Vai al contenuto
Francesca Minna

Le Suite per violoncello solo di Bach

Recommended Posts

Penso che ci siamo passati tutti (o quasi) quindi butto li una domandina a tutti quelli che le hanno affrontate:

come cavolo si studiano?

Scherzi a parte: sto studiando la suite numero 2, dopo aver studiato la numero 3 (lo so, non mi fate domande in merito). Sono sopravvissuta alla dolcezza amara del preludio e ora sto litigando furiosamente con l'Allemanda. Più la studio, più mi sento frustrata perché il risultato è pesante, sgraziato quando non proprio stonato. Mi sembra che lo studio non sia efficace e che non faccio altro che stancarmi. Il mio favoloso insegnante, che è un barocchista molto esperto e un professore con trent'anni di esperienza, mi dice che devo abbandonare il "timore reverenziale", cosa di per se non facile (come si fa a non aver timore reverenziale per Bach?). Ho senz'altro delle difficoltà oggettive dovute un po' ai tre anni scarsi di studio e un po' alla mia fisionomia: ho le mani piccole e non è d'aiuto nel suonare musica scritta per "violinisti con le mani grandi". Ma, alibi a parte...

Voi come affrontate un movimento di suite? Iniziate aggiustando posizione e intonazione nota per nota oppure sviscerate la frase e la lavorate finchè non viene fuori decente?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cara, Bach è uno che ci ha voluto molto bene e molto male - ho portato la Suite in re minore al diploma e nonostante le note non siano difficili mi ha fatto sudare parecchio.

L'Allemanda è, credo, dopo il Minuetto primo, il movimento più complesso: rumori, fischi, suonacci sembrano ineliminabili. Ma alla lunga si vince.

Per quanto riguarda lo studio, io sono un pignolo nato quindi ora che ci metto la musica devo aver passato ore e ore e ore (ecc) a sistemare nota per nota l'intonazione, il colpo d'arco, il suono, insomma, metto ordine. Una volta fatto questo, la musica la troverai abbastanza facilmente - il "timore reverenziale", vinte le problematiche tecniche, lascerà posto allo stupore per come il buon Giovanni Sebastiano ha scritto tutto talmente bene che non dobbiamo inventarci proprio nulla.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy