Vai al contenuto

Cosa state ascoltando ? Anno 2020


Recommended Posts

  • Risposte 4k
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

52 minuti fa, Euripide dice:

 

Molto belle, tra i pezzi migliori del tardo Stravinsky.

Veracini: Ouverture n.1 in si bemolle maggiore

Musica Antiqua Koeln diretta da Reinhard Goebel

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
36 minuti fa, Madiel dice:

Molto belle, tra i pezzi migliori del tardo Stravinsky.

d'accordissimo (anche se non conosco le altre opere del tardo stravinsky, sto gradualmente procedendo solo adesso...), cmq strano che questo ciclo non sia presente sul sito dell'orchestra virtuale del flaminio, giusto per saperne qualcosina in più :mellow:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

j. s. bach: concerto brandeburghese n.4 in sol maggiore - con il quarto concerto bach contrappone al "tutti" due flauti e un "violino principale": anche qui il primo tempo, in 3/8, denota un andamento giocoso, direi quasi spensierato, nel rincorrersi e nel contrapporsi degli strumenti del "concertino" non solo con l'intera orchestra ma anche tra di loro. l'ascoltatore odierno, abituato alle normali esecuzioni con i flauti moderni (flauti traversi), perde indubbiamente una parte importante dell'efficacia di questo bel concerto bachiano, concepito in origine per due flauti diritti. il suono nutrito delle nostre orchestre e la vastità degli ambienti in cui si esegue la musica sinfonica non permetterebbero del resto di apprezzare a dovere il flebile suono di questi strumenti: ma è a questa dimensione cameristica che va ricondotto nell'ascolto tutto il quarto concerto. il secondo tempo, "andante" in mi minore, fa sfoggio di un ampio patetismo barocco, tipico per le legature delle crome a due a due e per la netta contrapposizione di piano e di forte: ma il "presto" finale in tempo tagliato è una fuga vigorosa, dove la dialettica tra "soli" e "tutti" dà luogo a figurazioni sempre nuove e sempre imprevedibili, in un divertimento della fantasia che avvince ed entusiasma (da g. manzoni, guida all'ascolto della musica sinfonica)

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Euripide dice:

d'accordissimo (anche se non conosco le altre opere del tardo stravinsky, sto gradualmente procedendo solo adesso...), cmq strano che questo ciclo non sia presente sul sito dell'orchestra virtuale del flaminio, giusto per saperne qualcosina in più :mellow:

Avranno altro da fare, per esempio la centomilionesima analisi di una sinfonia mozzzartiana :stun:

Su questo pezzo volevo farci una breve analisi per gli ascolti settimanali anni fa, ma poi in quel periodo stavo ascoltando le Liriche Giapponesi e così le ho preferite. Sarà per un'altra vita :closedeyes:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
22 ore fa, superburp dice:

Ma questo per me è un difetto :lol:.

Ma già la Terza è diversissima e neoclassica e la Quarta per certe soluzioni tematiche è molto moderna. Non hai scampo...:cat_lol:

°°°°°°

Grimani

Sinfonia from "Pallade e Marte"

C.P.E. Bach

Symphony No.4 in A major, H660

J.S. Bach

Cantata "Bekennen will ich seinen Namen", BWV200

Concerto for Violin No.1 in A minor, BWV1041

"Erbarme Dich, mein Gott" from St. Matthew Passion BWV244

Haydn

Symphony No. 4 in D major, HobI:4

"Fac me vere tecum flere" from Stabat Mater, HobXXa:1

Concerto for Violin in G major, HobVIIa:4 

Viktoria Mullova - violin

James Hall - countertenor

Academy of Ancient Music

Richard Egarr

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Ives dice:

Ma già la Terza è diversissima e neoclassica e la Quarta per certe soluzioni tematiche è molto moderna. Non hai scampo...:cat_lol:

Basta che non mi faccia il verso a Ciaicovskij :D.

Ora però avevo voglia di riascoltare la prima di Honegger diretta da Dutoit.

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

5 Ouvertures | Discogs

 Disco magnifico!

Veracini è un compositore da rivalutare. Gli mancano la felicità tematica e la scioltezza di Vivaldi o Handel, ma il suo contrappuntismo (a tratti un po' esasperato) unito a una notevole inventiva nel costruire i pezzi (era un genio della variazione), produce ottimi risultati. 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

j. s. bach: concerto brandeburghese n.5 in re maggiore - ed eccoci al quinto concerto, il più popolare e anche il più brillante, il più virtuosistico e immediato del maestro di eisenach. il ruolo di "concertino" è affidato a flauto, violino e clavicembalo, e qui davvero l'elemento solistico balza nettamente in primo piano in tutta la struttura dell'opera. così avviene soprattutto nel primo tempo, che con i suoi ritmi elastici e insieme solidamente ancorati a un movimento costante, porta a una serie di episodi dei tre "soli" che si arricchiscono di modulazioni e disegni sempre nuovi fino alla grande cadenza finale del cembalo, il pezzo forse più virtuosistico che bach abbia scritto per questo strumento. come già era avvenuto nel secondo concerto, il tempo lento centrale è affidato ai tre solisti: esso si basa interamente su un tenue inciso esposto dal violino, e anche qui l'intreccio dei soli serve solo a dare maggior risalto alla componente melodica di questo breve brano, che bach non per nulla ha indicato con la soprascritta "affettuoso". nell'ultimo tempo infine ("allegro" in 2/4) sono di nuovo i solisti a proporre inizialmente un tema nettamente scandito in terzine, mentre l'entrata dell'orchestra, pur senza introdurre elementi nuovi, riporta alle sonorità caratteristiche del concerto grosso, alternandosi fino al termine con i solisti in un intreccio vario e sempre elegante (da g. manzoni, guida all'ascolto della musica sinfonica)

 

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non saprei dire con esattezza il perchè, ma questo Donald Martino non mi ha mai convinto. Lo trovo, come posso dire, "loffio"?

Ad ogni modo questo Triple Concerto è, per adesso, il suo lavoro che preferisco.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
40 minuti fa, hurdy-gurdy dice:

Rovistando nel catalogo Pierre Verany su Qobuz ho trovato parecchio materiale diretto da tale Paul Kuentz, che non ricordo di aver mai ascoltato.

Domanda al forum: ne vale la pena?

Merci!

Da come sferraglia e cigola l'orchestra, direi di no...:cat_lol:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.


×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy