Vai al contenuto
Madiel

Cosa state ascoltando ? Anno 2019

Recommended Posts

E anche quest'anno si ricomincia... auguri a tutti, un felicissimo anno nuovo 2019 !!! :thumbsup_anim:

Io inizio con Charpentier, il Te Deum...

ops... :laughingsmiley: ... Questo è il video giusto

:D

E per pura coincidenza è anche il mio 19.600 post :mellow:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Buon 2019 a tutti gli amici e a tutte le amiche Nottambuli o ForuMattinieri con l'ouverture "Orfeo all'inferno" di Jacques Offenbach:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buon anno a tutti!
Primo ascolto del 2019 nel segno di un auspicio di pace

George Frideric HANDEL
Utrecht Jubilate

Emma Kirkby, Judith Nelson, Charles Brett
Rogers Covey-Crump, Paul Elliott, David Thomas
The Cohir of Christ Church Cathedral, Oxford
The Academy of Ancient Music
Simon Preston

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Joseph HAYDN
Missa Sancti Bernardi de Offida  Hob.XXIII:10
Heiligmesse

Jorg Hering, Harry van der Kamp
Qualche solista imberbe
Tolzer Knabenchor
Tafelmusik
Bruno Weil

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buon 2019, all'insegna della musica ovviamente!

Io comincio con questo:

Appalachian Spring è un pezzo molto noto nella suite orchestrale realizzata dallo stesso Copland, ma il balletto integrale (una decina di minuti in più di musica) nell'originale arrangiamento per orchestra da camera è un vero gioiello raro. Questo vecchio LP ci offre il lusso di ascoltarlo diretto dall'autore.

R-1998331-1258004881.jpeg.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buon 2019 a tutti i forumisti!

Primo ascolto dell'anno nuovo, Cantata per il 1º Gennaio:

Mai ascoltate in modo sistematico e con cognizione di causa tutte le cantate di J.S., solo e sempre a spizzichi e mozzichi. Di conseguenza mi sto organizzando con ausili vari (letture, siti internet, discografia) per affrontare in modo ragionato la faccenda, ripromettendomi di concentrarmi su una singola cantata ogni settimana.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buon Anno a tutti voi amici del forum.

Auguro a tutti, ma proprio a tutti TUTTI , che sia l'anno decisivo, l'anno della gioia, l'anno della prosperità e della serenità, l'anno che da sempre vi aspettate.

Vi dedico "Quadri di un'esposizione" di Musorgskij, sperando che i mesi dell'anno ,si susseguano come dipinti gradevoli , mentre fate una bella "promenade" con chi vi ama.

Omaggi !

Persephone 🌹

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buon 2019 a tutti! 

Io inizio con Shostakovich, Sinfonia n.5 diretta da Kondrashin 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ottorino RESPIGHI
Pini di Roma
Fontane di Roma
Feste romane

Philadelphia Orchestra
Riccardo Muti

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, giobar dice:

Ottorino RESPIGHI
Pini di Roma
Fontane di Roma
Feste romane

Philadelphia Orchestra
Riccardo Muti

 

Bravo giobar, vedo che questo 2019 è cominciato all'insegna del cambiamento :lol:

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, Majaniello dice:

Bravo giobar, vedo che questo 2019 è cominciato all'insegna del cambiamento :lol:

 

Per me è un cambiamento perché, pur avendo acquistato il disco anni fa, non lo avevo ancora ascoltato. E comunque mi sembra che Muti qui funzioni benissimo e l'orchestra di Philadelphia è pazzesca: l'ascolto vale la pena anche soltanto per capire che cosa è un'orchestra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
29 minuti fa, giobar dice:

Per me è un cambiamento perché, pur avendo acquistato il disco anni fa, non lo avevo ancora ascoltato. E comunque mi sembra che Muti qui funzioni benissimo e l'orchestra di Philadelphia è pazzesca: l'ascolto vale la pena anche soltanto per capire che cosa è un'orchestra.

Alludevo a questo cambiamento:

AbbadoEra8.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

51fz1LCvNSL._SR600,315_PIWhiteStrip,Bott

Albert Lortzing, Regina
Prima riproposta dell'epoca moderna nella sua versione originale.
Una grande scoperta! E' ambientata all'epoca della rivoluzione industriale tedesca.
Consigliata a @giobar e @superburp. Nella futura recensione sarò più circostanziato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per la dedica.

Ricambio con l'Eroica diretta da Mengelberg con la NYPO, estendendo ovviamente a Snorlax.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Buona Giornata a tutti gli amici e a tutte le amiche ForuMattinieri/e con il Concerto in Mi maggiore per pianoforte e orchestra di Johann Christian Bach:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 1/1/2019 at 00:00, Madiel dice:

E anche quest'anno si ricomincia... auguri a tutti, un felicissimo anno nuovo 2019 !!! :thumbsup_anim:

Io inizio con Charpentier, il Te Deum...

ops... :laughingsmiley: ... Questo è il video giusto

:D

E per pura coincidenza è anche il mio 19.600 post :mellow:

Dal grande al piccolo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Risultati immagini per mattheson 12 suites

Johann Mattheson, compositore tuttofare, è quasi un uomo del Rinascimento capitato per errore in un altro secolo, a giudicare dalla sua poliedricità e dalla varietà delle sue numerosissime occupazioni. Ciò nonostante, non è molto considerato in un panorama musicale già intasato da personaggini ingombranti come J.S. Bach, Handel, Telemann (di cui il nostro carneade fu pressoché coevo), Vivaldi e altri autori notabili.

Ad ogni modo la Brilliant s'è assunta il compito di scavare e scovare come se non ci fosse non dico un domani, ma neppure un oggi, pescando nell'oblio delle comparse e nella penombra dei comprimari per puntar loro addosso riflettori doverosi ma non sempre meritati.

Come già è avvenuto per il fantomatico regista Garpelli, i cui film non vengono e non venivano trasmessi da trent'anni, "ci sarà un suo motivo" se finora nessuno s'è filato questo Mattheson, pure in un'epoca di entusiastiche rivalutazioni e capolavori (più o meno tali) riscoperti e da riscoprire, e se i patiti del Barocco e del primo Classicismo lo conoscono solo per sentito menzionare in relazione all'amico Händel.

Invero questo carneade si destreggia assai bene in un genere che è mirabilmente appannaggio, oltre che dei citati Bach e Handel, anche dei prolificissimi colleghi francesi che la Brilliant non ha mancato di omaggiare, ma non supera sovente né di un gran tratto i livelli accademici cui forse dovette tenerlo avvinghiato l'impegno teorico generosamente profuso nella sua lunga vita.

Piace, tuttavia, il funambolico e melodioso saltellare da un registro all'altro in alcune delle prime suite (dico di quelle dalla prima alla sesta; del secondo CD, su cui sono incise le altre, parlerò forse in un altro momento); l'inventiva coinvolge l'ascoltatore, pur non lasciando il segno, e la prevalenza del modo minore, che è presente in sette suite su dodici, oltre ad aprire e chiudere l'intera serie, induce a credere che Mattheson si sarebbe trovato a suo agio fra i compositori Sturm und Drang, una cerchia in cui avrebbe probabilmente conosciuto quel quarto d'ora di celebrità che non è stato negato a tanti minori di buon livello del '700 quali Filtz, Rosetti, Dittersdorf, Kraus e Vanhal (tre quarti d'ora, nel caso degli ultimi due). 

Non è però che il minore di Mattheson ci sbatta davanti agli occhi drammi color fuoco e rabbie represse, come usava per i signori anzidetti; la struttura della suite, con le sue danze e la sua fissità tonale, costringe spesso i compositori non eccelsi a seguire strade e binari obbligati, e il bravo Johann si limita spesso al compitino puntuale e rassicurante, senza spingersi troppo avanti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 1/1/2019 at 12:02, hurdy-gurdy dice:

Buon 2019 a tutti i forumisti!

Primo ascolto dell'anno nuovo, Cantata per il 1º Gennaio:

Mai ascoltate in modo sistematico e con cognizione di causa tutte le cantate di J.S., solo e sempre a spizzichi e mozzichi. Di conseguenza mi sto organizzando con ausili vari (letture, siti internet, discografia) per affrontare in modo ragionato la faccenda, ripromettendomi di concentrarmi su una singola cantata ogni settimana.

Ottimo proposito per il nuovo anno!! 

A me hanno segnalato un testo su J.S Bach : " La musica nel castello del cielo" di John Eliot Gardiner , Einaudi editore.

Magari è interessante 😊🤓

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, superburp dice:

Grazie per la dedica.

Ricambio con l'Eroica diretta da Mengelberg con la NYPO, estendendo ovviamente a Snorlax.

Gran bella esecuzione, agogicamente tranquilla alla fin fine, niente stranezze come quel ritardando stranissimo che fa alla fine della nona.

Wagner, I maestri cantori di Norimberga (Kna in studio).

A giordano, Snorlax, miasko, Pink e Wittel.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×