Vai al contenuto

Cosa state ascoltando ? Anno 2021


Recommended Posts

  • Risposte 1,2k
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

5 ore fa, Antiphonal dice:
Buona Giornata a tutti gli amici e a tutte le amiche ForuMattinieri/e con la Sonata per Organo n.3 di Paul Hindemith:

Stupenda! Mi prendo di forza la dedica e ricambio con:

 

Alessandro Scarlatti: Toccata aperta d'organo; Fuga del 2o tono per organo; Toccata in do maggiore; Toccata in Alamire

Andrea Marcon

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una bella sinfonia che meriterebbe maggior fama:

Dedica a Snorlax e Madiel che sicuramente apprezzano, come anche penso giobar ed Ives e ci aggiungo Florestan e Keikobad.

P.S.: Sarebbe stata interessante una registrazione di Bernstein secondo me. Ives, sai se l'ha diretta?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, superburp dice:

Una bella sinfonia che meriterebbe maggior fama:

Dedica a Snorlax e Madiel che sicuramente apprezzano, come anche penso giobar ed Ives e ci aggiungo Florestan e Keikobad.

P.S.: Sarebbe stata interessante una registrazione di Bernstein secondo me. Ives, sai se l'ha diretta?

Opera eccellente, come un po' tutte quelle di Dukas. Non credo ci sia una incisione di Bernstein, almeno in studio (dal vivo non lo so, ma ne dubito). L'opera era praticamente dimenticata a quei tempi, messa in ombra da quella più magniloquente di Franck, credo sia rientrata in repertorio negli anni sessanta grazie a Martinon. Resta, comunque, un pezzo per intenditori: c'è molto contrappunto, un forte senso della forma classica (anche nell'equilibrio dell'orchestrazione, direi millimetrico), un certo distacco emotivo tutto francese che non può piacere al pubblico bue dei concerti.

Adesso me l'ascolto anche io :D 

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
21 ore fa, superburp dice:

Una bella sinfonia che meriterebbe maggior fama:

Dedica a Snorlax e Madiel che sicuramente apprezzano, come anche penso giobar ed Ives e ci aggiungo Florestan e Keikobad.

P.S.: Sarebbe stata interessante una registrazione di Bernstein secondo me. Ives, sai se l'ha diretta?

Ti ringrazio, a un primo ascolto non mi ha convinto del tutto ma magari mi riservo il diritto di riascoltarla ;)

Ricambio con:

Gustav Mahler: Sinfonia n.3 in re minore 

Michelle DeYoung, mezzosoprano

Pittsburgh Symphony Orchetsra

Manfred Honeck

Su Radio Classica

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
23 ore fa, superburp dice:

Una bella sinfonia che meriterebbe maggior fama:

Dedica a Snorlax e Madiel che sicuramente apprezzano, come anche penso giobar ed Ives e ci aggiungo Florestan e Keikobad.

P.S.: Sarebbe stata interessante una registrazione di Bernstein secondo me. Ives, sai se l'ha diretta?

No, mai diretta da Bernstein. Ma non ricordo sinceramente direttori non francofoni alle prese con quest'opera, almeno nomi di grosso calibro (pure un Ozawa poteva starci). Ma era ed è purtroppo una sinfonia di rarissimo ascolto in sala da concerto. Pure Munch la fece poco e niente e spesso con tagli. Ricordo Martinon, Pretre, Dervaux, Fournet, Dutoit, Tortelier, Jordan. Più recentemente negli anni '90 Slatkin, Lopez-Cobos e Lawrence Foster l'hanno portata in concerto e poi incisa con discreto successo. Ultimamente nei 2000 l'ha incisa Tingaud per Naxos.

Dukas: L'apprenti sorcier, La péri & Symphony in C Major di RTÉ National  Symphony Orchestra su Amazon Music - Amazon.it

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, Ives dice:

Stravinsky

Suites 1 & 2

London Sinfonietta

Riccardo Chailly

@superburp

Uno Chailly di primo pelo! Se non ricordo male, credo sia uno dei primissimi dischi del direttore milanese... e che disco! Siamo in sintonia perché io mi sto ascoltando questo (che ti dedico):

Igor Stravinskij, Le Chant du Rossignol, RSO Berlin, Riccardo Chailly

R-3350906-1326909014.jpeg.jpg

...anche qui viaggiamo su livelli altissimi, gli anni berlinesi di Chailly hanno prodotto risultati notevoli su più fronti. Credo una delle esecuzioni più convincenti di questo lavoro così difficile da afferare interpretativamente. Mi piacciono anche il giovane Maazel (DGG, forse la registrazione che in assoluto preferisco) e Silvestri (EMI). Una volta non disdegnavo nemmeno Boulez/Cleveland (DGG), ma col tempo ho cambiato radicalmente opinione: lettura levigata e priva di slancio, tutto sommato abbastanza opaca, soprattutto se paragonata ai nomi sopracitati.

...questa va in dedica anche a @superburp, al @il viandante del sud, a @Wittelsbach, ma soprattutto al nostro @Madiel...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alexander GLAZUNOV
Concerto per violino e orchestra in la minore op. 82

Nathan Milstein
Pittsburgh Symphony Orchestra
William Steinberg

Un bel concerto in una interpretazione prodigiosa. E' uno di quei lavori che necessitano di esecutori che "ci credano". E Milstein, ben assecondato da uno Steinberg tutto fuoco, ci mette la stessa convinzione e la stessa capacità di scavo che emergono dalle sue esecuzioni di Bach. Non a caso a Bach ho pensato nel sentire l'intensa e avviluppata cadenza eseguita non per dar mostra di virtuosismo fine a se stesso ma con un controllo fortissimo dell'espressione e della coerenza musicale. Bello

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 14/5/2021 at 18:53, Snorlax dice:

Uno Chailly di primo pelo! Se non ricordo male, credo sia uno dei primissimi dischi del direttore milanese... e che disco! Siamo in sintonia perché io mi sto ascoltando questo (che ti dedico):

Igor Stravinskij, Le Chant du Rossignol, RSO Berlin, Riccardo Chailly

R-3350906-1326909014.jpeg.jpg

...anche qui viaggiamo su livelli altissimi, gli anni berlinesi di Chailly hanno prodotto risultati notevoli su più fronti. Credo una delle esecuzioni più convincenti di questo lavoro così difficile da afferare interpretativamente. Mi piacciono anche il giovane Maazel (DGG, forse la registrazione che in assoluto preferisco) e Silvestri (EMI). Una volta non disdegnavo nemmeno Boulez/Cleveland (DGG), ma col tempo ho cambiato radicalmente opinione: lettura levigata e priva di slancio, tutto sommato abbastanza opaca, soprattutto se paragonata ai nomi sopracitati.

...questa va in dedica anche a @superburp, al @il viandante del sud, a @Wittelsbach, ma soprattutto al nostro @Madiel...

Bellissima edizione, che possiedo da una vita e che consiglio sempre ! Concordo riguardo a Boulez, estremamente scialbo.

Ricambio con un pezzo del compositore-pianista nero Thomas Wiggins noto come "Blind Tom" (1848-1908), nato schiavo nel profondo Sud, cieco e autistico, che suonava benissimo fin da quattro anni senza aver preso lezioni e autore di strambe composizioni per pianoforte. Come questa:

Citazioni di canti e inni americani, aggregati di note dissonantissimi, armonie audaci e scarti ritmici improvvisi, sembra una specie di Ives (o di Cowell) ante litteram :o Il pezzo in questione è del 1866, va sottolineato. Più o meno la mia espressione dopo i primi due minuti di ascolto

bocca aperta -:cat_lol:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.


×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy