Vai al contenuto

Sondaggio sintetico


Siloti
 Condividi

Vi piace Franz Liszt ?  

51 voti

  1. 1. Vi piace Franz Liszt ?

    • Poco
      10
    • Abbastanza
      17
    • Molto
      15
    • Per niente
      2
    • Non lo conosco
      4


Recommended Posts

  • Risposte 103
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

fantastico, finalmente so quanto dura....... Ligeti usa il suono del metronomo, nel 1° atto dell'opera Le Grand Macabre, quando c'è la presentazione del personaggio Nekrotzar, cioè la Morte. La sonorità è a dir poco affascinante in quel contesto

Link al commento
Condividi su altri siti

in relazione al personaggio serviva solo a dare un tocco di orrore. Per il resto nella scena ci sono due giovani che amoreggiano dentro una tomba abbandonata (la scena di svolge in un cimitero, di notte) e un ubriaco che non si rende conto di parlare alla Morte. Venuta ad annunciare la fine del mondo con lenti rintocchi di metronomo...... tic..... tac...... :)

Per il resto non saprei, io me la piglio comoda e spero di continuare a farlo anche nell'estremo momento.

Link al commento
Condividi su altri siti

ci sono due giovani che amoreggiano dentro una tomba abbandonata

ke è una metafora del matrimonio? :o ghghghgh

e un ubriaco che non si rende conto di parlare alla Morte. Venuta ad annunciare la fine del mondo con lenti rintocchi di metronomo...... tic..... tac...... 

dev'essere bellissimo vederlo ^_^

Per il resto non saprei, io me la piglio comoda e spero di continuare a farlo anche nell'estremo momento.

idem ^_^

Link al commento
Condividi su altri siti

no, molto peggio, semmai sesso = morte... :D:D:D:D:D

Sicuramente la scena iniziale è molto divertente e suggestiva. Inizia con una specie di ouverture di clacson di automobili in stile barocco. Alla fine la Morte (Nekrotzar) convince della sua natura il povero ubriaco, Piet, e lo trasforma in suo cavallo-servo. A cavalcioni su disgraziato, con i simboli della morte in mano (falce e tromba), va nel principato di Breughelland ad annunciare sfracelli.....

Nekrotzar si erge da una tomba come il Nosferatu del celebre film di Murnau. L'effetto orchestrale spettrale che lo accompagna è favoloso... archi in sordina e legni in pppppp che suonano micro-intervalli. Il metronomo appare dopo abbinato all'organo o da solo, quanto Nekrotzar si presenta e spiega cosa è venuto a fare.

Link al commento
Condividi su altri siti

Dev'essere un capolavoro! :o

devo vederlo!!!!!!!! :o

Hai citato Nosferatu di Murnau......altro capolavoro......tempo fa dei miei amici lo hanno musicato....e proposto al pubblico

un lavoro bellissimo.....hanno proiettato il film e loro sotto lo skermo ke lo sonorizzavano (termine + adatto) in tempo reale....

Lo stesso lavoro l'ho fatto io con un sestetto sul "Faust" sempre di Murnau (le musiche le ha composte un mio amico).......è stato un lavoro bellissimo, ben riuscito e soprattutto interesantissimo nella sua realizzazione ^_^

Link al commento
Condividi su altri siti

Per farVi piacere Liszt, dovete sentirlo suonare da Lazar Berman, genio assoluto del pianismi lisztiano. Anche altri ( Richter, Arrau, Ogdon) hanno saputo rendere in modo eccellente l'arte di Liszt, ma Berman raggiunge vette incredibili di poesia e dovizia tecnica.

Assolutamente, ma anche Brendel e Cziffra non sono da meno. Non credi ? ;)

verissimo io ho gli studi trascendentali e la rapsodia n.2 suonata da Cziffra...

un genio...tra l'altro ho scoperto che lui e Richter studiarono insieme da giovani...il loro maestro purtroppo non lo ricordo... <_<

Secondo me Cziffra è stato il più grande virtuoso del XX secolo.

Hai mai ascoltato la sua trascrizione del "Volo del calabrone" di R.Korsakov ? A confronto quella di Rachmaninov sembra una sciocchezzuola ! :o ...e viene pure eseguita a velocità folle !!! E la parafrasi del "Danubio blu" di Strauss ? Mentre suona la melodia, ogni tanto alterna salite e discese vertiginose, come a voler rendere l'effetto del moto ondoso: sembra avere tre mani ! :o

Ovviamente è stato anche un eccellente interprete di Liszt.

Non ricordo chi fosse il maestro che aveva in comune con Richter... Forse Neuhaus ? ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

ottimo film anche il Faust di Murnau. Mentre il Nosferatu lo hanno musicato con pezzi del concerto per violino n.1, pezzi per piano e l'Etude (orchestrato da Fitlenerg) tutti del polacco Szymanowski. Che ci stanno benissimo.

Link al commento
Condividi su altri siti

a proposito di macchine da scrivere...... qualche compositore dadaista ha creato dei curiosi pezzi molto interessanti :

Satie lo fece per primo nel balletto Parade (1917)

Penderecki nel brano per grande orchestra Fluorescenses (1960)

e mi sembra che anche il compositore svizzero Rolf Liebermann, autore di ottime opere liriche in voga negli anni 50, abbia composto qualcosa per questo "strumento" (se male non ricordo il Concert des échanges per 52 macchine 1964)

Link al commento
Condividi su altri siti

Per farVi piacere Liszt, dovete sentirlo suonare da Lazar Berman, genio assoluto del pianismi lisztiano. Anche altri ( Richter, Arrau, Ogdon) hanno saputo rendere in modo eccellente l'arte di Liszt, ma Berman raggiunge vette incredibili di poesia e dovizia tecnica.

Assolutamente, ma anche Brendel e Cziffra non sono da meno. Non credi ? ;)

verissimo io ho gli studi trascendentali e la rapsodia n.2 suonata da Cziffra...

un genio...tra l'altro ho scoperto che lui e Richter studiarono insieme da giovani...il loro maestro purtroppo non lo ricordo... <_<

Secondo me Cziffra è stato il più grande virtuoso del XX secolo.

Hai mai ascoltato la sua trascrizione del "Volo del calabrone" di R.Korsakov ? A confronto quella di Rachmaninov sembra una sciocchezzuola ! :o ...e viene pure eseguita a velocità folle !!! E la parafrasi del "Danubio blu" di Strauss ? Mentre suona la melodia, ogni tanto alterna salite e discese vertiginose, come a voler rendere l'effetto del moto ondoso: sembra avere tre mani ! :o

Ovviamente è stato anche un eccellente interprete di Liszt.

Non ricordo chi fosse il maestro che aveva in comune con Richter... Forse Neuhaus ? ;)

non saprei...l'avevo letto da qualche parte, ma non mi ricordo se in un libro, su internet... :huh:

cmq sono curioso di ascoltare il volo del calabrone...io ho proprio la versione di Rachmaninoff...e tra l'altro mi sembra incredibile... ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

a proposito di macchine da scrivere...... qualche compositore dadaista ha creato dei curiosi pezzi molto interessanti :

Satie lo fece per primo nel balletto Parade (1917)

Penderecki nel brano per grande orchestra Fluorescenses (1960)

e mi sembra che anche il compositore svizzero Rolf Liebermann, autore di ottime opere liriche in voga negli anni 50, abbia composto qualcosa per questo "strumento" (se male non ricordo il Concert des échanges per 52 macchine 1964)

Ho tirato fuori il famoso sketch di Jerry Lewis, ma avevo già sentito qualcosa di più complesso senza approfondire alcuna ricerca.

Comunque non mi stupisce l'uso della macchina da scrivere come strumento musicale. L'Olivetti del '38 di mio nonno non fa rumore, "suona". Nulla a che vedere con le più comode ma insignificanti tastiere moderne, sprovviste, fra le altre cose, del suono inconfondibile del campanellino.

Link al commento
Condividi su altri siti

concordo, in effetti sono quasi strumenti musicali. Le macchine da scrivere "antiche" sparano un colpo per volta, quelle elettriche "mitragliano" e le moderne tastiere sono mute. Interessante notare che le varie composizioni menzionate nella mia email fanno tutte uso della macchina scrivere nella sua accezione bruitisca o di colore. Mentre il brano di Liebermann è una manipolazione elettronica di suoni reali, dunque gli effetti all'ascolto possono essere imprevedibili (personalmente mai avuto occasione di sentire tale pezzo, invece conosco bene gli altri). Ed è anche una stranezza nell'ambito della sua produzione di tendenza eclettica ma non di avanguardia.

Link al commento
Condividi su altri siti

questo è un problema perchè non conosco il brano. Non è da escludere qualche gioco ritmico alla maniera di Nancarrow. Questo usava le pianole e lo svizzero le macchine dascrivere ! Naturalmente usando un suono originale manipolato.

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy