Vai al contenuto
fgpx78

Suonare l'Ottavino!

Recommended Posts

Prendo spunto da questo articolo carino, pieno di verità, per magari iniziare una discussione sulla vita di noi che suoniamo l'ottavino.

Ok, è vero, in linea di massima tutti i flautisti suonano l'ottavino, ma quanti di noi lo hanno suonato in orchestra? Quanti di noi conoscono bene quella sensazione di "non poter sgarrare manco una notina" altrimenti il pubblico (ma pure gli orchestrarli aaaaarghh) alzano il sopracciglio??? Quanti di noi conoscono bene la assurda differenza che esiste fra un ottavino da 500€ e uno da 5000??? Quanti hanno fatto oramai propria quella strana sensazione dell'essere sempre stonati che si prova con un ottavino non fatto per se?

Insomma insomma! Ottainisti miei, parliamo un po'?

Io ho iniziato così: suonavo il flauto da 5 (mod: opps...erano 3) anni, il mio caro direttore d'orchestra mi ha dato in mano un ottavino e mi ha detto: "toh, fra un mese dobbiamo incidere <<la gazza ladra>> e <<la marcia turca>>. Impara a suonarlo che la tua insegnante ha da partorire e rimani solo te!" :huh:

E alla fine pur essendo passati tanti e tanti ottimi flautisti dalla mia orchestra io son sempre rimasto l'ottavino ufficiale...con uno strumento sgangherato (ma lo ho cambiato pochi mesi fa finalmente hehe), una fifa boia di sbagliare (all'inizio), e i problemi all'orecchio destro che iniziano a farsi sentire già a 27 anni :(

buona lettura (leggetelo mi raccomando...può servire a tutti)!

http://members.westnet.com.au/fredshade/flute5b.htm

****************************

The other necessary ingredient is nerves of steel. In the 4th Symphony of Tchaikovsky, for example, you are sitting on stage, absolutely still, while the first couple of movements are being played. Nearly 40 minutes goes by. Suddenly, the quiet pizzicato strings herald the scherzo and your solo looms up before you. Your heartbeat starts to race, your head is pounding, your hands are clammy and you're ready to race off stage and call it quits. The little instrument sits there on the stand mutely and you start to wonder why you ever accepted the position in the first place!There's no opportunity to warm up just before the solo, and you haven't played a note since the interval. The screaming solo arrives (one of the most difficult in the repertoire), and in a few seconds it's over. The heart slows down to a gallop, and you wonder whether you were a candidate for a coronary! Well, the Finale arrives, and you join in with the melodies and fast passages of the tutti sections and pretend that nothing has happened to your physical and mental well-being. But you also know that you have to go through the same exercise tomorrow night, which means it wasn't a bad dream after all, it really happened!

Mamma mia quanto è verooooooooo! Decine di mnuti senza suonare, e poi tutto a un tratto tocca a te, lo strumento è freddo, devi suonare un pezzo che dovrà spiccare (non spaccare...) su tutta l'orchestra! Aaaaaaaaaaaaahhhhhh!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti sono nuovo.

Io ho sinceramente paura di suonare l'ottavino, mi sento quasi nudo quando sono costretto.

Però se si pensa a ciò che si fa e si immagina quello che si vuole ottenere si riesce comunque a divertirsi ed a "portare la pelle a casa"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Salve a tutti sono nuovo.

Io ho sinceramente paura di suonare l'ottavino, mi sento quasi nudo quando sono costretto.

Però se si pensa a ciò che si fa e si immagina quello che si vuole ottenere si riesce comunque a divertirsi ed a "portare la pelle a casa"

<{POST_SNAPBACK}>

Benvenuto! Ebbene, uno degli aspetti più accattivanti dello strumento è proprio questo.

Le prime volte che suonavo, io non me ne rendevo conto...poi quando il pubblico alla fine dei concerti iniziava a farmi i complimenti dicendo cose del tipo "ma come fai a non aver paura" etc...ho iniziato a provare una caga assurda!

Ci sono anche aspetti positivi però...una volta dopo aver suonato le danze dell'AIDA con l'ottavino, un famoso cantante lirico della scala mi ha telefonato a casa dicendomi che mi aveva sentito, ed aveva bisogno di un flautista come me per fare "la pazzia di lucia" ad un concerto assieme ad una famosissima cantante lirica giapponese (ref google:"soprano nobuko takahashi").

Alla fine quindi grazie all'emergere del mio Ottavino ad un concerto, ho potuto suonare in duetto con una personalità mondiale...e vi posso assicurare che è ancora oggi una delle esperienze più gratificanti di tutta la mia carriera musicale!

Amiamo l'ottavino!

Amiamo l'emozione che si prova prima di ogni pezzo "solista", prima di ogni virtuosismo così tanto necessario all'orchestra!

Amiamo quella sensazione di "essere indispensabili".

Ma sopratutto dobbiamo imparare ad amare i pregi di questo strumento. In primis il fatto che probabilmente nessuno come lui è in grado di "formare" i nervi di un flautista (e la sua capacità di regolare l'intonazione a quella dell'orchestra di nota in nota). Se sei in grado di suonare la marcia turca, la gazza ladra, l'aida, il nabucco e decine di altri pezzi superando la paura di sbagliare, avrai sicuramente meno problemi anche nei solo di flauto. Per me almeno è stato ed è così!

Sestetto, mai provato a suonare concerti per ottavino solo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non ho mai provato a studiare seriamente l'ottavino.

Riconosco però che quando lo riesco a suonare con spontaneità e gratificazione migliora anche il mio modo di suonare il flauto, sprattutto nel registro acuto.

Del repertorio dell'ottavino ciò che mi affascina di più sono i passi d'orchestra, soprattutto Prokofiev, Shostachovich e Tchaichovsky; senz'altro questo strumento è assai più completo di quanto sembri ed è capace di esprimere molte diverse intenzioni musicali, da quelle più frivole alle più drammatiche

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Si narra che un giorno due ottavini provarono a suonare la stessa nota e da lì nacque il concetto di dissonanza. Sarà vero?  :D

<{POST_SNAPBACK}>

Beh può darsi :D Magari das liì è nata anche la musica dodecafonica...o la dodecacofonica che dir si voglia ;)

Cmq sia, suonare due ottavini in orchestra (ci abbiamo provato) è assurdamente impossibile...nonchè inutile :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Innanzitutto benvenuto Sestetto!

Riguardo l'ottavino...

...suonarlo bene è MOOOOLTO difficile e ho notato, facendo un Corso annuale a Roma, che tutti i difetti che hai sul flauto si ripercuotono e si moltiplicano sull'ottavino. :ph34r:

Come ha notato Sestetto, saper suonare bene l'ottavino significa saper suonare molto bene anche il flauto :(

Ho per l'appunto una registrazione di Pahud che suona l'ottavino (chi l'avrebbe mai detto... :o ) ed è straordinario... :rolleyes:

Dopo quel corso non ho avuto modo di continuare, ora mi sto perfezionando col flauto e i soldini non crescono sotto terra... :unsure: però mi piacerebbe più avanti continuare con l'ottavino, perchè è uno strumento odioso...ma quando cominci a capire come funziona è proprio una soddisfazione! ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Innanzitutto benvenuto Sestetto!

Riguardo l'ottavino...

...suonarlo bene è MOOOOLTO difficile e ho notato, facendo un Corso annuale a Roma, che tutti i difetti che hai sul flauto si ripercuotono e si moltiplicano sull'ottavino.  :ph34r:

Come ha notato Sestetto, saper suonare bene l'ottavino significa saper suonare molto bene anche il flauto  :(

Ho per l'appunto una registrazione di Pahud che suona l'ottavino (chi l'avrebbe mai detto...  :o ) ed è straordinario...  :rolleyes:

Dopo quel corso non ho avuto modo di continuare, ora mi sto perfezionando col flauto e i soldini non crescono sotto terra...  :unsure:  però mi piacerebbe più avanti continuare con l'ottavino, perchè è uno strumento odioso...ma quando cominci a capire come funziona è proprio una soddisfazione!  ;)

<{POST_SNAPBACK}>

Ma sono l'unico a cui è sempre piaciuto??? Forse deriva dalla mia volontà di cercare l'approvazione degli altri dimostrando le mie capacità...e l'ottavino ti permette spesso di farlo!

E' vero che tutti i difetti che hai sul flauto si ripercuotono sull'ottavino, ma io ho notato due cose che penso in controtendenza rispetto a tutti quelli che conosco che lo suonano.

1. Il fatto che ci voglia più fiato per suonare l'ottavino è una banfana. Ce ne vuole molto meno invece! Devi solo imparare ad essere preciso nel direzionarlo!

2. Una volta che hai imparato a direzionare bene il flusso d'aria, gli staccati veloci e i doppi staccati vengono con molta più facilità piuttosto che nel flauto. Credo anche che la vicinanza delle dita e la maggior vicinanza della chiave al corpo (per non parlare del minor "peso" delle chiavi dovuto a meno meccanismi) permetta di eseguire passaggi veloci con molta più naturalezza che col flauto.

Una cosa che mi ha incuriosito:

Nella confezione dell'ottavino nuovo che mi è arrivato a fine Febbraio (articolo con foto sul mio blog... ), lo Yamaha YPC32 (entry-level fra l'altro identico a quello con cui ho suonato per 12 anni...che ormai era a pezzi), c'è un bel libretto di istruzioni!

E in tal libretto ci sono, udite udite cosa per me molto strana, posizioni delle dita che arrivano fino al SOL# (o LA??? non ricordo) di QUARTA OTTAVA!

Non le ho ancora provate...ma il fatto che ci siano mi intrippa :D:D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fgpx78,Nov 2 2005, 04:15 PM

1. Il fatto che ci voglia più fiato per suonare l'ottavino è una banfana. Ce ne vuole molto meno invece! Devi solo imparare ad essere preciso nel direzionarlo!

é vero. E ci vuole solo il doppio del sostegno... :blink:

2. Una volta che hai imparato a direzionare bene il flusso d'aria, gli staccati veloci e i doppi staccati vengono con molta più facilità piuttosto che nel flauto. Credo anche che la vicinanza delle dita e la maggior vicinanza della chiave al corpo (per non parlare del minor "peso" delle chiavi dovuto a meno meccanismi) permetta di eseguire passaggi veloci con molta più naturalezza che col flauto.

C'è però da tener conto che essendo tutto più ravvicinato bisogna studiare molta tecnica per sincronizzare bene le dita (almeno così mi hanno insegnato... :( )

E in tal libretto ci sono, udite udite cosa per me molto strana, posizioni delle dita che arrivano fino al SOL# (o LA??? non ricordo) di QUARTA OTTAVA!

Non le ho ancora provate...ma il fatto che ci siano mi intrippa :D:D

<{POST_SNAPBACK}>

QUARTA OTTAVA?!?!?! :o:o:o

Ma ci vuole Ken il Guerriero per suonarle! :blink:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
fgpx78,Nov 2 2005, 04:15 PM

é vero. E ci vuole solo il doppio del sostegno...  :blink:

C'è però da tener conto che essendo tutto più ravvicinato bisogna studiare molta tecnica per sincronizzare bene le dita (almeno così mi hanno insegnato...  :(  )

QUARTA OTTAVA?!?!?!  :o  :o  :o

Ma ci vuole Ken il Guerriero per suonarle!  :blink:

<{POST_SNAPBACK}>

Sissì, scannerizzo il manuale con la ditegiatura e ve lo posto :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Grande GRANDE!!!!!!! 63.gif

68.gif

<{POST_SNAPBACK}>

Ed ecco a voi....una fantastica diteggiatura! Vi giuro che non ne ho mai vista una così completa!!!!

diteggiatura_01.jpg

diteggiatura_02.jpg

Notare la famosa mezza quarta ottava!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ed ecco a voi....una fantastica diteggiatura! Vi giuro che non ne ho mai vista una così completa!!!!

Notare la famosa mezza quarta ottava!

<{POST_SNAPBACK}>

Perfetto.

Copiata e stampata...

;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io suonacchio l'ottavino in banda da 1 anno e mezzo

Devo dire che sono una persona che si agita tantissimo per qualsiasi cosa, sono irrecuperabile...e forse per me l'ottavino nn era e nn sarà mai lo strumento ideale...però, senza buttarla sullo psicologico....1 po mi è servito a tirare fuori un po di coraggio mentre suono...a breve suonero un largo di Vivaldi....chissa come andrà...tremo già!! :ph34r:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Io suonacchio l'ottavino in banda da 1 anno e mezzo

Devo dire che sono una persona che si agita tantissimo per qualsiasi cosa, sono irrecuperabile...e forse per me l'ottavino nn era e nn sarà mai lo strumento ideale...però, senza buttarla sullo psicologico....1 po mi è servito a tirare fuori un po di coraggio mentre suono...a breve suonero un largo di Vivaldi....chissa come andrà...tremo già!! :ph34r:

<{POST_SNAPBACK}>

Hehe, i primi tempi sono i più duri! Vedrai però che col tempo

1. avrai più coraggio

2. migliorerai la tecnica

3. migliorerai l'intonazione

e il bello è che tutit questi miglioramenti si ripercuoteranno sul flauto...e pure amplificati ;)

In bocca al lupo per il largo allora!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Hehe, i primi tempi sono i più duri! Vedrai però che col tempo

1. avrai più coraggio

2. migliorerai la tecnica

3. migliorerai l'intonazione

e il bello è che tutit questi miglioramenti si ripercuoteranno sul flauto...e pure amplificati ;)

In bocca al lupo per il largo allora!

<{POST_SNAPBACK}>

il mio problema più grosso è l'intonazione.

Il suono è bello (almeno a me piace), per l'articolazione non ho problemi, però quando arrivo al mi3 è una legnata sulle dita...

Certo che, quando ci si prende confidenza, l'ottavino diventa entusiasmante.

Immaginate: l'ottavinista=il musicista dai nervi d'acciaio :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
il mio problema più grosso è l'intonazione.

Il suono è bello (almeno a me piace), per l'articolazione non ho problemi, però quando arrivo al mi3 è una legnata sulle dita...

Certo che, quando ci si prende confidenza, l'ottavino diventa entusiasmante.

Immaginate: l'ottavinista=il musicista dai nervi d'acciaio :)

<{POST_SNAPBACK}>

Vero vero.

Tieni conto che il mi3 è di per se una nota "stroicamente difficile" per gli strumenti non professionali. Non a caso è stato inventato il mi snodato per cercare di migliorarne l'attacoc e l'intonazione.

Cmq sia, col tmepo anche l'intonazione migliora. Il problema serio secondo me è che mentre suoni l'ottavino il tuo suono risulta stonato ad ogni variazione non solo tua, ma anche dell'orchestra.

L'ultima volta che ho fatto un solo di ottavino avevo un clarinetto che suonava dietro di me che in alcune note era decisamente stonato. Con l'ottavino è leggermente + complesso aggiustare l'intonazione perchè si tratta di variazioni di inclinazione/fiato etc... molto più piccole rispetto a quelle necessarie al flauto per adattarsi.

Veramente però i nervi d'acciaio vengono sì :o

Pensa, son convinto che suonare l'ottavino mi aiuti anche nella vita di tutti i giorni ;)

Alla fie si tratta di imparare

1. a prendersi grosse repsonsabilità (sopratutto perchè, nel momento che sbagli qualcosa e il pubblico lo sente, ne va di mezzo tutta l'orchestra purtroppo)

2. a convivere con gli altri, anche quando è difficile :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Beh può darsi :D Magari das liì è nata anche la musica dodecafonica...o la dodecacofonica che dir si voglia ;)

Cmq sia, suonare due ottavini in orchestra (ci abbiamo provato) è assurdamente impossibile...nonchè inutile :D

<{POST_SNAPBACK}>

per far suonare intonati 2 ottavini bisogna sparare x forza ad uno,no?? :blink:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti,

un pò di tempo fà ho udito un ottavino suonare e mi ha intrigato un secchiello...non avendolo mai visto però non mi immaginavo come fosse fino a che, preso dal ricordo, non sono capitato qui ed ho visto l'immagine della diteggiatura che mi ha fatto capire che...è uguale a un flauto traverso! Yeppa!

Nonostante la mia allegria nel constatare questo, devo dire che (io sono un chitarrista)...apparte il flautino Yamaha suonato alle medie mai mi sono avvicinato ad altro strumento a fiato.

Quello che volevo sapere da voi è...ce la posso fare ad imparare a suonarlo senza dover prendere lezioni da qualcuno?

Vi sembra troppo? Per il fiato non è un problema...ho suonato il didjeridoo per un pò di tempo e posso sfruttare un pò la respirazione circolare (sempre ammesso che si possa) e se non posso di fiato ne ho comunque...

Voi che dite?

Saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×