Vai al contenuto
floret

utilità legature

le legature o fascette influiscono sull'emissione del suono?  

52 voti

  1. 1. le legature o fascette influiscono sull'emissione del suono?

    • SI
      43
    • No
      8


Recommended Posts

ciao a tutti,

ho sempre saputo che le fascette o legature sono importanti per l'emissione del suono. ma ultimamente ho sentito un'amica che in un master class carl leister ha detto ,in modo molto simpatico (non posso descrivere come, per brevità) che va bene anche un laccio di scarpe per fissare l'ancia. se lo dice lui sicuramente sa cosa dice. però non sono sicuro che quest'amica mi ha detto la verità o ha capito bene.

quindi mi rivolgo a voi per sapere cosa ne pensate delle legature visto che ce ne sono da 4 € e da 100. sono veramente così influenti sul suono o no?

resto in attesa di Vs commenti.

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest xni

con un sistema tedesco in effetti il laccio per scarpe è perfetto, ma è la tua sensibilità a determinare la tensione della corda.

per i boehm la legatura influisce; almeno, io ne uso una banalissima (visto che tanto per ora ci studio e basta) costerà 3€, ma ne ho diverse altre e in effetti quale più quale meno hanno caratteristiche di emissione e suono differente. ad esempio ho una ripamonti ad anello (forse 76€ ...) , metallica placcata in argento che sembra migliorare di parecchio la proiezione, altre che assecondano meglio lo staccato (la rovner) 20 €.

non sono minimamente in grado di dire se una sia migliore delle altre (se non quella che alla fine uso di più) ma di sicuro noto delle differenze fra le legature

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

molti reputano che legare l'ancia al bocchino tramite un laccio sia la miglior cosa ma bisogna saperlo fare e ti assicuro che non è per niente semplice..comunque per quanto riguarda le legature(fascette) ce ne sono un infinità di modelli che indubbiamente condizionano le vibrazioni dell'ancia e di conseguenza il suono del clarinetto.. secondo me non sono di vitale importanza ma fanno la loro parte.. devi provarne diverse, anche perchè ora ce ne sono alcune che hanno diverse soluzioni di applicazioni, poi scegliere quella che secondo te è la migliore.. io attualmente suono con una OPTIMUM della VANDOREN con la placca N° 2 ma a volte prendo anche la ROVNER EVO5 oppure la BG in pelle con il laccetto rosso.. :):)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao ragà, dopo tanti anni anche io mi trovo a chiedermi l'utilità o meno di fascette super costose, fino ad ora ho realizzato che una vale l'altra , parola d'onore.

molti reputano che legare l'ancia al bocchino tramite un laccio sia la miglior cosa ma bisogna saperlo fare e ti assicuro che non è per niente semplice..comunque per quanto riguarda le legature(fascette) ce ne sono un infinità di modelli che indubbiamente condizionano le vibrazioni dell'ancia e di conseguenza il suono del clarinetto.. secondo me non sono di vitale importanza ma fanno la loro parte.. devi provarne diverse, anche perchè ora ce ne sono alcune che hanno diverse soluzioni di applicazioni, poi scegliere quella che secondo te è la migliore.. io attualmente suono con una OPTIMUM della VANDOREN con la placca N° 2 ma a volte prendo anche la ROVNER EVO5 oppure la BG in pelle con il laccetto rosso.. :)  :)

<{POST_SNAPBACK}>

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io penso sia molto importante,anche se il cambiamento all'occhio (meglio all'orecchio) dell'ascoltatore può sembrare molto limitato. Cambia il feeling che si ha con lo strumento. Io ho suonato per tanti anni con le legature in tessuto,sin dagli inizi. Invece sono 3 anni che suono con la BG tradition (per intenderci quella che usa carbonare): appena provatta quella argentata il clarinetto mi sembrava completamente diverso. L'ho tenuta per un anno,proma di passare ad un'altra BG tradition,questa volta bagnata in oro. è a dir poco stupenda sia come facilità di emissione che come volume di suono,e poi soprattutto fa davvero un bell'effetto di contrasto con la meccanica argentata. Ma la spesa (intorno ai 110) vale la pena? Io lo rifarei....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

secondo me dipende dalla scuola di pensiero da cui il proprio maestro proviene, il mio mi ha chiaramente fatto capiree che non è la legatura che fà migliorare o peggiorare l'emissione o lo staccato (lingua e diaframma, colonna d'aria, capacità di cambiare aria, ecc a cosa servirebbero altrimenti?)

se fosse per me, non cambiarei la legatura originale del clarinetto, (se non è rotta). però è vero anche che il nostro strumento è diciamo un pò fermo come innovazioni, per cui se si riesce a migliorare realmente ben vengano tutti i nuovi accessori. ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche il mio insegnante ha detto la stessa cosa (vedi commento di isab77). però mi sembra strano che case come la vandoren dicano che ci sono differenze di emissione tant'è che hanno diversi tipi di legatura. boh! io uso una di pelle per il sax e non ho notato nessuna differenza con quella originale della yamaha. è anche vero che sono oggetti di circa 15 anni fa. boh?!?! I'm puzzled

nel caso mi sapete suggerire una economica tanto per provare se c'è differenza con la mia di pelle. grazie

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Io penso sia molto importante,anche se il cambiamento all'occhio (meglio all'orecchio) dell'ascoltatore può sembrare molto limitato. Cambia il feeling che si ha con lo strumento. Io ho suonato per tanti anni con le legature in tessuto,sin dagli inizi. Invece sono 3 anni che suono con la BG tradition (per intenderci quella che usa carbonare): appena provatta quella argentata il clarinetto mi sembrava completamente diverso. L'ho tenuta per un anno,proma di passare ad un'altra BG tradition,questa volta bagnata in oro. è a dir poco stupenda sia come facilità di emissione che come volume di suono,e poi soprattutto fa davvero un bell'effetto di contrasto con la meccanica argentata. Ma la spesa (intorno ai 110) vale la pena? Io lo rifarei....

<{POST_SNAPBACK}>

ti ho mai detto che sei un mito??? spero di vederti presto!!!! saluta il maestro da parte mia! ciaociao! R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti, sono nuovo di questo forum..

per quanto riguarda le legature.. bè, ne ho provate molte, anzi, moltissime, penso sia una cosa soggettiva.. Personalmente preferisco quelle metalliche (tradiotional bg oro in testa), ma sono del parere che non alterino più di tanto la performance.. molto più importante l'ancia e, soprattutto, lo strumento..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Magari sono un po' in ritardo ma è lo stesso... dico la mia... Secondomo c'è una differenza sostanziale tra i diversi tipi di fascetta vorrei prendere una optimum della vandoren, ma da quando ho preso la "cuir" sempre della vandoren mi trovo da 10... a volte uso anche una bg con un pezzo d'oro che tiene l'ancia e ha un suono più brillante rispetto a quella della vcandoren che ha un suono più scuro...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti!

Oggi per la prima volta ho cambiato fascetta: da quella di base che danno col clarinetto sono passato alla optimum della vandoren.

E' ancora presto per un giudizio ma di primo acchitto mi sembra che l'ancia vibri meglio e riesco a suonare ad un volume più basso.

Una sola domanda: c'è qualcuno che sa dirmi precisamente in cosa differiscono le tre placchette?

Tecnicamente cosa dovrebbe cambiare da placchetta a placchetta?

Su internet non sono ancora riuscito a trovare informazioni...

Grazie anticipatamente delle risposte... :)

Ale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dovresti andare sul sito della Vandoren sotto "ligatures et couvre-becs", poi sotto "choix de trois différentes plaquettes de pression" e lì trovi lo schemino. Non so se te la cavi col francese ... o se il sito è tradotto in italiano. Se non riesci a capire quando ho un attimo di tempo te lo traduco!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Una sola domanda: c'è qualcuno che sa dirmi precisamente in cosa differiscono le tre placchette?

Tecnicamente cosa dovrebbe cambiare da placchetta a placchetta?

<{POST_SNAPBACK}>

Ciao,

anche io uso la Vandoren Optimum e ricordo che all'interno della confezione c'era un foglietto in cui veniva spiegato esattamente la differenza delle 3 placchette, anche tradotto in italiano (in inglese c'era di sicuro).

Comunque se non ricordo male quella tutta liscia da' completa libertà di espressione, quella che trovi montata sulla legatura invece per avere un suono ben centrato, la terza non ricordo...

Ciao

Angelo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nella mia confezione non ho trovato nessun foglietto! Acc...

Cmq nessuna placchetta è completamente liscia...

Quella montata è ondulata, poi c'è quella con 4 punti e infine quella con due linee orizzontali. :rolleyes:

A.

Correzione: Come consigliato ho visitato il sito Vandoren e ho trovato l'informazione (in inglese).

Grazie a tutti! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nella mia confezione non ho trovato nessun foglietto! Acc...

Cmq nessuna placchetta è completamente liscia...

Quella montata è ondulata, poi c'è quella con 4 punti e infine quella con due linee orizzontali.  :rolleyes:

A.

Correzione: Come consigliato ho visitato il sito Vandoren e ho trovato l'informazione (in inglese).

Grazie a tutti! :)

<{POST_SNAPBACK}>

Opsss ... non ho neanche preso in considerazione il sito in inglese ... sono abbastanza allergica a questa lingua ... me la cavo meglio con il francese :P

Comunque sono contenta che hai trovato quello che cercavi ... comunuqe nella mia confezione della legatura c'era il foglietto con le istruzioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eheh anche io con l'inglaso ci faccio a pugni...ho sempre avuto il debito alle superiori :ph34r:

Cmq con il mio strumento da studio non noto differenze significative tra la placchetta ondulata e quella con le linee orizzontali...quella con i 4 punti invece crea un suono più libero, aperto.

A.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Eheh anche io con l'inglaso ci faccio a pugni...ho sempre avuto il debito alle superiori  :ph34r:

Cmq con il mio strumento da studio non noto differenze significative tra la placchetta ondulata e quella con le linee orizzontali...quella con  i 4 punti invece crea un suono più libero, aperto.

A.

<{POST_SNAPBACK}>

Io devo ammettere che non sono la clarinettista più fine su questa terra ... comunque quando usavo un becco Vandoren B45 con il punto, il mio staccato se usavo la placchetta ondulata era migliore ... come dire più preciso. Adesso che uso un becco in cristallo non la posso più usare ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una cosa è sicura : dopo barilotto e becco, la cosa più utile da fare è trovare buone ance e buona legatura; in molti anni di suono le ho provate tutte.

Secondo me le migliori sono: in assoluto Vandoren optimum; per acuti e staccato si mette quella longitudinale (riga parallela all' ancia); per suono pastoso quella con quattro puntini; per altri usi meno ricercati quella con i due tagli trasversali (per me la meno significativa).

Per gli appassionati, se non fate note acutissime (ma fino al SI acuto arriva benissimo la rRovner Eddie Daniels II è spaziale; ha 12 posizioni con due placche diverse e lavora bene con ogni becco, anche di vetro.

Per le BG su tutte anche per MIb consiglierei (costa metà della Rovner e un terzo in meno della Vandoren) la BG SR oro con pelle e linea verde; avrete ottimo staccato e un controllo anche in alto ottimo a un costo adeguato.

Se siete degli sperimentatori e magari già suonate con questa altra un sax, allora la Francoix Louis in metallo ( originale il castello a stanghette e il copribecco minimalista); lavora bene in alto e da un ottimo suono; a parer mio perde un pò di controllo in musica classica.

Per i fanatici della germania: Klassik in corda della Vandoren , un megalaccio che si stringe su ancia e becco e vi da un suono pastoso e una buona potenza; ottima come seconda legatura o per muletto; a me piace molto anche come sonorità, ...de gustibus...

Per tutti quelli che vogliono suonare e raramente arrivano al sol acuto; che magari fanno jazz e cercano armonici...tutti quei bei lacci BG, Rovner, etc.....; per alcuni puristi quelle metalliche con sughero sotto e rovesciate (es...vandoren); per chi si compra un buffet nuovo è presente una bella legatura argentata e un bel becco aperto di serie che suonanon bene e fino al livello intermedio (primi tre/quattro anni di conservatorio non sono da buttare, anche se il VS insegnante vi proporrrà un B40, un B45 oppure un 5RV e la fascetta da lui preferita.....metodo errato ma in voga).

La regola è provatene tante, provatele tutte, studiate con quel che vi dicono ma comprate anche ciò che vi sentite meglio per quando sarete grandi e dei professionisti in cerca di un loro suono...alla prossima per la voce barilotti (vedasi barilotti).

F.to polistrumentista 40 anni di esperienza (suono tutti i sax e tutti i clarinetti)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

per me e' tutta una trovata commerciale.una semplice fascetta in metallo e' piu' che sufficiente credimi, nn sono queste cose che fanno un clarinettista un grande

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Io penso sia molto importante,anche se il cambiamento all'occhio (meglio all'orecchio) dell'ascoltatore può sembrare molto limitato. Cambia il feeling che si ha con lo strumento. Io ho suonato per tanti anni con le legature in tessuto,sin dagli inizi. Invece sono 3 anni che suono con la BG tradition (per intenderci quella che usa carbonare): appena provatta quella argentata il clarinetto mi sembrava completamente diverso. L'ho tenuta per un anno,proma di passare ad un'altra BG tradition,questa volta bagnata in oro. è a dir poco stupenda sia come facilità di emissione che come volume di suono,e poi soprattutto fa davvero un bell'effetto di contrasto con la meccanica argentata. Ma la spesa (intorno ai 110) vale la pena? Io lo rifarei....

nn ti sei trovato perche il metallo vibra,hai sentito troppi armonici acuti e sei ricorso di nuovo a una fascetta in pelle che "attufa" il suono

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy