Vai al contenuto

Cosa state ascoltando ? Anno 2022


Madiel
 Condividi

Recommended Posts

  • Risposte 1,2k
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

Dal topic di Hurwitz:

orchestra gigantesca e suono trasparente, con linee sempre ben comprensibili, come in un'orchestra da camera... tantissimi gli spunti musicali in poco più di 15 minuti, insomma ottimo Denisov come al solito, anche alla fine (dovrebbe essere stata scritta nell'anno della morte).

Visto che uno dei preferiti di Denisov era Schubert, proseguo con alcune canzonette da qui:

71C9lbmh7AL._AC_SL1500_.jpg

 

 

Link al commento
Condividi su altri siti

13 minuti fa, Madiel dice:

 

ah bello questo! ho letto 1979 e ho pensato non fosse nelle mie corde, dato che ricordavo le ultime cose di Searle un po' ostiche, mentre qui c'è molta cantabilità, seppur in tono misterioso e un po' tromboneggiante. Ma i frammenti che si sentono qui e là sono citazioni? ogni tanto c'è un pezzetto di cavalcata, un passaggio swingato, una fanfara "in fuga", ad un certo punto pare di sentire anche un tema popolare, sembrano però tutti spunti accennati e subito abbandonati.

Link al commento
Condividi su altri siti

8011538

So che non è un genere molto seguito qui dentro, ma vi segnalo lo stesso il recital di questa ragazza, incentrato sui compositori italiani del XVII secolo, che suona il cembalo con uno stile chiaro, teso e immaginifico, per nulla indulgente, soprattutto. Mi ricorda per certi versi l'amata Blandine Verlet nelle sue incisioni giovanili, ma anche il suo conterraneo Aapo Häkkinen. 

Frammenti del discorso amoroso
Marianna Henriksson (harpsichord)
rec. 2017, Kallio-Kuninkala, Järvenpää, Finland

Giovanni PICCHI (1572-1643)
1. Toccata [4:20]
2. Pass' e mezzo [5:29]
Tarquinio MERULA (1594/5-1665)
3. Toccata del secondo tono [3:47]
4. Capriccio cromatico [3:38]
5. Girolamo FRESCOBALDI (1583-1643) Cento partite sopra passacaglia [10:58]
6. Bernardo STORACE (fl. mid-17th century) Ballo della battaglia [1:49]
7. Michelangelo ROSSI (1601/2-1656) Toccata settima  [4:35]
8. Gregorio STROZZI (ca. 1615-1687) Toccata de Passacagli, e ciascheduno può sonarsi à solo [5:22]
9. Girolamo FRESCOBALDI Toccata duodecima [4:24]
10. Bernardo STORACE Ciaccona [5:55]
11. Gregorio STROZZI Toccata prima per cembali et organi, con pedarole e senza [7:03]

 

 

 

Link al commento
Condividi su altri siti

On 15/5/2022 at 21:13, Majaniello dice:

8011538

So che non è un genere molto seguito qui dentro, ma vi segnalo lo stesso il recital di questa ragazza, incentrato sui compositori italiani del XVII secolo, che suona il cembalo con uno stile chiaro, teso e immaginifico, per nulla indulgente, soprattutto. Mi ricorda per certi versi l'amata Blandine Verlet nelle sue incisioni giovanili, ma anche il suo conterraneo Aapo Häkkinen. 

Frammenti del discorso amoroso
Marianna Henriksson (harpsichord)
rec. 2017, Kallio-Kuninkala, Järvenpää, Finland

Giovanni PICCHI (1572-1643)
1. Toccata [4:20]
2. Pass' e mezzo [5:29]
Tarquinio MERULA (1594/5-1665)
3. Toccata del secondo tono [3:47]
4. Capriccio cromatico [3:38]
5. Girolamo FRESCOBALDI (1583-1643) Cento partite sopra passacaglia [10:58]
6. Bernardo STORACE (fl. mid-17th century) Ballo della battaglia [1:49]
7. Michelangelo ROSSI (1601/2-1656) Toccata settima  [4:35]
8. Gregorio STROZZI (ca. 1615-1687) Toccata de Passacagli, e ciascheduno può sonarsi à solo [5:22]
9. Girolamo FRESCOBALDI Toccata duodecima [4:24]
10. Bernardo STORACE Ciaccona [5:55]
11. Gregorio STROZZI Toccata prima per cembali et organi, con pedarole e senza [7:03]

 

 

 

Grazie Majaniello !

veramente una gradevolissima sorpresa, 

vado a cercare  anche altre sue interpretazioni.

 

 

 

Link al commento
Condividi su altri siti

RAI Radio3 Suite - Il Cartellone 16 maggio 2022 20:00 
in diretta dal Teatro alla Scala di Milano
Milano Musica
per ricordare Luciana Pestalozza e Claudio Abbado 

Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI
Pedro Amaral, direttore
Vadim Repin, violino (dedicatario)

Sofija Gubajdulina : Dialog -  Ich und Du (titolo mutuato da Martin Buber, 1923) 
Concerto per violino e orchestra n. 3
prima esecuzione in Italia

-

Tra affermazioni provocatorie quanto disarticolate, e conforto, teoria del conforto, l'aspetto più intrigante secondo me è che questi aspetti del dialogo vengono portati nel testo, complessivo, e nient'affatto nel solo concerto[1] tra solista e orchestra, seppure questo così fortemente giocato di contrasto volumetrico e timbrico.

Ah ecco, sì, poteva proprio starci l'organo 🙂 oibò che strumento è questo che sento tipo celesta caricata a campane, no non il gong, prima... e insomma voglio l'organico orchestrale!! 😃

Sì (sentita l'intervista allo splendido interprete) mi piace anzi ritengo cardinale parlare di Sofia Gubaidulina come di tradizione: per certi versi seccamente superata, tanto quanto sapere che Dialog, con la sua perfezione di freschezza e densità e provocazione e firma personale ormai persino archiviabile-ma-oh-accidenti-hai-sentito-che-roba? è stato aperto e chiuso a 88 anni d'età (giusto?) in assoluta completezza e definizione persino devastante, a me fa gridare (di gioia) eheh.

-

[1] volendo spiegar meglio la mia prima impressione 🙂 :

"sans but/ symbolique le musicien escalade Fatima," (F. Picabia, 1918)

Una partitura per cui (io ho còlto che) l'io e il tutto (a partire da un universo di percezioni e affermazioni) risultano risaltano come realtà dialoganti in se stesse, entro se stesse, ciascuna e le due parallelamente discostamente quanto simultaneamente e corrispettivamente; come a dire che a afferrare il dialogo interno al soggetto e quello cui il soggetto si sente coinvolto per ricchezza e ampiezza (quantità e qualità) di voci che convergono e divergono su di lui da lui con lui si perviene a una dinamica di curiosa corrispondenza, di perplessità e praticazione: il mondo intero non è meno perplesso e praticante di quanto non possa così facilmente ritrovarmi a essere io in ogni momento ...io chi? io esperente di volontà quanto di vaghezza.

Su una superficie piuttosto figurativa, intendo cioè più un quadro che un teatro (sembra intenzione in questo concerto di pretendere di restare in un momento precedente ogni confronto duale mondano), i toni vengono, sono, smorzati anziché riverberare della drammaticità, in un movimento di forme dall'interno in guadagno anziché in sconcerto e sperdutezza nel contrasto: l'esordio e infine il canto trovano il sapore della propria sostanza e appunto corrispondenze se anche non appoggi, anziché vacuità o estraneità gratuite: è quindi una strana solitudine, agente prima d'ogni interpretazione: nessuno è forse nessun altro ma tutti vivono, e insieme, nella misura di un esistere percorso fiorito di consimilarità.
(Una considerazione peraltro immediatamente squisita palestra per il suonatore di musiche scritte da altre mani, direi, per quanto non passivo si senta d'essere: il testo avrà istanze come lui ne ha.)

Adesso magari vado a cercarmi il testo di Buber 🙂

 

Link al commento
Condividi su altri siti

Franz LISZT
Années de pèlerinage: Prèmiere année: Suisse

Francesco Libetta

Disco acquistato poco fa alla fine di un concerto beethoveniano di Libetta (spettacolari ultime tre sonate). All'uscita era disponibile, a sorpresa, il boxino di 3 cd con le Années de pèlerinage. Pubblicazione recentissima di cui non sapevo nulla e che al primo ascolto sembra straordinaria sotto tutti i punti di vista. Sul piano interpretativo siamo al top: una lettura modernissima ma al tempo stesso piena di nostalgie romantiche e di capacità narrativa e descrittiva. Sbalorditivo poi il profilo tecnico. registrazione curata da Marco Lincetto nel teatro di Città di Castello utilizzando un prototipo di pianoforte Borgato  (unico esemplare esistente) che offre una ricchezza timbrica mostruosa. Forse non ho mai  ascoltato una registrazione pianistica di questo livello.  Peccato che, come quasi sempre per Libetta, il disco sia pubblicato da un'etichetta ignota ( C&Co New Recording ) che non fa nulla per agevolare l'acquisto dei suoi prodotti. Nessuna distribuzione tramite le principali catene on line. Il sito è misteriosissimo e schifoso: non ci sono nemmeno le immagini dei dischi e i relativi prezzi, per non parlare delle informazioni su modalità di acquisto e spedizione. La prossima volta che torna qui a suonare (tanto è in amicizia con i responsabili dell'associazione che lo invita) affronto Libetta e gli chiedo spiegazioni.

Link al commento
Condividi su altri siti

Handel

L'Allegro, il Penseroso ed il Moderato (HWV 55)

Solo and Chorus, L’Allegro (bass): "Populous cities please me then"

Mauro Borgioni - Kammerchor der Musikakademie Ljubljana

Orchester der Akademie für Alte Musik Bruneck

Alexis Kossenko

E buona giornata a tutti!

Link al commento
Condividi su altri siti

Bela BARTOK
Musica per archi, percussione e celesta

Orchestra filarmonica di Leningrado
Evgeny Mravinsky

Tensione così elevata che sembra di essere in un film di Hitchcock. Anche l'ultimo tempo, che molti direttori trasformano, in modo quasi liberatorio, in una sorta di cavalcata stile far-west, è invece partecipe dell'accumulo di tensione ed evoca immagini di precipitose discese agli inferi e di sabba disperati.

Link al commento
Condividi su altri siti

RAI Radio3 Suite - Il Cartellone 20 maggio 2022 20:30
in diretta dal Parco della Musica, Roma

Accademia Nazionale di Santa Cecilia - Stagione Sinfonica

Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia
Gil Shaham, direttore e solista
Valerio Aprea, voce recitante

Fritz Kreisler : Preludio e allegro nello stile di Pugnani

Arvo Pärt : Fratres

Joseph Boulogne Chevalier de Saint Georges : Concerto per violino e orchestra in sol maggiore op. 8 n. 9
- Allegro
- Largo
- Allegro
prima esecuzione italiana

Antonio Vivaldi : Le quattro stagioni
Concerto n. 1 in mi maggiore op.8, RV 269 "La Primavera"
per violino, archi e basso continuo
Concerto n. 2 in sol minore op.8, RV 315 "L'estate"
per violino, archi e basso continuo
Concerto n. 3 in fa maggiore op.8, RV 293 "L'autunno"
per violino, archi e basso continuo
Concerto n. 4 in fa minore op. 8, RV 297 "L'inverno"
per violino, archi e basso continuo

-

Affascinante che Gil Shaham abbia raddensato Kreisler e introdotto kreislerianamente Paert, davvero un grazie per questo spettacolo d'arte così elaborata e d'animo ampio insieme, sarebbe perfetta per una primavera di pace riconquistata.

E' joie de vivre quella settecentesca? il fatto è che suona via via così poco cortigiana, come se l'arte sapesse volesse potesse insegnare l'ascolto di una vita in qualche modo immensa, altro che locali supremazie d'arroganza: alla messinscena del Murder of Gonzago scatta quell'insopprimibile rimosso.

Link al commento
Condividi su altri siti

Handel

L'Allegro, il Penseroso ed il Moderato (HWV 55)

Aria with obbligato flute: "Sweet bird"

Mary Bevan - soprano

Orchester der Akademie für Alte Musik Bruneck

Alexis Kossenko

Kossenko si ricorda che è stato anche validissimo flautista barocco e suona la parte dedicata allo strumento.

Link al commento
Condividi su altri siti

On 20/5/2022 at 22:32, zippie dice:

RAI Radio3 Suite - Il Cartellone 20 maggio 2022 20:30
in diretta dal Parco della Musica, Roma

Accademia Nazionale di Santa Cecilia - Stagione Sinfonica

Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia
Gil Shaham, direttore e solista
Valerio Aprea, voce recitante

Fritz Kreisler : Preludio e allegro nello stile di Pugnani

Arvo Pärt : Fratres

Joseph Boulogne Chevalier de Saint Georges : Concerto per violino e orchestra in sol maggiore op. 8 n. 9
- Allegro
- Largo
- Allegro
prima esecuzione italiana

Antonio Vivaldi : Le quattro stagioni
Concerto n. 1 in mi maggiore op.8, RV 269 "La Primavera"
per violino, archi e basso continuo
Concerto n. 2 in sol minore op.8, RV 315 "L'estate"
per violino, archi e basso continuo
Concerto n. 3 in fa maggiore op.8, RV 293 "L'autunno"
per violino, archi e basso continuo
Concerto n. 4 in fa minore op. 8, RV 297 "L'inverno"
per violino, archi e basso continuo

-

Affascinante che Gil Shaham abbia raddensato Kreisler e introdotto kreislerianamente Paert, davvero un grazie per questo spettacolo d'arte così elaborata e d'animo ampio insieme, sarebbe perfetta per una primavera di pace riconquistata.

E' joie de vivre quella settecentesca? il fatto è che suona via via così poco cortigiana, come se l'arte sapesse volesse potesse insegnare l'ascolto di una vita in qualche modo immensa, altro che locali supremazie d'arroganza: alla messinscena del Murder of Gonzago scatta quell'insopprimibile rimosso.

sembra un programma che avrebbe potuto fare Kremer con la kremerata baltica. 

---

su Radio Classica dànno il Settimino di Beethoven, un lavoro che ho scoperto relativamente di recente ma che ho apprezzato fin da subito. Buona domenica a tutti!

Link al commento
Condividi su altri siti

Messiaen

Poèmes pour Mi

Françoise Pollet, soprano

The Cleveland Orchestra

Pierre Boulez

51y5LBcREuL._UX358_FMwebp_QL85_.jpg

Sarà opera giovanile, ma questo ciclo di liriche dedicato alla moglie, lo riascolto spesso e con estremo piacere. Ci sono in nuce già tanti tratti del Messiaen maturo: sfumature mistiche, vertiginosa frenesia, immobilità cosmica, pace contemplativa. Al netto del sentimento religioso, che mi interessa relativamente. Seguono le splendide Les Nuits d'eté berlioziane, sempre dirette da Boulez a Cleveland, che qui sceglie la versione originaria con più voci (come già fece negli anni '70 per la Sony), rispetto a quella tradizionale per mezzo (non idiomaticissimi i cantanti, soprattutto il sommario basso Sedov):

81iIhYWN43L._SX425_.jpg

E buona domenica a tutti.

Link al commento
Condividi su altri siti

RAI Radio3 Suite - Il Cartellone 22 maggio 2022
20:30

Salzburger Festspiele
registrazione Euroradio del 15 agosto 2021
Salisburgo, Felsenreitschule

Intolleranza 1960
azione scenica in due parti (1961)
da un’idea di Angelo Maria Ripellino per soli, coro e orchestra
su testi di Henri Alleg, Bertolt Brecht, Paul Éluard, Julius Fucˇík, Vladimir Majakovskij, Angelo Maria Ripellino e Jean-Paul Sartre
musica di Luigi Nono

un migrante, Sean Panikkar
la sua compagna, Sarah Maria Sun
una donna, Anna Maria Chiuri
un algerino, Antonio Yang
un torturato, Musa Ngqungwana

Konzertvereinigung Wiener Staatsopernchor
Huw Rhys James, maestro del coro

Wiener Philharmoniker
Ingo Metzmacher, direttore

regia e scene, Jan Lauwers
costumi, Lot Lemm

-

Nel proporre una costruzione sinfonico-teatrale con caratteri di originalità (da non stupirsi con maggior fortuna di pubblico là dove più uso a Weill o perché no Berlioz...) direi qui decisamente intenzionale la proposta e la pratica della musica e la poesia come motivo e intervento nell'evidenza, tra necessità e suggestioni, del dirsi sociale: tra le sue disorganicità incomprensioni violenze ma anche ascolti dialogo e storie comuni: in un meno di estetica condivisa e più di azione nel gesto estetico specie della parola.

Link al commento
Condividi su altri siti

RAI Radio3 Suite - Il Cartellone 23 maggio 2022 20:30
GOG Giovine Orchestra Genovese
registrato il 22 novembre 2021 al Teatro Carlo Felice di Genova

Gringolts Quartet
Ilya Gringolts, violino
Anahit Kurtikyan, violino
Silvia Simionescu, viola
Claudius Herrmann, violoncello
ospite:
Christian Poltéra, violoncello

Aleksandr Konstantinovič Glazunov : Quintetto in la maggiore op. 39

Sergej Ivanovič Taneyev
Quintetto n. 1 in sol maggiore op. 14

-

Ilya Gringolts in ensemble con addendum...: che ritmo, intessuto così finemente quanto sostanziosamente, i Compositori ne fuoriescono come un libro troppo ben scritto, nessuna rilettura, ma davvero un'ottima lettura pubblica, di quando la voce ha quel timbro sano e di personalità ...soavemente profonda, qui capace anche di espressione dolcemente divertita, davvero complimenti, si può andare ovunque così, in delicatezza che ricorda un'eleganza di altri tempi di intenzioni come dire più buone? eppure così serie, serissime, basterebbe il tratto bentenutissimo, bella storia davvero.

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy