Vai al contenuto

Cosa state ascoltando ? Anno 2021


Recommended Posts

  • Risposte 1,2k
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Berlioz (after Rouget de Lisle)

La Marseillaise

Sylvia McNair soprano, Richard Leech tenor

The Choir of St. David's Episcopal Church, The Choir of St. Michael and All Angels

Baltimore Symphony Orchestra & Chorus

David Zinman

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'art du psaltérion

Maurice Guis
Les Musiciens de Provence

3325480606809.jpg

Comprato per pura curiosità e per il prezzo di pochi spiccioli a una delle ultime svendite JPC, questo disco della Arion si è rivelato una gustosissima sorpresa.
Si tratta di un'antologia di 21 pezzi dal 12° al 16° secolo che prevedono (non so se all'origine o in virtù di appositi arrangiamenti) il salterio come strumento solista. Gli autori sono spesso anonimi o illustri carneadi, ma ci sono anche pezzi di Machault, Susato e Mainerio. Non c'è un solo pezzo che non sia men che delizioso e tutto il disco cattura l'attenzione per la qualità elevata e la piacevolezza delle musiche e per la bravura sopraffina degli interpreti. Solista è tale Maurice Guis, polistrumentista marsigliese, accompagnato in molti pezzi dal gruppo Les Musiciens de Provence di cui fu fondatore.

Le registrazioni risalgono agli anni fra il 1973 e il 1981, quando la Arion era impegnata in una lodevole operazione di scoperta di strumenti antichi e/o estranei alla tradizione occidentale. Siamo dunque ai primi vagiti della filologia e non posso essere certo dell'assoluta correttezza testuale e organologica delle esecuzioni ma ciò non limita in alcun modo l'elevato piacere dell'ascolto.

Altro aspetto sorprendente, che conferisce un notevole valore aggiunto al disco, è la qualità assolutamente sbalorditiva della registrazione. Entro i limiti della decenza, io in genere non bado molto al profilo della qualità fonica, ma questa volta il pregio è evidentissimo.

Unica pecca editoriale è la mancata citazione, fra gli interpreti, del gruppo Les Musiciens de Provence, che invece è regolarmente indicato nell'LP originale ( https://www.discogs.com/it/Les-Musiciens-De-Provence-Maurice-Guis-LArt-Du-Psaltérion/release/11764521)

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lalo

Namouna - Ballet Suites

Orchestre National de l'O.R.T.F.

Jean Martinon

Fiasco totale all'epoca, questo balletto è forse la cosa più alta scritta da Lalo. Partitura sinfonicamente e armonicamente alquanto elaborata. Qui un'ampia selezione di musiche dal balletto completo, sotto la sapiente regia di Martinon.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, Ives dice:

Lalo

Namouna - Ballet Suites

Orchestre National de l'O.R.T.F.

Jean Martinon

Fiasco totale all'epoca, questo balletto è forse la cosa più alta scritta da Lalo. Partitura sinfonicamente e armonicamente alquanto elaborata. Qui un'ampia selezione di musiche dal balletto completo, sotto la sapiente regia di Martinon.

Esiste in cd questa registrazione?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 6/5/2021 at 14:59, Florestan dice:

Dedica speciale a @Madiel per aiutarlo a superare questo momento

 

 

On 5/5/2021 at 17:58, Snorlax dice:

Igor Stravinskij, Sinfonia di Salmi, English Bach Festival Chorus, London Symphony Orchestra, Leonard Bernstein

R-5826757-1421415177-8220.jpeg.jpg

Alla fine quando devo riascoltarmi questo capolavoro stravinskiano ritorno sempre a Lenny. Lo considero un ripasso prima di provare altre registrazioni che mi sono procurato in queste ultime settimane.

...dedico a tutti ma in particolare al nostro @Madiel che sta attarversando un momento particolarmente difficile...

Vi ringrazio, ho molto apprezzato.

Al momento sono alle prese con questo, che passo a contro-dedicarvi subito

Bergman: Nox op.65 (1970), su testi di Quasimodo, Harp, Eluard ed Eliot

S. Varcoe, baritono; New London Chamber Choir ed Endymion Ensemble diretti da James Wood

Esteso al buon @il viandante del sud

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

RAI Radio3 Suite - Il cartellone
venerdì 7 maggio ore 20.30
Registrazione Euroradio del 30 settembre 2020 - Parigi, Philharmonie

Orchestre de Paris
direttore, Paavo Järvi
violino, Gil Shaham

Pëtr Il'ič Čajkovskij (1840-1893)
Concerto per violino e orchestra in re maggiore, op. 35
- Allegro moderato
- Canzonetta. Andante
- Finale. Allegro vivacissimo

-

Come preso, per carattere, tra la sinfonia e la suite per balletto, questo concerto per solista virtuoso, del grande Compositore, è capace di condurre la presenza individuale dell'ascolto alle possibilità vitali di una scrittura classica capace di fantasia, tecnica, storia, sentimento, narrazione letteraria e scenica, gioco ...e suono! sospeso trattenuto, o raffinato insistito... insomma bella prova :-) Beh, gratitudine :-)

In questa resa: che intesa nei tempi! la loro espressione possibile.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 6/5/2021 at 15:42, Ives dice:

Berlioz (after Rouget de Lisle)

La Marseillaise

Sylvia McNair soprano, Richard Leech tenor

The Choir of St. David's Episcopal Church, The Choir of St. Michael and All Angels

Baltimore Symphony Orchestra & Chorus

David Zinman

 

:D

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Buona Giornata a tutti gli amici e a tutte le amiche ForuMattinieri/e ed in particolare a @Ives con il concerto per clavicembalo, organo e orchestra del compositore viennese Anton Heiller (1923-1979). Il concerto è stato composto nel 1972
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Antiphonal dice:
Buona Giornata a tutti gli amici e a tutte le amiche ForuMattinieri/e ed in particolare a @Ives con il concerto per clavicembalo, organo e orchestra del compositore viennese Anton Heiller (1923-1979). Il concerto è stato composto nel 1972

Grazie Antiphonal, ricambio con:

Franck

Le Chasseur Maudit

Orchestre de Paris

Daniel Barenboim

E buona domenica a tutti!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bach

Magnificat BWV 243

Blegen/Muller-Molinari/Araiza/Holl

RIAS Kammerchor/Berliner Philharmoniker

Herbert von Karajan

Uno degli abomini di Karajan è stato quello di eseguire il barocco fin in tarda età. Qui nel 1985 si respira un'aria mortifera, gravida e stantia, anche l'orchestra (con 6 flauti!?) va per conto suo e il coro è pesantissimo (il rallentando del Fecit potentiam è inascoltabile e di cattivo gusto). C'è pure il trucchetto abusato del doppio cembalo, con lui che appoggia solo le dita e l'altro suona :stun:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 10/5/2021 at 16:57, Ives dice:

Bach

Magnificat BWV 243

Blegen/Muller-Molinari/Araiza/Holl

RIAS Kammerchor/Berliner Philharmoniker

Herbert von Karajan

Uno degli abomini di Karajan è stato quello di eseguire il barocco fin in tarda età. Qui nel 1985 si respira un'aria mortifera, gravida e stantia, anche l'orchestra (con 6 flauti!?) va per conto suo e il coro è pesantissimo (il rallentando del Fecit potentiam è inascoltabile e di cattivo gusto). C'è pure il trucchetto abusato del doppio cembalo, con lui che appoggia solo le dita e l'altro suona :stun:

Ascoltato poco fa.... In effetti è una edizione pesante e grumosa :wacko:

----

Schwarz-Schilling: Partita

Staatskapelle Weimar, J. Serebrier

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.


×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy