Vai al contenuto

Cosa state ascoltando ? Anno 2020


Madiel
 Condividi

Recommended Posts

  • Risposte 4,3k
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

41 minuti fa, superburp dice:

Questa è per kraus e Persephone. Particolarissima, sia dal punto di vista armonico che strutturale. Sembra quasi più una fantasia che una sonata.

Grazie mille Super :) 

L'impressione di una "fantasia più che una sonata" è giustificata per l'andamento trasognato di alcuni passaggi, ma analizzando la struttura dell'Allegro si scopre che Jadin qui non ha punto violato la forma sonata:

dopo una regolare esposizione (primo e secondo tema) e un lungo e rigoglioso sviluppo, incontriamo puntualmente la ripresa, da cui è stato tagliato il primo tema. Quest'omissione non costituisce però uno strappo alla regola poiché in molte sonate caratterizzate da un'elaborazione particolarmente estesa si rinuncia alla ripetizione del soggetto iniziale per evitare da appesantire troppo il primo tempo.

Lasciando da parte l'organizzazione del pensiero musicale, l'invenzione melodica della Sonata è miracolosa, colpendo e sorprendendo fin dal primo ascolto: un vero e proprio distillato di gioiosa malinconia pre-schubertiana. Jadin, con la sua brevissima esistenza, è uno dei più grandi rimpianti del periodo a cavallo tra Classicismo e Romanticismo.

Ti va in controdedica il prossimo ascolto (Couperin):

Risultato immagini per messe pour les paroisses couperin rogg

Link al commento
Condividi su altri siti

Risultato immagini per requiem te Deum michael haydn

Il buon Requiem apocrifo (sarebbe di un certo von Pasterwitz) e i gioiosi lavori sacri autentici di Michael Haydn, il tutto in un unico CD di durata quasi scandalosa per gli standard Brilliant (poco più di un'ora, ma ve ne sono addirittura altri dove si sfiorano inverecondamente gli 80 minuti). Per i due fratelli austriaci, la musica ad uso liturgico non si discostava troppo da quella adottata per le sinfonie. La differenza, solo dal punto di vista dell'organico, la fa solo un coro gaudente che intensifica il giubilo generale.

Nel Requiem si segnala il Kyrie, dall'atmosfera tutta particolare:

 

Link al commento
Condividi su altri siti

22 ore fa, superburp dice:

Questa è per kraus e Persephone. Particolarissima, sia dal punto di vista armonico che strutturale. Sembra quasi più una fantasia che una sonata.

Grazie Super 😊

Particolarissima davvero e aggiungo che sembra addirittura piu giovane di quel che è.

Sembra di udire una frizzante fantasia di fine '800.

Per contraccambiare la Kreutzer interpretata da Uto Ughi.

Ieri sera sulla Rai ho seguito la trasmissione di Alberto Angela su Venezia.

C'è stato anche un intervento di Ughi nel teatro La Fenice, ha suonato qualche breve accenno di Vivaldi con uno Stradivari appartenuto a Kreutzer.

 

Link al commento
Condividi su altri siti

Buongiorno a tutti voi miei cari amici Forumisti

Chissà se i canti delle monache lombarde del 600 possono aiutare contro la pandemia ?

Che dite ?

Cappella Artemisia direzione Candace Smith

A @giobar e a chiunque Gradisca

 

Persy vostra con mascherina

🌹

Link al commento
Condividi su altri siti

Tomàs Luis de VICTORIA
Missa pro victoria a 9
Missa pro defunctis a 4

Ensembre Plus Ultra
Michael Noone

La prima nella ferma speranza che la situazione drammatica che stiamo vivendo passi al più presto; la seconda pensando ai molti che non ce l'hanno fatta.

@Persephone: curiosissima la passione di musicisti di origini così lontane per la musica sacra post-tridentina. Candace Smith, americana, si è buttata a capofitto nello studio del repertorio musicale dei conventi femminili italiani del 600. Michael Noone, australiano, è partito da Sidney a caccia di capolavori nascosti di Victoria e di altri grandi polifonisti spagnoli.

Link al commento
Condividi su altri siti

23 minuti fa, Wittelsbach dice:

Questa sembra ottima!

Credo proprio ti piacerà. E' la tipica commedia tedesca vecchia maniera, un po' alla Strauss degli anni venti e trenta, amabile e sorniona. Tira via senza noia in tre atti abbastanza leggeri (circa 30 minuti ciascuno). E' un adattamento (non tanto una parodia) di un lavoro di Calderon de la Barca, ambientato negli anni venti: un dirigibile tedesco finisce il carburante ed è costretto ad un atterraggio di emergenza, il suo capitano avrà qualche peripezia a fare il pieno a causa di una milionaria americana un po' bizzosa :D L'aspetto più strano è l'inserimento di alcuni pezzi di danza jazz e di un blues, come a voler dare un tocco di modernità, alla "zeitoper". A volte arrivano come un pugno in un occhio, perché saltano fuori all'improvviso senza preavviso, con un effetto quasi estraniante considerato il contesto tutto sommato conservatore della musica. Niente a che fare con il contorto e dissonante espressionismo di Barbablù. Esecuzione dal vivo più che buona, librettone annesso proprio ben fatto con traduzioni in inglese.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Madiel locked this topic
Ospite
Questa discussione è chiusa.
 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy