Vai al contenuto
Madiel

Cosa state ascoltando ? Anno 2020

Recommended Posts

buonasera a tutti!

ANNIVERSARI DI IERI

- nel 1999 muore a Madrid il compositore e pianista Joaquín Rodrigo
- nel 1944 nasce a Budapest l'organista e direttore d'orchestra Andor Izsák
- nel 1973 muore a Zurigo Otto Klemperer
- nel 1865 nasce a Vienna il compositore Émile Jaques-Dalcroze
- nel 1623 nasce a Pistoia il compositore, organista e cantante Jacopo Melani
- nel 1737 muore a Monaco di Baviera il compositore Pietro Torri
- nel 1937 nasce a Gorky Vladimir Ashkenazy

 

ANNIVERSARI DI OGGI

- nel 1860 nasce a Kaliště Gustav Mahler
- nel 1656 muore a Roma il compositore, violinista e organista Michelangelo Rossi
- nel 1974 nasce a Jablonec nad Nisou il direttore d'orchestra, direttore di coro, violoncellista e compositore Marek Štryncl
- nel 1976 nasce a San Pietroburgo il direttore d'orchestra Vasilij Ėduardovič Petrenko
- nel 1885 muore a Bari il compositore Nicola de Giosa

--------------------------------------

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

buongiorno a tutti!

ANNIVERSARI DI OGGI

- nel 1903 nasce a Roma il pianista, direttore d'orchestra e docente Carlo Zecchi
- nel 1900 nasce a Trenton il compositore, pianista, scrittore e inventore George Antheil
- nel 1805 nasce a Napoli il compositore Luigi Ricci

______________________

 

 

l'ho riconosciuto in un documentario scientifico e m'è venuta voglia di ascoltarlo tutto :wub_anim:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buxtehude

Cantata "Heut triumphieret Gottes Sohn" BuxWV 43

Amsterdam Baroque Orchestra & Choir

Ton Koopman

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Buona Giornata a tutti gli amici e a tutte le amiche ForuMattinieri/e con il Gloria di Antonio Vivaldi:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@kraus

 

Mi raccomando... siediti prima di ascoltare per non svenire...

 

 

 

MOLTO ALLEGRO!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Maddalena LOMBARDINI
Sei quartetti per archi

Accademia della Magnifica Comunità

Maddalena Lombardini (1745-1818) ha un posto nella storia della musica - e in particolare della musica e della tecnica violinistiche - per essere stata, non ancora quindicenne, la destinataria di una lettera di Pietro Tartini, suo maestro, contenente una serie di istruzioni e di consigli che rappresentano una sintesi del metodo didattico del grande compositore e dell'approccio tecnico alla letteratura violinistica settecentesca. Proveniente da una famiglia borghese caduta in disgrazia, fu accolta sin da bambina, in quanto povera, presso l'Ospedale dei Mendicanti e lì ricevette una importante educazione musicale, fino ad entrare in contatto con Tartini e ad ottenere persino alcuni periodi di "stage" presso di lui a Padova. Però all'epoca le fanciulle potevano sganciarsi dall'"ospedale" che le aveva accolte soltanto dopo aver compiuto 31 anni di età o, prima, soltanto per matrimonio. Fu così che, anche con l'aiuto di Tartini, Maddalena prese a cercar marito. Un primo tentativo di accasarsi con un tenore fallì. Si sposò quindi, non ancora ventunenne, con un violinista bergamasco, Ludovico Sirmen (o Syrmen) e cominciò a girare l'Europa con lui esibendosi con grande successo come violinista e, con minore successo, anche come soprano.

I sei quartetti oggetto del mio ascolto furono scritti e pubblicati a Parigi nel 1769. Sono opere piacevoli, dalla struttura piuttosto semplice: cinque sono in due soli tempi: un primo dotato di una certa articolazione costruttiva e a seguire un rondò. L'unico che si differenzia è il n. 5, in quattro movimenti, due lenti e due veloci. 

Il successo europeo della Lombardini è attestato persino in una lettera del 1778 di Leopold Mozart al figlio e alla moglie, nella quale racconta dell'esecuzione a Salisburgo di un concerto per violino della compositrice definendolo "di ottima fattura". Nell'ultimo quindicennio del 700 però la sua fama scemò perché la sua tecnica violinistica veniva ritenuta non più al passo coi tempi. Pare che, ritiratasi a Venezia godendo di un certo agio economico, sia però morta in povertà a causa, fra l'altro, del sopravvento del dominio austriaco, non prima, però, di essere riuscita a far accasare la sua unica figlia. 

L'esecuzione incisa nel disco è vivace e accurata, ad opera di specialisti che sanno valorizzare anche musiche non di primissima scelta (è lo stesso ensemble che ha curato la quasi integrale dei quintetti di Boccherini per la Brilliant). Nota di grande demerito editoriale: sia nel retro di copertina che nel libretto sono indicati in modo errato gli anni di nascita e di morte della Lombardini. Contrariamente a tutte le altre fonti disponibili (è sufficiente una breve ricerca in rete), la nascita viene anticipata di dieci anni (1735: data che sarebbe incoerente con lo sbattimento di Maddalena, ormai ultratrentenne, per trovare marito) e la morte addirittura di diciannove (1799). Strano, oltre tutto, perché le note del libretto sono redatte dalla musicologa inglese Elsie Arnold, autrice del più importante studio monografico finora uscito sulla Lombardini, che (come si vede sempre in rete) nel suo libro accredita senza problemi la nascita al 1745. Insomma, alla Tactus hanno fatto qualche pasticcio.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, giobar dice:

Nota di grande demerito editoriale: sia nel retro di copertina che nel libretto sono indicati in modo errato gli anni di nascita e di morte della Lombardini. Contrariamente a tutte le altre fonti disponibili (è sufficiente una breve ricerca in rete), la nascita viene anticipata di dieci anni (1735: data che sarebbe incoerente con lo sbattimento di Maddalena, ormai ultratrentenne, per trovare marito) e la morte addirittura di diciannove (1799). Strano, oltre tutto, perché le note del libretto sono redatte dalla musicologa inglese Elsie Arnold, autrice del più importante studio monografico finora uscito sulla Lombardini, che (come si vede sempre in rete) nel suo libro accredita senza problemi la nascita al 1745. Insomma, alla Tactus hanno fatto qualche pasticcio.

 

Ho appena mandato una mail alla Tactus per chiedere chiarimenti. Vediamo se mi rispondono.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Shostakovich: Sinfonia n.1 (1927)

a seguire: Ouverture Festiva (1947) e Preludio Funebre-trionfale alla memoria degli eroi di Stalingrado (1967)

Orchestre sovietiche varie dirette G. Rozhdestvensky

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, superburp dice:

Questo va in dedica ad Euripide.

grazie burp, sono commosso, perchè ci sono cresciuto con questa interpretazione (ancora la migliore che conosco, assieme a quella di christian saggese) e che per anni ho cercato di "imitare" :D 

__________________

 

ANNIVERSARI DI OGGI

- nel 1879 nasce a Bologna Ottorino Respighi
- nel 1936 nasce a New York il direttore d'orchestra e violinista David Zinman
- nel 1747 muore a Vienna il compositore e violoncellista Giovanni Bononcini
- nel 1904 nasce il direttore d'orchestra e compositore Robert Whitney
- nel 1984 muore a Boston il compositore Randall Thompson
- nel 1947 nasce a Samhorodok il basso Anatoly Kotcherga
- nel 2018 muore a Londra il compositore e direttore d'orchestra Oliver Knussen
- nel 1963 nasce a Crewe il tenore John Mark Ainsley

_____________________

 

 

in controdedica a burpone! i 2 quartetti per archi di borodin sono pezzi validissimi, e per fortuna sono stati entrambi completati dall'autore :laughingsmiley:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, glenngould dice:

Insonnia? :cat_lol:

Bella la batteria di bottiglie di vetro

Eh, ho paura che qua non si chiude occhio prima delle 7 :cat_sad: Ieri andato a letto praticamente di mattina, svegliato dopo poche ore, rintronato e a mal di testa tutto il giorno, sembravo uscito da una sbornia apocalittica (e sono pure astemio) :cat_doh: Non riesco a fare niente di niente. Mi tiro su bevendo bevande fredde.

Quello di sopra è un esperimento senza pretese, alla fine altri autori hanno fatto di meglio con le percussioni. Il concerto è uscito in un cd Bis, unito a un Rock Concerto (:cat_lol:) che non ho ancora verificato (e ho paura a farlo, a dirla tutta). I Tambuco sono bravi percussionisti, ho pure un loro cd.

Poi ho sentito una roba dell'inglese Steve Martland, ma ho quasi rimesso: un frullato di minimalismo scemo e pop, un genere per me proprio indigesto. 

Mi tiro su con Lecuona, uno stranissimo mischione tra Rachmaninov, Gershwin e la musica popolare caraibica

:D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
31 minuti fa, Madiel dice:

Mi tiro su bevendo bevande fredde.

Eh, fai attenzione

Quello di sopra è un esperimento senza pretese, alla fine altri autori hanno fatto di meglio con le percussioni. Il concerto è uscito in un cd Bis, unito a un Rock Concerto (:cat_lol:) che non ho ancora verificato (e ho paura a farlo, a dirla tutta). I Tambuco sono bravi percussionisti, ho pure un loro cd.

 

Vero. Incuriosito, sto ascoltando questo concerto

Dal minuto 46:32 c'è il Sacre di Stravinsky versione cameristica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Buona Giornata a tutti gli amici e a tutte le amiche ForuMattinieri/e con la Moldava di Bedrik Smetana trascritta per organo:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Haydn

Harmoniemesse

Saturova/Sindram/Taylor/Nagy

Gächinger Kantorei Stuttgart

Radio-Sinfonieorchester Stuttgart des SWR

Helmuth Rilling

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 ore fa, tonysuper dice:

@kraus

 

Mi raccomando... siediti prima di ascoltare per non svenire...

 

 

 

MOLTO ALLEGRO!

Lo conosco, Tony :D Cobra è un mito qui in forum, se n'è fatto un bel parlare qui in passato...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Surinach

Piano Concerto

Alicia de Larrocha - piano

Royal Philharmonic Orchestra

Rafael Frühbeck de Burgos

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

buonasera a tutti!

ANNIVERSARI DI OGGI

- nel 1979 muore a Brookline il direttore d'orchestra Arthur Fiedler
- nel 1952 muore a Ribe il compositore e organista Rued Langgaard
- nel 1944 nasce a Friburgo il compositore e direttore d'orchestra Adriano
- nel 1969 nasce a Tettnang il soprano Juliane Banse
- nel 1930 nasce a Peckham il mezzosoprano Josephine Veasey

_______________________

 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buonasera miei cari amici. È un bel po' che non ci si sente.....periodo pieno di cose da fare.

Ma vi leggo .....

Un salutino per dirvi quanto mi piacciono i rondò ! Se poi sono alla polacca allora ....che ve lo dico a fa' ???

Beethoven, triplo concerto op.56 , III movimento: rondò alla polacca.

Qualcuno disse che non apprezza Arrau, non ricordo chi egli sia , ma mi consenta di dissentire.

Dedicato a tutti voi.

 

Persy vostra 🌹

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 9/7/2020 at 17:19, giobar dice:

Maddalena LOMBARDINI
Sei quartetti per archi

Accademia della Magnifica Comunità

Maddalena Lombardini (1745-1818) ha un posto nella storia della musica - e in particolare della musica e della tecnica violinistiche - per essere stata, non ancora quindicenne, la destinataria di una lettera di Pietro Tartini, suo maestro, contenente una serie di istruzioni e di consigli che rappresentano una sintesi del metodo didattico del grande compositore e dell'approccio tecnico alla letteratura violinistica settecentesca. Proveniente da una famiglia borghese caduta in disgrazia, fu accolta sin da bambina, in quanto povera, presso l'Ospedale dei Mendicanti e lì ricevette una importante educazione musicale, fino ad entrare in contatto con Tartini e ad ottenere persino alcuni periodi di "stage" presso di lui a Padova. Però all'epoca le fanciulle potevano sganciarsi dall'"ospedale" che le aveva accolte soltanto dopo aver compiuto 31 anni di età o, prima, soltanto per matrimonio. Fu così che, anche con l'aiuto di Tartini, Maddalena prese a cercar marito. Un primo tentativo di accasarsi con un tenore fallì. Si sposò quindi, non ancora ventunenne, con un violinista bergamasco, Ludovico Sirmen (o Syrmen) e cominciò a girare l'Europa con lui esibendosi con grande successo come violinista e, con minore successo, anche come soprano.

I sei quartetti oggetto del mio ascolto furono scritti e pubblicati a Parigi nel 1769. Sono opere piacevoli, dalla struttura piuttosto semplice: cinque sono in due soli tempi: un primo dotato di una certa articolazione costruttiva e a seguire un rondò. L'unico che si differenzia è il n. 5, in quattro movimenti, due lenti e due veloci. 

Il successo europeo della Lombardini è attestato persino in una lettera del 1778 di Leopold Mozart al figlio e alla moglie, nella quale racconta dell'esecuzione a Salisburgo di un concerto per violino della compositrice definendolo "di ottima fattura". Nell'ultimo quindicennio del 700 però la sua fama scemò perché la sua tecnica violinistica veniva ritenuta non più al passo coi tempi. Pare che, ritiratasi a Venezia godendo di un certo agio economico, sia però morta in povertà a causa, fra l'altro, del sopravvento del dominio austriaco, non prima, però, di essere riuscita a far accasare la sua unica figlia. 

L'esecuzione incisa nel disco è vivace e accurata, ad opera di specialisti che sanno valorizzare anche musiche non di primissima scelta (è lo stesso ensemble che ha curato la quasi integrale dei quintetti di Boccherini per la Brilliant). Nota di grande demerito editoriale: sia nel retro di copertina che nel libretto sono indicati in modo errato gli anni di nascita e di morte della Lombardini. Contrariamente a tutte le altre fonti disponibili (è sufficiente una breve ricerca in rete), la nascita viene anticipata di dieci anni (1735: data che sarebbe incoerente con lo sbattimento di Maddalena, ormai ultratrentenne, per trovare marito) e la morte addirittura di diciannove (1799). Strano, oltre tutto, perché le note del libretto sono redatte dalla musicologa inglese Elsie Arnold, autrice del più importante studio monografico finora uscito sulla Lombardini, che (come si vede sempre in rete) nel suo libro accredita senza problemi la nascita al 1745. Insomma, alla Tactus hanno fatto qualche pasticcio.

 

Interessante.......credo che approfondirò.

Vita dura quella delle artiste nelle epoche antiche....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
57 minuti fa, Euripide dice:

buonasera a tutti!

...

- nel 1944 nasce a Friburgo il compositore e direttore d'orchestra Adriano
...

_______________________

 

 

 

Perbacco! Auguroni al Maestro @adriano conductorconductor

(ma come si tolgono i video di YouTube dalle citazioni?)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy