo, ma vabbe'...

ero certissimo che lo avresti scritto :D

quello invero è solo l'incipit di una storiella di due pagine ogni settimana, magari se provassi a leggerla per intero potresti persino trovarla divertente, specie perché l'autore (che non è Vauro, ma Spataro), sbertuccia l'ascolano con gli stessi argomenti che spesso utilizziamo qui, dimostrando che si, sarà pure un bieco sinistrorso, ma di musica capisce qualcosa :D

Non mi ha fatto ridere la vignetta, ma l'idea che autori così politicamente corretti se la prendano (finalmente) con Allevi.

come sopra caro Nitriero, la satira tra l'altro va ben oltre il colore politico, se è fatta con professionalità.

questo non è un forum di politica.

...ma basta nominare Vauro per far storcere nasi :D

ragazzi, voi dite di non voler parlare di politica, ma indirettamente rimarcate sempre certe differenze.

Forse siete giovani e non sapete cosa è stato il Male per questo Paese..... piccola lezione di storia della satira

chiudo qui, tanto ogni volta che scrivo qualcosa, va sempre a finire nello stesso modo. :bye:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ero certissimo che lo avresti scritto :D

quello invero è solo l'incipit di una storiella di due pagine ogni settimana, magari se provassi a leggerla per intero potresti persino trovarla divertente, specie perché l'autore (che non è Vauro, ma Spataro), sbertuccia l'ascolano con gli stessi argomenti che spesso utilizziamo qui, dimostrando che si, sarà pure un bieco sinistrorso, ma di musica capisce qualcosa :D

Anche se la precisazione non è rivolta a me... questo non lo metto in dubbio, pur non avendo letto la storia in questione.

come sopra caro Nitriero, la satira tra l'altro va ben oltre il colore politico, se è fatta con professionalità.

Sì caro Asgarour, peccato che la satira di Vauro goda di molta più visibilità e che a lui tutto o quasi sia concesso, anche le cose più oltraggiose. Capisco perfettamente quello che vuoi dire, e sostanzialmente lo condivido. Ma, ed è questione di gusti, a me il 99% di quello che fa Vauro fa vomitare.

...ma basta nominare Vauro per far storcere nasi :D

ragazzi, voi dite di non voler parlare di politica, ma indirettamente rimarcate sempre certe differenze.

Forse siete giovani e non sapete cosa è stato il Male per questo Paese..... piccola lezione di storia della satira

chiudo qui, tanto ogni volta che scrivo qualcosa, va sempre a finire nello stesso modo. :bye:

Ho i capelli brizzolati... "Il Male" me lo ricordo benissimo... Io potrei dire che basta criticare Vauro per essere messi all'indice come inquisitori e beceri reazionari... ma idem come sopra, senza polemica. :)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.


×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy