Jump to content

Cosa state ascoltando ? Anno 2018


Madiel

Recommended Posts

  • Replies 4.9k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Handel

Susanna HVW 66

VonMagnus/Holton/Buwalda/Elwes/Sol

Kölner Kammerchor/Collegium Cartusianum

Peter Neumann

1b87755f-c929-43dd-9ca7-54b4e65f11ea.png

Neumann si affida alla versione con micro-tagli approvata da Handel nel 1759 (sono circa 10 minuti di musica in meno tra recitativi, brevi arie soprattutto dei due vecchioni, e due cori) restituendo colori vividi e mutevoli, nonchè incessante passo drammaturgico, a questo oratorio biblico di raro ascolto, ma tra i più serrati di Handel. I tempi sono spediti ma molto mossi, versatili e l'accompagnamento al canto sempre vibrante, sensibile e soffice. In sintesi, Neumann, altrove pedante e anonimo, qui si trova perfettamente a suo agio, supportato dagli ottimi strumentisti del Collegium di Colonia. Il cast di voci è globalmente buono, nessuna punta d'eccellenza ma ben equilibrato: la VonMagnus (figlia di Harnoncourt) non replica la performance sublime della Hunt Lieberson con McGegan (edizione Harmonia Mundi da sentire proprio per la protagonista), ma, seppur diseguale, riesce a infondere passione e musicalità nelle sue splendide arie (difettosa anche la pronuncia inglese); la Holt non ha voce imperiosa, è un pò flebile, ma possiede un bel timbro dolce e luminoso; Buwalda è un controtenore vecchio stile con limiti evidenti, ma interpreta con vigore ed è sempre meglio di Drew Minter; corretti i due vecchi laidi di Elwes e Sol. Ottimo il coro da camera di Colonia.

Link to comment
Share on other sites

WOLFGANG AMADEUS MOZART
Sonate n. 11-14 (K. 331, 332, 333, 457)

Glenn Gould piano

Certo che la 11 K. 331 di Gould, in confronto a quella quasi religiosa di Friedrich Gulda, pare proprio uno sberleffo al compositore! Cioè, lo è, o per meglio dire è come se si fosse tolto una scarpa e gliel'avesse tirata in faccia... :D 

Link to comment
Share on other sites

Ricercar a 6,  Bach/Webern, Robert Craft. 

 

Ciòche mi affascina sta nel fatto che la musica di Bach solitamente si presta bene ad essere suonata da qualsiasi strumento musicale; ma rispetto ad una trascrizione qualunque, Webern aggiunge una nuova dimensione alla partitura esaltandone degli aspetti nascosti attraverso la scomposizione e rilegatura degli elementi nello spazio dei timbri dell'orchestra. L'effetto di ciò è sconcertante: il brano non suona più barocco ma ingloba i tre secoli di musica che lo separano da Webern. Sarebbe riuscito a fare qualcosa del genere, giusto per fare un esempio, Mahler? Credo di no, credo che col suo stile avrebbe snaturato la composizione o fatto qualcosa di banale piuttosto che aggiungere/scovare qualcosa di nuovo. L'orchestrazione diventa in Webern un veicolo di nuove idee piuttosto che un abbellimento. Il problema mio è riuscire ad apprezzare Webern quando questo ancoraggio al passato scompare e vuole provare come queste nuove idee si mantengono da sole.

Link to comment
Share on other sites

On 8/1/2018 at 01:30, noone dice:

I brividi ogni volta.

Il IV Atto di Manon Lescaut è un capolavoro: scava nell'anima, nell'amore, nel dolore. Qui la Scotto e Domingo sono interpreti ideali, l'una sofferta e analitica nel fraseggio, l'altro, in ottima forma vocale, caldo, vibrante, accorato. A 3:25,  lo slancio disperato di "O immensa delizia mia, tu fiamma d'amore per me!" resta impresso nella memoria.

Ottima scelta Maddalena, come sempre.

Link to comment
Share on other sites

hildegard_front__11132.1506646146.jpg?c=

Mi ha fatto venir voglia di riascoltare questo mio vecchio CD:

71nXH77YaAL._SL1097_.jpg

Canzoni femminili del XII e XIII sec (sia detto: perloppiù alquanto ...laiche) proposte da Brigitte Lesne per Opus 111 , Opus Production 1995 UPC:709861301348 ASIN:B000005W48

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

  • Madiel locked this topic
Guest
This topic is now closed to further replies.
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy