Jump to content

Quale compositore americano preferite?


bruyland

Chi è secondo voi il compositore più rappresentativo della musica americana?  

103 members have voted

  1. 1.

    • Charles Ives (1874-1954)
      24
    • George Gershwin (1898-1937)
      33
    • Aaron Copland (1900-1990)
      11
    • Elliot Carter (1908)
      2
    • Samuel Barber (1910 - 1981)
      5
    • John Cage (1912-1992)
      8
    • Leonard Bernstein (1918 - 1990)
      8
    • Steve Reich (1936)
      3
    • Philip Glass (1937)
      3
    • Roy Harris (1898-1979)
      0
    • George Rochberg (1918-2005)
      0
    • Carl Ruggles (1876-1971)
      1
    • William Schuman (1910-1992)
      2
    • Peter Mennin (1923-1983)
      0
    • Ned Rorem (1929)
      0
    • Henry Cowell (1897-1965)
      1
    • Charles Wuorinen (1938)
      0
    • John Corigliano (1938)
      0
    • George Crumb (1929)
      0
    • altri
      3


Recommended Posts

  • Replies 151
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • 1 month later...
  • 1 month later...

Assolutamente Gershwin. Perchè nessuno cita oltre alla celeberrima Rapsodia in Blu (la cui orchestrazione è di Ferde Grofè, altro possibile candidato per il sondaggio) e al Concerto in Fa altri tre lavori di Gershwin: Second Rhapsody, un brano purtroppo sconosciuto ai più; Cuban Rhapsody, un'originale composizione per orchestra decisamente affascinante; e Porgy and Bess, l'opera che per prima ha unito jazz e classica e che è unanimamente considerata il capolavoro del compositore?

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...
Guest Lenny

il resto è noia e molto spesso vera e propria irritazione..... classica e yankees non lo reputo un felice connubio.

4403276783_9a453da6a3_m.jpg<..."Ma va laaa va laaa, ma cosa sta dicendo? Ma non è affatto vero! Ma daaaaii"

:rofl:

Link to comment
Share on other sites

Guest Lenny

Assolutamente Gershwin. Perchè nessuno cita oltre alla celeberrima Rapsodia in Blu (la cui orchestrazione è di Ferde Grofè, altro possibile candidato per il sondaggio) e al Concerto in Fa altri tre lavori di Gershwin: Second Rhapsody, un brano purtroppo sconosciuto ai più; Cuban Rhapsody, un'originale composizione per orchestra decisamente affascinante; e Porgy and Bess, l'opera che per prima ha unito jazz e classica e che è unanimamente considerata il capolavoro del compositore?

Bravo Alfred!!! :ok:

Link to comment
Share on other sites

  • 8 months later...
Guest Kowalski

Ho votato Charles Ives, che ritengo storicamente fondamentale nel 900 e non solo per la musica USA. Apprezzo però molti pezzi un pò di tutti i compositori citati, escluso Corigliano.

Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...
Guest Fede_Rinhos

Nessuno.

Ma se proprio debbo scegliere, Bernstein e a seguire Nancarrow. Il fatto è che sono allergico agli USA: ideologicamente, culturalmente e spesso musicalmente.

:english_en::hunter::english_en::hunter:

una volta la pensavo come te. Poi, devo dire, mi sono molto ricreduto. In effetti c'è quasi da pensare che la vera Arte, nel XX secolo, l'abbiano fatta solo loro :)

Link to comment
Share on other sites

Guest Fede_Rinhos

e comunque mica parlo solo dei minimalisti. Ma anche di Cage, di Rauschenberg, di Andy Warhol, di Sol Lewitt (vabe', lui è minimalista :D ), Nam June Paik...loro hanno avuto veramente una freschezza tipica dei popoli senza storia né cultura. Invece, nel "vecchio continente", si rischia sempre di cadere nel desueto, o peggio, nell'avanguardismo fine a sé stesso.

Link to comment
Share on other sites

e comunque mica parlo solo dei minimalisti. Ma anche di Cage, di Rauschenberg, di Andy Warhol, di Sol Lewitt (vabe', lui è minimalista :D ), Nam June Paik...loro hanno avuto veramente una freschezza tipica dei popoli senza storia né cultura. Invece, nel "vecchio continente", si rischia sempre di cadere nel desueto, o peggio, nell'avanguardismo fine a sé stesso.

E quella marea di grandi compositori europei? Prokofiev, Stravinksy, Shosta, Hindemith, Schönberg, ecc. ecc. ecc. ecc.? Mi sembra esagerato (anzi, per me proprio sballato) dire che solo gli americani hanno la vera arte nel '900.

Link to comment
Share on other sites

Guest Fede_Rinhos

E quella marea di grandi compositori europei? Prokofiev, Stravinksy, Shosta, Hindemith, Schönberg, ecc. ecc. ecc. ecc.? Mi sembra esagerato (anzi, per me proprio sballato) dire che solo gli americani hanno la vera arte nel '900.

ribadisco quello che ho detto: tu parli di grandi compositori indubbiamente....ma appunto, come ho detto, si ricade nel desueto (non per niente per Prok, Strav e Hindemith si parla di "neoclassicismo" e per Shosta di una sorta di "tardoromanticismo modernista") o nell'avanguardismo un po' "ottuso" (e qui il povero Schoenberg, per quanto grande, ci sta in mezzo...) ;)

in realtà forse Cage e Schoenberg hanno in comune molto più di quello che si può pensare...entrambi comunque hanno spinto la gente a considerare la musica in senso più lato di quello che si era fatto sinora (Cage era per la "concretezza" dei suoni, e Schoenberg per la perfetta egualità gerarchica delle note)...però boh, mi sembra che le innovazioni del primo siano state più genuine di quelle del secondo...e più influenti ;)

Link to comment
Share on other sites

ribadisco quello che ho detto: tu parli di grandi compositori indubbiamente....ma appunto, come ho detto, si ricade nel desueto (non per niente per Prok, Strav e Hindemith si parla di "neoclassicismo" e per Shosta di una sorta di "tardoromanticismo modernista") o nell'avanguardismo un po' "ottuso" (e qui il povero Schoenberg, per quanto grande, ci sta in mezzo...) ;)

in realtà forse Cage e Schoenberg hanno in comune molto più di quello che si può pensare...entrambi comunque hanno spinto la gente a considerare la musica in senso più lato di quello che si era fatto sinora (Cage era per la "concretezza" dei suoni, e Schoenberg per la perfetta egualità gerarchica delle note)...però boh, mi sembra che le innovazioni del primo siano state più genuine di quelle del secondo...e più influenti ;)

la caratteristica fondamentale della musica americana è che i compositori si sono fatti meno pippe mentali e sono più liberi concettualmente. Non è un problema solo di mancanza di retroterra culturale e di tradizioni, ma proprio è un modo diverso di pensare il suono e l'approccio alle note. Ammiro molto tutte queste peculiarità, senza la musica statunitense il mondo sarebbe meno bello.

Link to comment
Share on other sites

Guest Fede_Rinhos

la caratteristica fondamentale della musica americana è che i compositori si sono fatti meno pippe mentali e sono più liberi concettualmente. Non è un problema solo di mancanza di retroterra culturale e di tradizioni, ma proprio è un modo diverso di pensare il suono e l'approccio alle note. Ammiro molto tutte queste peculiarità, senza la musica statunitense il mondo sarebbe meno bello.

devo ammettere che da te non me l'aspettavo :o

Link to comment
Share on other sites

devo ammettere che da te non me l'aspettavo :o

e perchè ? Ascolto tonnellate di musica statunitense e praticamente tutto il repertorio che si sente su Wellesz è opera mia :D E' noto da secoli che sono ammiratore della musica americana (non del minimal, sia chiaro :D)

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy