Vai al contenuto

Cosa state ascoltando ? Anno 2022


Madiel
 Condividi

Recommended Posts

César FRANCK
Sinfonia in re minore

NBC Symphony Orchestra
Guido Cantelli

Un po' di consolazione al termine di una giornata stressante. Sebbene assai famosa e malgrado la mia passione per la sinfonia di Franck, non avevo mai sentito questa incisione di Cantelli (il suo primo stereo, l'unica registrazioe ufficiale con la NBC). Entusiasmante. Una lettura originalissima, costantemente sostenuta da un piglio energico e vivo, nessuna tentazione di estasi, di ricami psicanalitici e di scimmiottamento di atmosfere wagneriane. Musica che va al sodo e conquista.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Risposte 1,2k
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

Igor Stravinskij, Sinfonia in tre movimenti, Wiener Philharmoniker, Wilhelm Furtwangler

rfl13wyz89olc_600.jpg

Live risalente al Ferragosto 1950, proveniente dal prezioso cofanetto Orfeo. La ripresa audio è abbastanza deficitaria, ma fortunatamente non riesce ad annichilire del tutto l'esecuzione scolpita a ferro e a fuoco da Furtwangler. Esecuzione solida, vigorosa, vulcanica, espressiva: il gesto sferzante ed enfatico di Furtone penetra perfettamente la scrittura stravinskiana - la quale, sulla carta, potrebbe essergli lontana anni luce - rendendola suono in una maniera speciale ed inimitabile. Ho molte registrazioni in discoteca di questa Sinfonia, ma questa costituisce un unicum da cui è difficile per me prescindere. Se si riescono a sopportare il suono precario e i colpi di tosse del pubblico salisburghese, è un'esperienza di ascolto che non può lasciare indifferenti...

...in dedica a @Madiel, @superburp, @Ives, @Majaniello, @Wittelsbach, @glenngould e a chiunque gradisca...

Link al commento
Condividi su altri siti

6 ore fa, giobar dice:

Mi dedichi Marthita in versione te la sogni la notte?:cat_trance:

E comunque, quello per tromba è uno dei miei concerti preferiti in assoluto fra il 1600 e il 2022: vitalità, divertimento, umorismo, grazia, sapori genuini...:wub:

Del resto, come si dice, lei suona il pianoforte, lui la tromba...

Bene, dopo questa parentesi poco seria, ascolto una musica molto seria e molto celestiale:

A chi gradisce

Link al commento
Condividi su altri siti

51 minuti fa, Snorlax dice:

Igor Stravinskij, Sinfonia in tre movimenti, Wiener Philharmoniker, Wilhelm Furtwangler

rfl13wyz89olc_600.jpg

Live risalente al Ferragosto 1950, proveniente dal prezioso cofanetto Orfeo. La ripresa audio è abbastanza precaria, ma fortunatamente non riesce ad annichilire del tutto l'esecuzione scolpita a ferro e a fuoco da Furtwangler. Esecuzione solida, vigorosa, vulcanica, espressiva: il gesto sferzante ed enfatico di Furtone penetra perfettamente la scrittura stravinskiana - la quale, sulla carta, potrebbe essergli lontana anni luce - rendendola suono in una maniera speciale ed inimitabile. Ho molte registrazioni in discoteca di questa Sinfonia, ma questa costituisce un unicum da cui è difficile per me prescindere. Se si riescono a sopportare il suono precario e i colpi di tosse del pubblico salisburghese, è un'esperienza di ascolto che non può lasciare indifferenti...

...in dedica a @Madiel, @superburp, @Ives, @Majaniello, @Wittelsbach, @glenngould e a chiunque gradisca...

Eccola qua, me l'ascolto pure io.... peccato per l'audio precario!

 

Link al commento
Condividi su altri siti

53 minuti fa, Snorlax dice:

Igor Stravinskij, Sinfonia in tre movimenti, Wiener Philharmoniker, Wilhelm Furtwangler

rfl13wyz89olc_600.jpg

Live risalente al Ferragosto 1950, proveniente dal prezioso cofanetto Orfeo. La ripresa audio è abbastanza precaria, ma fortunatamente non riesce ad annichilire del tutto l'esecuzione scolpita a ferro e a fuoco da Furtwangler. Esecuzione solida, vigorosa, vulcanica, espressiva: il gesto sferzante ed enfatico di Furtone penetra perfettamente la scrittura stravinskiana - la quale, sulla carta, potrebbe essergli lontana anni luce - rendendola suono in una maniera speciale ed inimitabile. Ho molte registrazioni in discoteca di questa Sinfonia, ma questa costituisce un unicum da cui è difficile per me prescindere. Se si riescono a sopportare il suono precario e i colpi di tosse del pubblico salisburghese, è un'esperienza di ascolto che non può lasciare indifferenti...

...in dedica a @Madiel, @superburp, @Ives, @Majaniello, @Wittelsbach, @glenngould e a chiunque gradisca...

Grazie mille, è un pezzo che ho sempre apprezzato. L'ho conosciuto la prima volta con Klemperer (altro direttore poco associato a Stravinskij, per quanto con un suono più "neoclassico" di Furt) ed effettivamente mi sembra una delle migliori esecuzioni di Furt al di fuori del suo repertorio d'elezione.

Controdedica postuma con la terza di Roussel, ascoltata oggi per la prima volta. Il livello di attenzione non era al massimo, ma è stato di quegli ascolti che ti fanno gioire per la scoperta di un pezzo bello che non conoscevi, col quale sbizzarrirsi nei prossimi giorni.

Dedica estesa agli estimatori (credo Ives, Kovskij, Madiel).

Link al commento
Condividi su altri siti

17 minuti fa, superburp dice:

Controdedica postuma con la terza di Roussel, ascoltata oggi per la prima volta. Il livello di attenzione non era al massimo, ma è stato di quegli ascolti che ti fanno gioire per la scoperta di un pezzo bello che non conoscevi, col quale sbizzarrirsi nei prossimi giorni.

Dedica che apprezzo moltissimo, dato che anch'io sono un estimatore di Roussel fin dalla prima ora. Fun fact: l'incipit della Terza nella splendida esecuzione di Munch costituisce la suoneria del mio cellulare ormai da anni:

...il povero Roussel si starà rivoltando nella tomba per cotanta profanazione! :rolleyes::sorry:

Link al commento
Condividi su altri siti

Haydn: Stabat Mater (Hob. XXbis)- 1767 - 1. Stabat Mater Dolorosa

@Snorlax in controdedica questo ottimo esempio di solido artigianato haydniano. Non è un capolavoro, segue pedissequamente le regole dell'accademia in materia di figure del dolore, ma si ascolta con gradevolezza e attenzione. Bello l'inserimento tra i vari adagi, complementari l'uno all'altro, delle due arie per basso (un allegro e un presto con violenti tremoli degli archi), ammantate di scoperta teatralità, che potrebbero essere state prese direttamente da un'opera italiana. Piacevoli le colorature del soprano solista. Bravi i solisti, adeguato e sottile l'accompagnamento di Pinnock (orchestra ridotta a pochi archi e due oboi con organo) e il coro anch'esso in formazione "cameristica" e limpida la registrazione di fine anni '80.

Link al commento
Condividi su altri siti

11 ore fa, Snorlax dice:

Dedica che apprezzo moltissimo, dato che anch'io sono un estimatore di Roussel fin dalla prima ora. Fun fact: l'incipit della Terza nella splendida esecuzione di Munch costituisce la suoneria del mio cellulare ormai da anni:

...il povero Roussel si starà rivoltando nella tomba per cotanta profanazione! :rolleyes::sorry:

Più che altro mi risulta un pò angosciante come suoneria...😏 Io ho questa anche se in un'esecuzione più animata:

Link al commento
Condividi su altri siti

3 ore fa, Ives dice:

Più che altro mi risulta un pò angosciante come suoneria...😏 Io ho questa anche se in un'esecuzione più animata:

Interessante, forse però come suoneria vedrei meglio la più colorata versione di Britten. Io invece da anni uso la Toccata di apertura dell'Orfeo di Monteverdi, che desta sempre grande curiosità e mi è stata copiata da diverse persone.

 

Link al commento
Condividi su altri siti

16 ore fa, superburp dice:

Controdedica postuma con la terza di Roussel, ascoltata oggi per la prima volta. Il livello di attenzione non era al massimo, ma è stato di quegli ascolti che ti fanno gioire per la scoperta di un pezzo bello che non conoscevi, col quale sbizzarrirsi nei prossimi giorni.

Dedica estesa agli estimatori (credo Ives, Kovskij, Madiel).

Non me lo sarei mai immaginato da te! :o  Burpo e Roussel, che figata! :lol:

Link al commento
Condividi su altri siti

Ma solo io ho una squallida suoneria predefinita? di quelle che quando suona il telefono in cinque mettono mano alla borsa perchè pensano sia il loro...

20 ore fa, superburp dice:

Grazie mille, è un pezzo che ho sempre apprezzato. L'ho conosciuto la prima volta con Klemperer (altro direttore poco associato a Stravinskij, per quanto con un suono più "neoclassico" di Furt) ed effettivamente mi sembra una delle migliori esecuzioni di Furt al di fuori del suo repertorio d'elezione.

Ma Furtone da giovine non aveva un repertorio più ampio e "contemporaneo"? di quella generazione di direttori abbiamo sempre l'immagine della loro vecchiaia che, per carità, a voi piace, ma non è mai completamente emblematica.

Anyway, tu e @Snorlax ricevete in dedica questa come premio per l'ottima musica scelta:

Bernard Haitink / Concertgebouw Orchestra

a proposito di grandi in un repertorio inusuale. Musica tesa, gagliarda, che non deraglia mai emotivamente, procede instancabile, come un treno a vapore. Dura un quarto d'ora ma potrebbe durare due ore, e non farebbe differenza. Quando si dice la forza del contrappunto. Sta diventando uno dei miei sinfonisti preferiti.

Segue, un altro ascolto raffinatissimo, e non perchè l'abbia scelto io, ma perchè è la musica ad esserlo:

questo piacerà moltissimo a  @il viandante del sud che ne segnalava l'uscita tempo fa.

Infine, la quota XVII secolo, autore a me sconosciuto ma interpreti notissimi:

musica piuttosto idiomatica, direi quasi "parlante", di andamento liberamente rapsodico, tra recitativo, danza e forma di variazione. "Fantastiche" (in senso letterale) come sapevano essere le composizioni di quel periodo. 

Link al commento
Condividi su altri siti

3 ore fa, Majaniello dice:

Ma Furtone da giovine non aveva un repertorio più ampio e "contemporaneo"? di quella generazione di direttori abbiamo sempre l'immagine della loro vecchiaia che, per carità, a voi piace, ma non è mai completamente emblematica.

Assolutamente sì, ha anche diretto la prima assoluta di alcuni lavori importanti (primo concerto di Bartok e quinto di Prokofiev, entrambi con gli autori al piano, variazioni op. 31 di Schönberg). Comunque la preferenza di Furt andava per il repertorio più antico, è innegabile; e come tutti i direttori, negli ultimi anni ha preferito dedicarsi alle cose che amava di più, motivo per cui ci sono meno registrazioni di musica del '900. Se la tecnologia fosse stata in grado di registrare dal vivo qualche decennio prima, avremmo più materiale.

Link al commento
Condividi su altri siti

23 ore fa, Majaniello dice:

 

Segue, un altro ascolto raffinatissimo, e non perchè l'abbia scelto io, ma perchè è la musica ad esserlo:

questo piacerà moltissimo a  @il viandante del sud che ne segnalava l'uscita tempo fa.

 

Certo (grazie della dedica), tant'è che qualche giorno fa l'ho messo in ordine ;)

Di Ghedini non se ne sente mai abbastanza.

Ricambio con:

 

Link al commento
Condividi su altri siti

On 11/6/2022 at 22:27, Pollini dice:

La sto facendo con Finale, poi magari la caricherò su YouTube. Ma non aspettatevi un visibilio :o :o !

Dai non fare il modesto, sono curioso di sentire e vedere (la partitura) ;)

Per il resto, grazie @Snorlax per la dedica. Purtroppo non sto ascoltando nulla in questo periodo da poter controdedicare, mi rifarò in seguito

Link al commento
Condividi su altri siti

On 11/6/2022 at 15:27, giobar dice:

Interessante, forse però come suoneria vedrei meglio la più colorata versione di Britten. Io invece da anni uso la Toccata di apertura dell'Orfeo di Monteverdi, che desta sempre grande curiosità e mi è stata copiata da diverse persone.

Filologico anche nelle suonerie eh...😏😄 In realtà non c'era il file con la versione britteniana. Ottimo Monteverdi.

°°°°°°

Shaw prova gli oratori di Haydn:

Link al commento
Condividi su altri siti

2 ore fa, Ives dice:

Filologico anche nelle suonerie eh...😏😄 In realtà non c'era il file con la versione britteniana. Ottimo Monteverdi.

 

Anche il mio file non c'era e me lo son dovuto ricavare masterizzando la versione che mi sembrava più funzionale come suoneria. In proposito, sono dell'avviso che si debba ricordare a cosa serve: sentire il telefono che suona e riconoscerlo come il proprio. Inutile invece impostare una suoneria che non si sente bene sin dall'inizio (e alcune versioni della Toccata di Monteverdi esordiscono troppo piano) o che trasmette agli eventuali ascoltatori messaggi equivoci di tristezza o allegria che possono risultare inappropriati al contesto o alla telefonata che sta arrivando. Non riesco a convincere un mio collega sul fatto che il drammaticissimo preludio di Chopin che ha scelto come suoneria si sente benissimo sin dalla prima nota ma spinge tutti a domandarsi se lui sia stato appena piantato dalla moglie :D 

Link al commento
Condividi su altri siti

1 ora fa, giobar dice:

Anche il mio file non c'era e me lo son dovuto ricavare masterizzando la versione che mi sembrava più funzionale come suoneria. In proposito, sono dell'avviso che si debba ricordare a cosa serve: sentire il telefono che suona e riconoscerlo come il proprio. Inutile invece impostare una suoneria che non si sente bene sin dall'inizio (e alcune versioni della Toccata di Monteverdi esordiscono troppo piano) o che trasmette agli eventuali ascoltatori messaggi equivoci di tristezza o allegria che possono risultare inappropriati al contesto o alla telefonata che sta arrivando. Non riesco a convincere un mio collega sul fatto che il drammaticissimo preludio di Chopin che ha scelto come suoneria si sente benissimo sin dalla prima nota ma spinge tutti a domandarsi se lui sia stato appena piantato dalla moglie :D 

E' il n. 4? Quando l'ho studiato mia moglie ha vacillato anche lei effettivamente :lol:.

Comunque sto ascoltando un cd un po' deludente: Fricsay dirige Mendelssohn (Sogno di una notte ecc. e concerto per violino con Schneiderhan). Il concerto è piuttosto scialbo ed anche il Sogno non è granchè: l'approccio è molto contenuto (e un po' spento appunto), ma non è una questione di tempi, sembra stiano tutti facendo il loro compitino e basta. Non è la prima registrazione di Fricsay che mi risulta così, ricordo una noiosissima 5.a di Beethoven.

Link al commento
Condividi su altri siti

Mentre altrove prosegue velenosa la faida tra Haydn e Luchesi, io ascolto questo:

d18fe04cf6fe57d4acc36e46712174e1_700.jpg

anche Hurwizzo, per quel che vale, è d'accordo sul fatto che questa sia grande musica, ricca di spunti melodici, orchestrata in maniera personale (i fiati!), con agio contrappuntistico solido benchè non esibito, e io ovviamente sono d'accordo con lui. Così, per curiosità, mi sono messo a cercare incisioni delle sinfonie di Boccherini di epoca pre-filologica... risultato: un doppio Philips di Leppard (abbastanza loffio) degli anni '70. Grandi del podio non pervenuti. Ma in tempi recenti non va certo meglio, tolto lo Stabat mater (capolavoro) e la sinfonia "La casa del diavolo" (forse diventata famosa più per il titolo), il Boccherini sinfonico è assai snobbato anche dagli specialisti del XVIII secolo, pochi i nomi grossi che se ne sono occupati in disco, più che altro nel recente passato (Hogwood, Banchini, Alte Musik Berlin...), con nessuna risonanza a livello di repertorio, ovviamente. Esiste una meritoria integrale CPO, che però rimane una testimonianza per appassionati. Ma come si fa a competere con le sinfonie viennesi che portiamo nelle orecchie da quando siamo nati, grazie alle millemila incisioni storiche dei più grandi direttori? Siamo alle solite, stante la situazione attuale questa ci parrà sempre musica minore. Eppure io qua ci sento non dico Mozart, ma addirittura un'anticipazione di Beethoven:

Menomale che almeno c'è il maestro Mangiocavallo! :lol: che peraltro sigla una concertazione magari non travolgente ma caratterizzata da un discreto senso della frase musicale.

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy