Vai al contenuto

Cosa state ascoltando ? Anno 2018


Madiel
 Condividi

Recommended Posts

12 ore fa, Majakovskij dice:

In effetti io conosco solo l'Adagio, la prima sinfonia e il concerto per violino, tutte opere di spiccato stile romantico che mi hanno allontanato dall'autore (voglio dire, ascolto musica americana per tenermi lontano dal romanticismo, che facciamo sennò?). Proverò ad ascoltare qualcos'altro:

Anche se il Violin Concerto è un Giano bifronte: ai primi due movimenti di carattere neoromantico, si contrappone un finale dissonante e irregolare nei ritmi. Cosi come nel Piano Concerto. Il Cello Concerto (trovo stupenda la versione di Yo-Yo Ma o il recente Poltera) fa parte delle opere più sistematicamente complesse di Barber. Di ritmica più energica, consiglio la Toccata Festiva per organo e orchestra e Dies Natalis. Mi dicono poco e niente le sinfonie, se dovessi scegliere direi la Prima, di ingegnosa costruzione formale. Degli Essays per orchestra il secondo mi sembra il più riuscito.

°°°°°°

Frye

Missa Sine Nomine

Missa Summe Trinitati

Ferrara Ensemble/Crawford Young

71XnnPO-49L._SY355_.jpg

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Risposte 4,9k
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

Adesso, Ives dice:

Anche se il Violin Concerto è un Giano bifronte: ai primi due movimenti di carattere neoromantico, si contrappone un finale dissonante e irregolare nei ritmi. Cosi come nel Piano Concerto. Il Cello Concerto (trovo stupenda la versione di Yo-Yo Ma o il recente Poltera) fa parte delle opere più sistematicamente complesse di Barber. Di ritmica più energica, consiglio la Toccata Festiva per organo e orchestra e Dies Natalis. Mi dicono poco e niente le sinfonie, se dovessi scegliere direi la Prima, di ingegnosa costruzione formale. Degli Essays per orchestra il secondo mi sembra il più riuscito.

Il cd di ieri infatti (Cello concerto e Medea suite) l'ho ascoltato con una certa soddisfazione... la musica corale la conosci? c'è qualcosa di simile a quel che ascoltavo ieri?

°°°°

 

Link al commento
Condividi su altri siti

9 minuti fa, Majakovskij dice:

Il cd di ieri infatti (Cello concerto e Medea suite) l'ho ascoltato con una certa soddisfazione... la musica corale la conosci? c'è qualcosa di simile a quel che ascoltavo ieri?

No, non mi risulta qualcosa di simile a Stopwatch...consiglio questo:

MI0003444155.jpg?partner=allrovi.com

 

Link al commento
Condividi su altri siti

14 ore fa, Majakovskij dice:

Snorlax ti posso chiedere - senza polemica eh, pura curiosità - da dove nasce questo tuo amore per la musica americana? Voglio dire, il tuo percorso è chiaro (Bruckner, Furtwängler, l'idealismo, la cucina francese, la birra...), tutta 'sta mitteleuropa come si coniuga con Ives o Harris? Ok qualche affinità formale (Ives con Mahler, Harris col suo contrappunto ecc), però è musica che sprizza folclore americano, trascendentalismo, pragmatismo da tutti i pori... di solito chi è immerso nel tuo mondo si sente poco in sintonia con quest'altro.

PS: le belle ragazze mi ha fatto molto ridere... su quelle c'è sempre piena convergenza :lol:

Ahah Maja, usando una metafora culinaria, si potrebbe dire così: mi piace variare molto i contorni, anche se la portata principale rimane sempre la stessa!:D

In realtà mi sono messo a riascoltare qualcosa d'oltreoceano, proprio prendendo spunto dagli ultimi interventi in questa discussione. Come avrai capito, un compositore che adesso voglio cominciare ad esplorare è Villa-Lobos. Mi affascina molto questo suo mix di raffinatezza e baccano. Per quel che riguarda gli statunitensi amo molto Ives (vabbé, come si fa a non amarlo), Carl Ruggles (lui mi piace veramente tanto, ed ogni volta rimpiango che abbia scritto così poco). Di Roy Harris, come osservavi giustamente tu, ammiro la sua maestria contrappuntistica, ma anche la sua spiccata vena melodica, veramente americana, ma mai banale. Copland in verità mi lascia abbastanza indifferente. Barber ancora di più. Ma del resto non è che sia così esperto di musica americana. Ah già, spostandomi un poi più a sud, un compositore, che ho scoperto da giovanissimo (penso alle medie) e che mi vado ancora qualche volta a riascoltare è Silvestre Revueltas. Chavez, uhm, così così.

4 ore fa, zeitnote dice:

Be', anche io sono bruckneriano, venero Hegel, amo Kafka e non solo mi piace Copland, ma sono pure ascoltatore assiduo di bluegrass (Doc Watson, Flatt & Scruggs ecc. Hai presente?) e di blues, ovvero folklore americano a briglia sciolta. Siamo nel 2018, ragazzo, anche le menti e i cuori si sono globalizzati. :D 

4 ore fa, Majakovskij dice:

zeit tu sei ascoltatore sui generis da sempre... non ho mai capito come tu riesca a passare da Knappertsbush alle registrazioni hip appena sfornate con lo stesso entusiasmo... niente in contrario eh, però ammetterai di essere un'eccezione! Tutti noi altri comuni mortali siamo molto più prevedibili :D

Comunque alla fine Zeit si dimostra molto meno bachettone di me, io dalle registrazioni di Knappertsbusch a quelle HIP, non ci riesco a passare tranne qualche rarissimissima eccezione! E quindi fidati Maja, penso di essere molto più prevedibile di lui!;)

P.s. 1: @zeitnote ma sai che anche a me capita di ascoltare spesso del bluegrass. Anzi, quando ci sono delle cene tra amici, la colonna sonora della serata è quasi sempre un live di Bill Monroe!

P.s. 2: @Majakovskij mi complimento riguardo alla tua digressione sulle Diabelli-Variationen. Non sono intervenuto data la mia scarsissima conoscenza di questo capolavoro, ma sto imparando molto. Purtroppo io posseggo solo - ma a mia difesa mi fu regalata - la famigerata registrazione DG di Pollini, che non è che mia abbia fatto appassionare molto a quest'opera. Ma adesso so dove orientarmi!

Link al commento
Condividi su altri siti

1 ora fa, Snorlax dice:

Ahah Maja, usando una metafora culinaria, si potrebbe dire così: mi piace variare molto i contorni, anche se la portata principale rimane sempre la stessa!:D

Chiarissimo! :D questo capita a tutti credo... 

Cita

In realtà mi sono messo a riascoltare qualcosa d'oltreoceano, proprio prendendo spunto dagli ultimi interventi in questa discussione. Come avrai capito, un compositore che adesso voglio cominciare ad esplorare è Villa-Lobos. Mi affascina molto questo suo mix di raffinatezza e baccano. Per quel che riguarda gli statunitensi amo molto Ives (vabbé, come si fa a non amarlo), ecc.

Proprio Ives non mi pare un ascolto gettonato (almeno, esperienza forumistica), eppure è quello che all'apparenza ha più punti di contatto con Mahler, anzi se si prende Bernstein a fare da tramite (forse è questo il problema di alcuni) è anche più chiara la questione, fermo restando che i due usano strumenti simili per trarre opposte conclusioni.

Cita

P.s. 2: @Majakovskij mi complimento riguardo alla tua digressione sulle Diabelli-Variationen. Non sono intervenuto data la mia scarsissima conoscenza di questo capolavoro, ma sto imparando molto. Purtroppo io posseggo solo - ma a mia difesa mi fu regalata - la famigerata registrazione DG di Pollini, che non è che mia abbia fatto appassionare molto a quest'opera. Ma adesso so dove orientarmi!

Beh vedi che abbiamo qualcosa in comune? :rofl:

Link al commento
Condividi su altri siti

1 ora fa, Snorlax dice:

Ahah Maja, usando una metafora culinaria, si potrebbe dire così: mi piace variare molto i contorni, anche se la portata principale rimane sempre la stessa!:D

In realtà mi sono messo a riascoltare qualcosa d'oltreoceano, proprio prendendo spunto dagli ultimi interventi in questa discussione. Come avrai capito, un compositore che adesso voglio cominciare ad esplorare è Villa-Lobos. Mi affascina molto questo suo mix di raffinatezza e baccano.ì

Di Villa-Lobos, gli ascoltatori più assidui siamo io e @il viandante del sud, oltre, dicevo, a incursioni varie di Madielone.

Link al commento
Condividi su altri siti

1 ora fa, Snorlax dice:

 

P.s. 2: @Majakovskij mi complimento riguardo alla tua digressione sulle Diabelli-Variationen. Non sono intervenuto data la mia scarsissima conoscenza di questo capolavoro, ma sto imparando molto. Purtroppo io posseggo solo - ma a mia difesa mi fu regalata - la famigerata registrazione DG di Pollini, che non è che mia abbia fatto appassionare molto a quest'opera. Ma adesso so dove orientarmi!

E cosa ti credevi Snorlax? Il mio amico Maja non e' mica un pirla qualsiasi!

Link al commento
Condividi su altri siti

On 28/2/2018 at 12:38, Snorlax dice:

Gioachino Rossini, Petite messe solennelle, Popp/Fassbaender/Gedda/Kavrakos, Choir of the King's College Cambridge, Katia & Marielle Labèque, Stephen Cleobury

81z7UysKqwL._SL1200_.jpg

...a chi gradisce!

P.s. E' vera la storia del disprezzo di Verdi per questo pezzo?!:o

Nessuno e' perfetto, Snorlax, tantomeno lo era don Pepin da Busseto. Le frequenze percorse da Rossini nella PMS, che assommavano ironia e tragedia, erano ignote alle antenne di Radio Verdi.

 

 

Link al commento
Condividi su altri siti

Agli estimatori del minimalismo, che a me non convince fino in fondo, ma in questo caso rivedo almeno in parte la mia diffidenza, dedico questo ascolto:

John Adams:

Grand Pianola Music

Steve Reich:

Vermont Counterpoint

Eight LInes

 

Solisti New York

Ramson Wilson - Flauto e Direzione d'Orchestra

 

Link al commento
Condividi su altri siti

Guest nachtigall

Malipiero

Sinfonia dello zodiaco,

Almeida

---

Meraviglia. Lo stile  madrigalesco di Malipiero è, almeno per me, irresistibile. Non vedo l'ora di ascoltare i quartetti. 

Link al commento
Condividi su altri siti

8 ore fa, Pinkerton dice:

E cosa ti credevi Snorlax? Il mio amico Maja non e' mica un pirla qualsiasi!

Infatti sono un pirla non comune :rofl:

°°°°

Due opere quasi coeve con alcune similitudini d'organico.

Link al commento
Condividi su altri siti

1 ora fa, Antiphonal dice:
Buona Giornata a tutti gli amici e tutte le amiche ForuMattinieri/e con i concerti per corno e orchestra di Georg Philipp Telemann

Grazie Ant, gentile e cortese come sempre. A te va questo sontuoso Balbastre:

Link al commento
Condividi su altri siti

2 ore fa, zeitnote dice:

Merci, Rousset è sempre gradito...ricambio con:

61WFhTgPO4L.jpg

Il Cello Concerto op. 58 di Prokofev, composto negli anni trenta, è un lavoro a mio avviso fondamentale (poi rielaborato nella Sinfonia Concertante), ma per una lunga serie di ragioni non è mai stato molto eseguito. Questo disco, di conseguenza, è un’introduzione perfetta a una grande composizione. E' un lavoro straordinariamente difficile da suonare, ma dopo qualche ascolto il suo valore diventa evidente. Steven Isserlis ne è chiaramente innamorato fornendoci un'esecuzione di concentrazione assoluta e dall'intensità emotiva costante. Paavo Järvi e l'orchestra della radio di Francoforte offrono un accompagnamento perfetto. Lo stesso si può dire del primo concerto di Shostakovic. Bellissimo disco! Anche a @Majakovskij  s'intende...

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Madiel locked this topic
Ospite
Questa discussione è chiusa.
 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy