Vai al contenuto

Grandi jazzisti


glaucodisisifo
 Condividi

quale è stato il più grande per tecnica o estro improvvisativo?  

56 voti

  1. 1.

    • Leon Roppolo
      3
    • Sidney Bechet
      2
    • Pee Wee Russel
      2
    • Artie Shaw
      4
    • Benny Goodman
      24
    • Eddie Daniels
      18


Recommended Posts

  • Risposte 55
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

Vi chiedo scusa :P , ma avevo dato per scontato che li conosceste tutti. Non è da molto che bazzico questo forum e poiché ci sono arrivato da www.clarinetto.it non mi ero reso conto dello stampo classico (anche se nelle discussioni ho trovato molta apertura al jazz).

Ve li presento in breve cercando di non essere noioso: ;)

Sidney Bechet (New Orleans 1897-Garches 1959)

Clarinettista di puro stile New Orleans. Autodidatta, ha imparato a suonare quasi tutti gli strumenti del jazz con preferenza per il clarinetto e per il sax soprano. Dopo la seconda guerra mondiale si stabilisce in Francia, diventando l'idolo di migliaia di amatori e il polo d'attrazione di tutte le iniziative jazzistiche.

Era uno che col clarinetto faceva i fuochi d’artificio, a chi non lo ha mai ascoltato consiglio di sentirlo con cautela (potrebbe farvi impazzire e decidere di bruciare lo strumento!! :blink: ). Ha inciso molto e si trovano facilmente tanti dischi (anche economici e questo non guasta mai ;) ).

Leon Roppoplo (Lutcher, Louisiana, 1902-New Orleans 1943)

Clarinettista jazz bianco statunitense. Personaggio mitico, questo oriundo italiano è tra gli inventori di questa musica., di lui restano solo pochi dischi, incisi con i New Orleans Rhythm Kings, ma se riuscite a trovarli potete ascoltare il miglior controcanto della storia del jazz. Roppolo ricamava quando a Chicago suonava al Friar’s Inn, sotto la protezione di Al Capone. Forse il whisky era annacquato, ma quel clarinetto ti sbronzava anche da asciutto ^_^ . Fu l'unico musicista bianco di stile New Orleans ad avvicinarsi all'intensità espressiva dei grandi clarinettisti neri.

Visse un’esistenza tragica ed emarginata che lo portò a morire di stenti in un manicomio nel’43.:wacko:

Pee Wee Russel (Saint Louis, Missouri, 1906-Alexandria, Virginia, 1969)

Clarinettista dixieland bianco statunitense (al secolo Charles Russell, nessuna madre può avere il coraggio di chiamare suo figlio Pee Wee :) ). Ha inciso con quasi tutti i grandi del jazz classico, ma forse ha dato il meglio di sé col pianista J. P. Johnson. Il suo timbro al clarinetto, sporco, raschiante, ora grottesco ora orrido, e la sua tecnica irregolare e sperimentale, gli hanno consentito di esprimersi anche con jazzisti di stile assai più moderno (Thelonious Monk, J. Giuffre) i puristi potrebbero sconvolgersi la capigliatura.

Artie Shaw (New York 1910, non mi risulta sia morto e spero che Dio lo conservi finché può :rolleyes: )

(Si chiamava Arthur Arshawsky, ma decise di semplificarsi la vita) clarinettista e direttore d'orchestra jazz statunitense. Strumentista dal suono immacolato e dolce (concordo con AleSax). La sua carriera è stata breve e intermittente. Ha avuto celebri mogli, tra cui Lana Turner e Ava Gardner (forse è vissuto a lungo perché si è trattato bene, spero di coglierne l’insegnamento e seguirne le orme! B) )

P.S.

Certo ce ne sono tanti altri (tra i miei preferiti che non ho citato: Johnny Dodds, Jimmie Noone, George Baquet, Lawrence Dewey, etc.), ma quelli che ho messo nel sondaggio sono il mio gotha personale!

Link al commento
Condividi su altri siti

Io voto mio cugino. E' bravissimo! si chiama beniamino buonuomo 

che nome da angioletto che ha tuo cugino...,

ma è per caso un cherubino jazzista??? :ph34r:

con questo nome lo beatificheranno,

gh... gh...gh... ci vuole un santo fra di noi pero' ! ;)

Già, la mia era una battutaccia. ;) Tra l'altro quello era il nome di Goodman imposto dal fascismo, nel goffo tentativo di italianizzare ogni parola straniera.

Fu così che il celebre "Saint Louis Blues" divenne "La tristezza di San Luigi"... :D :D :D

Link al commento
Condividi su altri siti

Già, la mia era una battutaccia. ;) Tra l'altro quello era il nome di Goodman imposto dal fascismo, nel goffo tentativo di italianizzare ogni parola straniera.

Fu così che il celebre "Saint Louis Blues" divenne "La tristezza di San Luigi"... :D :D :D

allibisco! :o

sapevo di Superman=Uragano e di Minnie=Mimma <_<

ma addirittura i nomi propri?!?! :o

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 4 weeks later...
  • 2 months later...

io voto

giovanni coltreno...john coltrane

carlo parcheri....charlie parker

arturo peperone....art pepper

stanchezza....stan getz

ornetto conlemani...ornette coleman

emilio devisi....miles davis

telonio monco....telonious monk

enrico dolfi....eric dolphy

giacomo giuffre'....jimmy giuffre'

davide sanborni....david sanborn

paolo desmondi...paul desmond

stefano conlemani....steve coleman

giuseppe latiffi....yousef lateef

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy