Vai al contenuto

Hurwitz & co.


Recommended Posts

Dopo Bruckner. Diversi autori hanno preso ispirazione dallo stile apparentemente e teoricamente inimitabile del Maestro di Ansfelden. Alcuni hanno convinto, tanti altri molto meno: gli esempi iconici di Sibelius, Stenhammar, Furtwangler ( @Snorlax), Wetz e Rautavaara. 

91AO7UpCDoL._SX425_.jpg81qPYcyEMoL._SS500_.jpg51fWkRLn84L.jpg91wVl8i3hjL._SS500_.jpg81A9dDsEzGL._SS500_.jpg

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 800
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

1 ora fa, Ives dice:

Dopo Bruckner. Diversi autori hanno preso ispirazione dallo stile apparentemente e teoricamente inimitabile del Maestro di Ansfelden. Alcuni hanno convinto, tanti altri molto meno: gli esempi iconici di Sibelius, Stenhammar, Furtwangler ( @Snorlax), Wetz e Rautavaara. 

91AO7UpCDoL._SX425_.jpg81qPYcyEMoL._SS500_.jpg51fWkRLn84L.jpg91wVl8i3hjL._SS500_.jpg81A9dDsEzGL._SS500_.jpg

strana scelta rautavaara sì e langgaard no... dopo il primo sibelius imho il maggiore post-bruckneriano

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Yeats dice:

strana scelta rautavaara sì e langgaard no... dopo il primo sibelius imho il maggiore post-bruckneriano

Langgaard non prende ispirazione da Bruckner e tanto meno da Wagner (che pare detestasse) !

Più che altro, rimango perplesso per la citazione di Wetz come autore di qualche interesse. Fino a qualche mese fa non sapevo niente di costui, lo scovai in un catalogo CPO. E' una cag**** pazzesca !!! :doh:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Madiel dice:

Langgaard non prende ispirazione da Bruckner e tanto meno da Wagner (che pare detestasse) !

Più che altro, rimango perplesso per la citazione di Wetz come autore di qualche interesse. Fino a qualche mese fa non sapevo niente di costui, lo scovai in un catalogo CPO. E' una cag**** pazzesca !!! :doh:

però langgaard ha avuto un percorso strano. mi rifaccio a un saggio dello studioso bendt viinholt nielsen apparso su "frontes artis musicae” e intitolato "an ecstatic outsider: rued langgaard, 1893—1952” nel gennaio del ’95, un saggio molto citato nel mondo accademico (lo dico leggendo le statistiche dal sistema bibliotecario dell' università in cui lavoro). nielsen divide la carriera di langgaard in 4 fasi : "The years 1916, 1924, and 1946 divide Langgaard's musical output into four phases which could be called respectively: an objective (late romantic) phase, a personal (experimental) phase, an anonymous (classical) phase, and a private (absurd) phase.” rispetto a wagner e bruckner , quelli che interessano sono il primo periodo e soprattutto il terzo, 1924-46, in cui langgaard avrebbe cercato una specie di “riparo” dallo sperimentalismo novecentesco, da lui stesso portato avanti in opere come “musica delle sfere” ,  “himmelrivende” , “anticristo” e il quartetto per archi no. 3. In questa (terza) fase - cito l’articolo - "According to Langgaard, the future of music could now only be based on Romanticism, especially the late works of Niels W. Gade and Wagner.  The radical change in Langgaard's compositional style can perhaps best be heard through a comparison of his third and fifth string quartets. Although only one year separates these two works, stylistically they sound as if they are separated by at least half a century.” 
vorrei riportare un passaggio fondamentale - almeno lo è stato per me a suo tempo - per capire il sinfonismo di langgaard:
Langgaard generally composed in blocks or modules. Each block is individualized by its own musical "character" or its own "mood" or "sound." Concepts such as these were more important for Langgaard than thematic or motivic significance. Langgaard was not interested in musical "development" or the arrangement of musical material within a framework of, for example, a sonata or variation form. He experimented especially with the single movement form (eight of his sixteen symphonies are one movement works—and eight are in F Major!), and his music generally has a complex, rhapsodic, or even improvised character. The absence of musical processes in Langgaard's "block constructed form" along with the extreme brevity of a number of his compositions (including orchestral works as short as one minute in length) lend his music a breathless, restless character, which is far from the breadth of expression found, for example, in the works of Bruckner—one of Langgaard's idols. If one looks at Langgaard's sixteen symphonies this decisive difference is clear: Langgaard's longest slow movement is only nine minutes in length, and his longest scherzo lasts a mere four minutes! Motives and themes do not hold a Langgaard composition together, but rather a style which is connected to a specific world of sound. Each work forms its own "soundspace." Often a personal, symbolic value lies within the choice of style; for example Langgaard felt that the Danish composer Niels W. Gade (1817-90) was of special importance, and he often referred to Gade in his compositions. Langgaard's music is also reminiscent of such composers as Schumann, Wagner, Richard Strauss, early Schönberg, Debussy, and Carl Nielsen. But now and then the music suddenly sounds as if it could have been written decades after Langgaard's own time: tone clusters, collage music, open form, minimalism, New Age . . .
al di là della differenza fra langgaard e bruckner nella lunghezza dei brani, i due secondo me sono accomunati da : 1) il sinfonismo statico, veritcale , che è la qualità primaria di bruckner ; 2) il comporre “per blocchi” sonori, che in bruckner sono macigni ciclopici, e in langgaard mattoncini di marmo. anche l’importanza che langgaard dà a gade… che senso ha? gade è uno dei compositori meno originali che io conosca, e personalmente me la spiego solo alla luce di quello stesso gusto sinfonico bruckneriano!

cmq se ti interessa l’articolo in pdf, fammi sapere Mad... e ne approfitto per augurarti un felice 2021  :)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
46 minuti fa, Yeats dice:

però langgaard ha avuto un percorso strano. mi rifaccio a un saggio dello studioso bendt viinholt nielsen apparso su "frontes artis musicae” e intitolato "an ecstatic outsider: rued langgaard, 1893—1952” nel gennaio del ’95, un saggio molto citato nel mondo accademico (lo dico leggendo le statistiche dal sistema bibliotecario dell' università in cui lavoro). nielsen divide la carriera di langgaard in 4 fasi : "The years 1916, 1924, and 1946 divide Langgaard's musical output into four phases which could be called respectively: an objective (late romantic) phase, a personal (experimental) phase, an anonymous (classical) phase, and a private (absurd) phase.” rispetto a wagner e bruckner , quelli che interessano sono il primo periodo e soprattutto il terzo, 1924-46, in cui langgaard avrebbe cercato una specie di “riparo” dallo sperimentalismo novecentesco, da lui stesso portato avanti in opere come “musica delle sfere” ,  “himmelrivende” , “anticristo” e il quartetto per archi no. 3. In questa (terza) fase - cito l’articolo - "According to Langgaard, the future of music could now only be based on Romanticism, especially the late works of Niels W. Gade and Wagner.  The radical change in Langgaard's compositional style can perhaps best be heard through a comparison of his third and fifth string quartets. Although only one year separates these two works, stylistically they sound as if they are separated by at least half a century.” 
vorrei riportare un passaggio fondamentale - almeno lo è stato per me a suo tempo - per capire il sinfonismo di langgaard:
Langgaard generally composed in blocks or modules. Each block is individualized by its own musical "character" or its own "mood" or "sound." Concepts such as these were more important for Langgaard than thematic or motivic significance. Langgaard was not interested in musical "development" or the arrangement of musical material within a framework of, for example, a sonata or variation form. He experimented especially with the single movement form (eight of his sixteen symphonies are one movement works—and eight are in F Major!), and his music generally has a complex, rhapsodic, or even improvised character. The absence of musical processes in Langgaard's "block constructed form" along with the extreme brevity of a number of his compositions (including orchestral works as short as one minute in length) lend his music a breathless, restless character, which is far from the breadth of expression found, for example, in the works of Bruckner—one of Langgaard's idols. If one looks at Langgaard's sixteen symphonies this decisive difference is clear: Langgaard's longest slow movement is only nine minutes in length, and his longest scherzo lasts a mere four minutes! Motives and themes do not hold a Langgaard composition together, but rather a style which is connected to a specific world of sound. Each work forms its own "soundspace." Often a personal, symbolic value lies within the choice of style; for example Langgaard felt that the Danish composer Niels W. Gade (1817-90) was of special importance, and he often referred to Gade in his compositions. Langgaard's music is also reminiscent of such composers as Schumann, Wagner, Richard Strauss, early Schönberg, Debussy, and Carl Nielsen. But now and then the music suddenly sounds as if it could have been written decades after Langgaard's own time: tone clusters, collage music, open form, minimalism, New Age . . .
al di là della differenza fra langgaard e bruckner nella lunghezza dei brani, i due secondo me sono accomunati da : 1) il sinfonismo statico, veritcale , che è la qualità primaria di bruckner ; 2) il comporre “per blocchi” sonori, che in bruckner sono macigni ciclopici, e in langgaard mattoncini di marmo. anche l’importanza che langgaard dà a gade… che senso ha? gade è uno dei compositori meno originali che io conosca, e personalmente me la spiego solo alla luce di quello stesso gusto sinfonico bruckneriano!

cmq se ti interessa l’articolo in pdf, fammi sapere Mad... e ne approfitto per augurarti un felice 2021  :)

Più che Wagner, direi che al più sia un post wagneriano, per cui ha evitato (o modificato) certe caratteristiche del linguaggio wagneriano per farlo proprio. In effetti si sente Strauss, Gade, e soprattutto Mendelssohn ! L'importanza di Gade è relativa al fatto che era l'unico modello sinfonico moderno e classico coevo che poteva conoscere in Danimarca all'epoca (motivo per cui scrivo che si percepisce Mendelssohn). E' come se un italiano del 1910 scrivesse sinfonie basandosi su Martucci e Sgambati, il linguaggio nazionale era quello.

Non credo conoscesse bene Debussy, meno che meno Schoenberg (almeno non nel decennio 1910-20), e se li conosceva era per interposta persona di qualche altro compositore. Dopo il 1920 fece poche esperienze fuori dalla Danimarca, le biografie on line scrivono che si ritirò dal presente per edificare un suo mondo. Scriveva peste e corna di certa musica moderna, però non so fino a che punto si sia spinto a studiarla <_< Vabbeh, poi si parla di minimalismo, forme aperte, New Age, forse l'estensore della nota corre troppo e infila troppi significati che non esistono (o almeno non nella forma che pensa). A me è parso che le sue conquiste linguistiche fossero per lo più casuali, cioè dettate dall'urgenza dell'espressione diretta, più che il frutto di un pensiero teorico a monte. Secondo è anche questa una forma di genio, sia chiaro !, ma è più frutto della "follia" del momento.

Grazie per gli auguri, ricambio :cat_smile:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, Madiel dice:

Più che Wagner, direi che al più sia un post wagneriano, per cui ha evitato (o modificato) certe caratteristiche del linguaggio wagneriano per farlo proprio. In effetti si sente Strauss, Gade, e soprattutto Mendelssohn ! L'importanza di Gade è relativa al fatto che era l'unico modello sinfonico moderno e classico coevo che poteva conoscere in Danimarca all'epoca (motivo per cui scrivo che si percepisce Mendelssohn). E' come se un italiano del 1910 scrivesse sinfonie basandosi su Martucci e Sgambati, il linguaggio nazionale era quello.

Non credo conoscesse bene Debussy, meno che meno Schoenberg (almeno non nel decennio 1910-20), e se li conosceva era per interposta persona di qualche altro compositore. Dopo il 1920 fece poche esperienze fuori dalla Danimarca, le biografie on line scrivono che si ritirò dal presente per edificare un suo mondo. Scriveva peste e corna di certa musica moderna, però non so fino a che punto si sia spinto a studiarla <_< Vabbeh, poi si parla di minimalismo, forme aperte, New Age, forse l'estensore della nota corre troppo e infila troppi significati che non esistono (o almeno non nella forma che pensa). A me è parso che le sue conquiste linguistiche fossero per lo più casuali, cioè dettate dall'urgenza dell'espressione diretta, più che il frutto di un pensiero teorico a monte. Secondo è anche questa una forma di genio, sia chiaro !, ma è più frutto della "follia" del momento.

Grazie per gli auguri, ricambio :cat_smile:

l'autore , penso, si riferisce al primo (early) schoenberg, quello di verklarte nacht, che appunto è totalmente inserito nella tradizione sinfonica romantica di gade, wagner, bruckner, strauss, ecc. i rapporti di questa tradizione con mendelssohn sono complessi.. la produzione del grandissimo felix è incostante a mio umile parere. ciao! ^_^

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Madiel dice:

Langgaard non prende ispirazione da Bruckner e tanto meno da Wagner (che pare detestasse) !

Ma pure Rautavaara, diciamocelo, c'entra un ficus con Bruckner...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
32 minuti fa, Yeats dice:

l'autore , penso, si riferisce al primo (early) schoenberg, quello di verklarte nacht, che appunto

Certo, però non so se lo abbia conosciuto nel periodo della sua formazione. Secondo me no, non ci sono derivazioni dirette o ispirazione.

Bisogna tenere conto di cosa poteva ascoltare Langgaard da giovane e quali musiche aveva sotto mano durante la formazione. Nel 1900 non c'era internet e la conoscenza di un autore poteva avvenire anche vent'anni dopo la prima esecuzione di un suo pezzo. La Danimarca era un paese provinciale, non credo proprio abbia sentito Verklaerte Nacht attorno al 1910, forse è accaduto dopo il 1920 quando Schoenberg è diventato noto. 

Poi bisogna tenere presente che quelle che ci sembrano delle derivazioni, in realtà sono delle naturali conseguenze del linguaggio comune impiegato in un certo momento storico. Diversi compositori sono arrivati ai medesimi risultati, partendo da strade diverse solo perché i tempi erano maturi. 

Cita

è totalmente inserito nella tradizione sinfonica romantica di gade, wagner, bruckner, strauss, ecc. i rapporti di questa tradizione con mendelssohn sono complessi.. la produzione del grandissimo felix è

 

Che sia incostante non c'è dubbio, però è ininfluente. Basterebbe aver conosciuto bene una o due delle sue opere maggiori, oppure un autore mendelssohniano come Gade (come penso) per poterne imitare lo stile. Il genio (o il talento), poi fanno il resto metabolizzando queste influenze. 

Cita

incostante a mio umile parere. ciao! ^_^

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
31 minuti fa, Wittelsbach dice:

Ma pure Rautavaara, diciamocelo, c'entra un ficus con Bruckner...

Forse sì, all'inizio.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, Madiel dice:

Certo, però non so se lo abbia conosciuto nel periodo della sua formazione. Secondo me no, non ci sono derivazioni dirette o ispirazione.

Bisogna tenere conto di cosa poteva ascoltare Langgaard da giovane e quali musiche aveva sotto mano durante la formazione. Nel 1900 non c'era internet e la conoscenza di un autore poteva avvenire anche vent'anni dopo la prima esecuzione di un suo pezzo. La Danimarca era un paese provinciale, non credo proprio abbia sentito Verklaerte Nacht attorno al 1910, forse è accaduto dopo il 1920 quando Schoenberg è diventato noto. 

io non ho competenza in merito (voglio dire rispetto a ricezione, diffusione, ecc), ma un compositore, avendo le partiture in mano, ha comunque bisogno di ascoltarle?  cioè, come funziona la ricezione di un autore prima della metà del novecento? 

4 minuti fa, Madiel dice:

Poi bisogna tenere presente che quelle che ci sembrano delle derivazioni, in realtà sono delle naturali conseguenze del linguaggio comune impiegato in un certo momento storico. Diversi compositori sono arrivati ai medesimi risultati, partendo da strade diverse solo perché i tempi erano maturi. 

sì, questo in effetti è un errore un po' da dilettante che faccio spesso.

4 minuti fa, Madiel dice:

Che sia incostante non c'è dubbio, però è ininfluente. Basterebbe aver conosciuto bene una o due delle sue opere maggiori, oppure un autore mendelssohniano come Gade (come penso) per poterne imitare lo stile. Il genio (o il talento), poi fanno il resto metabolizzando queste influenze. 

più che altro volevo dire che non metto in dubbio che ciò che io posso aver scambiato per brucknerismo in realtà provenga da un certo mendelssohn che non amo e che conosco poco (perché non riesco proprio ad ascoltarlo), ma che io personalmente non sento in langgaard traccia del migliore e più celebre mendelssohn.. però adesso ho le idee un po' confuse, quando riascolterò il danese cercherò di far caso a queste differenze di cui mi parli.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
54 minuti fa, Yeats dice:

io non ho competenza in merito (voglio dire rispetto a ricezione, diffusione, ecc), ma un compositore, avendo le partiture in mano, ha comunque bisogno di ascoltarle?  cioè, come funziona la ricezione di un autore prima della metà del novecento? 

Infatti, ho scritto di proposito "musiche sotto mano", intendevo le edizioni stampate. Non sempre erano disponibili, specie se costavano.

54 minuti fa, Yeats dice:

sì, questo in effetti è un errore un po' da dilettante che faccio spesso.

più che altro volevo dire che non metto in dubbio che ciò che io posso aver scambiato per brucknerismo in realtà provenga da un certo mendelssohn che non amo e che conosco poco (perché non riesco proprio ad ascoltarlo), ma che io personalmente non sento in langgaard traccia del migliore e più celebre mendelssohn.. però adesso ho le idee un po' confuse, quando riascolterò il danese cercherò di far caso a queste differenze di cui mi parli.

Era un Mendelssohn di seconda mano, filtrato attraverso Gade e altri scandinavi di quella scuola. Il giovane Langgaard fa una selezione e metabolizzazione geniale di modelli pure mediocri. Alla fine, però, non è poi così importante sapere che c'è o meno tanto o poco Mendelssohn, o se è di buona o cattiva qualità.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
39 minuti fa, Madiel dice:

Non sempre erano disponibili, specie se costavano.

Ah, questo non me lo aspettavo..

39 minuti fa, Madiel dice:

Alla fine, però, non è poi così importante sapere che c'è o meno tanto o poco Mendelssohn, o se è di buona o cattiva qualità.

Perciò, per concludere, per te Langgaard è qualcosa di totalmente originale, cioè distinto da questo o quel modello, che sia mendelssohniano o wagneriano (o anche apertamente bruckneriano.. ad es. sul manuale CD della Penguin segnalano nell'8a sinfonia di Langgaard citazioni della 3a di Bruckner), in altre parole, un caso a sé nella musica del Novecento?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
37 minuti fa, Yeats dice:

Ah, questo non me lo aspettavo..

Perciò, per concludere, per te Langgaard è qualcosa di totalmente originale, cioè distinto da questo o quel modello, che sia mendelssohniano o wagneriano (o anche apertamente bruckneriano.. ad es. sul manuale CD della Penguin segnalano nell'8a sinfonia di Langgaard citazioni della 3a di Bruckner), in altre parole, un caso a sé nella musica del Novecento?

Ha derivazioni evidenti e pure "invadenti" in qualche caso, però da un certo momento in poi va per una sua strada ben precisa, pur senza rinnegare nulla: il suo passato è metabolizzato, rivisitato e rivitalizzato in una veste diversa, che però mantiene una qualche coerenza con la tradizione sinfonica ottocentesca. Ebbe alcuni anni di ricerca, diciamo pure d'avanguardia, ma non nel modo come li possiamo intendere noi, cioè di rottura radicale con qualcosa. in questo periodo sembra che stia risolvendo un problema espressivo, più che formale in (ca. 1916-1922).

Nella maturità ebbe un ripensamento conservatore, direi pure reazionario, ma gli echi dell'esperienza modernista rimangono fino alla fine. Penso a come stravolgeva la forma sinfonica, pur rispettandone le coordinate storiche e mantenendo un linguaggio in tutto e per tutto consonante e tonale, diciamo pure "classico" (pensa alla 11a, o alle sinfonie 13-15).

Che sia un caso isolato è evidente, forse a causa dei suoi problemi psicologici, ma non era del tutto avulso dal contesto storico (almeno da giovane, sulla maturità avrei qualche dubbio). Lui stesso si considerava l'ultimo romantico danese, sotto certi aspetti aveva ragione.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, Madiel dice:

Ha derivazioni evidenti e pure "invadenti" in qualche caso, però da un certo momento in poi va per una sua strada ben precisa, pur senza rinnegare nulla: il suo passato è metabolizzato, rivisitato e rivitalizzato in una veste diversa, che però mantiene una qualche coerenza con la tradizione sinfonica ottocentesca. Ebbe alcuni anni di ricerca, diciamo pure d'avanguardia, ma non nel modo come li possiamo intendere noi, cioè di rottura radicale con qualcosa. in questo periodo sembra che stia risolvendo un problema espressivo, più che formale in (ca. 1916-1922).

Nella maturità ebbe un ripensamento conservatore, direi pure reazionario, ma gli echi dell'esperienza modernista rimangono fino alla fine. Penso a come stravolgeva la forma sinfonica, pur rispettandone le coordinate storiche e mantenendo un linguaggio in tutto e per tutto consonante e tonale, diciamo pure "classico" (pensa alla 11a, o alle sinfonie 13-15).

Che sia un caso isolato è evidente, forse a causa dei suoi problemi psicologici, ma non era del tutto avulso dal contesto storico (almeno da giovane, sulla maturità avrei qualche dubbio). Lui stesso si considerava l'ultimo romantico danese, sotto certi aspetti aveva ragione.

Ottimo, grazie! Comunque devo dire che per quanto lo ritenessi distante dai miei gusti, sono sempre stato "stranamente" attratto dal buon Langgaard. 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
29 minuti fa, Yeats dice:

Comunque devo dire che per quanto lo ritenessi distante dai miei gusti, sono sempre stato "stranamente" attratto dal buon Langgaard. 

A me ha colpito dal primo ascolto, però la sua prima opera che ho sentito è stata la Musica delle Sfere: lo confesso, ho giocato facile :cat_lol: Poi, conoscendolo poco alla volta ho apprezzato anche i lavori "conservatori". Devo inquadrare meglio i pezzi per organo, ce ne sono alcuni proprio ostici. Adesso è tra i compositori che, bene o male, ascolto spesso. 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le cantate bachiane. Siamo alla BWV 6 Bleib bei uns, denn es will Abend werden. In questa bella cantata, Bach esplora l'opposizione luce/oscurità nel coro intruduttivo, in due arie di prammatica (la prima con oboe da caccia) e in un corale centrale con soprano solo accompagnato da un cello piccolo.

71Iv++W96BL._SX466_.jpg

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le 107 sinfonie di Haydn. Giungiamo alla numero 10 in cui Haydn rende estremamente mobili le linee del basso continuo, ormai sempre più irrilevanti. Anche l'uso dell'orchestra rivela nuovi colori e un uso attento della gamma espressiva.

810eguuRyLL._SS500_.jpg

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il concerto per pianoforte e orchestra di Dvorák. Ricco di slanci eroici e temi brillanti, di impalcatura classica (rimandi a Beethoven, Mozart e al contemporaneo Brahms dell'Op. 15) ha carattere più concertante che solistico ed è un'opera che forse per questo fatica ancora oggi a farsi largo nei programmi concertistici. In tempi recenti, la partitura è stata però valorizzata da tanti ottimi interpreti, che ne hanno sottolineato la leggerezza di tono e la nettezza dei contrasti. Anche con un lavoro "filologico" sulle fonti (circola una versione della parte del pianista alterata da Kurz). Il movimento più riuscito è il rondò finale, più problematico il primo movimento con alcune lungaggini tematiche. Segue discografia consigliata (c'è anche il famosissimo disco di Richter, ma, concordo con Hurwitz, buono e nulla più, celebre solo per i nomi messi in campo).

71j0im9BCLL._SS500_.jpg71y6NGr9bjL._SS500_.jpg71xKnzgCPOL._SS500_.jpg91bjJv1bHRL._SS500_.jpg810m6y7AuYL._SS500_.jpg817lK1U6z+L._SS500_.jpg

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il boxone ballettistico di Richard Bonynge con 45 CD e svariate orchestre, tutte di buon livello (soprattutto quelle inglesi). Bonynge è stato un grande direttore del repertorio ballettistico, soprattutto francese di metà 800. Memorabile in Adam e Delibes. Forse, più bravo qui che nelle opere liriche. Certo, deve piacere il repertorio.

A1vBelHK18L._SX425_.jpg

Il contenuto nel dettaglio:

91QLjI5oQIL._SL1500_.jpg

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La musica pianistica di Federico Mompou, 4CD della Brilliant suonati dall'Autore. Qui entriamo nel regno tranquillo del compositore catalano Mompou: musica dai colori pastello, sgranata con soffice grazia, velata di nostalgia e lavorata con la finezza che Mompou aveva imparato nella Parigi degli anni venti.

A1GIK9YJ5UL._SS500_.jpg

Mi permetto di aggiungere questo:

81SH1+LBx0L._SS500_.jpg

Volodos comunica perfettamente lo spirito snello e flessibile delle Scènes d’enfants, ma trova anche una qualità sonora luminosa e meditativa, che sembra formare un’aureola intorno alle miniature di Mompou: in tal senso, i piccoli pezzi mistici della Musica callada sono particolarmente affascinanti. Tutto molto bello!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mozart e Brahms, i quintetti per clarinetto. Un'accoppiata vincente in disco, ma due capolavori molto diversi. WAM fresco e giovanile, Brahms elegiaco e ricco di pathos. 10 registrazioni scelte.

81HdgkFhFFL._SS500_.jpg

61Rzbtd+HBL._SS500_.jpg

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 6/1/2021 at 13:49, Ives dice:

La musica pianistica di Federico Mompou, 4CD della Brilliant suonati dall'Autore. Qui entriamo nel regno tranquillo del compositore catalano Mompou: musica dai colori pastello, sgranata con soffice grazia, velata di nostalgia e lavorata con la finezza che Mompou aveva imparato nella Parigi degli anni venti.

A1GIK9YJ5UL._SS500_.jpg

Mi permetto di aggiungere questo:

81SH1+LBx0L._SS500_.jpg

Volodos comunica perfettamente lo spirito snello e flessibile delle Scènes d’enfants, ma trova anche una qualità sonora luminosa e meditativa, che sembra formare un’aureola intorno alle miniature di Mompou: in tal senso, i piccoli pezzi mistici della Musica callada sono particolarmente affascinanti. Tutto molto bello!

Mi sono reso conto di averli entrambi in discoteca ma di non averli mai ascoltati, forse scoraggiato dall'ennesimo esempio impressionista in salsa catalana; mi riprometto di ascoltarli entro l'anno

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 minuti fa, dejure dice:

Mi sono reso conto di averli entrambi in discoteca ma di non averli mai ascoltati, forse scoraggiato dall'ennesimo esempio impressionista in salsa catalana; mi riprometto di ascoltarli entro l'anno

Io ci trovo poco di impressionista se non per certe apparenze superficiali che potrebbero portare a definire impressionista qualsiasi brano dall'andamento lento e un po' sognante. E' musica intima, piuttosto di cuore. Non pretende di imporsi all'attenzione dell'ascoltatore e riflette la personalità piuttosto schiva dell'autore.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.


×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy