Vai al contenuto

Cosa state ascoltando ? Anno 2017


Madiel
 Condividi

Recommended Posts

  • Risposte 3,9k
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

On 16/6/2017 at 13:04, Madiel dice:

Grazie, Rampal è sempre una delizia. Nonostante il caldo africano con relativi sgocciolamenti (:cat_doh:), sto cercando di ascoltare questo (e te lo dedico)

Maderna/Frescobaldi: Tre Pezzi per orchestra da camera (1954)

Orchestra della Svizzera Italiana diretta da Renato Rivolta

Grazie mille!

Link al commento
Condividi su altri siti

A seguire il Così fan tutte su Rai5, ma è cantato veramente male purtroppo, specie dagli uomini (le donne molto meglio, per fortuna) :( 

Rai5, Così fan tutte da Spoleto il 18 e il 20 giugnocosì fan tutte

James Conlon e la scola degli amanti

Rai5, domenica 18/06/2017 - 10:00

Rai5, martedì 20/06/2017 - 15:37

La storia di una scommessa sulla fedeltà femminile, raccontata con maestria dai versi di Lorenzo Da Ponte e prodigiosamente messa in musica dal genio di Mozart. È “Così fan tutte, o sia La scola degli amanti”, penultimo appuntamento con il ciclo di opere che Rai Cultura dedica al compositore austriaco. L’opera, in onda domenica 18 giugno alle 10.00 su Rai5, anticipa “Le nozze di Figaro”, in programmazione domenica 25 giugno: entrambe sono proposte da Rai5 nelle versioni che hanno aperto le edizioni 2015 e 2016 del Festival di Spoleto, per annunciare il “Don Giovanni” che inaugurerà la prossima edizione del Festival. Rai Cultura seguirà l’evento in diretta venerdì 30 giugno a partire dalle 19.30 su Rai5. Per “Così fan tutte” la regia è di Giorgio Ferrara, le scene e i costumi sono dei premi Oscar Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo, le luci di Daniele Nannuzzi. L’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, fondata da Riccardo Muti, è condotta da James Conlon, direttore di fama internazionale nonché direttore dell’Orchestra Nazionale della Rai. L’International Opera Choir è diretto dal maestro Gea Garatti.

Fiordiligi Francesca Dotto
Dorabella Ruxandra Donose 
Guglielmo Rodion Pogossov
Ferrando Joel Prieto 
Despina Marie McLaughlin 
Don Alfonso Maurizio Muraro 

 

direttore James Conlon

regia Giorgio Ferrara

Link al commento
Condividi su altri siti

15 ore fa, Alucard dice:

Com'è MTT con Beeth?

Questo disco è buono (contiene anche la Seconda) e fornisce l'occasione per ascoltare questa rara cantata d'occasione. SACD che fa parte di una serie di registrazioni live per l'etichetta autonoma della SFSO: c'è grande equilibrio interpretativo, grande coesione, tenuta timbrica e varietà di fraseggio. Manca però di vitalità, di vorticosità, di tensione espressiva e il suono dell'orchestra non mi è sembrato molto adatto al repertorio, troppo "pieno" e "smussato", almeno per i miei gusti odierni. Tilson Thomas fu autore con la ECO negli anni '80 (dischi CBS/Sony) di un'integrale sinfonica di discreto livello, con uno dei primi approcci para-filologici (forse proprio il primo) alle sinfonie beethoveniane, basato essenzialmente sulla riduzione dell’organico, regolato su quello haydniano. Ma al di fuori di questo, sono esecuzioni "tradizionali" nell'approccio (non credo che MTT si sia mai interessato allo studio della prassi hip). Incise anche un CD (sempre anni '80) con gli ultimi lavori corali di Beethoven, molto bello (con la LSO).

°°°°°°

Bernstein

Symphony No.2 "The Age of Anxiety"

Tocco/BBCSO/Slatkin

34284894312_1f338c4610_n.jpg

Link al commento
Condividi su altri siti

55 minuti fa, Ives dice:

questa rara cantata d'occasione

Tre bei/grandi momenti di quest'opera. Il coro iniziale:

Il recitativo accompagnato e l'aria "Da kam Joseph", rabbioso e già beethoveniano ante litteram, con cui l'autore aggredisce il retorico testo e lo trascende sguinzagliando la sua arte che, seppure in boccio, è già scafata: 

Segue il momento massonico, luminoso per definizione. Il grande biografo beethoveniano Riezler considerava quest'aria il primo segno - in ordine cronologico - della genialità del suo autore:

 

Link al commento
Condividi su altri siti

                           Antonio  Vivaldi

     Cantate per soprano e basso continuo   (versione integrale 4 cd ) volume  I . II . III . IV

                          Cecilia Gasdia   soprano

                          Barocco Veneziano

                          Claudio Ferrarini  direttore

reg. 23-25.6.1997 c/o BADIA CAVANA  Lesignano (pr)

 

 

 

 

                

Link al commento
Condividi su altri siti

                    Johannes Brams

Concerto per violino,violoncello ed Orchestra in la min. op. 102

Anne Sophie Mutter, violino, Antonio Meneses, cello

                  Berliner Philarmoniker

                  Herbert von Karajan

Link al commento
Condividi su altri siti

On 14/6/2017 at 16:06, Ives dice:

Leoncavallo

Pagliacci

Pavarotti/Freni/Wixell

NPO/Patané

411RQ40MZRL.jpg

Con un'orchestra operistica (e che coro!) londinese che all'epoca era la migliore su piazza (National Philharmonic, orchestra messa in piedi appositamente dalla Decca solo per incidere opere liriche), Patanè (quasi sempre mestierante della bacchetta) firma qui il suo capolavoro esecutivo: ritmo teatrale inesorabile, narrazione vibrante, musicalità sparsa a piene mani, accompagnamento sensualissimo delle voci. Siamo pressochè al livello di un Karajan, per me, 15 anni prima alla Scala. Pavarotti e Freni spadroneggiano; bene Wixell morbido, notevole nell'accento ma un pò glaciale nel timbro; Bello e Saccomanni corretti.

Assolutamente d'accordo!

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Madiel locked this topic
Ospite
Questa discussione è chiusa.
 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy