Vai al contenuto

Hurwitz & co.


Majaniello
 Condividi

Recommended Posts

  • Risposte 2,7k
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

22 ore fa, Ives dice:

Vero, da quel che ho letto pare completamente ripensata rispetto alla già ottima versione anni '90, ma non ho avuto modo di sentire moltissimo, solo estratti video. Il Crucifixus è in parti reali rispetto all'incisione precedente e i tempi sono spiccatamente più mobili e flessibili (molti utenti hanno criticato il Sanctus):

Se non danneggiano la polifonia, i tempi flessibili vanno benissimo, e questo Sanctus mi pare che anzi la esalti: del resto il lavoro di Jacobs con il RIAS Kammerchor è ormai pluridecennale. Quanto ai brani indicati come Coro, ormai sono parecchi i direttori che li eseguono a parti reali, tutti o alcuni: fra questi ricordo Vaclav Luks e il suo Collegium Vocale 1704, con un'ottima registrazione proprio della Messa in si minore in cui i cori erano molto alleggeriti.

Link al commento
Condividi su altri siti

50 minuti fa, Florestan dice:

Se non danneggiano la polifonia, i tempi flessibili vanno benissimo, e questo Sanctus mi pare che anzi la esalti: del resto il lavoro di Jacobs con il RIAS Kammerchor è ormai pluridecennale. Quanto ai brani indicati come Coro, ormai sono parecchi i direttori che li eseguono a parti reali, tutti o alcuni: fra questi ricordo Vaclav Luks e il suo Collegium Vocale 1704, con un'ottima registrazione proprio della Messa in si minore in cui i cori erano molto alleggeriti.

Concordo, concordo. E' anche una questione di abitudine all'ascolto, lo dico per quelli che hanno storto il naso, quando per decenni si sente lo stesso approccio a un brano. Ci vuole tempo per assimilare. La sentirò quanto prima, comunque.

Link al commento
Condividi su altri siti

4 ore fa, superburp dice:

Vedo il quartetto di Mahler con un qualche intervento di Schnittke. Di che si tratta? L'ha completato?

Esatto! E lo ha anche citato nella sua Sinfonia n.5 (1988), nel movimento lento.

Link al commento
Condividi su altri siti

I 10 migliori dischi di repertorio non-standard dell'americana Cedille.

Rzewski: Fred (Eighth Blackbird)

Kurka: Symphony No. 2; Orchestral Works (Grant Park Symphony, Carlos Kalmar, cond.)

Chavez: Piano Concerto (Osorio, piano; National Symphony Orchestra of Mexico, Prieto, cond.)

Joachim: “Hungarian” Concerto; Brahms: Violin Concerto (Rachel Barton Pine, violin)

Project W: Music by Price, Assad, Montgomery, Esmail and Higdon (Chicago Sinfonietta)

Harpischord Concertos by Leigh, Rorem, Kalabis and Nyman (Vinikour, The Chicago Phil. Speck)

Veracini: Sonate Accademiche (Trio Settecento)

Signs, Games + Messages: Music of Janáček, Kurtág, Bartók. Jennifer Koh (violin), Shai Wosner (piano)

Ferko: Stabat Mater (His Majestie’s Clerkes, Anne Heider, cond.)

Mendelssohn: Complete String Quartets (Pacifica Quartet)

Per quanto mi riguarda, ritengo ottimi Mendelssohn/Pacifica, Kurka/Kalmar, il Piano Concerto di Chavez e il CD dedicato al clavicembalo del '900, anche se a parte il pezzo di Leigh non mi convincono molto i brani scelti, soprattutto Nyman. Frank Ferko lasciamo perdere, mi ammorba assai, però le esecuzioni sono bellissime. Gli altri mai sentiti, ma anche la Mensa Sonora di Biber sarebbe da citare.

Link al commento
Condividi su altri siti

16 sinfonie americane vergognosamente neglette:

Piston: Symphony No. 2

Sessions: Symphony No. 6

Antheil: Symphony No. 1 “Zingareska”

Copland: Dance Symphony

Price: Symphony No. 3

Hanson: Symphony No. 6

Mennin: Symphony No. 5

Kurka: Symphony No. 2

Harrison: Symphony No. 4

Rochberg: Symphony No. 5

Dawson: Negro Folk Symphony

Carpenter: Symphony No. 1

Hovhaness: Symphony No. 50 “Mount St. Helens”

Gould: Symphony No. 3

Gillis: Symphony No. 4 “The Pioneers”

Rorem: Symphony No. 3

@Wittelsbach

Link al commento
Condividi su altri siti

43 minuti fa, Ives dice:

16 sinfonie americane vergognosamente neglette:

Piston: Symphony No. 2

Sessions: Symphony No. 6

Antheil: Symphony No. 1 “Zingareska”

Copland: Dance Symphony

Price: Symphony No. 3

Hanson: Symphony No. 6

Mennin: Symphony No. 5

Kurka: Symphony No. 2

Harrison: Symphony No. 4

Rochberg: Symphony No. 5

Dawson: Negro Folk Symphony

Carpenter: Symphony No. 1

Hovhaness: Symphony No. 50 “Mount St. Helens”

Gould: Symphony No. 3

Gillis: Symphony No. 4 “The Pioneers”

Rorem: Symphony No. 3

@Wittelsbach

Perché, a parte qualche eccezione che conosciamo tutti, esistono forse compositori americani di musica classica? :cat_evil:

Link al commento
Condividi su altri siti

2 ore fa, Ives dice:

Copland: Dance Symphony

Come sai, questa non è propriamente  una sinfonia. Sono tre pezzi del balletto Grohg raggruppati in una suite.

1 ora fa, Florestan dice:

Perché, a parte qualche eccezione che conosciamo tutti, esistono forse compositori americani di musica classica? :cat_evil:

Ti banno! :cat_evil:

Link al commento
Condividi su altri siti

2 ore fa, Ives dice:

Dave's Faves: i dischi preferiti di Hurwitz. Box Ligeti: Clear or Cloudy (DG).

György Ligeti - Clear or Cloudy: Complete Recordings on Deutsche Grammophon  (2006) {4CD Box Set, DG 00289 477 6443} / AvaxHome

E grazie all'Hurvizzo (:D), la maggior parte sono incisioni di riferimento!

Link al commento
Condividi su altri siti

7 ore fa, Ives dice:

16 sinfonie americane vergognosamente neglette:

Piston: Symphony No. 2

Sessions: Symphony No. 6

Antheil: Symphony No. 1 “Zingareska”

Copland: Dance Symphony

Price: Symphony No. 3

Hanson: Symphony No. 6

Mennin: Symphony No. 5

Kurka: Symphony No. 2

Harrison: Symphony No. 4

Rochberg: Symphony No. 5

Dawson: Negro Folk Symphony

Carpenter: Symphony No. 1

Hovhaness: Symphony No. 50 “Mount St. Helens”

Gould: Symphony No. 3

Gillis: Symphony No. 4 “The Pioneers”

Rorem: Symphony No. 3

@Wittelsbach

Immenso suggerimento. Alcune le conosco. Altre mai sentite!

Link al commento
Condividi su altri siti

16 ore fa, Madiel dice:

Come sai, questa non è propriamente  una sinfonia. Sono tre pezzi del balletto Grohg raggruppati in una suite.

Si-si lui lo specifica nel video. Però, ha ragione sulla rara diffusione dell'opera rispetto ad altri lavori coplandiani.

Ti banno! :cat_evil:

Immediato! 😆

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy