Jump to content

Le piu Belle Opere di tutti i tempi


gialby

Recommended Posts

Guest Janacek
Probabilmente solo per ragioni anagrafiche o solo perchè Philips e Chandos sono più presenti nei nostri negozi di Melodiya che incredibilmente è sempre in fallimento.

Cmq a torto visto che Rozh è di statura ben superiore agli altri due suoi colleghi.

Già... Ma perché la Melodya è sempre in fallimento?

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 141
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Guest Janacek
Mhhh se la naxos la comprasse potremmo avere delle registrazioni uniche a prezzo stracciatissimo :(

Ecco... potrei aggiungere questo tuo post alla lista dei miei sogni, insieme a: scoprire una registrazione di Gustav Mahler che dirige, trovare un'incisione in stereo di Toscanini, far rilevare la Supraphon dalla Ricordi in modo che io possa gustarmi i Quartetti di Janacek eseguiti dal Quartetto Janacek e tutti i suoi cori eseguiti da splendidi cori cechi...

Link to comment
Share on other sites

E poi svegliarti tutto sudato :D

Approposito di Toscanini hai visto cosa è uscito questo mese con Classic Voice?

4 cd contenenti sue registrazioni "giovanili" (anni 20) e altre più "attuali" (anni 40-50) con l'orchestra della scala. Alcuni brani sono in cd per la prima volta e il tutto è stato ripulito digitalmente anche se non ho ancora avuto modo di ascoltare il risultato finale. Per 10 euro penso sia un acquisto obbligato per i fan di Arturone.

Link to comment
Share on other sites

Guest Janacek
E poi svegliarti tutto sudato :D

Approposito di Toscanini hai visto cosa è uscito questo mese con Classic Voice?

4 cd contenenti sue registrazioni "giovanili" (anni 20) e altre più "attuali" (anni 40-50) con l'orchestra della scala. Alcuni brani sono in cd per la prima volta e il tutto è stato ripulito digitalmente anche se non ho ancora avuto modo di ascoltare il risultato finale. Per 10 euro penso sia un acquisto obbligato per i fan di Arturone.

Slurp! Avevo adocchiato Classic Voice, ma in quel momento non avevo 10 euro. Meno male che me l'hia ricordato!

Link to comment
Share on other sites

Guest Janacek
Toh ho fatto una scansione al volo (molto al volo :E) del contenuto dei 4 cd.

img081rz5.th.jpg

Ma vista l'età le registrazioni di Toscanini dovrebbero essere tutto libere da copyright no? In quel caso tocca tener d'occhio la brilliant :wub:

Non sono sicuro, perché la RCA è americana e in America la legislazione sul diritto d'autore è più severa (infatti se ci fai caso sui Cd Naxos Historical c'è scritto "Not available in the US")

Grazie della scansione!

Link to comment
Share on other sites

Non sono sicuro, perché la RCA è americana e in America la legislazione sul diritto d'autore è più severa (infatti se ci fai caso sui Cd Naxos Historical c'è scritto "Not available in the US")

Grazie della scansione!

Tse, ha ragione.

http://en.wikipedia.org/wiki/United_States...on_of_copyright

Speriamo si degnino di fare prezzi decenti almeno ;)

Link to comment
Share on other sites

Tse, ha ragione.

http://en.wikipedia.org/wiki/United_States...on_of_copyright

Speriamo si degnino di fare prezzi decenti almeno ;)

non credo siano libere. Se si tiene conto del diritto d'autore dopo la morte dell'autore, allora devono passare dai 50 ai 70 anni, dipende dalle leggi. Toscanini morì nel 1957... ergo... siamo ancora lontani....

Link to comment
Share on other sites

E poi svegliarti tutto sudato :D

Approposito di Toscanini hai visto cosa è uscito questo mese con Classic Voice?

4 cd contenenti sue registrazioni "giovanili" (anni 20) e altre più "attuali" (anni 40-50) con l'orchestra della scala. Alcuni brani sono in cd per la prima volta e il tutto è stato ripulito digitalmente anche se non ho ancora avuto modo di ascoltare il risultato finale. Per 10 euro penso sia un acquisto obbligato per i fan di Arturone.

non e' proprio vero che sono tutte inedite...ho comprato anch'io classic voice..e una buona meta' di quelle incisioni (tutte con l'orchestra della scala)le avevo gia' o cmnq erano state pubblicate secoli fa da case sconosciute(e quindi subito tolte di mezzo)

le prime incisioni di arturo (anni20)facevano anche parte della vecchia RCA collection...

mentre altre registrazioni (sinfonia n1e ouverture di beethoven)sono ancora disponibili per l'APR.

mentre invece gli estratti dal concerto di riapertura del teatro del 46, per chi fosse interessato e' disponibile integralmente per la Naxos.invece i brani di Wagner del 52(preso dall'ultimo concerto in Italia di Tosc)

vengono indicati come inediti..invece nn e' cosi',anni fa acquistai il concerto integrale ,pubblicato da

"Great opera performance",ora penso introvabile.

mentre gli altri brani presi dai vari concerti e gli studio recordings del 51,forse sono pubblicati

per la priva volta in cd(almeno in italia).

pero anche se ora come me vi ritrovate con qualche doppione,ci si ritrova cmnq con le altre incisioni difficilmente reperibili..e poi 4 cd per la modica cifra di 10 euro,

e' veramente un affare!

Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...

Ciao a tutti sono appena entrato in questo inquesto forum.Sto facendo un elenco delle opere ke secondo me sono fra le più belle, ma vista la mia scarsa conoscenza vorrei il vostro parereecco il mio elenco:


    • [

      b]L. Van Beethoven=9 sinfonia


    • J. S. Bach= concerto per oboe, violino, archie basso continuo in re minore,bwv 1060J. S. Bach= aria sulla quarta corda
    • J. S. Bach= minuetto e badinerie
    • Gioacchino Rossini= mi par d'esser con la testa
    • Gioacchino Rossini= la gazza ladra overtoure
    • Bizet= carmen overtoure
    • Wagner=la cavalcata delle valchirie
    • Wagner= lohengrin:mein herr und Gott
    • A. Borodin= danze polovesianeRavel= Bolero
    • R.Strauss= danubio blu
    • W. A. Mozart=Le nozze di figaro
    • W. A. Mozart=Eine Kleine Nachtmusik
    • W. A. Mozart= Concerto per corno
    • W. A. Mozart= Aria della regina della notte


Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti sono appena entrato in questo inquesto forum.Sto facendo un elenco delle opere ke secondo me sono fra le più belle, ma vista la mia scarsa conoscenza vorrei il vostro parereecco il mio elenco:

    • [

      b]L. Van Beethoven=9 sinfonia


    • J. S. Bach= concerto per oboe, violino, archie basso continuo in re minore,bwv 1060J. S. Bach= aria sulla quarta corda
    • J. S. Bach= minuetto e badinerie
    • Gioacchino Rossini= mi par d'esser con la testa
    • Gioacchino Rossini= la gazza ladra overtoure
    • Bizet= carmen overtoure
    • Wagner=la cavalcata delle valchirie
    • Wagner= lohengrin:mein herr und Gott
    • A. Borodin= danze polovesianeRavel= Bolero
    • R.Strauss= danubio blu
    • W. A. Mozart=Le nozze di figaro
    • W. A. Mozart=Eine Kleine Nachtmusik
    • W. A. Mozart= Concerto per corno
    • W. A. Mozart= Aria della regina della notte


:scratch_one-s_head: Ma è un sondaggio sulle opere liriche, hai messo qualche aria e ouverture e poi roba orchestrale :D.

P.S.: Quello del Danubio blu non è R. Strauss.

Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...
  • 10 months later...

Mi sono iscritto a questo forum (come a molti altri) per fornire un'opinione e un punto di vista che si distacchino dal muro contro muro che spesso preclude a sane conclusioni.

Come ex musicista (ora scrittore) posso inoltrarmi in questa discussione rilevando un errore marchiano commesso da un paio di utenti.

Salava la buona fede non esiste Musica e Non musica, non è mai esistita è un'invenzione di qualche intellettualoide dell'ultim'ora o di quei fanatici che nulla hanno a che vedere con la passione e il sacridifio.

Comunque, se è vero che la complessità di una composizione "classica" (che cosa s'intenda è un mistero tutt'oggi) è superiore a una giro d'accrodi di un complesso Punk, ma è altrettanto vero che (specie in passato) molti musicisti Rock o moderni provenivano dal classico o meglio avevano una formazione tecnico e teorica basata sui "sacri testi" del conservatorio. Un esempio su tutti sono Jon Lord (tastierista dei DeepPurlple) e Rick Wakeman.

A questi si potrebbero aggiungere altri (mAttew Fisher) il famoso organista che fuse Bach con le melodie delle canzoni dei procol Harum. Abbiate pazienza quindi se qualcuno esaltandosi per un pezzo o brano ne tesse le lodi indipendentemente da chi le ha composte o eseguite.

Per concludere, a chi si avvicina alla musica classica è bene non tendere il tranello del "io so tutto tu non capisci" perchè in effetti è il tipico comportamento da teatro che risale ai pre Verdiani quando, all'ennesima marcetta in tre quarti del musicsta di Busseto il popolo colto (a volte anche non) rispondeva con grida inneggianti a Wagner e questo solo perchè la nomea del compositore tedesco era di natura intellettuale e, soprattutto, alcune delle sue oopere sono insopportabilmnetre lunghe e tediose per i non abituati.

Questo problema andrebbe risolto, ma a distanza di 150 anni vedo che siamo ancora lì. Che tristezza.

Link to comment
Share on other sites

Mi sono iscritto a questo forum (come a molti altri) per fornire un'opinione e un punto di vista che si distacchino dal muro contro muro che spesso preclude a sane conclusioni.

Come ex musicista (ora scrittore) posso inoltrarmi in questa discussione rilevando un errore marchiano commesso da un paio di utenti.

Salava la buona fede non esiste Musica e Non musica, non è mai esistita è un'invenzione di qualche intellettualoide dell'ultim'ora o di quei fanatici che nulla hanno a che vedere con la passione e il sacridifio.

Comunque, se è vero che la complessità di una composizione "classica" (che cosa s'intenda è un mistero tutt'oggi) è superiore a una giro d'accrodi di un complesso Punk, ma è altrettanto vero che (specie in passato) molti musicisti Rock o moderni provenivano dal classico o meglio avevano una formazione tecnico e teorica basata sui "sacri testi" del conservatorio. Un esempio su tutti sono Jon Lord (tastierista dei DeepPurlple) e Rick Wakeman.

A questi si potrebbero aggiungere altri (mAttew Fisher) il famoso organista che fuse Bach con le melodie delle canzoni dei procol Harum. Abbiate pazienza quindi se qualcuno esaltandosi per un pezzo o brano ne tesse le lodi indipendentemente da chi le ha composte o eseguite.

Per concludere, a chi si avvicina alla musica classica è bene non tendere il tranello del "io so tutto tu non capisci" perchè in effetti è il tipico comportamento da teatro che risale ai pre Verdiani quando, all'ennesima marcetta in tre quarti del musicsta di Busseto il popolo colto (a volte anche non) rispondeva con grida inneggianti a Wagner e questo solo perchè la nomea del compositore tedesco era di natura intellettuale e, soprattutto, alcune delle sue oopere sono insopportabilmnetre lunghe e tediose per i non abituati.

Questo problema andrebbe risolto, ma a distanza di 150 anni vedo che siamo ancora lì. Che tristezza.

Benvenuto nel Forum!!! Tu dici che non esiste musica e non musica io dico invece che esiste musica e musica d'arte(colta): non si può mettere sullo stesso piano una fuga di Bach e Waka Waka !!! Puoi benissimo esaltare i Deep Purple, se ti piacciono, però non li puoi mettere sullo stesso piano di Prokofiev (ad esempio).

P.S. Quando ascolto Verdi anch'io inneggio a Wagner :on_the_quiet:

Link to comment
Share on other sites

Non si può mettere una fuga di Bach sullo stesso piano di Waka Waka, ma bisognerebbe avere il coraggio di ammettere che ci sono delle aree espressive che la musica cosiddetta colta non copre. E secondo me non può coprire.

La sua estrema autoconsapevolezza, l'attenzione dedicata al virtuosismo, sia compositivo che esecutivo, il peso schiacciante di una tradizione gloriosa ma anche intimidatrice fanno sì che la musica "classica" guadagni in profondità, ma perda spesso in spontaneità e freschezza. Ecco perchè, secondo me, a volte le intuizioni di persone "musicalmente ignoranti" riescono ad arrivare laddove la tecnica non arriva.

Link to comment
Share on other sites

Non si può mettere una fuga di Bach sullo stesso piano di Waka Waka, ma bisognerebbe avere il coraggio di ammettere che ci sono delle aree espressive che la musica cosiddetta colta non copre. E secondo me non può coprire.

La sua estrema autoconsapevolezza, l'attenzione dedicata al virtuosismo, sia compositivo che esecutivo, il peso schiacciante di una tradizione gloriosa ma anche intimidatrice fanno sì che la musica "classica" guadagni in profondità, ma perda spesso in spontaneità e freschezza. Ecco perchè, secondo me, a volte le intuizioni di persone "musicalmente ignoranti" riescono ad arrivare laddove la tecnica non arriva.

quali sono le aree espressive che non possono essere coperte da qualche tipo di musica classica di qualsiasi periodo?

La musica di Bach (tranne alcuni pezzi), giusto per citare un nome oggi usato come archetipo della complessità, non era certo scritta per i nobili intellettuali, il popolo di allora (povero, incolto, analfabeta) era migliore del popolo di oggi?

Link to comment
Share on other sites

quali sono le aree espressive che non possono essere coperte da qualche tipo di musica classica di qualsiasi periodo?

Giusto la prima cosa che mi viene in mente, non c'è niente che esprima il dolore dei neri americani in maniera così diretta ed evidente come il blues ( e non mi si parli di Porgy and Bess: bellissima, ma già troppo "intellettualizzata")

La musica di Bach (tranne alcuni pezzi), giusto per citare un nome oggi usato come archetipo della complessità, non era certo scritta per i nobili intellettuali, il popolo di allora (povero, incolto, analfabeta) era migliore del popolo di oggi?

Benissimo: tu mi stai dicendo che Bach era il pop della sua epoca. Prendiamolo per vero: ma allora perchè un ascoltatore di oggi dovrebbe preferire per principio il pop "vecchio" al pop "nuovo"? Preferire, cioè, una musica che parla dell'ieri ad una musica che parla dell'oggi?

Link to comment
Share on other sites

Non si può mettere una fuga di Bach sullo stesso piano di Waka Waka, ma bisognerebbe avere il coraggio di ammettere che ci sono delle aree espressive che la musica cosiddetta colta non copre. E secondo me non può coprire.

Sarebbe interessante capire quali sono queste aree espressive...... :cat_angelic:

Di certo, la musica colta ha sempre attinto a piene mani dalla musica popolare, che tra l’altro è ben diversa dall’odierna musica pop, che non aggiunge assolutamente nulla alla Musica, a differenza di ciò che ora definiamo folk.

Bach scriveva per il popolo? Mmmmmmmm

p.s.: che centra questa discussione con l'opera lirica?

Link to comment
Share on other sites

Sarebbe interessante capire quali sono queste aree espressive...... :cat_angelic:

Già risposto. In generale, la musica classica "pecca" laddove si sente il bisogno di un'espressione diretta e se vogliamo "primitiva", non mediata dalla cultura (intesa come cultura accademica) e/o dalla tecnica. Questo spiega il successo (e, secondo me, della insostituibilità) della musica popolare in tutte le sue forme.

p.s.: che centra questa discussione con l'opera lirica?

Niente, solo sono risposte OT ad una questione OT.

Link to comment
Share on other sites

Giusto la prima cosa che mi viene in mente, non c'è niente che esprima il dolore dei neri americani in maniera così diretta ed evidente come il blues ( e non mi si parli di Porgy and Bess: bellissima, ma già troppo "intellettualizzata")

per i neri americani ok, ma non è l'espressione del dolore il problema (siamo pieni di composizioni classica sulla shoa) quanto l'estraneità dei neri dai mondo della cultura classica-europea storica. Mi sembra capibile che una cultura tenda ad essere creata a misura di se stessa.

Benissimo: tu mi stai dicendo che Bach era il pop della sua epoca. Prendiamolo per vero: ma allora perchè un ascoltatore di oggi dovrebbe preferire per principio il pop "vecchio" al pop "nuovo"? Preferire, cioè, una musica che parla dell'ieri ad una musica che parla dell'oggi?

aspetta non ho detto che era il "pop" nell'accezione moderna ma che molte composizioni classiche, considerate troppo difficili per il pubblico incolto, erano di fatto scritte proprio per il pubblico incolto. E questo senza dover scadere in tamburellate e battiti di mani. Stesso discorso per la musica popolare passata e il pop odierno.

La prima era un'espressione spontanea del popolo basso, la seconda è spesso una creazione a tavolino studiata in ogni minimo particolare extra-musicale col solo scopo di trarne profitto. Come il rap: da spontanea espressione dei ghetti a business mondiale miliardario, la versione USA del cancro neomelodico napoletano.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy