Vai al contenuto

Necrologi


giobar
 Condividi

Recommended Posts

3 ore fa, Majaniello dice:

Che poi non è neanche vero che non c'entri niente con la "musica classica":

vangelis-invisible-connections-415-196-1

La DG flirtava col pop da tempi insospettabili! 

Di questo ho sentito giusto ieri Thermo Vision: du' palle così !! :tired:

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Risposte 686
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

  • 3 weeks later...

Bravo direttore, specializzato ovviamente e soprattutto nel repertorio britannico, RIP. Si possono trovare tanti dischi Naxos di ottimo livello e con orchestre locali che suonano veramente bene: Walton, le sinfonie e poemi di Bax, il ciclo Alwyn, Sullivan, Bliss, Rawsthorne, Vaughan Williams e altri. Se non ricordo male, curò anche l'edizione completa dei lavori di Elgar, scoprendone alcuni per voce e piccolo ensemble, poi registrati da altri in seguito (ricordo il trittico bellico con Une Voix dans le desert). Leggo su wikipedia che a Leeds, all'Opera North, ha fatto praticamente di tutto dal Ring a Les Troyens a Strauss, passando per tantissime opere russe. Notevoli anche quelli della Hyperion.

David Lloyd-Jones - Constant Lambert: Piano Concerto, Symphonic Works (2005)

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 2 weeks later...
  • 2 weeks later...

E' morto ieri, 97enne, Peter Brook, uno dei maggiori registi teatrali degli ultimi 50-60 anni. Diversamente da tanti grandi protagonisti della scena teatrale, non fu anche un regista d'opera. Tuttavia rimane storica la sua rivisitazione di Carmen con lo spettacolo, che rimase in tournée in tutto il mondo per molti anni, intitolato La tragédie de Carmen. Brook si fece aiutare dal compositore e direttore d'orchestra Marius Constant e da uno dei maggiori sceneggiatori della storia del cinema, Jean-Claude Carrière, per estrarre dalla Carmen di Bizet una storia quintessenziale di amore, morte e magia, eliminando pressoché tutti i riferimenti folclorici e prosciugando la partitura e la messinscena all'interno di un contesto circoscritto, intimo e severo. Pochi personaggi, niente coro, orchestra da camera di una quindicina di stumentisti. Rappresentazione, dove possibile, col pubblico attorno alla scena, a pochi metri dai cantanti-attori, per poterne percepire il fiato, il rumore dei movimenti, il fruscio dei vestiti. Non si pensi al solito vilipendio di un'opera da parte del registra "so-tutto-io". Questa è altra cosa rispetto alla Carmen cui siamo abituati. E' un capolavoro autonomo ed eccezionale, forse lo spettacolo più sconvolgente cui abbia mai assistito, tanto che, dopo la prima rappresentazione, tornai a vederlo anche nelle due rappresentazioni dei giorni seguenti.

Link al commento
Condividi su altri siti

E' morto anche il famoso musicologo americano Richard Taruskin. Grandissimo esperto di musica russa, fu tra gli animatori delle polemiche nate dopo la pubblicazione del controverso libro di Volkov su Shostakovich. Partendo dalla propria esperienza di esecutore di viola da gamba in un ensemble dedicato alla musica barocca, sostenne tesi ferocemente contrarie agli assunti di molti esponenti delle teorie HIP: non negava l'esigenza della ricerca storica sulla prassi esecutiva ma affermava che questa dovesse comunque fare i conti con la contestualizzazione ai tempi attuali, senza fossilizzarsi nel guardare indietro. La sua fortissima vena polemica e la brillantezza di scrittura (spesso, pare, ben oltre i limiti dello sbeffeggiamento) gli procurarono molti nemici e detrattori, ma comunque la sua autorevolezza almeno in certi ambiti (musica russa in primis) è indiscussa.

https://www.nytimes.com/2022/07/01/arts/music/richard-taruskin-dead.html

Link al commento
Condividi su altri siti

Grande regista e personalità di enorme peso nel mondo del teatro, Peter Brook, RIP. Avvicinò a suo modo i grandi classici al pubblico più vario. Famose le sue riduzioni all'osso di Cechov e Shakespeare, ma pure della Carmen di Bizet. Gli devo lo spettacolo teatrale più bello che abbia mai visto: il Don Giovanni a Aix-en-Provence nell'irripetibile cortile dell'Archeveché. Ne fu tratto un disco Erato-Virgin e un DVD:

Mozart : Don Giovanni [DVD] | BelAir Classiques

Link al commento
Condividi su altri siti

E' morto il pianista americano Joseph Banowetz, aveva 87 anni. Pur avendo un repertorio piuttosto ampio, era considerato uno specialista di compositori di secondo piano. Per Naxos incise, fra gli altri, dischi con opere di Rubinstein, d'Albert, Friedman e di qualche altro misterioso autore.

Link al commento
Condividi su altri siti

Morto il direttore d'orchestra e compositore inglese Bramwell Tovey, aveva 69 anni. Attivo con orchestre radiofoniche e non di primissimo livello soprattutto in Canada (incise i lavori di Jeffrey Ryan), nel Regno Unito (con le orchestre minori del Galles fece qualcosa per Chandos), negli Stati Uniti dove è deceduto (attivissimo anche come organizzatore di concerti), e in Francia, ha inciso vari ottimi dischi con repertorio desueto, Pierné tra questi con l'orchestra filarmonica del Lussemburgo:

https://www.independent.co.uk/news/ap-providence-london-boston-salvation-army-b2122658.html?fbclid=IwAR3rwg5vu9AIyW_NEWUtm9y_yCiKbNGUg5uR4ppGn248O0W6Pm3TYLQ1bxs

Izeyl Suite: III. Introduction et Lamento - song by Gabriel Pierné,  Luxembourg Philharmonic Orchestra, Bramwell Tovey | Spotify

Link al commento
Condividi su altri siti

On 4/7/2022 at 08:53, Ives dice:

Grande regista e personalità di enorme peso nel mondo del teatro, Peter Brook, RIP. Avvicinò a suo modo i grandi classici al pubblico più vario. Famose le sue riduzioni all'osso di Cechov e Shakespeare, ma pure della Carmen di Bizet. Gli devo lo spettacolo teatrale più bello che abbia mai visto: il Don Giovanni a Aix-en-Provence nell'irripetibile cortile dell'Archeveché. Ne fu tratto un disco Erato-Virgin e un DVD:

Mozart : Don Giovanni [DVD] | BelAir Classiques

Mi verrebbe da fare una battuta sull'espressione della Delunsch ma la policy morigerata del forum me lo impedisce...

Link al commento
Condividi su altri siti

Si è spento il direttore d'orchestra ungherese Stefan Soltész, un infarto fatale lo ha colpito durante le prove de "La Donna silenziosa" all'Opera di Stato di Monaco di Baviera!

Link al commento
Condividi su altri siti

E' morto Nikolaos (noto Nikos) Velissiotis, produttore discografico ma anche grande esperto di arte contemporanea e gallerista. Di nazionalità greca, viveva a Milano da tantissimi anni e fu fondatore e promotore di importanti etichette come Arkadia e Agorà. A lui si deve la pubblicazione di numerosissime registrazioni d'archivio, recuperate qua e là, e la promozione di moltissimi musicisti, soprattutto italiani. Per fare un esempio, diverse incisioni di Dino Ciani si devono a lui. Molte importanti registrazioni di cui continuava a detenere i diritti sono state ripubblicate negli anni scorsi dall'etichetta NAR. Era, fra l'altro, uno dei più grandi esperti dell'opera di De Chirico.

Link al commento
Condividi su altri siti

Nell'arco di pochi giorni sono morte le vedove, entrambe brave violiniste, di Nikolaus Harnoncourt e di Gustav Leonhardt.
Il 20 luglio è morta Alice Hoffelner Harnoncourt, 91enne. Ieri invece è morta, quasi 94enne, Marie Amsler Leonhardt. Entrambe collaborarono attivamente con i rispettivi mariti e furono fra le protagoniste dell'avvio delle interpretazioni storicamente informate della musica barocca e pre-barocca.

Link al commento
Condividi su altri siti

E' morto ieri, all'età di  81 anni, Giancarlo Cardini. Pianista, compositore, docente, ideatore e protagonista di happenings, organizzatore musicale, fu tra i più fantasiosi e tenaci apostoli dell'avanguardia musicale soprattutto fra gli anni 70 e 90 del 900. Alcune sue performances fanno parte della storia dell'avanguardia e della ricerca di nuove formule espressive e di rapporto col pubblico. Però era un musicista a tutto tondo e si divertiva anche a presentare in concerto rielaborazioni di musica leggera.

 

Link al commento
Condividi su altri siti

Morto a 91 anni a Montevideo, dov'era emigrato e si era naturalizzato uruguayano nel 1955, il direttore d'orchestra Paolo Rigolin, Gran Ufficiale della Repubblica Italiana e Ambasciatore della cultura italiana nel mondo dal 2003.

Morto Paolo Rigolin, il Muti del Sudamerica, orgoglio italiano partito da  Lendinara

 

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 2 weeks later...

II 15 agosto si è spento Sterling Scott Jones (1929-2022), noto musicologo e docente presso la Schola Cantorum Basiliensis. Aveva insegnato pratica esecutiva medievale e suonato i primi strumenti a corda presso la Schola Cantorum Basiliensis. Come violinista, è stato un membro fondatore del primo gruppo musicale Studio der fruehen Musik. Nel 1995 pubblica il libro "La lira da braccio", che descrive la "lira da braccio" del XVI secolo come possibile legame tra il "violino" medievale e il violino moderno. Con il suo gruppo fece diverse registrazioni di musica antica per Telefunken/Teldec.

The Lira Da Braccio : Sterling Scott Jones, Sterling Scott Jones:  Amazon.it: Libri  

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 2 weeks later...

E' morto Terry Edwards, classe 1939, notissimo direttore di coro inglese. Attivo soprattutto in patria e negli USA. Già membro del London Symphony Chorus e del John Alldis Choir, fondò negli anni '60 con Norrington il London Schutz Choir ma soprattutto la sua creatura a inizio anni '70, i London Voices, curando le prime assolute di opere di Berio, Ligeti, Birthwistle, Boulez e Maxwell Davies. Creò anche il coro London Sinfonietta Voices, una propagine dei London Voices, con cui incise vari dischi, anche operistici. Fu direttore del coro del Covent Garden in 111 opere liriche dal barocco al contemporaneo. Attivo anche come direttore d'orchestra per il cinema (vari 007, alcuni Star Wars). RIP

https://lso.co.uk/more/news/1874-obituary-terry-edwards-1939-2022.html?fbclid=IwAR2uyQ7yvD-2ofarTENzqvjnm_HmDLC-VXYtsV1gKkBA5fK5fRWMkXEhv6o

71HXAO9s+cL._SS500_.jpg

3320406

Link al commento
Condividi su altri siti

E' morto oggi, ad appena 51 anni, il famoso pianista tedesco Lars Vogt. Combatteva da poco più di un anno con un tumore al fegato che non gli ha lasciato scampo, anche se, appena tre settimane fa, in una trasmissione televisiva, aveva parlato della sua speranza di riprendere la carriera. Nel video dell'intervista appare palesemente smagrito e indebolito rispetto al suo aspetto solito di persona robusta e vitale.

   

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 4 weeks later...

E' morto ieri, all'età di 80 anni, il pianista Paolo Bordoni. Grande interprete di Schubert, di cui registrò una serie di pezzi minori in interpretazioni che hanno fatto scuola, predilesse l'attività didattica a quella concertistica, pur avendo, per unanime riconoscimento, un talento enorme. 

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 3 weeks later...

E' morto in Germania, a 84 anni, il pianista americano Michael Ponti. Tra la fine degli anni 60 e gli anni 80 del secolo scorso ebbe grande notorietà per le sue numerose incisioni, soprattutto per la Vox e per la Turnabout, che indagavano approfonditamente autori e opere di scarsa notorietà del repertorio pianistico ottocentesco. Dotato di grandi capacità tecniche, si cimentò con autori come Moscheles, Tausig, Henselt, Thalberg, Scharwenka, Raff, Litolff, ma anche Alkan e le opere minori di Ciaikovsky e Scriabin e spesso le sue sono rimaste le uniche registrazioni disponibili (e in genere assai affidabili) dei pezzi da lui incisi, tanto che periodicamente vengono ripubblicate in nuove vesti editoriali anche in licenza ad altre etichette. La sua carriera subì una improvvisa interruzione alla fine degli anni 90 a causa di un ictus che gli pregiudicò l'uso della mano destra.

Link al commento
Condividi su altri siti

Morta a 85 anni il mezzosoprano americano Joanna Simon. Storia curiosa e tragica insieme la sua, e giunta agli onori della cronaca in questi giorni perchè deceduta a distanza di un giorno dalla sorella Lucy, anch'essa cantante ma di musica leggera. L'altra sorella è Carly Simon, celebre voce country degli anni '70 (e tre bellissime donne, peraltro). Molto attiva alla New York Opera e al Metropolitan per quasi 30 anni, di repertorio vastissimo, da Monteverdi a Berg, partecipò a prime mondiali di opere di Ginastera (Bomarzo) e Pasatieri (Black Widow) e fu diretta da i più importanti direttori d'orchestra del '900: Bernstein, Karajan, Ormandy, Giulini, Maazel, Mehta, Klemperer, Levine. Dopo essersi ritirata dalla musica, ha lavorato in tv occupandosi di programmi culturali fino al 1992, vincendo un Emmy Award nel 1991 per il suo reportage sul disturbo bipolare e la creatività. La si può trovare nella Nona di Beethoven targata DG e diretta da Steinberg con la PittsburghSO.

https://en.wikipedia.org/wiki/Joanna_Simon_(mezzo-soprano)

24478707.jpg?width=280&sharpen=true

Link al commento
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy