Vai al contenuto

Cosa state ascoltando ? Anno 2021


Madiel
 Condividi

Recommended Posts

  • Risposte 2,7k
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

1 ora fa, Wittelsbach dice:

Tutte le volte che la senti ne parli bene.

Mica vero, piuttosto è l'opera migliore che era riuscito a comporre. Gira e rigira alla fine me la sono ascoltata tutta e, per l'ennesima volta, mi chiedo come abbia potuto scrivere due movimenti iniziali così potenti, un adagio (lo Judex) ispirato, per poi cadere in un finale di rara bruttezza. Confuso non tanto per la musica in sé, quanto per l'organizzazione del materiale. Pure lo stile è abbastanza personale, avendo metabolizzato bene certe derivazioni wagneriane e straussiane.

Comunque, io sono alle prese con

A. Scarlatti: Cain overo il Primo omicidio, Parte 1

Europa Galante diretta da F. Biondi

Link al commento
Condividi su altri siti

1 ora fa, dejure dice:

Biber: Missa Salisburgensis - DG Archiv: 4576112 - CD or download | Presto  Classicalsegue..

51pY9Btt4tL._AC_.jpg

a chi gradisce

Bellissima la Messa di Biber interpretata con molta forza; per quanto concerne il pezzo di Debussy, non è quasi mai rappresentato e forse a ragione; sulla concertazione l'autore non mi è mai sembrato a proprio agio nemmeno nelle rapsodie per sax anche se resta un pezzo piacevole all'ascolto. 

Ottima la performance di Ciccolini nel secondo concerto di Ravel che, tra l'altro, preferisco al primo; impeccabile la direzione di Martinon.

Ho sentito qualche estratto di Chabrier di questa pianista che mi era ignota (forse prendendo spunto da qualche cosiglio sul forum); se mi convincerà pure in Beethoven prenderò il suo cofanetto Decca

Ai Beethoveniani fino al midollo visto il brano non molto noto

Link al commento
Condividi su altri siti

1 ora fa, dejure dice:

 

Ho sentito qualche estratto di Chabrier di questa pianista che mi era ignota (forse prendendo spunto da qualche cosiglio sul forum); se mi convincerà pure in Beethoven prenderò il suo cofanetto Decca

Ai Beethoveniani fino al midollo visto il brano non molto noto

Oh siiiii ci piace !!! 😊

Link al commento
Condividi su altri siti

eyJidWNrZXQiOiJwcmVzdG8tY292ZXItaW1hZ2VzIiwia2V5IjoiNzk1MzI0Ny4xLmpwZyIsImVkaXRzIjp7InJlc2l6ZSI6eyJ3aWR0aCI6OTAwfSwianBlZyI6eyJxdWFsaXR5Ijo2NX0sInRvRm9ybWF0IjoianBlZyJ9LCJ0aW1lc3RhbXAiOjE0MDE5ODI1NTd9mi sono appena ascoltato alcune suites di Massenet che, francamente, non mi hanno granché colpito... aleggiano sempre molte ombre su questo autore conosciuto solo per alcune opere e balletti. Mi pare che gli ascolti sinfonici siano sparuti anche qui sul forum

51s8y7Ub-RL.jpg

Proseguo con la musica per pianoforte

A chi gradisce

Link al commento
Condividi su altri siti

33 minuti fa, Yeats dice:

Webern, Sinfonia
London Symphony Orchestra; Boulez

tra l'altro tra ieri sera e oggi sto leggendo anche il suo ciclo di lezioni intitolato "der weg zur neuen musik". quando parla di musica è decisivo, anzi insostituibile. per il resto, cita spesso goethe (il goethe naturalista! ) e il suo esatto opposto, karl kraus.

Link al commento
Condividi su altri siti

Mah, questo pezzo è un perfetto esempio del perchè Berlioz mi piace a tratti. Nel complesso lo trovo inconcludente dal punto di vista musicale.

maxresdefault.jpg

"Bella l'orchestrazione, belli i timbri, bravo... Grazie, adesso te ne poi pure anna'."

 

Per rimanere in tema viola e orchestra:

A Madiel, Ives, Kovskij, giordano, miasko e Yeats.

Link al commento
Condividi su altri siti

13 ore fa, superburp dice:

Mah, questo pezzo è un perfetto esempio del perchè Berlioz mi piace a tratti. Nel complesso lo trovo inconcludente dal punto di vista musicale.

maxresdefault.jpg

"Bella l'orchestrazione, belli i timbri, bravo... Grazie, adesso te ne poi pure anna'."

 

Per rimanere in tema viola e orchestra:

A Madiel, Ives, Kovskij, giordano, miasko e Yeats.

Grazie, ricambio con:
Hindemith, Sonata per Clarinetto e Pianoforte
Ralph Manno (Clarinetto), Liese Klahn (Pianoforte)

999302-2.jpg

 

Comunque sono d’accordo su Berlioz. Per questo preferisco l’orchestrazione leggera, che dia valore ai singoli strumenti e allo “svolgimento” del brano. 

Link al commento
Condividi su altri siti

1 ora fa, Yeats dice:

Comunque sono d’accordo su Berlioz. Per questo preferisco l’orchestrazione leggera, che dia valore ai singoli strumenti e allo “svolgimento” del brano. 

In realtà l'orchestrazione di Berlioz a me piace, ha delle combinazioni timbriche molto originali. Inoltre, è banale a dirsi, l'orchestrazione dev'essere funzionale all'idea di musica che ha in mente il compositore, quindi l'orchestrazione di Wagner, che a Stravinskij faceva ribrezzo, in Wagner ovviamente è perfetta.

A me di Berlioz piace la Fantastica (che è l'unico pezzo che conosco bene). Invogliato dai tanti commenti positivi su di lui che girano qui sul forum mi sono lasciato tentare dal riascoltare l'Harold, ma mi ha deluso. Ora ci riproverò, perchè non nego che potrei essere stato distratto o poco predisposto, però è riemersa la vecchia impressione su di lui che Schumann ha descritto così bene dicendo: "Non si sa se debba esser definito un genio o un avventuriero musicale: egli splende come un lampo, ma però lascia dietro di sé una puzza di zolfo; traccia grandi frasi e verità e tosto cade in un balbettamento da scolaro."

P.S.: Ah, Schumann della Fantastica parla benissimo, quindi sono totalmente allineato con lui (spero non sia un indice di pazzia anche per me :lol:!).

Link al commento
Condividi su altri siti

18 minuti fa, superburp dice:

In realtà l'orchestrazione di Berlioz a me piace, ha delle combinazioni timbriche molto originali. Inoltre, è banale a dirsi, l'orchestrazione dev'essere funzionale all'idea di musica che ha in mente il compositore, quindi l'orchestrazione di Wagner, che a Stravinskij faceva ribrezzo, in Wagner ovviamente è perfetta.

A me di Berlioz piace la Fantastica (che è l'unico pezzo che conosco bene). Invogliato dai tanti commenti positivi su di lui che girano qui sul forum mi sono lasciato tentare dal riascoltare l'Harold, ma mi ha deluso. Ora ci riproverò, perchè non nego che potrei essere stato distratto o poco predisposto, però è riemersa la vecchia impressione su di lui che Schumann ha descritto così bene dicendo: "Non si sa se debba esser definito un genio o un avventuriero musicale: egli splende come un lampo, ma però lascia dietro di sé una puzza di zolfo; traccia grandi frasi e verità e tosto cade in un balbettamento da scolaro."

P.S.: Ah, Schumann della Fantastica parla benissimo, quindi sono totalmente allineato con lui (spero non sia un indice di pazzia anche per me :lol:!).

sisi, avevo capito superburp! io ci mettevo solo il carico da novanta :cat_lol:

Link al commento
Condividi su altri siti

58 minuti fa, superburp dice:

P.S.: Ah, Schumann della Fantastica parla benissimo, quindi sono totalmente allineato con lui (spero non sia un indice di pazzia anche per me :lol:!).

Vado a memoria, ma Schumann non credo l'abbia mai sentita fatta in orchestra, il suo giudizio si riferiva alla lettura della partitura nella riduzione pianistica di Liszt. Era proprio un pazzoide...😁

Beethoven

Piano Concerto No. 3 Op. 37

Kristian Bezuidenhout - piano

Gürzenich-Orchester Koln

François-Xavier Roth

@superburp e @dejure

Link al commento
Condividi su altri siti

Sibelius,

Sinfonia n. 7, Finlandia, Il cigno di Tuonela, Notturno ed elegia da Re Christian, Tapiola, Il bardo

Bournemouth Symphony Orchestra

Paavo Berglund

A chi gradisce il testamento spirituale di Sibelius, sinfonia a tempo unico che spazza definitivamente via dalla propria produzione il concetto di forma. In questo senso sarebbe interessante riallacciarsi al topic nella discussione Hurwitz per capire se veramente Sibelius possa considerarsi apostolo di Bruckner che poi rinnegherà nel seguito della propria produzione sinfonica. Resta il fatto che, a parer mio, il primo Sibelius resta quello più ispirato ed evocativo.

A chi gradisce

Link al commento
Condividi su altri siti

16 ore fa, superburp dice:

Mah, questo pezzo è un perfetto esempio del perchè Berlioz mi piace a tratti. Nel complesso lo trovo inconcludente dal punto di vista musicale.

maxresdefault.jpg

"Bella l'orchestrazione, belli i timbri, bravo... Grazie, adesso te ne poi pure anna'."

 

2 ore fa, Yeats dice:

Comunque sono d’accordo su Berlioz. Per questo preferisco l’orchestrazione leggera, che dia valore ai singoli strumenti e allo “svolgimento” del brano. 

Lasciando da parte i giudizi di Schumann - che personalmente non trovo affatto utili per comprendere l'arte compositiva di Berlioz -  di solito non intervengo mai rispetto ai gusti personali, perché ognuno di noi è libero di farsi piacere quello che vuole, ma dato che sono stato nominato, e che Berlioz è uno dei compositori che amo di più, mi limito solo ad una suggestione.

Premettendo che trovo insostenibile la vulgata per cui il francese fosse un compositore tanto fumo e poco arrosto - o come dice qualcuno, tutto esteriore - mi permetto di suggerirvi l'ascolto seguente, e di consigliarvi fare attenzione a cosa succede in partitura. Siamo nel 1839, tanto per ricordarlo.

P.s. Purtroppo per questioni di tempo, in questo periodo i miei interventi saranno pochi e male approfonditi. Mi scuso in anticipo se potrò sembrare fin troppo perentorio nei miei post. :sorry:

Link al commento
Condividi su altri siti

5 ore fa, Snorlax dice:

 

Lasciando da parte i giudizi di Schumann - che personalmente non trovo affatto utili per comprendere l'arte compositiva di Berlioz -  di solito non intervengo mai rispetto ai gusti personali, perché ognuno di noi è libero di farsi piacere quello che vuole, ma dato che sono stato nominato, e che Berlioz è uno dei compositori che amo di più, mi limito solo ad una suggestione.

Premettendo che trovo insostenibile la vulgata per cui il francese fosse un compositore tanto fumo e poco arrosto - o come dice qualcuno, tutto esteriore - mi permetto di suggerirvi l'ascolto seguente, e di consigliarvi fare attenzione a cosa succede in partitura. Siamo nel 1839, tanto per ricordarlo.

P.s. Purtroppo per questioni di tempo, in questo periodo i miei interventi saranno pochi e male approfonditi. Mi scuso in anticipo se potrò sembrare fin troppo perentorio nei miei post. :sorry:

caro snorlax, naturalmente io non volevo mancare di rispetto né agli estimatori di berlioz né tanto meno a te!
detto questo, quel brano ha idee armoniche chiare e questo mi piace. però ha anche dei “”” difetti “”” (per il mio gusto e solamente mio) che trovo tipici di berlioz, proprio in riferimento all'orchestrazione. ad es., ma è solo un esempio, quei “colpetti" di flauto e ottavino (e poi arpa) che così platealmente evocano fate, animaletti svolazzanti e quant'altro, oppure quel bizzarro “leitmotiv" (che non è proprio un motivo) ripetuto da flauto, oboe e archi ai minuti 1:34 , 2:21 ecc , oppure quelle note basse dei fagotti reiterate ogni tanto a mo' di “trapano” (in questa esecuzione si sentono poco), o gli armonici smielati/serafici dei violini, o i corni che qua e là rievocano effetti di “annuncio" del corteo di mab, e così via. IMHO è musica “pittoresca”, affine ai dipinti orientaleggianti di delacroix nello stesso periodo.
non c’è (per me) quella che alfredo casella chiama la “discorsività logica” del brano. sento più che altro un insieme di "effetti speciali". confronta questo brano con l’inizio dell’overture del sogno di una notte di mezz’estate di felix, che tratta le stesse atmosfere fantastiche (stavolta, con aria divertita, senza il benché minimo trastullo), osserva quanto è diverso l' uso dei fiati (cui berlioz , pure, sembra essersi ispirato), qui veramente misteriosi e giocosamente incantati! 

ah, sulla questione 1839: ovviamente wagner deve tanto, ma tanto, a berlioz, ed è giusto ricordarlo.

Link al commento
Condividi su altri siti

19 ore fa, superburp dice:

Mah, questo pezzo è un perfetto esempio del perchè Berlioz mi piace a tratti. Nel complesso lo trovo inconcludente dal punto di vista musicale.

maxresdefault.jpg

"Bella l'orchestrazione, belli i timbri, bravo... Grazie, adesso te ne poi pure anna'."

 

Per rimanere in tema viola e orchestra:

A Madiel, Ives, Kovskij, giordano, miasko e Yeats.

Era quanto dicevano i più negli Ascolti settimanali di qualche anno fa. Invenzioni armoniche e timbriche, ma una certa prolissità.

Ricambio con

Roussel: Sinfonia n.3 op.42

Dutoit

 

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Madiel locked this topic
Ospite
Questa discussione è chiusa.
 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy