Vai al contenuto
cacciapagliateresa

Esame di ottavo, vecchio ordinamento.

Recommended Posts

Ragazzi volevo avere conferma che i brani che sto studiando rientrano nel programma di ottavo v. Ordinamento, perché ho controllato alcuni programmi e alcuni brani che studio non ci sono. 

Datemi conferma per i seguenti brani:

8 preludi e fughe Bach, il clavicembalo. 

Ballata n. 3 Chopin e studio revolutionary dello stesso. 

Liszt la danza degli gnomi. 

Rachmaninov preludio in sol minore.

Sonata di Beethoven e fantasia di Mozart. 

Studi di czerny n. 5-16-21 e ne devo aggiungere altri. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo che i programmi varino da conservatorio a conservatorio, ma i brani che stai studiando mi sembrano tutti rientrare nelle categorie previste dall'esame di ottavo. Ma ancora esiste il vecchio ordinamento? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 5/7/2018 at 19:12, .Andrea dice:

Credo che i programmi varino da conservatorio a conservatorio, ma i brani che stai studiando mi sembrano tutti rientrare nelle categorie previste dall'esame di ottavo. Ma ancora esiste il vecchio ordinamento? 

Sì, esiste, ad esaurimento, per quelli che hanno cominciato con quell'ordinamento e che hanno diritto di proseguire senza impantanarsi in quella schifezza del preaccademico. Mi sorprende moltissimo, piuttosto, la domanda di @cacciapagliateresa : arrivata all'esame di ottavo non hai un prof di riferimento o qualche compagno di studi per colmare quel dubbio ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, giobar dice:

Sì, esiste, ad esaurimento, per quelli che hanno cominciato con quell'ordinamento e che hanno diritto di proseguire senza impantanarsi in quella schifezza del preaccademico. Mi sorprende moltissimo, piuttosto, la domanda di @cacciapagliateresa : arrivata all'esame di ottavo non hai un prof di riferimento o qualche compagno di studi per colmare quel dubbio ?

Sì lo so, mi stupiva solo il fatto che ancora ce ne fossero. Mi ricordo che la mia professoressa, docente a Firenze, li aveva esauriti l'anno scorso e pensavo che ormai non ne fossero rimasti più anche negli altri conservatori. Inoltre anche io avevo avuto il tuo stesso dubbio che mi aveva fatto dedurre che non fosse già all'interno di un corso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
15 ore fa, .Andrea dice:

Sì lo so, mi stupiva solo il fatto che ancora ce ne fossero. Mi ricordo che la mia professoressa, docente a Firenze, li aveva esauriti l'anno scorso e pensavo che ormai non ne fossero rimasti più anche negli altri conservatori. Inoltre anche io avevo avuto il tuo stesso dubbio che mi aveva fatto dedurre che non fosse già all'interno di un corso.

Io ho due figli che stanno proseguendo, con le unghie e coi denti, il vecchio ordinamento, malgrado le lusinghe interessate di molte sirene che prospettano il passaggio al preaccademico come una buona via d'uscita rispetto alla fatica di chi deve bilanciare l'impegno nello studio della musica e quello nello studio ordinario. Il secondo è riuscito a iscriversi al vecchio ordinamento nell'ultimo anno utile e il suo prof di violino gli conferma (sottovoce e andando contro gli interessi di bottega del conservatorio) che fa bene a stringere i denti e a continuare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, giobar dice:

Io ho due figli che stanno proseguendo, con le unghie e coi denti, il vecchio ordinamento, malgrado le lusinghe interessate di molte sirene che prospettano il passaggio al preaccademico come una buona via d'uscita rispetto alla fatica di chi deve bilanciare l'impegno nello studio della musica e quello nello studio ordinario. Il secondo è riuscito a iscriversi al vecchio ordinamento nell'ultimo anno utile e il suo prof di violino gli conferma (sottovoce e andando contro gli interessi di bottega del conservatorio) che fa bene a stringere i denti e a continuare.

Senza dubbio la scelta migliore. Da quello che ho visto questi corsi preaccademici sono una completa perdita di tempo, ma vedo anche che molti si sono iscritti, ignari di cosa li aspetta, forse per inesperienza degli insegnanti che ce li hanno mandati. Io stesso sto aspettando di finire il liceo (l'anno prossimo è l'ultimo) per entrare al triennio di pianoforte senza prima passare per i preaccademici.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
25 minuti fa, .Andrea dice:

Senza dubbio la scelta migliore. Da quello che ho visto questi corsi preaccademici sono una completa perdita di tempo, ma vedo anche che molti si sono iscritti, ignari di cosa li aspetta, forse per inesperienza degli insegnanti che ce li hanno mandati. Io stesso sto aspettando di finire il liceo (l'anno prossimo è l'ultimo) per entrare al triennio di pianoforte senza prima passare per i preaccademici.

Una completa perdita di tempo direi che è un'esagerazione. Comunque è una preparazione di base abbastanza completa, che nessun insegnante privato ti può dare se non sbilanciando tutto a favore dello strumento. Gli insegnanti poi sono gli stessi. Cambia l'approccio di fondo perché, anche a dispetto dell'impegno degli insegnanti seri, il preaccademico è pervaso dal tarlo del "non sforziamoci troppo" e tutto è più all'acqua di rose. Se sei al quart'anno delle superiori, allora, hai la stessa età del mio secondo figlio, che a ottobre farà l'esame di sest'anno di violino (v.o.).:thumbsup_anim:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, giobar dice:

Una completa perdita di tempo direi che è un'esagerazione. Comunque è una preparazione di base abbastanza completa, che nessun insegnante privato ti può dare se non sbilanciando tutto a favore dello strumento. Gli insegnanti poi sono gli stessi. Cambia l'approccio di fondo perché, anche a dispetto dell'impegno degli insegnanti seri, il preaccademico è pervaso dal tarlo del "non sforziamoci troppo" e tutto è più all'acqua di rose.

Sì è vero forse è un'esagerazione, ma appunto per quello che dici secondo me la scelta migliore, per quelli che si devono iscrivere e non possono più entrare nel v.o., è una buona preparazione privata, anche se capisco che non tutti abbiano la fortuna di incontrare un insegnante preparato e con esperienza. Almeno per quanto riguarda il mio percorso, credo che la frequentazione dei corsi preaccademici mi avrebbe rallentato e neanche di poco.

 

10 minuti fa, giobar dice:

Se sei al quart'anno delle superiori, allora, hai la stessa età del mio secondo figlio, che a ottobre farà l'esame di sest'anno di violino (v.o.).:thumbsup_anim:

Sì, sono al quarto anno di liceo e ho intenzione di entrare a quello che prima era l'ottavo anno di pianoforte (e ora il primo del corso triennale) dopo la maturità. 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
51 minuti fa, .Andrea dice:

Sì è vero forse è un'esagerazione, ma appunto per quello che dici secondo me la scelta migliore, per quelli che si devono iscrivere e non possono più entrare nel v.o., è una buona preparazione privata, anche se capisco che non tutti abbiano la fortuna di incontrare un insegnante preparato e con esperienza. Almeno per quanto riguarda il mio percorso, credo che la frequentazione dei corsi preaccademici mi avrebbe rallentato e neanche di poco.

Purtroppo il pianoforte è un po' un caso a sé, ma credo che la preparazione privata abbia il difetto di non mettere a contatto lo studente con un contesto formativo globale (che in teoria è, se non identico, quanto meno molto simile nel v.o. e nel p.a.), che prevede non soltanto lo strumento ma anche lo studio del solfeggio, dell'armonia, della storia della musica e la pratica della musica corale, delle esercitazioni orchestrali e della musica da camera. I miei figli hanno trovato un fortissimo stimolo a proseguire anche nell'incontro con eccellenti insegnanti di solfeggio e con la pratica, anche piuttosto intensa, del coro e dell'orchestra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, giobar dice:

Purtroppo il pianoforte è un po' un caso a sé, ma credo che la preparazione privata abbia il difetto di non mettere a contatto lo studente con un contesto formativo globale (che in teoria è, se non identico, quanto meno molto simile nel v.o. e nel p.a.), che prevede non soltanto lo strumento ma anche lo studio del solfeggio, dell'armonia, della storia della musica e la pratica della musica corale, delle esercitazioni orchestrali e della musica da camera. I miei figli hanno trovato un fortissimo stimolo a proseguire anche nell'incontro con eccellenti insegnanti di solfeggio e con la pratica, anche piuttosto intensa, del coro e dell'orchestra.

Verissimo, infatti questa è una delle mie preoccupazioni. Inoltre credo che l'ambiente in sé sia stimolante anche perché si incontrano persone accomunate dalla stessa passione, cosa che, come ben saprai, è molto raro tra persone dell'età mia e di tuo figlio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 minuti fa, .Andrea dice:

Verissimo, infatti questa è una delle mie preoccupazioni. Inoltre credo che l'ambiente in sé sia stimolante anche perché si incontrano persone accomunate dalla stessa passione, cosa che, come ben saprai, è molto raro tra persone dell'età mia e di tuo figlio.

Basti pensare che spesso, in conservatorio, le esercitazioni orchestrali o corali sono pensate anche per permettere agli studenti di strumenti "solitari", come piano e organo, di fare musica d'insieme: per esempio  spesso vengono scelti pezzi orchestrali che prevedono nell'organico anche il pianoforte o l'organo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, giobar dice:

Basti pensare che spesso, in conservatorio, le esercitazioni orchestrali o corali sono pensate anche per permettere agli studenti di strumenti "solitari", come piano e organo, di fare musica d'insieme: per esempio  spesso vengono scelti pezzi orchestrali che prevedono nell'organico anche il pianoforte o l'organo.

Ah ecco, questo non lo sapevo né me lo aspettavo, anche perché nel repertorio sinfonico tradizionale, tralasciando quindi i concerti per solista e orchestra, non mi sembra che il pianoforte sia così presente, anche se mi vengono in mente alcuni esempi (Quinta e Settima di Shostakovich). In ogni caso è fuor di dubbio che, dal punto di vista della formazione a tutto tondo, l'esperienza in conservatorio sia superiore alla preparazione privata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 11/7/2018 at 19:45, giobar dice:

Sì, esiste, ad esaurimento, per quelli che hanno cominciato con quell'ordinamento e che hanno diritto di proseguire senza impantanarsi in quella schifezza del preaccademico. Mi sorprende moltissimo, piuttosto, la domanda di @cacciapagliateresa : arrivata all'esame di ottavo non hai un prof di riferimento o qualche compagno di studi per colmare quel dubbio ?

Ho I riferimenti, mi era venuto un dubbio esistenziale e siccome nessuno mi dava una risposta e su vari programmi online non trovavo riscontro dei brani studiati ho semplicemente posto la domanda😅

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×