Vai al contenuto
Madiel

Cosa state ascoltando ? Anno 2018

Recommended Posts

17 ore fa, Snorlax dice:

Grazie Maja, apprezzatissimo. E che esecuzione! ...Varga sempre un gigante... Contraccambio con:

F. Mendelssohn, Sinfonia n. 4 "Italiana"/G. Bizet, Sinfonia in Do, National Philharmonic Orchestra, Leopold Stokowski

138937.jpg

Questa registrazione del 1977 rappresenta l'ultima zampata di questo grandissimo leone del podio, qui novantacinquenne. E' proprio il caso di dire che l'età non conta, in quanto Stoki qui infonde un vigore e una freschezza quasi primaverile a questi due lavori, anche se non mancano momenti di tenera malinconia, quasi da pomeriggio d'autunno (tanto per rimanere in tema stagionale). Per entrambe le opere, forse parlare di reference recording in questo caso acquista un senso. L'insieme è azzeccatissimo, e scovare qualcosa che non quadra è veramente dura. Il timbro orchestrale, come sempre quando si ha a che fare con questo direttore, è stupefacente, ma mai laccato. Stoki qui mostra definitivamente che per essere briosi non occorre correre a rotta di collo, tutto canta alla perfezione e l'orchestra è una vera e propria protesi del direttore, respira con lui, suona con lui, è Stokowski stesso. Questo disco rappresenta l'addio di Stokowski al mondo musica, tre mesi prima della sua reale dipartita; è un addio sereno, col sorriso sulle labbra. Sicuramente una incisione capolavoro.

Dedico anche a @superburp, @Ives, @giordanoted, @Wittelsbach e a chi gradisce...

Interessante, mi hai incurisito. Dopo vedo se si trovano su youtube. Per me l'Italiana di Mendelssohn difetta un po' nei due movimenti centrali, li vedo troppo simili. Primo e ultimo movimento però mi piacciono molto.

Ora ascolto invece Roussel, Petite suite per orchestra (Celi, 1945).

Dedica a Madiel, Niellovskij, .Andrea e giordano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, superburp dice:

Interessante, mi hai incurisito. Dopo vedo se si trovano su youtube. Per me l'Italiana di Mendelssohn difetta un po' nei due movimenti centrali, li vedo troppo simili. Primo e ultimo movimento però mi piacciono molto.

Ora ascolto invece Roussel, Petite suite per orchestra (Celi, 1945).

Dedica a Madiel, Niellovskij, .Andrea e giordano.

Infatti in origine era in 3 movimenti, l'originale si ascolta su un vecchio DGG di Gardiner. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, zippie dice:

 ...mah adesso mi toccherebbe cercare sia altri interpreti del pezzo che Autori sul canone, da far confronti, ma non ce la fo.

Conosco solo questa resa da disco Naxos, cantori neozelandesi. Condivido la nota, ma gli esemble anglofoni tendono un pò tutti alla rarefazione estrema.

C'è questo ma non ascoltabile su Spotify:

51PxZG2c8GL._SS500.jpg

Ci vorrebbe un ensemble italo-iberico.

Per il testo: https://www.chandos.net/chanimages/Booklets/NA5056.pdf

Ascolto ancora di Philips, al volo:

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Felix MENDELSSOHN-BARTHOLDY
Trio n. 1 in re minore op. 49

Louis Lortie, pianoforte
Yehonatan Berick, violino
Alberto Lysy, violoncello

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, superburp dice:

Ora ascolto invece Roussel, Petite suite per orchestra (Celi, 1945).

Dedica a Madiel, Niellovskij, .Andrea e giordano.

Grazie, ricambio con la Sinfonia No. 22 di Haydn diretta da Antonini con Il Giardino Armonico. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arnold SCHOENBERG
Pelleas und Melisande - poema sinfonico op. 5

Philharmonia Orchestra
Giuseppe Sinopoli

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 18/10/2018 at 12:11, Fibbo dice:

fra le tante incisioni meravigliose degli HE,  questa penso sia una delle migliori
R-12157128-1529442238-7445.jpeg.jpg
@Pollini e @hurdy-gurdy

Non conosco questo disco, ma gli Huelgas sono sempre una garanzia. Ricambio con Frescobaldi, Capriccio sopra la Battaglia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anton Bruckner, Sinfonia n. 4 in mib magg. "Romantica" (ed. Novak 1878/1880), Sinfonie-Orchester des Bayerischen Rundfunks, Eugen Jochum

R-8820722-1469467432-8893.jpeg.jpg

Prima Quarta incisa da Jochum per la DGG, un buon mono risalente al 1955, con il direttore alla testa dell'Orchestra della radio bavarese. Nonostante questa incisione sia stata successivamente oscurata dal remake con i Berliner Philharmoniker, essa storicamente ha un certo valore: infatti è la prima incisione della nuova edizione messa a punto nel '53 da Leopold Novak (non lasciatevi trarre in inganno dalla copertina, trattasi della "classica" versione 1878/1880, non della originalverfassung). Per il resto, per chi conosce il Bruckner di Jochum niente di nuovo; l'interpretazione del direttore tedesco è quasi del tutto simile alle successive registrazioni in stereo, e quindi più fonogeniche rispetto a questa. Tuttavia è un'altra occasione per ammirare il grande magistero di Jochum e la perfetta sintonia con la sua orchestra. Pertanto darci un'ascolto non sarà mai tempo sprecato.

Dedico a @giordanoted, @superburp e a tutti i bruckneriani del Forum...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, Ives dice:

Ci vorrebbe un ensemble italo-iberico.

Avevo pensato esattamente lo stesso!!

Volendo allora avrei scovato (ascoltabile anche in YT):

51ZtLJKMt2L._SL1500_.jpg

 

Però io ho preferito ordinarmi questo:

51JWR4htt7L._SL1500_.jpg

molto emozionante.

Peraltro non ho neppure ringraziato, Naxos e Tudor Consort compresi anche per l'Antifona, per avermi fatto conoscere questo magnifico compositore del passato, che si presterebbe modernamente a saporose esecuzioni ieratiche o cerebrali, altrimenti di facile appannamento specie in programmi lunghi un CD.

 

Quanto all'Ecce vicit Leo

troooppo belli!!

Volendone una resa in CD qui:517E7U91t6L.jpg

Io però non mi riavvierò in esplorazioni del ramo antico della immensa miniera... sono del tutto perso in quello modernista...

51LNMUQa6vL._SY400_.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, Majaniello dice:

Infatti in origine era in 3 movimenti, l'originale si ascolta su un vecchio DGG di Gardiner. 

Sicuro? Anni fa sentii la registrazione di Gardiner e, differenze a parte, erano 4 movimenti. Anche a s. Cecilia ascoltai la versione originale ed erano sempre 4.

A meno che non ci sia una versione ancora precedente.

Grazie per Hartmann comunque. Avevo giusto intenzione di riascoltare le sue sinfonie nei prossimi giorni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, superburp dice:

Sicuro? Anni fa sentii la registrazione di Gardiner e, differenze a parte, erano 4 movimenti. Anche a s. Cecilia ascoltai la versione originale ed erano sempre 4.

A meno che non ci sia una versione ancora precedente.

Grazie per Hartmann comunque. Avevo giusto intenzione di riascoltare le sue sinfonie nei prossimi giorni.

Hai ragione tu. Mi confondevo col fatto che in una delle due versioni registrate manca il primo movimento. 

$_57.jpg

edit: @Snorlax nota che nell'edizione "intrombonita" per il mercato accademico Felix (oltre a ingrassare un po' l'orchestrazione e a pareggiare le simmetrie all'interno dei movimenti) cambia l'andamento del Salterello da "Presto" in "Allegro di molto".... non sia mai che i tromboni siano turbati da tutta quella urgenza 😆

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, zippie dice:

Avevo pensato esattamente lo stesso!!

Volendo allora avrei scovato (ascoltabile anche in YT):

Però io ho preferito ordinarmi questo:

molto emozionante.

Peraltro non ho neppure ringraziato, Naxos e Tudor Consort compresi anche per l'Antifona, per avermi fatto conoscere questo magnifico compositore del passato, che si presterebbe modernamente a saporose esecuzioni ieratiche o cerebrali, altrimenti di facile appannamento specie in programmi lunghi un CD.

Volendone una resa in CD qui:

Io però non mi riavvierò in esplorazioni del ramo antico della immensa miniera... sono del tutto perso in quello modernista...

 

Bellissimo il disco di van Nevel, giusta citazione! Sospettavo che la Hyperion avesse qualcosa in catalogo di Philips. Cappella Mediterranea mai sentiti, lo testerò, grazie, anche se Mulieres Sedentes non è incluso.

Gardiner lo "spara" a mille all'ora...😮

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

9229656_3L.jpg

@Ives che differenze ci sono tra questa e quella di Christie?

Sto ascoltando il primo atto, comunque.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
45 minuti fa, Majaniello dice:

 

@Ives che differenze ci sono tra questa e quella di Christie?

Sto ascoltando il primo atto, comunque.

 

Principalmente, tempi più mossi, più agili, più fantasiosi, più vivacità, più teatralità, un cast che mi sembra migliore, il giovane russo coglie alla perfezione lo spirito patetico e di quasi-dramma dell'opera. E poi ruolo Serse pensato da Handel per castrato e quindi riportato con Fagioli all'origine. Fermo restando che Christie è rimasto per decenni la migliore edizione di quest'opera ed è ancora buona, sia chiaro (trovo però la Von Otter di una noia mortale nell'accento).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Majaniello dice:

5028421947778.jpg?1401982549

@kraus 

Grazie ;) 

Visto che sei alle prese con Handel, ti dedico un ascolto in materia (anche se tre cantate su quattro del CD seguente sono solo attribuite e il loro autore è in realtà incerto). "Mira Lilla gentile" è qui presente in due versioni:

Risultati immagini per "mira lilla gentile" varriale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

71gyteqzysL._SL1200_.jpg

E' sempre triste e spesso ingeneroso dire che un disco è  proprio inutile, ma non saprei come giudicare altrimenti questo prodotto. Intendiamoci, la Markovina è brava (già autrice di un'ottima integrale di CPE Bach), la Haenssler è una casa discografica seria, è ben registrato, il repertorio è desueto con alcune prime assolute. Ma la musica presente in questo CD proprio non va. Qui ci si dedica al repertorio per piano di Bruckner, che non sapevamo neanche esistesse, beh, non ci si perde nulla: sono pezzettini scritti molto prima che il compositore trovasse una voce personale, esperimenti occasionali: fughette accademiche, studi noiosi, notturni rabberciati, chiassose quadriglie e pezzi sparsi. La banalità, la semplicità irritante e la ristrettezza armonica di tutta questa musica è stupefacente. Non se ne sentiva il bisogno, ecco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
28 minuti fa, Ives dice:

Intendiamoci, la Markovina è brava (già autrice di un'ottima integrale di CPE Bach)

Sia detto en passant, Ives: quell'integrale - dopo alcuni ascolti di prova - mi aveva lasciato piuttosto freddarello e non l'ho neppure acquistata, e lo dice uno che 1) adora la musica di CPE e 2) in genere non sta a badare troppo all'interpretazione...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Jean SIBELIUS
Sinfonia n. 7 in re maggiore op. 105

Boston Symphony Orchestra
Colin Davis

Ogni tanto mi viene voglia di tornare a questo meraviglioso Sibelius di Davis e dei bostonians.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Ives dice:

 

 la Markovina è brava (già autrice di un'ottima integrale di CPE Bach),

 

3 ore fa, kraus dice:

Sia detto en passant, Ives: quell'integrale - dopo alcuni ascolti di prova - mi aveva lasciato piuttosto freddarello e non l'ho neppure acquistata, e lo dice uno che 1) adora la musica di CPE e 2) in genere non sta a badare troppo all'interpretazione...

La penso come kraus, a me quell'integrale non piace per niente, lei mi pare proprio sciatterella, a volte pare addirittura incerta (mia sensazione). C'è da dire che non l'ho ascoltata in nessun altro repertorio, possibile che altrove si riveli. La Derzhavina che ha registrato Haydn per la stessa etichetta mi pare su un altro pianeta. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 8/11/2018 at 12:39, glenngould dice:

Lo ascolterò e ti farò sapere. Generalmente ho sempre associato Kempff a Beethoven e Schumann. Intanto:

Manuel de Falla

Noches en los jardines de España

Eduardo del Pueyo, pianoforte 

Orchestre des Concerts Lamoureux

Direttore, Jean Martinon

Grazie!! Jean martinon, grande direttore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Un'esecuzione datata, di una perfezione olimpica. Bellissimo l'adagio e notevole Holliger.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 ore fa, kraus dice:

Sia detto en passant, Ives: quell'integrale - dopo alcuni ascolti di prova - mi aveva lasciato piuttosto freddarello e non l'ho neppure acquistata, e lo dice uno che 1) adora la musica di CPE e 2) in genere non sta a badare troppo all'interpretazione...

 

13 ore fa, Majaniello dice:

 

La penso come kraus, a me quell'integrale non piace per niente, lei mi pare proprio sciatterella, a volte pare addirittura incerta (mia sensazione). C'è da dire che non l'ho ascoltata in nessun altro repertorio, possibile che altrove si riveli. La Derzhavina che ha registrato Haydn per la stessa etichetta mi pare su un altro pianeta. 

Uhm...e mi sa che l'ho confusa con la Derzhavina, stessa etichetta. Comunque sia, per quelle facezie bruckneriane nemmeno Michelangeli e Zimerman.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×