Vai al contenuto
MAX

Emissione

Recommended Posts

B GIORNO A TUTTI,

LE NOSTRE DISCUSSIONI SPAZIANO IN OGNI DOVE E COME SI FA' NEI BANCHETTI A BUFFET (CRAMPON NON C'ENTRA), SI SPIZZICANO INFORMAZIONI QUA E LA PASSANDO DAGLI ANTIPASTI AL DOLCE PER RITORNARE AGLI AFFETTATI. PREMESSA FATTA, SI PARLA SPESSO DI RESPIRAZIONE DEL DIAFRAMMA, E QUINDI MI E' SORTO IL DUBBIO........VUOI VEDERE CHE RESPIRO MALE E NON RESPIRO CON IL DIAFRAMMA?

COME POSSO SAPERE SE RESPIRO CORRETTAMENTE, NON POTENDOMI CONFRONTARE DAL VIVO CON ALTRI CLARINETTISTI OD INSEGNATI? QUALI SONO GLI ESERCIZI FONDAMENTALI DELLA RESPIRAZIONE DIAFRAMMATICA?

IO HO QUALCHE NOZIONE PRATICA DELLA RESPIRAZIONE PER CANTANTI TENDENTE A CREARE UNA COLONNA SONORA CONTINUA PROVENIENTE DAL BASSO DELLA "PANCIA". SONO ANCHE AL CORRENTE DELLA TECNICA DEFINITA DEL SOFFIO CONTINUO (MA QUESTO E' UN ALTRO DISCORSO).

FACCIO UN CARO SALUTO DI BENVENUTO SUL FORUM AD ANTONIO FRAIOLI CHE HO INTRAVISTO IN UNA DISCUSSIONE, A LUI UN'ANNETTO FA AVEVO CHIESTO INFORMAZIONI DI DIVERSO TIPO SUL CLARINETTO OVVIAMENTE, E MI AVEVA DATO LA SUA CORTESE DISPONIBILITA', SOLO CHE SUCCESSIVAMENTE HO SCOPERTO QUESTO MAGICO FORUM CHE HA DATO UNA RISPOSTA AD OGNI MIO QUESITO.

VOSTO B) MAX

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao MAX! :)

Per vedere se quando suoni usi il diaframma devi controllare che nella inspirazione si "gonfi" la pancia appena sotto il costato e che non si muovano spalle e petto. Per quanto riguarda gli esercizi di respirazione uno utile è di sdraiarti e respirando sollevare un peso posto sulla pancia (ad esempio qualche libro). Se realmente non usi il diaframma nel giro di una settimana sarai apposto e dopo rinforzerarai ancora il metodo e l'immissione diventerà tutta un'altra cosa! ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ti consiglio pure questo esercizio...

...allora, da seduto, chinati in avanti e rilassati. Gonfia la pancia e vedrai che sentirai tirarti intorno alla cinta. Puoi gonfiare il petto (così hai + aria) ma non le spalle! Una volta che stai pieno di aria, trattienila come se stessi in apnea, ma fai in modo che vada subito a pressione (spingendola ovviamente), come se stessi per suonare. Poi soffia, spingendo con il diaframma, dalla bocca come se fossi un compressore, cioè sempre costante! E' questo il difficile! Spingere dall'inizio alla fine sempre uguale! Dobbiamo essere dei compressori di aria!

Spero di essere stato chiaro, cmq è meno complicato di quello che sembra

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ti consiglio pure questo esercizio...

...allora, da seduto, chinati in avanti e rilassati. Gonfia la pancia e vedrai che sentirai tirarti intorno alla cinta. Puoi gonfiare il petto (così hai + aria) ma non le spalle! Una volta che stai pieno di aria, trattienila come se stessi in apnea, ma fai in modo che vada subito a pressione (spingendola ovviamente), come se stessi per suonare. Poi soffia, spingendo con il diaframma, dalla bocca come se fossi un compressore, cioè sempre costante! E' questo il difficile! Spingere dall'inizio alla fine sempre uguale! Dobbiamo essere dei compressori di aria!

Spero di essere stato chiaro, cmq è meno complicato di quello che sembra

pendi dalle labbra di Carbonare caro Opeth(e fai bene)

comunque se quando suoni anche per più ore il labbro nn ti fa male allora stai usando il diaframma se no impara con i consigli di cui sopra

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Magari bastassero i consigli dati nel forum per respirare correttamente.

Io andrei da qualche bravo insegnante per vedere come si fa ed avere la conferma che sto facendo bene.

Buona fortuna! :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

due esercizi che avevo postato nel vecchio forum come jazzy... mi rendo conto che sono piuttosto difficili, ma sono ottimi, li ho usati anche per canto.

ESERCIZIO 1

Questo esercizio é per prendere meglio coscienza di cos'è la respirazione diaframmatica.

Anche se si parla tanto di respirazione diaframmatica, essa é molto piú ricca di quanto generalmente si pensi.

Il diaframma, infatti, per dirla semplice, é un muscolo molto lungo che ricopre tutta la parte addominale sia avanti che indietro, , arrivando fino alle natiche. In pratica una respirazione diagrammatica ben fatta non fa muovere solo la pancia ma anche la parte posteriore dell'addome e le natiche superiori.

Consigliere di provare prima a fare questo (senza clarinetto) e poi passare quello sotto per poter usare il ritmo 4-8-12-2 con la respirazione diaframmatica completa.

1) stai in piedi e raddrizzati bene (la colonna vertebrale diritta, il mento leggermente inclinato in giú)

2) poggia le palme delle mani sulle parti superiori esterne del sedere e premi (attenzione a non piegare i polsi premendo con essi. I gomiti spingono intanto all'indietro.

3) comincia a inspirare lentamente in maniera diaframmatica (il che in pratica ti fará contrarre i muscoli addominali superiori, ti appianerá la parte della pancia che si trova sotto la bocca dello stomaco e ti dará l'impressione che l'aria si stia espandendo in tutto il tuo tronco inferiore)

4) SENZA spingere in avanti la pancia cerca di contrarre invece TUTTI i muscoli addominali senza forzarli : adesso senti come le palme delle tue mani poggiate sulle parti superiori esterne del sedere si alzano leggermente : é il muscolo diaframmatico che le fa alzare....

Dopo un paio di volte che rifai l'esercizio per abituarti a sentir lavorare TUTTO il diaframma e ABITUARTI alle contrazioni dei muscoli addominali, prendi il clarinetto e suona dapprima note moooooooolto luuuuuunghe, poi esercizi con molti legati, poi esercizi con staccati.

Importante : quando suoni (espirando l'aria) i muscoli addominali stanno lavorando ancora, dapprima contraendosi in maniera controllata da te (il che ti fará perdere concentrazione sul suono) e poi, questo é un punto a cui devi tendere, in maniera controllata ma ormai istintiva (il che ti permetterá di concentrarti sul'ascolto del suono)

conclusione : usa TUTTO il diaframma per avere una buona respirazione e aiutati contraendo in giusta misura i muscoli addominali (il che ti servirà a dosificare l'aria suonando)

ESERCIZIO 2

Eccone uno molto semplice e molto effettivo (ma calcolare almeno mezzora e tranquillitá assoluta)

1) In una stanza aerata e con poca luce, possibilmente da solo o con altri che fanno la stessa cosa e con cui sei in confidenza, senza rumori di fondo che ti distraggono, stai in piedi e fermo, le gambe leggermente divaricate e i piedi quasi paralleli (per un buon appoggio).

2) Rilassati : chiudi gli occhi, magari massaggiati il viso varie volte, sbadiglia quanto vuoi (e se ti scappano rutti ecc. falli pure !). Fatta questa preparazione, ti senti piú rilassato e pronto a cominciare.

3) Sei in piedi e fermo, occhi chiusi, le gambe leggermente divaricate e i piedi quasi paralleli (per un buon appoggio), le braccia sono completamente rilassate e penzolanti (dimenticati di esse per un pò).

4) In questa posizione, sempre con gli occhi chiusi, respira normalmente per tanto tempo quanto ne hai bisogno per arrivare a una respirazione rilassata. Ti renderai conto di essere arrivato a una respirazione rilassata quando : il tuo respiro diventa piú lento, é gradevolmente ritmato e senza sussulti.

5) Mantieni gli occhi chiusi. Concentrati sul ritmo del respiro ma senza forzare nulla, in maniera naturale e spontanea :

- inspirare : contare fino a da 1 a 4

adesso inspiri l'aria piú profondamente, usi tutto il diaframma, cioé senti l'aria che si espande in tutto il tronco (vedi esercizio precedente)

- trattenere l'aria : contare da 1 a 8

l'aria che hai inspirato sta circolando e tu attendi che essa finisca il suo giro

- espirare: contare da 1 a 12

adesso soffia fuori l'aria - se vuoi puoi anche emettere dei suoni - (all'inizio dovrai regolare l'aria espulsa in maniera che al 12 sia davvero tutta fuori, comunque anche se passi il 12 e continui a espirare non importa, al prossimo respiro ti regolerai meglio)

- mantenere il respiro : contare 2

6) ripeti l'esercizio varie volte, e annota mentalmente il ritmo 4 - 8 - 12 - 2 e cerca di farlo esatto, cosa che ti riuscirá bene dopo una ventina di respiri (non ti preoccupare assolutamente se non ti riesce al primo respiro, c'é gente che impiega settimane e mesi per farlo bene !!!)

Bene. Adesso che hai fatto l'esercizio facciamo un pó di filosofia :

Ambiente tranquillo, aerato, senza rumori, senza distrazioni per la mente ecc. Ma dove siamo ? ai Caraibi o al centro di Milano ?

L'idea é proprio che anche se sei al centro di milano devi fare come se fossi ai caraibi.

Devi stare attento a seguire bene il ritmo 4 - 8 - 12 - 2 e devi concentrare su di esso la tua respirazione, inspirazione 4, trattenimento 8, espirazione 12 - mantenimento 2.

Ricorda che é un semplice esercizio, cioé qualcosa che ti serve per apprendere una tecnica.

FINALMENTE :

La cosa piú importante é che quando dominerai questo esercizio, allora potrai dedicarti a cercare il TUO ritmo, quello che piú ti va bene nelle 4 fasi della respirazione (e questo, a sua volta, ti servirá per la respirazione al clarinetto) ... Ma si deve cominciare sempre dal principio ...

... e buon lavoro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

........SONO ESTEREFATTO E GRATO PER LA TANTA PAZIENZA.

CONDIVIDO L'IMPORTANZA DEI FONDAMENTI DELLA RESPIRAZIONE SOPRATTUTTO PER LA VOCE E GLI STRUMENTI A FIATO, HO QUALCHE ESPERIENZA DI CANTO ARMONICO NEL QUALE SI APPLICANO LE TECNICHE CHE HAI ENUNCIATO.

AGGIUNGEREI ALLE CONSIDERAZIONI FATTE UN'INDICAZIONE DATAMI QUEST'ESTATE IN STAGE, QUELLA DI RECUPERARE QUANTO SPAZIO POSSIBILE NELLE CAVITA' ORALI E DEL COLLO PER CONSENTIRE DI ACCUMULARE PIU' ARIA

POSSIBILE (IMPOSTAZIONE JAZZ).

B) VOSTRO MAX

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno a tutti !

Come ho già avuto modo di dire e ripetere in altre occasioni, questo sito costituisce

l'UNICO mio appoggio per apprendere nozioni e ulteriori conoscenze sulla tecnica

del clarinetto (sempre e comunque a livello "dilettantistico ed amatoriale").

Ho iniziato a suonare da circa 6 mesi e trovo notevoli difficoltà nell'effettuare la respirazione diaframmatica che - mi sembra di capire - sia basilare per suonare il clarinetto.

Cioè : come posso sapere se la mia respirazione è corretta, mentre suono lo strumento ? C'è qualche sistema per riuscire a migliorare la tecnica di respirazione ? E' normale che, dopo un po' di tempo che suono mi senta come un "nodo" nella parte alta della gola (cioè tra naso e gola) che mi impedisca di continuare a soffiare con naturalezza ?

Sono sicuro che la grande generosità e la notevole esperienza che contraddistingue i componenti di questo forum mi sarà ancora una volta di aiuto per risolvere questi miei problemi (magari anche per indicarmi qualche sito sull'argomento).

Grazie ancora a tutti e . . . a presto !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

CIAO NESOS,

A PAGINA 4 DEL FORUM GENERALE, SOTTO "RESPIRAZIONE DIAFRAMMATICA"

ANCH'IO HO POSTO LA STESSA DOMANDA, VEDRAI CHE LE RISPOSTE SONO STATE MOLTO INTERESSANTI!

SALUTI VS MAX B)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

riporto l'intervento di FRAIOLI sulla emissione e sulle posizioni della labbra:

Prova a suonare qualche minuto solo con il becco e l'ancia. Potrai facilmente scoprire come cambia l'altezza del suono emesso a seconda della pressione esercitata dal labbro inferiore sull'ancia. Più il suono emesso è basso e meno stai stringendo. Ti consiglio anche di prestare attenzione al tipo di emissione dell'aria. Prova a soffiare pensando di dover appannare un vetro (colonna d'aria grande) piuttosto che pensando di dover spegnere una candela (colonna d'aria più stretta). Anche questo ti abbasserà il suono. Dopo qualche minuto prova a suonare con tutto lo strumento cercando di mantenere un assetto il più possibile simile a quello che ti permetteva di ottenere un suono basso con il solo becco. Alterna esercizi con lo strumento e con il solo becco. In genere funziona bene....

A presto

Antonio

http://www.antoniofraioli.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

CIAO A TUTTI !

Sono sempre quello del "Ripamonti in DO" che si diletta ad interpretare (e "rovinare") brani di liscio e canzonette, tanto per mero divertimento.

In effetti però, soprattutto grazie ai vostri consigli, qualche piccolo progresso da quando ho iniziato a strimpellare (luglio scorso) mi sembra di averlo riscontrato, tanto nella tecnica, quanto nella respirazione e soprattutto nell'emissione del suono dal clarinetto.

A proposito di questo ultimo argomento, mi sembra che lo strumento - pur abbastanza intonato - emetta un suono piuttosto "stridulo", crudo rispetto ad altri strumenti che ho ascoltato in registrazioni varie e a quello di un mio amico che mi ha fatto provare (il suo è un Noblet).

E' possibile che ciò dipenda dal bocchino (dovrebbe essere un B 40), dal sottoscritto o da qualche altra variabile ?

Potreste eventualmente indicarmi qualche bocchino magari più adatto per il liscio e i negozi dove potrei provarlo (zona Genova o Piacenza) ?

ANCORA (COME SEMPRE) GRAZIE INFINITE A TUTTI !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ho anch'io ho un Ripamonti in do.

In effetti il suono è un po' stridulo.

Il Noblet a cui ti riferisci è anch'esso in do? e quanto costa?

Ciao

costa un casino per via della camera insonorizzata (vedere discussione omonima) ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ho anch'io ho un Ripamonti in do.

In effetti il suono è un po' stridulo.

Il Noblet a cui ti riferisci è anch'esso in do? e quanto costa?

Ciao

T rispondo volentieri perchè finalmente sono riuscito a trovare un membro di questo forum che ha lo strumento uguale al mio (per marca ed intonazione) !

Il mio amico mi ha detto che ha acquistato il Noblet (in DO) nuovo circa cinque o sei anni fa e lo ha pagato 1.500.000 di vecchie lire (non so altro).

Vorrei ora sapere da te (se non ti spiace) :

Che tipo di musica suoni prevalentemente ?

Il bocchino che utilizzi è quello di serie dello strumento (dovrebbe essere un b 40), oppure ne hai preso uno diverso ?

E le ance (marca, spessore ecc.) ?

Ti chiedo queste cose perchè non avendo un insegnante o comunque qualcuno con cui rapportarmi e far vedere lo strumento, devo necessariamente fare riferimento ad altre persone che hanno il mio stesso tipo di strumento.

GRAZIE ANCORA E A PRESTO !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

MI AUGURO CHE SIATE CLARINETTISTI, MA MI DISPIACI DIRVI CHE AVETE ADOPERATO LA TERMINOLOGIA SBAGLIATA:

IL CLARINETTO NON HA MAI IL SUONO STRIDULO BENSì ACUTO IN QUANTO IL TIMBRO DI QUESTO STRUMENTO NASCE DI PER Sè DOLCE E MELODIOSO

INVECE QUESTA TERMINOLOGIA SARà ADATTA AL VIOLINO!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da parte mia (che non sono assolutamente un clarinettista) chiedo umilmente venia !

E' solo che il termine "stridulo" mi sembrava il più appropriato per descrivere il suono emesso dal mio strumento rispetto ad altri ascoltati dal vero o in varie registrazioni (sempre strumenti in DO).

Comunque grazie per le tue prescisazioni. Ho ancora moltissimo da imparare !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Da parte mia (che non sono assolutamente un clarinettista) chiedo umilmente venia !

E' solo che il termine "stridulo" mi sembrava il più appropriato per descrivere il suono emesso dal mio strumento rispetto ad altri ascoltati dal vero o in varie registrazioni (sempre strumenti in DO).

Comunque grazie per le tue prescisazioni. Ho ancora moltissimo da imparare !

ti assicuro che il clarinetto puo' essere anche stridulo........e poi essere striduli non sempre e' negativo, specie se la composizione lo richiede ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ciao leovictory ...

potresti dare un'occhiatina a questo testo:

IL CLARINETTO - Giuseppe Garbarino - Emissione e Tecnica - Edizioni Ricordi!  ...

io comiciai a studiare la respirazione ... con esso! :D  :rolleyes: ... Ros! ;)

<{POST_SNAPBACK}>

prova a vedere queste

respirazione diaframmatica

n.2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy