Vai al contenuto

Cosa state ascoltando ? Anno 2021


Madiel
 Condividi

Recommended Posts

Benjamin Britten, Canticle II: Abraham and Isaac, Ian Bostridge, David Daniels, Julius Drake

s-l640.jpg

Scritta nel 1952, questa specie di opera in miniatura dimostra tutto il talento drammatico del compositore britannico. In un quarto d'ora, con due voci e un pianoforte, Britten dipinge magistralmente la vicenda biblica alla cui base c'è il sacrificio di un innocente, tema ricorrente nel teatro britteniano, fulcro anche del Billy Budd, composto appena qualche mese prima rispetto al lavoro in questione. Esecuzione ottima.

...a @Madiel, @Ives, @Wittelsbach, @Yeats, @il viandante del sud e a chi gradisce...

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Risposte 2,7k
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

1 ora fa, Snorlax dice:

Benjamin Britten, Canticle II: Abraham and Isaac, Ian Bostridge, David Daniels, Julius Drake

s-l640.jpg

Scritta nel 1952, questa specie di opera in miniatura dimostra tutto il talento drammatico del compositore britannico. In un quarto d'ora, con due voci e un pianoforte, Britten dipinge magistralmente la vicenda biblica alla cui base c'è il sacrificio di un innocente, tema ricorrente nel teatro britteniano, fulcro anche del Billy Budd, composto appena qualche mese prima rispetto al lavoro in questione. Esecuzione ottima.

...a @Madiel, @Ives, @Wittelsbach, @Yeats, @il viandante del sud e a chi gradisce...

Molte grazie, molto apprezzato! (Non vedo l'ora di mettere le orecchie sulle Parables).

Ricambio con:

 

Link al commento
Condividi su altri siti

3 ore fa, Yeats dice:

ho presente il passaggio cui ti riferisci. assieme a skalkottas , come suoi migliori studenti citava questi nomi , che mi segnai a suo tempo: hanns eisler, karl rankl, rudolf kolisch, eduard steuermann, norbert von hannenheim, peter schacht e winfried zillig. nomi che devo ancora approfondire tutti, ma da quel poco che ho sentito dubito ve ne sia uno paragonabile al greco. 

Kolish, Zillig e Steuermann (zio di Michael Gielen) fecero carriera soprattutto come esecutori di opere altrui. Eisler è molto valido (almeno in parte della sua produzione) e gli si deve almeno un capolavoro senza se e senza ma: l'inno della ex DDR!

Link al commento
Condividi su altri siti

20 ore fa, giobar dice:

Kolish, Zillig e Steuermann (zio di Michael Gielen) fecero carriera soprattutto come esecutori di opere altrui. Eisler è molto valido (almeno in parte della sua produzione) e gli si deve almeno

grazie giobar! di eisler ho sentito veramente tre-quattro cose random, ma sono stato probabilmente sfortunato.. gli altri che citi sono stati molto legati professionalmente a schoenberg, ma per me sono solo nomi, dici che vale la pena passare all’ascolto?

un capolavoro senza se e senza ma: l'inno della ex DDR!

addirittura!!

Comunque ti dedico quello che sto ascoltando ora, ed estendo all'ottimo @Snorlax , che ringrazio per i Canticles (il terzo è forse il mio preferito , dove l' abilità di Britten nell’arte della variazione raggiunge uno dei suoi molti vertici)

Bach : Concerto in la minore per flauto, violino, clavicembalo e orchestra, BWV 1044
Cologne Musica Antiqua / Goebel , Hazelzet (flauto) , Goebel (violino) , Staier (clavicembalo)  

Link al commento
Condividi su altri siti

18 minuti fa, Yeats dice:

Comunque ti dedico quello che sto ascoltando ora, ed estendo all'ottimo @Snorlax , che ringrazio per i Canticles (il terzo è forse il mio preferito , dove l' abilità di Britten nell’arte della variazione raggiunge uno dei suoi molti vertici)

Bach : Concerto in la minore per flauto, violino, clavicembalo e orchestra, BWV 1044
Cologne Musica Antiqua / Goebel , Hazelzet (flauto) , Goebel (violino) , Staier (clavicembalo)  

In realtà conosco Kolish, Steuermann e Zillig sono per la lor attività rispettivamente di violinista, di pianista e di direttore, tutti piuttosto impegnati nella diffusione della nuova musica. Di Steuermann compositore possiedo soltanto delle brevi variazioni per orchestra contenute in uno dei box della collezione che raccoglie le registrazioni del nipote Gielen, ma confesso che non ho ancora mai ascoltato quel disco.

Link al commento
Condividi su altri siti

21 ore fa, giobar dice:

Eisler è molto valido (almeno in parte della sua produzione) e gli si deve almeno un capolavoro senza se e senza ma: l'inno della ex DDR!

Concordo al 100%, per me l'inno più bello mai composto!:drinks:

So che sei fuori dal giro delle dediche, ma ora mi sto rilassando con un pezzo (e con un disco) che credo ti aggradi:

Frederick Delius, In a Summer Garden, BBC Symphony Orchestra, Andrew Davis

R-9267265-1576856614-6396.jpeg.jpg

Delius non è affatto my cup of tea, ma ogni tanto questi pastelli sonori li ascolto senza troppa difficoltà, e me li godo pure. Certo, sempre a piccole dosi, perché oltre ai venti minuti non sono mai riuscito ad andare. In ogni caso, In a Summer Garden è uno di quelli che preferisco.

La mia conoscenza discografica di Delius è alquanto limitata, ma le letture di Andrew Davis mi paiono ottime, anche grazie ad una strepitosa ripresa del suono che aiuta a carpire tutte le tenui sfumature dell'orchestrazione del compositore britannico.

...a chi gradisce (forse @il viandante del sud?)...

Link al commento
Condividi su altri siti

1 ora fa, Snorlax dice:

Concordo al 100%, per me l'inno più bello mai composto!:drinks:

So che sei fuori dal giro delle dediche, ma ora mi sto rilassando con un pezzo (e con un disco) che credo ti aggradi:

Frederick Delius, In a Summer Garden, BBC Symphony Orchestra, Andrew Davis

R-9267265-1576856614-6396.jpeg.jpg

Delius non è affatto my cup of tea, ma ogni tanto questi pastelli sonori li ascolto senza troppa difficoltà, e me li godo pure. Certo, sempre a piccole dosi, perché oltre ai venti minuti non sono mai riuscito ad andare. In ogni caso, In a Summer Garden è uno di quelli che preferisco.

La mia conoscenza discografica di Delius è alquanto limitata, ma le letture di Andrew Davis mi paiono ottime, anche grazie ad una strepitosa ripresa del suono che aiuta a carpire tutte le tenui sfumature dell'orchestrazione del compositore britannico.

...a chi gradisce (forse @il viandante del sud?)...

Infatti è un ottimo disco, che stranamente, proprio in un autore così "placido", esce dalla routinarietà informe che caratterizza spesso le prestazioni di Andrew Davis.

Quanto all'inno di Eisler della ex DDR, ero adolescente quando le "uome" della Germania Est collezionavano medaglie su medaglie nell'atletica e nel nuoto in qualsiasi competizione internazionale e, dato che amavo vedere quegli sport in TV, quell'inno era pane quotidiano.

Link al commento
Condividi su altri siti

Il cembalo usato come una affettatrice elettrica, il solista che non dialoga mai con il resto dell'orchestra (e gli archi, da parte loro, lo ignorano totalmente) e infine il cembalista che nel finale si eccita così tanto da dare (quasi) capocciate sulla tastiera  e il leggio :sick01:

Link al commento
Condividi su altri siti

7 ore fa, Yeats dice:

etc.

Sì, l'inno della DDR era un capolavoro, concordo con tutti i pareri sopra espressi. Riguardo ai signori "serialisti" sopra citati, a parte l'essere stati grandi musicisti o famosi didatti, escluso Eisler (secondo me non un genio), sono da considerare compositori modesti. Ricoprono lo stesso posto degli epigoni post weberniani degli anni cinquanta. Eisler seguì presto una sua strada artistica ben precisa e alla fine non deve poi molto alla Seconda Scuola di Vienna al di là della dodecafonia accademica. Nella sua musica si incrociano varie esperienze ispirate al post romanticismo, al neoclassicismo e al realismo brechtiano, in linea con il marxismo che professava. Ci sono momenti della sua attività musicale in cui la serialità è del tutto assente. 

 

Link al commento
Condividi su altri siti

17 ore fa, Snorlax dice:

Concordo al 100%, per me l'inno più bello mai composto!:drinks:

So che sei fuori dal giro delle dediche, ma ora mi sto rilassando con un pezzo (e con un disco) che credo ti aggradi:

Frederick Delius, In a Summer Garden, BBC Symphony Orchestra, Andrew Davis

R-9267265-1576856614-6396.jpeg.jpg

Delius non è affatto my cup of tea, ma ogni tanto questi pastelli sonori li ascolto senza troppa difficoltà, e me li godo pure. Certo, sempre a piccole dosi, perché oltre ai venti minuti non sono mai riuscito ad andare. In ogni caso, In a Summer Garden è uno di quelli che preferisco.

La mia conoscenza discografica di Delius è alquanto limitata, ma le letture di Andrew Davis mi paiono ottime, anche grazie ad una strepitosa ripresa del suono che aiuta a carpire tutte le tenui sfumature dell'orchestrazione del compositore britannico.

...a chi gradisce (forse @il viandante del sud?)...

@Snorlax Prendo al volo, grazie!

Ricambio con:

Bruckner - Masses : Anton Bruckner, Helmuth Rilling: Amazon.it: Musica

Messa n. 1 in re minore

anche a chi gradisce

Link al commento
Condividi su altri siti

Mozart, Sonata per pianoforte e violino in Do maggiore, KV6.

Sonata giovanile, appartiene al genere, diffuso a metà Settecento, della sonata per pianoforte con accompagnamento di strumento melodico, entrata in voga grazie al nuovo strumento. Il frontespizio parla di "clavicembalo", ma all'epoca i termini erano talora usati intercambiabilmente; mi pare che il pianoforte sia comunque una scelta perfettamente appropriata.

A quanti debba controdediche.

Link al commento
Condividi su altri siti

22 ore fa, giobar dice:

In realtà conosco Kolish, Steuermann e Zillig sono per la lor attività rispettivamente di violinista, di pianista e di direttore, tutti piuttosto impegnati nella diffusione della nuova musica. Di Steuermann compositore possiedo soltanto delle brevi variazioni per orchestra contenute in uno dei box della collezione che raccoglie le registrazioni del nipote Gielen, ma confesso che non ho ancora mai ascoltato quel disco.

 

15 ore fa, Madiel dice:

Sì, l'inno della DDR era un capolavoro, concordo con tutti i pareri sopra espressi. Riguardo ai signori "serialisti" sopra citati, a parte l'essere stati grandi musicisti o famosi didatti, escluso Eisler (secondo me non un genio), sono da considerare compositori modesti. Ricoprono lo stesso posto degli epigoni post weberniani degli anni cinquanta. Eisler seguì presto una sua strada artistica ben precisa e alla fine non deve poi molto alla Seconda Scuola di Vienna al di là della dodecafonia accademica. Nella sua musica si incrociano varie esperienze ispirate al post romanticismo, al neoclassicismo e al realismo brechtiano, in linea con il marxismo che professava. Ci sono momenti della sua attività musicale in cui la serialità è del tutto assente. 

 

ottimo, grazie a entrambi dei ragguagli!

Link al commento
Condividi su altri siti

44 minuti fa, Pollini dice:

Su consiglio dell'algoritmo di YouTube: Boris Tishenko (1939-2010), Sonata per pianoforte n.o4.

Ascolto un po' atipico, ma non m'è dispiaciuto.

L'ho ascoltata anche io ieri sera, non è dispiaciuta neppure a me. Ha scritto un bel po' di roba.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Madiel locked this topic
Ospite
Questa discussione è chiusa.
 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy