Vai al contenuto

Libri e letture sulla musica e sui musicisti


Recommended Posts

  • Risposte 153
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

23 minuti fa, Madiel dice:

Ma ne vale la pena ? Criticate spesso Giudici qui, temo qualche pacco... :doh:

Bella domanda...a me piace in genere però mi riferisco al primo Giudici, quello del famoso tomo su "L'Opera in CD e Video".

E' Wittel che è più critico sull'ultimo Giudici. Ci può stare.

20 minuti fa, Wittelsbach dice:

Io lo prendo di sicuro. Che poi sia criticabile è giusto, ognuno ha le sue opinioni. Io l'ho fatto spesso, e mi sono divertito a segnalare le ripetute inversioni a U fatte dal critico, che tra l'altro negli ultimi anni è diventato sempre più ricco di tic e idiosincrasie. In certi casi fa affermazioni di un equilibrio notevole, salvo contraddirsi. Fa una figura un po' schizofrenica. Io e lui siamo distanti sulla concezione di base.

Nel giudizio sui cantanti, però, non siete distanti, dai. Anche sui direttori.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 2 weeks later...

"Adorata Amica"
Presentazione del libro di Mario Merigo
6 dicembre 2019 - ore 20:45 
presso la Biblioteca "Centro Culturale A. Mantegna" di Piazzola sul Brenta (PD)

Programma 

Dialogo con l'autore, il Maestro Mario Merigo, che da circa trent'anni collabora con il Teatro La Fenice.

All'interno della rassegna piazzolese di libri e autori 2019-2020 presenta il suo romanzo "Adorata Amica", un libro ispirato a una storia vera: il rapporto tra Luciana Frassati e il direttore d'orchestra e compositore tedesco Wilhelm Furtwängler.

Lo stesso titolo "Adorata amica" fa riferimento ad una delle allocuzioni con cui Furtwängler si rivolgeva alla scrittrice italiana, figlia di Alfredo Frassati, cofondatore de "La Stampa", sorella del Beato Pier Giorgio e moglie del diplomatico polacco Jan Gawronski. Con lei Furtwängler ha intrattenuto un rapporto epistolare. La pubblicazione di quelle lettere è stata autorizzata dalla stessa Frassati una ventina d'anni fa.
La serata prevede l'introduzione e le letture a cura di Mario Nardo.

Trama del romanzo

Un celebre direttore d’orchestra tedesco s’innamora di Luciana, moglie italiana dell’ambasciatore polacco a Vienna. Alla vigilia dell’annessione dell’Austria alla Germania (1938), la storia di una relazione impossibile per un riscatto esistenziale. Può la musica compiere il miracolo? Sullo sfondo la vicenda drammatica di un’attrazione fatale, quella tra Giulia e Philipp. Quale rapporto li lega? Adorata amica è un intreccio di vicende e incontri, gelosie e rivalità (emblematica la presenza di Arturo Toscanini), nell’Europa a ridosso degli sconvolgimenti del secondo conflitto mondiale.

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Ives dice:

 

 

 

 

9788859247432.jpg?itok=-IYQZEpx

Ce l'ho da tempo ed è molto interessante, sia per semplice consultazione episodica che per seguire il flusso della storia dell'opera lirica russa attraverso le singole composizioni. Ha il pregio, fra l'altro, di non omettere la presentazione delle opere meno note dei compositori più prolifici (Rimsky-Korsakov, Ciaikovsky, Prokofiev). Forse un limite è di circoscrivere il panorama agli autori più noti e importanti, saltando a piè pari soprattutto i minori sovietici che comunque hanno avuto una certa circolazione (penso ad esempio a Kabalevsky) e sui quali anche in rete non si trova moltissimo di specifico sulla produzione operistica. Altro limite è che è un libro ormai di quasi 30 anni fa (1990) ed è fermo a Stravinsky e Shostakovich: nulla perciò su Schnittke, Raskatov, Schedrin e altri contemporanei. Ma pur con questi limiti, è un libro molto valido e anche assai godibile sul piano dell'esposizione.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 5 weeks later...
  • 2 weeks later...

Giovanni Biamonti 

Catalogo cronologico e tematico delle opere di Beethoven, comprese quelle inedite e gli abbozzi non utilizzati

Risultato immagini per biamonti tematico"

Risultato immagini per biamonti tematico"

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 3/1/2019 at 16:45, superburp dice:

Benvenuto!

Io ti consiglio Come ascoltare la musica di Copland, è un ottimo libro per chi inizia come te ad ascoltare la classica.

Libri su specifici compositori non te li so dire, non vorrei che siano per tecnici e quindi di scarso interesse.

Ho appena finito di leggere il bel libro di Copland, mi sembra con qualche profitto, sicuramente con diletto. Cosa consigliereste per proseguire il cammino, magari sempre rimanendo sul punto di vista del compositore? Grazie in anticipo.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 1 month later...

Quasi un classico che non poteva mancare nella mia libreria:

61TunFVp3XL._SX331_BO1,204,203,200_.jpg

...acquisto che dedico al carissimo amico @Majaniello! Questa è ambrosia per le nostre discussioni...:friends:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Snorlax dice:

Quasi un classico che non poteva mancare nella mia libreria:

61TunFVp3XL._SX331_BO1,204,203,200_.jpg

...acquisto che dedico al carissimo amico @Majaniello! Questa è ambrosia per le nostre discussioni...:friends:

Grazie Snorl! aspetto una recensione allora! :wink3:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Ives dice:

Uh grazie Ives, mo' me la leggo pure io! Tu c'hai avuto a che fare col volume di Taruskin?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
44 minuti fa, Snorlax dice:

Uh grazie Ives, mo' me la leggo pure io! Tu c'hai avuto a che fare col volume di Taruskin?

Indirettamente. L'ho trovato citato a volte in alcuni testi di musica antica e prassi filologica. La sua idea di base è che la filologia stia creando un suono moderno, non storico. Non è contrario al movimento hip, anzi, ma ha una sua visione molto personale della "verità musicale" alla quale questi interpreti vorrebbero rifarsi. John Butt, musicologo e cembalista inglese, è uno dei suoi critici.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi è appena arrivato questo

816nuQ7mtPL.jpg

Bel volumone del 1995, scritto da alcuni maggiori esperti di Hindemith (fra gli altri il direttore editoriale della pubblicazione dell'opera omnia), curatissimo anche sul piano grafico e ricco di interessantissime fotografie e locandine d'epoca. C'è anche un bel capitolo sulla diffusione della musica di Hindemith in Italia.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, giobar dice:

Mi è appena arrivato questo

816nuQ7mtPL.jpg

Bel volumone del 1995, scritto da alcuni maggiori esperti di Hindemith (fra gli altri il direttore editoriale della pubblicazione dell'opera omnia), curatissimo anche sul piano grafico e ricco di interessantissime fotografie e locandine d'epoca. C'è anche un bel capitolo sulla diffusione della musica di Hindemith in Italia.

Bello, ma per "opere" che intende? Analisi? Commenti? 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, Majaniello dice:

Bello, ma per "opere" che intende? Analisi? Commenti? 

E' principalmente una biografia, ma, lungo strada, ci sono anche un po' di commenti alle opere più significative. Un aspetto interessante è la presenza anche di scritti dello stesso Hindemith di illustrazione di alcune opere e dei suoi scritti teorici, nonché di pezzi di critici suoi contemporanei. C'è anche il famoso articolo del novembre 1934 di Furtwangler in difesa del compositore e l'acida risposta di un'organizzazione nazista.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, Ives dice:

Indirettamente. L'ho trovato citato a volte in alcuni testi di musica antica e prassi filologica. La sua idea di base è che la filologia stia creando un suono moderno, non storico. Non è contrario al movimento hip, anzi, ma ha una sua visione molto personale della "verità musicale" alla quale questi interpreti vorrebbero rifarsi. John Butt, musicologo e cembalista inglese, è uno dei suoi critici.

Difatti è proprio questo il punto che mi interessa. In tal senso, parrebbe quasi che nel fondo del movimento HIP alberghi una vera e propria contraddizione. Staremo a vedere, mi aspettano 400 pagine piuttosto impegnative, spero anche gratificanti. :rolleyes:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, giobar dice:

Mi è appena arrivato questo

816nuQ7mtPL.jpg

Bel volumone del 1995, scritto da alcuni maggiori esperti di Hindemith (fra gli altri il direttore editoriale della pubblicazione dell'opera omnia), curatissimo anche sul piano grafico e ricco di interessantissime fotografie e locandine d'epoca. C'è anche un bel capitolo sulla diffusione della musica di Hindemith in Italia.

Complimenti, gran bel acquisto! Ce l'ho pure io :rolleyes:

Schubert era l'autore dei libretti dettagliatissimi di diversi cd dell'opera omnia pubblicata da Wergo (cioè da Schott, l'editore di Hindemith !).

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
37 minuti fa, Madiel dice:

Complimenti, gran bel acquisto! Ce l'ho pure io :rolleyes:

Schubert era l'autore dei libretti dettagliatissimi di diversi cd dell'opera omnia pubblicata da Wergo (cioè da Schott, l'editore di Hindemith !).

Ti dirò che ero indeciso tra questo e quello di Moiraghi per L'Epos, di oltre 500 pagine, poi, oltre al prezzo più conveniente, ho pensato che per iniziare con un testo monografico non era il caso di esagerare. Però segnalo che su amazon.it si trovano in vendita a prezzi molto convenienti i testi musicologici della casa editrice L'Epos, a cura di una libreria di Siracusa che, a quanto pare, ha rilevato un po' del magazzino della casa editrice palermitana dopo il rovinoso fallimento, impedendo così che andasse al macero.Rispetto ai prezzi da gioielleria che avevano all'origine, si risparmia parecchio e c'è parecchia roba molto interessante.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, giobar dice:

Ti dirò che ero indeciso tra questo e quello di Moiraghi per L'Epos, di oltre 500 pagine, poi, oltre al prezzo più conveniente, ho pensato che per iniziare con un testo monografico non era il caso di esagerare. Però segnalo che su amazon.it si trovano in vendita a prezzi molto convenienti i testi musicologici della casa editrice L'Epos, a cura di una libreria di Siracusa che, a quanto pare, ha rilevato un po' del magazzino della casa editrice palermitana dopo il rovinoso fallimento, impedendo così che andasse al macero.Rispetto ai prezzi da gioielleria che avevano all'origine, si risparmia parecchio e c'è roba molto interessante.

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, Madiel dice:

Complimenti, gran bel acquisto! Ce l'ho pure io :rolleyes:

Schubert era l'autore dei libretti dettagliatissimi di diversi cd dell'opera omnia pubblicata da Wergo (cioè da Schott, l'editore di Hindemith !).

 

7 ore fa, giobar dice:

Ti dirò che ero indeciso tra questo e quello di Moiraghi per L'Epos, di oltre 500 pagine, poi, oltre al prezzo più conveniente, ho pensato che per iniziare con un testo monografico non era il caso di esagerare. Però segnalo che su amazon.it si trovano in vendita a prezzi molto convenienti i testi musicologici della casa editrice L'Epos, a cura di una libreria di Siracusa che, a quanto pare, ha rilevato un po' del magazzino della casa editrice palermitana dopo il rovinoso fallimento, impedendo così che andasse al macero.Rispetto ai prezzi da gioielleria che avevano all'origine, si risparmia parecchio e c'è parecchia roba molto interessante.

Preso anche io ad un buon prezzo.. Grazie! Che mi dite delle biografie L'Epos? Ce ne sono parecchie, immagino la qualità dipenda dalla competenza dell'autore... 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
23 ore fa, Snorlax dice:

Quasi un classico che non poteva mancare nella mia libreria:

61TunFVp3XL._SX331_BO1,204,203,200_.jpg

...acquisto che dedico al carissimo amico @Majaniello! Questa è ambrosia per le nostre discussioni...:friends:

 

18 ore fa, Ives dice:

Indirettamente. L'ho trovato citato a volte in alcuni testi di musica antica e prassi filologica. La sua idea di base è che la filologia stia creando un suono moderno, non storico. Non è contrario al movimento hip, anzi, ma ha una sua visione molto personale della "verità musicale" alla quale questi interpreti vorrebbero rifarsi. John Butt, musicologo e cembalista inglese, è uno dei suoi critici.

Noto ora che il libro è uscito 25 anni fa (!!). Praticamente agli albori della filologia. Quello "stia creando" sarà quindi un punto di vista da contestualizzare in quell'epoca. Snorly facci sapere quando lo finisci!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, Majaniello dice:

 

Che mi dite delle biografie L'Epos? Ce ne sono parecchie, immagino la qualità dipenda dalla competenza dell'autore... 

Mediamente buone o molto buone. Si tratta a volte di rielaborazioni di tesi di dottorato o simili, quindi necessariamente piuttosto curate; in altri casi gli autori sono specificamente competenti. Sarebbe il caso che qualche editore serio rilevasse il catalogo di scritti biografico-musicologici della defunta casa editrice palermitana, perché è assurdo che un patrimonio simile sia destinato prima o poi al macero.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.


×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy