Vai al contenuto

Cosa state ascoltando ? Anno 2020


Recommended Posts

  • Risposte 4,1k
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

c. p. e. bach: sinfonia n.3 in do maggiore per archi e cembalo (1773) - fa parte, come la precedente, del ciclo di sei sinfonie commissionate al musicista da gottfried van swieten. questa è forse la più interessante dell'intera serie, e anche qui va notata una certa affinità con la forma del concerto grosso. notare nell' "adagio" una citazione al basso del tema b-a-c-h (si bemolle, la, do, si nella nomenclatura tedesca) (da g. manzoni, guida all'ascolto della musica sinfonica)

 

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, superburp dice:

Questo va a Snorlax, Madiel, Ives, giordano ed al viandante.

Grazie, ma non conosco proprio… Ricambio con

Mathias: Invocation and Dance op.17 (1961)

London SO, diretta da D. Atherton

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, kraus dice:

 

(Naturalmente quest'ultima celebre melodia non è di Pavarotti, bensì di Lehàr. Cari youtubbari, mettetecelo l'autore del brano, magari anche soltanto in un angolino)

Prima regola del melomane: l'esecutore è più importante del compositore :lol::lol: .
_________________________________________________________________

Telemann, Triosonata per flauto dolce, violino e basso continuo in Re minore.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mica brutti. Mi aspettavo la solita sparata virtuosistica per violino e assistenti in adorazione e invece abbiamo persino dei begli sprazzi di SturmundDrang (magari fuori tempo massimo, ma pazienza).

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao a tutti!

ANNIVERSARI DI OGGI

- nel 1903 nasce a Lubcza il compositore e scrittore Nicolas Nabokov
- nel 1956 nasce a Linselles il flautista e direttore d'orchestra Patrick Gallois
- nel 1764 muore ad Amburgo il compositore, scrittore, cantante, lessicografo, diplomatico e teorico musicale Johann Mattheson

----------

 

dedica a @Madiel anche se non ricambia :P 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

c. p. e. bach: sinfonia a dodici parti n.1 in re maggiore (1775-76) - fa parte di una serie di quattro sinfonie dedicate a federico di prussia, serie che costituisce una delle ultime fatiche del compositore. accanto agli archi esse comprendono sette strumenti a fiato, e rappresentano quanto di meglio carl philipp abbia lasciato in campo sinfonico. in questa prima sinfonia si nota la ricerca di un linguaggio individuale, anche se l'impostazione ricorda sovente il concerto grosso, specie nella contrapposizione di "soli" e "tutti". va notato soprattutto il disteso arco lirico del "largo" centrale, interessante anticipazione dello stile della scuola di vienna (da g. manzoni, guida all'ascolto della musica sinfonica)

 

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Euripide dice:

ciao a tutti!

ANNIVERSARI DI OGGI

- nel 1903 nasce a Lubcza il compositore e scrittore Nicolas Nabokov
- nel 1956 nasce a Linselles il flautista e direttore d'orchestra Patrick Gallois
- nel 1764 muore ad Amburgo il compositore, scrittore, cantante, lessicografo, diplomatico e teorico musicale Johann Mattheson

----------

 

dedica a @Madiel anche se non ricambia :P 

Ti devo bannare, altro che ricambiare ! :D  Stravinsky che si autodirige è un terno al lotto, può andare bene a volte, più spesso fa danni…. Vabbeh, stavolta ricambio con

Edward Gregson: Constrasts, A Concerto for Orchestra (1983)

Royal Liverpool Philharmonic Orchestra diretta da Douglas Bostock

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non so se sia già stato segnalato, ma c'è un Maximianno Cobra del pianoforte, e si chiama Wim Winters:

La sua teoria non è che i metronomi di Beethoven, Czerny ed altri compositori dell'Ottocento siano sbagliati, ma che quella da loro indicata sia la divisione e non la misura. Insomma, vada come vada, i risultati sono gli stessi...

PS: Mi sto ascoltando lo stesso Op.10 n.12 di Chopin, ma eseguito dal "mio omonimo" :ph34r: :ph34r: alla velocità "sbagliata" :D:D .

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, Madiel dice:

Ti devo bannare, altro che ricambiare ! :D  Stravinsky che si autodirige è un terno al lotto, può andare bene a volte, più spesso fa danni…. Vabbeh, stavolta ricambio con

Edward Gregson: Constrasts, A Concerto for Orchestra (1983)

Royal Liverpool Philharmonic Orchestra diretta da Douglas Bostock

ma che carino, mo' viene a fare il diluvio universale :D (grazie)

----------------

 

ANNIVERSARI DI OGGI

- nel 1936 muore a Roma Ottorino Respighi
- nel 1948 nasce a New York il soprano Catherine Malfitano
- nel 1986 muore a Caracas il compositore e chitarrista Antonio Lauro
- nel 1882 nasce a Londra il direttore d'orchestra Leopold Stokowski

-----------------

 

 

tra l'altro, coincidenza assurda, questa composizione l'ho ascoltata pure stamattina alla filodiffusione (e io avevo in programma di ascoltarla esattamente oggi)  :mellow:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

c. p. e. bach: concerto in re minore per pianoforte e archi (1748) - pur non essendo ancora una composizione della piena maturità del musicista, questo concerto rivela già i tratti di una precisa personalità, e rimane uno dei migliori tra i 50 di carl philipp. di personale c'è un trattamento moderno e brillante del pianoforte, mentre alcuni temi ci indicano nel musicista un interessante precorritore della scuola di vienna. in molti punti invece la diretta discendenza dalla tradizione si manifesta nella citazione quasi letterale di temi o inflessioni di opere di johann sebastian (da g. manzoni, guida all'ascolto della musica sinfonica)

 

min...ehm, perdindirindina :D 50 concerti di cui ignoravo totalmente l'esistenza :mellow:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Chopin, Notturno n.o8 (Op.27 n.2), Grande Valse brillante (Op.18) e Berceuse.

Esegue Raoul Koczalski, allievo di un allievo di Chopin, su un pianoforte Pleyel appartenuto a Chopin (incisione del 1948). Insomma, all'epoca non si parlava di filologia esecutiva, ma più filologico di così non penso ci sia molto... A quanti debba controdediche.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, Euripide dice:

ma che carino, mo' viene a fare il diluvio universale :D (grazie)

----------------

 

ANNIVERSARI DI OGGI

- nel 1936 muore a Roma Ottorino Respighi
- nel 1948 nasce a New York il soprano Catherine Malfitano
- nel 1986 muore a Caracas il compositore e chitarrista Antonio Lauro
- nel 1882 nasce a Londra il direttore d'orchestra Leopold Stokowski

-----------------

 

 

tra l'altro, coincidenza assurda, questa composizione l'ho ascoltata pure stamattina alla filodiffusione (e io avevo in programma di ascoltarla esattamente oggi)  :mellow:

Mamma mia che pesantezza all'inizio, è pure meglio il suo tirapiedi Craft (direttore proprio terribile) che la incisa per l'edizione CBS al posto dell'autore (al tempo troppo malato e anziano per stare sul podio, siamo attorno al 1965).

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, Madiel dice:

Mamma mia che pesantezza all'inizio, è pure meglio il suo tirapiedi Craft (direttore proprio terribile) che la incisa per l'edizione CBS al posto dell'autore (al tempo troppo malato e anziano per stare sul podio, siamo attorno al 1965).

in questo periodo ho letto delle robe su stravinsky e una delle cose che mi ha colpito (tra tante altre) è proprio quella che spesso e volentieri si ammalava (tipo di tubercolosi :o ) ed era spesso costretto a stare in ospedale, qualcosa in proposito l'ho letto proprio oggi sui retroscena della composizione delle danses. insomma sembro io negli ultimi tempi... :( 

grazie della dritta su craft, proverò. non so se esistono edizioni tipo di ansermet o monteux per le danses, finora mi sono sempre piaciute!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, Euripide dice:

in questo periodo ho letto delle robe su stravinsky e una delle cose che mi ha colpito (tra tante altre) è proprio quella che spesso e volentieri si ammalava (tipo di tubercolosi :o ) ed era spesso costretto a stare in ospedale, qualcosa in proposito l'ho letto proprio oggi sui retroscena della composizione delle danses. insomma sembro io negli ultimi tempi... :( 

grazie della dritta su craft, proverò. non so se esistono edizioni tipo di ansermet o monteux per le danses, finora mi sono sempre piaciute!

Ascoltati Dutoit. 

Stravinsky si era ammalato di tubercolosi da giovane, ma ne era guarito dopo un paio di anni in sanatorio. Ebbe una ricaduta alla fine degli anni trenta, da anziano aveva altri problemi legati all'età. La prima moglie e una figlia, però, morirono della stessa malattia.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
12 ore fa, Euripide dice:

c. p. e. bach: concerto in re minore per pianoforte e archi (1748) - pur non essendo ancora una composizione della piena maturità del musicista, questo concerto rivela già i tratti di una precisa personalità, e rimane uno dei migliori tra i 50 di carl philipp. di personale c'è un trattamento moderno e brillante del pianoforte, mentre alcuni temi ci indicano nel musicista un interessante precorritore della scuola di vienna. in molti punti invece la diretta discendenza dalla tradizione si manifesta nella citazione quasi letterale di temi o inflessioni di opere di johann sebastian (da g. manzoni, guida all'ascolto della musica sinfonica)

 

min...ehm, perdindirindina :D 50 concerti di cui ignoravo totalmente l'esistenza :mellow:

E in cui ci sono parecchie cose degne di nota. A me, che son patito della musica di CPE Bach (più di quella del padre), piacciono anche le sonatine (Wq. 96-108), che poi sarebbero composizioni per tastiera e orchestra ridotta, ma suonano come concerti in tutto e per tutto. Dimodoché, se trovi belli i concerti di CPE, farai volentieri anche la conoscenza delle sonatine.

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Johann Sebastian BACH

Cantate per la prima domenica dopo Pasqua


Halt im Gedächtnis Jesum Christ BWV 67
Arleen Augér - soprano •  Ann Murray - alto • Adalbert Kraus - tenore •Walter Heldwein - basso

Am Abend aber desselbigen Sabbats BWV 42
Arleen Augér - soprano • Julia Hamari - alto • Adalbert Kraus - tenore • Philippe Huttenlocher - basso

Gächinger Kantorei Stuttgart • Bach-Collegium Stuttgart

Helmuth Rilling

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Čaikowskij, "Mozartiana" (Suite Op.61).

Anche se alla fine di Mozart non rimane più di tanto, non ci lamentiamo troppo, si era in un'epoca in cui la parafrasi era più importante della fedeltà allo stile. Dopo il brano sul quale è in parte basato il terzo Movimento di questa Suite: Liszt, "À la Chapelle Sixtine", basato a sua volta sull'"Ave, Verum Corpus" di Mozart e sul Miserere di Allegri:

Spoiler

Ma solo a me Liszt quando "parafrasa" pare prono a mezze tamarrate :unsure::unsure:?...

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Pollini dice:

Ma solo a me Liszt quando "parafrasa" pare prono a mezze tamarrate :unsure::unsure:?...

Ma diciamo pure che lo sembra un tanticchio pure a me...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.


×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy