Vai al contenuto

Libri e letture sulla musica e sui musicisti


Recommended Posts

  • Risposte 153
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Il punto di vista, lo status e persino i diritti di chi ascolta musica, dell'ascoltatore, è il tema di questo bel libro. Al momento c'è solo nell'originale francese e in traduzione inglese (e tedesca):
livre_moyen_2707317314.jpg

Scheda libro (francese) : http://www.leseditionsdeminuit.fr/livre-Écoute,_une_histoire_de_nos_oreilles-2271-1-1-0-1.html
Scheda libro (inglese) : https://www.fordhampress.com/9780823228003/listen/

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 2 weeks later...
  • 2 weeks later...

55a9ec53054b140fa3784d6b9508fcf5_XL.jpg

Sono arrivato a metà di questo libro e lo trovo molto interessante.

Per me Strauss è sempre stato un'enigma, sono cattolico e amo compositori come Haydn e Messiaen anche per questo, eppure ho sempre trovato la poetica di questo pagano anticlericale quasi cristiana.

Per esempio la sinfonia alpina più che l'Anticristo l'avrei intitolata il Kathékon.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
37 minuti fa, superburp dice:

@Madiel poco tempo fa parlava di leggere i libri di Webern per capire meglio la sua musica. Su ibs c'è solo questo, è quello che serve?

9788867231898_0_0_300_75.jpg

Sì, perchè spiega i motivi filosofici che hanno portato alla nascita della serialità. E' roba tosta :new_russian:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 4 months later...
  • 1 month later...
  • 1 month later...
  • 1 month later...
Ciao ragazzi,
Mi scuso in anticipo se questo messaggio risulta superficiale, ma sono un principiante ;)
 
Negli ultimi tempi mi sono avvicinato alla musica classica, ed è nato un interesse sempre maggiore a saperne di più. Quindi cercavo qualche libro che mi potesse aiutare nell’impresa.
Ho scaricato alcuni dischi su PC (in formato FLAC) che inizialmente usavo solo come sottofondo per studiare, e, solo dopo, per capire cosa mi piacesse di più (ripeto, parlo da ragazzo senza esperienza, infatti come prima cosa avevo scaricato la raccolta Masters of Classical Music, proprio a questo scopo).
Quindi ho scoperto che mi aggradano di più compositori come Chopin, Beethoven, Liszt, forse per il loro stile “elaborato” o “virtuoso”, quindi penso sia un buon punto di partenza (o no?).
Ho trovato sul web (questo forum e altri) consigli tipo:
"Gli immortali. Come comporre una discoteca di musica classica
"1001 dischi di musica classica. I capolavori della grande musica nelle migliori interpretazioni”
"Il pianoforte e i suoi virtuosi. Liszt, Chopin, Tausig, Henselt”.
Voi cosa ne pensate? Sono libri troppo “generali” oppure bisogna partire proprio da questi? Premetto che il mio impegno nella lettura non sopporterebbe più letture simultanee, essendo che studio all’università :).
Grazie infinite, e ancora una volta scusate per la superficialità del discorso :).
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, superburp dice:

Benvenuto!

Io ti consiglio Come ascoltare la musica di Copland, è un ottimo libro per chi inizia come te ad ascoltare la classica.

 Libri su specifici compositori non te li so dire, non vorrei che siano per tecnici e quindi di scarso interesse.

 

Grazie mille, ma è specifico per musica classica o musica in generale? Gli darò sicuramente un occhiata!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
20 minuti fa, Alberto19_ dice:

Grazie mille, ma è specifico per musica classica o musica in generale? Gli darò sicuramente un occhiata!

Sì, è indirizzato specificatamente ad ascoltatori di classica. Affronta, beninteso in maniera molto divulgativa, alcune questioni di base, dai processi compositivi a quelli di ascolto, dai rudimenti di teoria musicale alla trattazione delle forme principali. È un libro simpatico, forse un po' datato, ma gradevole.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Trent'anni fa era più efficace, oggi si lascia spesso prendere la mano da tic che lo fanno apparire scarsamente obiettivo. Inoltre spesso si è reso protagonista di cambiamenti di giudizio clamorosi dovuti a idiosincrasie personali. Per esempio, su un volume definì "soporifero", autore di "pappa sonora" e simili un certo direttore, salvo poi incensarlo smodatamente nel suo libro sulle regie verdiane per il semplice fatto di aver scelto il suicidio assistito. Da allora ai miei occhi perse parecchia credibilità, almeno nei giudizi critici (ma tranquilli: avevo già iniziato molti anni prima a farmi le mie opinioni senza prenderle a prestito da altri, ben prima dell'ultimo libro).

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Wittelsbach dice:

Trent'anni fa era più efficace, oggi si lascia spesso prendere la mano da tic che lo fanno apparire scarsamente obiettivo. Inoltre spesso si è reso protagonista di cambiamenti di giudizio clamorosi dovuti a idiosincrasie personali. Per esempio, su un volume definì "soporifero", autore di "pappa sonora" e simili un certo direttore, salvo poi incensarlo smodatamente nel suo libro sulle regie verdiane per il semplice fatto di aver scelto il suicidio assistito. Da allora ai miei occhi perse parecchia credibilità, almeno nei giudizi critici (ma tranquilli: avevo già iniziato molti anni prima a farmi le mie opinioni senza prenderle a prestito da altri, ben prima dell'ultimo libro).

Capito di chi parli... Edward Downes... di cui in effetti ricordo giudizi alquanto negativi nel suo librone sui cd e dvd d'opera.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.


×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy