Vai al contenuto
John Foxx

Intonazione e prima posizione

Recommended Posts

Ciao a tutti,

da Ottobre dell'anno scorso mi sono buttato a 40 anni suonati nello studio del violoncello in una scuola civica della mia città. Ora tirando le somme dopo 5 mesi posso dire di non essere soddisfatto di quanto raggiunto. Premetto che avendo una famiglia e che il violoncello è quindi solo un hobby, non mi posso garantire/permettere più di 45 minuti di studio al giorno, ma a volte di giorni ne passano anche 2 o 3 senza toccare lo strumento, soprattutto nell'ultimo periodo. Senza contare che per venire incontro ai miei turni lavorativi la mia insegnante ha accettato di farmi lezione una settimana si  e una no, quindi tale lezione dura 2 ore  per recuperare la settimana mancata, con orari "improbabili" tipo le 7:30 di Sabato mattina...dico solo santa donna la mia insegnante. La colpa di quanto ammesso all'inizio non è sicuramente dell'insegnante, ma dai suoi sguardi capisco che non sto facendo molto bene ma fino a che punto non lo so, un giorno glielo chiederò. Ora il problema è l'intonazione, elemento principe di chi si appresta a suonare il violoncello, ma vi chiedo...l'intonazione si impara o si è predisposti? Perché se con il mio ritmo di studio prima o poi riuscirò anche io a raggiungere un discreto livello, tipo fra 2 anni, mi posso mettere l'' anima in pace  cercando di dare il meglio, ma se oltre all'impegno serve anche una predisposizione che io non ho sicuramente allora tanto vale gettare la spugna. Non so quanti insegnanti in una scuola civica riuscirebbero a dire a qualche loro studente adulto "non sei portato", quindi non so se la mia su mia insistenza mi darà un giorno la mazzata, ma il mio post vuole essere un auto consolazione, vorrei sentirmi dire...l'intonazione si impara con l'esperienza...vi prego ditemi che è effettivamente così!!!! Finora sono arrivato all'' esercizio prima della Barcarola del metodo Dotzauer, al 3° studio (solo metà, l'ho appena cominciato) dei 113 sempre del Dot e per rinfrancarmi a casa strimpello sui pezzi del 1° volume del Suzuki. Ma in ogni caso sbaglio l'intonazione non appena comincio a seguire le reali velocità dei tempi nei pezzi da studiare; a tutto ciò aggiungiamoci anche il problema del secondo dito che si sposta sempre facendomi suonare il tono successivo e del 4 dito che ancora non ha memorizzato la giusta apertura (lui o io). Diciamo che proprio perchè ho queste difficoltà non sono arrivato molto lontano su queste letture  classiche da studio...sono io che chiedo troppo da me stesso?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao! Sei poi riuscito a superare le tue difficoltà e migliorare? Io vado a scuola di musica da ottobre e ho 21 anni. Anche io ho gli stessi tuoi problemi e sto pensando di abbandonare perché credo che sia troppo tardi e che non sono portata per niente ahimè!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

C'è chi ha più orecchio e chi meno, (perché c'è sì una memoria meccanica delle dita, ma soprattutto all'inizio è l'orecchio che comanda, e ti dice se sei nella posizione giusta) ma in ogni caso si può allenare. Anche il mio orecchio è uno dei miei punti deboli, così il mio insegnante mi sta facendo fare degli esercizi mirati per migliorare questo aspetto. E vi dirò, noto dei miglioramenti! Ci sono dietro da mesi e non sono ancora arrivato dove vorrei arrivare (anche perché anch'io lavoro e la musica è un hobby che si coltiva quando si può), ma i miglioramenti ci sono stati e conto di progredire ancora. Quindi, non demordete! Affidatevi a un buon maestro e armatevi di pazienza. Ci sono stati dei momenti in cui anche a me veniva la depressione perché mi sembrava di suonare davvero malissimo, mentre il mio insegnante sosteneva che in realtà fossi migliorato. Questo perché il nostro orecchio si affina e ci fa percepire dei difetti a cui prima non facevamo caso. È un processo in continuo divenire, ma dalla mia esperienza posso solo dire di fidarvi del maestro: se è competente, con calma e impegno costante (un po' di sacrificio ci vuole), vi porterà a progredire gradualmente, senza che neanche ve ne accorgiate. Ma se ne accorgeranno gli altri! L'ho già scritto anche ieri, ma è perché ci credo veramente: abbiate fiducia e non demordete.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per Jasmeen NON SMETTERE!!! :clapping:

Mi sono accorto che non potevo lasciare un post con toni così drammatici senza ulteriori aggiornamenti. Ebbene ormai mancano 2 mesi alla fine del mio secondo anno di  violoncello e devo dire che di progressi ne ho fatti. Di certo non sono stato MOLTO costante nello studio a casa, sicuramente avrei ottenuto di più se mi fossi ritagliato ogni giorno un' ora, ma con i bambini in casa è un po' difficile. Non mi posso comunque lamentare. I problemi che avevo elencato sopra li ho superati, certo la stonatura è sempre dietro l'angolo, ma almeno me ne accorgo da solo e posso ripetere i passaggi senza tralasciare nulla (o quasi) al caso. Sono arrivato agli ultimi esercizi del 1° Vol del Dotzauer e ho iniziato i primi del 2° Vol facendo la conoscenza della Quarta posizione; ok la conoscevo già perchè avevo fatto lo studio 7 e 8 dei 113 Studi del Dot, ma adesso le cose si fanno più complicate, ho la nuova diteggiatura da padroneggiare e mi sta portando via un po' di tempo. Ma cosa più importante la mia insegnante mi ha dato l'onore di poter iniziare la Sonata in Do M di Breval, era il mio obiettivo per il secondo anno (il primo anno era arrivare sano e salvo alla Barcarola) ma penso che la sonata mi accompagnerà anche per le prime lezione del prossimo anno scolastico, mi perdo ancora le dita nei passaggi veloci più altre difficoltà varie. Ad oggi sono in grado di rispondere da solo alle domande che mi ero posto TANTO tempo fa...sì l'intonazione la si può padroneggiare, ma serve taaaaanto esercizio, non si può pretendere di ottenere molto spendendo poco tempo. Per la predisposizione non posso dare una risposta precisa, ripeto non ho studiato così tanto da arrivare a fine corsa, i risultati li ho ottenuti ma in rapporto al tempo messo a disposizione allo studio, non potevo dare e fare di più, sperando che l'anno prossimo possa dedicare più tempo a quello che ormai non è più un semplice hobby.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie tante per la riposta!!! Ho ascoltato la sonata che ti ha assegnato la tua insegnante! E' molto bella!!! Sto continuando a studiare anche io!!! Buona fortuna e buon studio ad entrambi :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy