Vai al contenuto
Madiel

Cosa state ascoltando ? Anno 2019

Recommended Posts

Pietro Antonio Locatelli (CD 2 della Locatelli Complete Edition)

Trio Sonata in la op. 8 n. 7
Trio Sonata in re op. 8 n. 8
Trio Sonata in fa min. op. 8 n. 9
Trio Sonata in la op. 8 n. 10

Ensemble Violini Capricciosi (Ruhadze, Gorban, Dupere, Zlataric', Schlepp)

L'unica cosa che qui non va è la durata (45 minuti e poi tutti a casa, manco un minuto di recupero). Per il resto è tutto sotto controllo, ivi compresa la mini Sonata in fa minore, forse i quattro movimenti più veloci del mondo (2'33 + 1'59 + 2'22+ 1'12) nonostante un Largo andante e un Grave.

Nota biologica: l'indicazione presente sull'immagine del video è totalmente farlocca. Trust me baby.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 8/1/2019 at 21:39, Majaniello dice:

@Snorlax sto ascoltando la 5 di Mahler Maazel/Philarmonia... l'avevi definita solenne e stentorea e mi ero immaginato una super-trombonanta, invece sembra più una specie di Bernstein al negativo, diciamo senza scampo. Non mi pare neanche così tanto eccentrica (non più eccentrica di altre cose di Maazel), a suo modo è geniale nel suo essere sorvegliatissima ed estremamente emotiva al tempo stesso. 

Sono contento che ti aggradi e a dir la verità non me l'aspettavo:rolleyes:. Io comunque sono un sostenitore del ciclo Maazel/Philharmonia, che oltre ad essere assai superiore a quello loffio d'inizio anni '80 coi Wiener - c'è n'è pure uno piuttosto tardo con la Filarmonica di New York che però non conosco - risulta per me essere una delle integrali mahleriane più interessanti e riuscite degli ultimi anni, nonostante qualche idiosincrasia (ricordo una Settima piuttosto malriuscita) e dove il direttore americano riesce ad esibire tutto il suo magistero, senza mai scadere - anzi, si tratta di letture personalissime - nella routine, come più di qualche volta è accaduto.

==================

Ora, immerso nei meandri della tesi di dottorato, a bassissimo volume:

Georg Friedrich Handel, Concerti per Organo, Karl Richter & Kammerorchester

71mVXHZSpVL._SL1200_.jpg

... a @Majaniello, @Ives, @Wittelsbach, @superburp, @giordanoted e a chi gradisce...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, Snorlax dice:

Sono contento che ti aggradi e a dir la verità non me l'aspettavo:rolleyes:. Io comunque sono un sostenitore del ciclo Maazel/Philharmonia, che oltre ad essere assai superiore a quello loffio d'inizio anni '80 coi Wiener - c'è n'è pure uno piuttosto tardo con la Filarmonica di New York che però non conosco - risulta per me essere una delle integrali mahleriane più interessanti e riuscite degli ultimi anni, nonostante qualche idiosincrasia (ricordo una Settima piuttosto malriuscita) e dove il direttore americano riesce ad esibire tutto il suo magistero, senza mai scadere - anzi, si tratta di letture personalissime - nella routine, come più di qualche volta è accaduto.

Per ora ho ascoltato solo quella, Maazel è sempre stato... ehm... "creativo", immagino sia la ragione per cui, nonostante abbia un suono nitido e a tratti tagliente, piace anche agli amanti di un certo tipo di tradizione come te (e secondo me è la ragione per cui lo scritturò la DGG da giovanissimo). Qui mi pare con un piede nella fossa, nel senso che è davvero cupo e straziante, ma in Mahler ci può stare (così come il rubato, i timpani a tutta forza ecc.), poi realizza il disegno con una tale cura da risultare persuasivo. Ci credo che la 7 gli viene male (e scommetto pure la 8), la sua 6 la immagino invece un buco nero di dolore, sulla carta uno spettacolo :D 

Ho assaggiato la 9 Levine/Munich e non fa per me. Mi piace l'impostazione generale di Masur (la NYP poi è proprio un'orchestra mahleriana), un pochetto più d'abbandono non avrebbe guastato. Alla fine rimango fedele a Bernstein/NYP, anche perchè sulla 9 non mi va tanto di applicarmi :P. In generale cerco qualcosa in suono eccellente che si avvicini a quest'idea (questa a Vienna, che di Mitropoulos ne girano più d'una):

600x600.jpg

 

°°°°

Ultimamente tutto questo Mahler mi sta angosciando (dico sul serio, poi mi spiegate come fate a non sentirvi male!)... spezzo con:

Gershwin/MTT, Catfish Row suite 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Snorlax in controdedica:

510tU6iqCWL.jpg

Bravissimo Kenneth Tarver nel ruolo eponimo, bravina la Dennis, mediocri gli altri; la concertazione di Cummings dal cembalo è sicuramente migliore di 30 anni fa, quando incise questo oratorio "militare" per la prima volta in assoluto per la SOMM, ma rimane troppo lutulenta. Bene il coro della NDR.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bach, Concerto per oboe e violino (BWV1060R).

A quanti debba controdediche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Risultati immagini per chamber music with traversiere Carl Philipp Bach

Yes it is. Ovvero buona musica da salotto, più il piacere di riascoltare il Wq. 93, uno dei quartetti/trii/'nsomma-'na-cosa-der-genere per flauto più solennemente malinconici della storia musicale. L'avevo nell'esecuzione ibrida e accomodante della band Les Adieux, ora lo riascolto nelle mani di un ensemble più incline a trasmettere il senso di fine corsa che promana da questa composizione (scritta nell'ultimo anno di vita di Carl Philipp).

Bonus nel bonus fra alcune triosonate sparse, la Sonatina-Concerto Wq. 108 per clavicembalo, due flauti e archi ci porta nel genere inventato dal Bach di Amburgo per vedere jannaccianamente di nascosto l'effetto che fa. Ed è un bel periodare, illuminato dalla mano sciolta e sicura di un autore che avrebbe avuto forse maggior fortuna e rinomanza (anche presso il pubblico minuto) se avesse avuto un altro cognome. L'eredità, come insegna l'omonima trasmissione pre-serale, è un giuoco difficile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

51nswe2bhbL._SX466_.jpg

Un simpatico Fidelio di perfetti sconosciuti, a parte il sopranone Bäumer. Una curiosità: il maestro del coro è Herbert Kegel.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, Wittelsbach dice:

51nswe2bhbL._SX466_.jpg

Un simpatico Fidelio di perfetti sconosciuti, a parte il sopranone Bäumer. Una curiosità: il maestro del coro è Herbert Kegel.

Però proporci proprio uno Pfluger nel periodo di massimo picco dell'influenza... Ammetti che sei pagato dalle case farmaceutiche!:laughingsmiley:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 minuti fa, giobar dice:

Però proporci proprio uno Pfluger nel periodo di massimo picco dell'influenza... Ammetti che sei pagato dalle case farmaceutiche!:laughingsmiley:

Sai che non l’ho capita? Ho cercato Pflüger sul vocabolario e viene fuori “aratore”.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Wittelsbach dice:

Sai che non l’ho capita? Ho cercato Pflüger sul vocabolario e viene fuori “aratore”.

Pflügge o Pflüge è la storpiatura comunemente usata di Flügge (dal nome dello scienziato che le analizzò), denominazione delle goccioline di saliva contagiosa che vengono espluse nell'aria con starnuti, colpi di tosse e con la pronuncia di certe consonanti. Una preoccupazione di molti pediatri è quella di riuscire a educare i bambini, sin da piccoli, a starnutire senza sputacchiare in giro, evitando così un sacco di contagi di malattie respiratorie.
https://www.oqlf.gouv.qc.ca/ressources/bibliotheque/dictionnaires/terminologie_grippe_aviaire/gouttelettes_de_pfluge.html

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Buona Giornata a tutti gli amici e a tutte le amiche ForuMattinieri/e con la Sinfonia Concertante di W.A.Mozart:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 9 gennaio 2019 at 19:46, kraus dice:

Roba finissima! In genere la Follia ispirava benissimo fior di compositori (dai due CD di Savall si constata agevolmente che, ovunque si pescasse - con un tema così affascinate - si pescava bene...)

 

Se di follia si parla ti consiglio una bellissima registrazione inedita allegata ad un numero di Amadeus di qualche mese fa, mi pare si tratti di ottobre .

Si intitola "LA MORTE DELLA RAGIONE" , e vede come direttore e flautista Giovanni Antonini.

E' una raccolta di musiche tra il XV è il XVII secolo , eseguita con strumenti d'epoca.

La pavana che dà il titolo a questa raccolta musicale , risale al XVI secolo e il suo compositore e' anonimo, ed evoca proprio di un elogio alla follia, nondimeno tutte le altre composizioni del CD hanno in qualche modo a che fare con il "bizzarro" ed il mistero.

Se ti piace la musica antica lasciati trasportare, il viaggio sarà entusiasmante.

Ti confesso che questo ascolto mi regala lo stesso effetto di una profonda meditazione , la mente viaggia in un'altra epoca quasi fosse in uno stato ipnotico.

Purtroppo non trovo alcun video di riferimento preciso, ma se fai un giretto su YouTube troverai qualche esecuzione più o meno decente.

(oggi ho qualche problema a pubblicare video)

Buon ascolto e buon venerdì 🌹

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Orlando Gibbons, Tudor Church Music, The Choir of King's College, Cambridge, Sir David Willcocks

R-4526184-1430905074-1248.jpeg.jpg

Più tempo passa e più me li ascolto mi rendo conto che i due boxoni Decca dedicati ai cori cambridgensi sono stati tra i miei acquisti più appaganti degli ultimi anni. Tanta bella musica - vabbé, qualche ciofèca c'è pure qui - eseguita con una passione ed una idiomaticità rara a trovarsi. Scusate se è poco...:rolleyes:

Dedico a @Majaniello, @superburp, @Ives, @giordanoted e a chi gradisce...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gottschalk: Grande Tarantelle per pianoforte e orchestra

Eugene List, pianoforte etc.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Persephone dice:

Se ti piace la musica antica lasciati trasportare, il viaggio sarà entusiasmante.

Ti confesso che questo ascolto mi regala lo stesso effetto di una profonda meditazione , la mente viaggia in un'altra epoca quasi fosse in uno stato ipnotico.

Succede pure a me con la musica barocca/antica (sacra, in genere, ma talvolta anche profana). Grazie del consiglio :) 

Intanto stamattina avevo ascoltato, un po' a fatica

Risultati immagini per gesualdo madrigals les arts florissants

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Risultati immagini per astronio concerto in f minor f44

Il primo concerto (fa minore, e in particolare il suo movimento di apertura) è impressionante. Un'autentica ondata di passione, in cui questo Pantani della musica classica aggiorna ai tempi del Classicismo e dello Sturm und Drang il Concerto parterno in re minore (BWV 1052 per gli amici), con una virulenza se possibile anche maggiore. Se consideri che poi siamo nel 1767, è veramente oro colato. Più blandi i due concerti che seguono (fa maggiore e mi minore), ma uno risale in realtà a ben prima (1740-45) mentre l'altro, pur coevo del concerto in fa minore, guarda più a ritroso che in avanti, trascinandosi dietro movenze ancora barocche. 

L'eroe tragico tra i figli di Bach conferma anche qui la sua duplice valenza di genio assoluto ma al contempo incerto e non sempre determinato come lo si vorrebbe. A differenza di altri grandissimi della sua arte, la vecchiaia e la sregolatezza furono più nocive che propizie alla qualità della sua musica.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

.. ancora

Gottschalk: Escenas Campestres (Scene cubane campagnole)

Varii

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, superburp dice:

 

Ad Ives e giobar.

Per essere un primo ascolto assoluto, fatto per di più lavorando nel frattempo, è un pezzo notevole. Molto bello e delicato l'intermezzo per due flauti ed arpa.

P.S.: Ho dimenticato Snorlax nelle dediche, mi pare che anche lui apprezzi molto il pezzo in questione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, giobar dice:

Pflügge o Pflüge è la storpiatura comunemente usata di Flügge (dal nome dello scienziato che le analizzò), denominazione delle goccioline di saliva contagiosa che vengono espluse nell'aria con starnuti, colpi di tosse e con la pronuncia di certe consonanti. Una preoccupazione di molti pediatri è quella di riuscire a educare i bambini, sin da piccoli, a starnutire senza sputacchiare in giro, evitando così un sacco di contagi di malattie respiratorie.
https://www.oqlf.gouv.qc.ca/ressources/bibliotheque/dictionnaires/terminologie_grippe_aviaire/gouttelettes_de_pfluge.html

Mea culpa, non lo sapevo! 🤣

A margine: @kraus sai che sei sempre un grande?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque in questa settimana di lontananza mi dedicherò a

MI0001128995.jpg?partner=allrovi.com

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×