Vai al contenuto

Cosa state ascoltando ? Anno 2015


Madiel
 Condividi

Recommended Posts

Certo. Ascoltato lo studio op. 25 n.6 fatto da lui non si può ascoltare una versione diversa. É disarmante la perfezione e la sensibilità a cui arriva.

Dici? Ne stavamo parlando altrove, io in quello studio li sto bocciando tutti... Con Pogorelich di buono c'è che rallenta alla ripresa dove piace a me, ma anche altri interpreti indugiano su quelle battute. Ancora non ho trovato un interprete che mi piaccia davvero in quello studio, certo mi mancano tanti russi e polacchi da ascoltare... :punish: quindi non demordo.

Il suo merito principale è quello di aver sottoposto brani del grande repertorio romantico (Chopin in particolare, ma anche il Liszt della sonata o il Tchaikovsky del primo concerto) ad un rigore tipicamente barocco-classico (le sue incisioni di Bach, Scarlatti, Mozart, Haydn, Beethoven dimostrano una naturale attitudine per quel repertorio) mantenendo una intensità espressiva molto forte. [...]

Attenzione che in questo senso lo Chopin di Pogorelich è molto più vicino a Rubinstein (ancora più a Gulda) che non a Horowitz o Cortot.

Oh figlio di Chopin, me li accosti? :o Dimentichi forse quanto Rubinstein sia stato costante durante la sua carriera pianistica mentre di Pogo non fate che ascoltare l'artista sensazionale che fu. La tua descrizione d'esordio potrebbe anche applicarsi a Gould, peccato che lui odiasse Chopin e il romanticume in generale, quindi Pogo ha completato l'opera incompiuta di Glenn. XD

Mi piacerebbe continuare a disquisire di chopiniani che furono e non, ma devo recuperare gli ascolti della settimana. Riascolto l' Ottetto, Op. 20 Felix Mendelssohn - Heifetz & Co : https://youtu.be/7A8WORYVF44

Snoopy esprimerà un parere al posto mio :lol:

20.jpg

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Risposte 10,3k
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

Top utenti di questa discussione

Oh figlio di Chopin, me li accosti? :o Dimentichi forse quanto Rubinstein sia stato costante durante la sua carriera pianistica mentre di Pogo non fate che ascoltare l'artista sensazionale che fu.

è influente?! :) voglio dire, il fatto che la Callas cantasse a schifo nella sua ultima tourneè negli anni '70 compromette quel che di buono ha fatto nei '50?

La tua descrizione d'esordio potrebbe anche applicarsi a Gould, peccato che lui odiasse Chopin e il romanticume in generale, quindi Pogo ha completato l'opera incompiuta di Glenn. XD

sicuramente Gould sembra essere una influenza, ma il mio parallelo era più di natura storica/estetica, Rubinstein (parole sue) leggeva nel romanticismo chopiniano una radice classica, così impostò le sue interpretazioni in quel senso. Il Pogo, con tutt'altra costruzione del suono, partiva secondo me dallo stesso assunto. Ovvio che poi suonavano diversamente, parliamo anche di due artisti generazionalmente molto lontani!

Gould non odiava il romanticismo, odiava quello che lui considerava (a ragione a volte a torto tal'altre) il "pianismo fine a se stesso", fosse Mozart o Chopin... ha frequentato infatti Brahms, Grieg, Bizet, il giovane Strauss, Mendelssohn, il primo Scriabin e tal'altre cose che mi sfuggono, con esiti talvolta sorprendenti.

Link al commento
Condividi su altri siti

è influente?! :) voglio dire, il fatto che la Callas cantasse a schifo nella sua ultima tourneè negli anni '70 compromette quel che di buono ha fatto nei '50?

Sì, per il modo in cui io tendo a valutare un artista... Anche il nostro tempo ha bisogno di figure di rilievo, per il passato ci son già una caterva di nomi! Questa è la mia opinione al momento. La Callas non è (era) pianista, lo strumento della voce è ben altra cosa e si deteriora come niente. :blink:

[...] Rubinstein (parole sue) leggeva nel romanticismo chopiniano una radice classica, così impostò le sue interpretazioni in quel senso. Il Pogo, con tutt'altra costruzione del suono, partiva secondo me dallo stesso assunto. Ovvio che poi suonavano diversamente, parliamo anche di due artisti generazionalmente molto lontani!

Per lui (non per me) parlatene per quello che effettivamente è, un artista vivente. :o

Chopin adorava Mozart (e Bach) e snobbava quasi tutti i suoi contemporanei, nulla di strano quindi se ci si vuole appellare ad una radice classica, il rapporto Gould-Chopin invece rimane un mistero. Gould odiava la moda e la moda era il romanticume, mi pare dedicò anche uno scritto in proposito.

Henryk Wieniawski

Deux mazourkas de salon op. 12 - questa volta la n.1 La champetre (Sielanka)

Piotr Pławner - violino

>https://www.youtube.com/watch?v=eT6DHECQG10

L'inizio mi piace molto, poi si perde leggermente...

Link al commento
Condividi su altri siti

>https://www.youtube.com/watch?v=pg_EHUGRgos

Maledizione, ma che meraviglia! Questo è anelito verso l'infinito, è voluttà che continuamente si rinnova, tutta la violenza e la dolcezza dell'amore nello stesso tempo. Sono fiero che un essere umano sia riuscito a scrivere questo.

Link al commento
Condividi su altri siti

Oggi fa caldissimo (e l'allergia inizia a farsi sentire), sono stanco di leggere e non ho voglia di ascoltare nulla che sia seppur minimamente impegnativo quindi ripiego su



MI0003150858.jpg?partner=allrovi.com


MI0001192859.jpg?partner=allrovi.com


MI0003475326.jpg?partner=allrovi.com


MI0003128942.jpg?partner=allrovi.com


MI0003486956.jpg?partner=allrovi.com



non necessariamente tutto in quest'ordine o in modo completo, dipende da come va il morale.



Ovviamente volume abbastanza alto non per cattiveria ma per condividere col resto del mondo un po' di scoppiettante gioia barocca =p

Link al commento
Condividi su altri siti

Maledizione, ma che meraviglia! Questo è anelito verso l'infinito, è voluttà che continuamente si rinnova, tutta la violenza e la dolcezza dell'amore nello stesso tempo. Sono fiero che un essere umano sia riuscito a scrivere questo.

oh no! Kraus è passato dalla parte del nemico! :o

Link al commento
Condividi su altri siti

Sì, per il modo in cui io tendo a valutare un artista... Anche il nostro tempo ha bisogno di figure di rilievo, per il passato ci son già una caterva di nomi! Questa è la mia opinione al momento. La Callas non è (era) pianista, lo strumento della voce è ben altra cosa e si deteriora come niente. :blink:

Per lui (non per me) parlatene per quello che effettivamente è, un artista vivente. :o

Nei casi degli strumentisti non si deteriora la voce ma spesso subentrano problemi fisici o malattie che impediscono di proseguire la carriera o la compromettono. Pensa a Fleisher, alla Chung, a Solomon, a Ogdon, anche a Horowitz o ai tanti che improvvisamente hanno dovuto scontrarsi con l'artrite, pur cercando di restare in carriera per campare la famiglia. Oggi Pogorelich all'evidenza è malato, cerca di fare quel che può perché è ancora giovane e nessuno gli pagherebbe la pensione: a volte riesce a essere abbastanza convincente, più spesso scatena nel pubblico il rimpianto per quello che fu.

Link al commento
Condividi su altri siti

Wolfgang Amadeus MOZART


Sonata per pianoforte in fa maggiore K. 280



Grigory Sokolov




Ora non ho sotto mano altre incisioni, ma non credo di sbagliare dicendo che questa è forse una di quelle con i tempi più rilassati (7'40" - 9'52" - 4'16"). Eppure (secondo me!) non c'è immediata sensazione di lentezza eccessiva, né i tempi rilassati vanno a sostegno di un'enfasi romanticheggiante, dalla quale anzi il buon Sokolov si tiene distante. Per dire, l'adagio rimane su un clima estatico, riflessivo e pudico ma in pieno '700 e con un nitore che lo tiene ben lontano da certe schubertizzazioni o schumannizzazioni che un tempo caratterizzavano molte letture mozartiane. Formidabile, come sempre, l'azione di cesello su ogni nota e su ogni articolazione, con un prodigioso controllo delle microdinamiche. Bello. (LudwigII, tieniti alla larga, credo che non faccia per te :D )


Link al commento
Condividi su altri siti

no ti devi ascoltare la sua Nona di Schubert, Alu.. 50 minuti di brividi. Spettacolo puro.. Punto.

Altro che tremare, durante le sciabolate in fortissimo degli archi nell' Andante con moto avevo paura che le colonne si spezzassero...e che mi crollasse tutto il legno del cupolone in testa.

Domani me la riascolto, ti dedicherò tutti le meravigliose, irresistibili melodie degli oboi nell' Andate con moto :). Andante con moto, sempre lui. Forse dovrei andare all' anagrafe e cambiarmi il nome o il cognome in "Andante con moto"..

Non dirlo a me... ne ho almeno 3 versioni dirette da Furt: 1942, 1951 e 1953. La versione del 1951 tra l'altro è incisa piuttosto bene. Quella del 1942, comunque, è davvero da brividi.

Link al commento
Condividi su altri siti

Wieniawski: Concerto per Violino No.2


Laie_39.gifShlomo Mintz, violino



>https://www.youtube.com/watch?v=MYzYVsvD5as



Ma che bel concerto! :wub: Forse anche meglio del tanto blasonato concerto di Tchaikovsky! Ho detto forse perché mi riservo di (ri)ascoltarlo ora, ma di sicuro sono due personalità diverse.


Link al commento
Condividi su altri siti

Non dirlo a me... ne ho almeno 3 versioni dirette da Furt: 1942, 1951 e 1953. La versione del 1951 tra l'altro è incisa piuttosto bene. Quella del 1942, comunque, è davvero da brividi.

Le stesse mie (più un'altra meno interessante registrata in Svezia durante la guerra) e confermo la predilezione per quella del '42 ;).

Ora riprendo la conoscenza di Pogorelich ascoltando tutto il primo concerto di Ciaicovskij con Abbado (speriamo di farcela... :D):

https://www.youtube.com/watch?v=yYP3uXyHwlc&list=PL224FD4D7397DC3A2

In controdedica a zeit (anche se non mi pare sia nelle tue corde) e a Kovskij, Flaux, Desa, Rinaldino e chi altro gradisce.

Link al commento
Condividi su altri siti

Guest zeitnote

Le stesse mie (più un'altra meno interessante registrata in Svezia durante la guerra) e confermo la predilezione per quella del '42 ;).

Ora riprendo la conoscenza di Pogorelich ascoltando tutto il primo concerto di Ciaicovskij con Abbado (speriamo di farcela... :D):


>https://www.youtube.com/watch?v=yYP3uXyHwlc&list=PL224FD4D7397DC3A2

In controdedica a zeit (anche se non mi pare sia nelle tue corde) e a Kovskij, Flaux, Desa, Rinaldino e chi altro gradisce.

Scherzi?! Tutto ciò che riguarda Tscikovski (credo che lo pronuncino così in russo) è nelle mie corde!

Link al commento
Condividi su altri siti

Beethoven: Sonata per piano in la maggiore, Op.101



Maurizio Pollini



_____________________________



Sono particolarmente affezionato alle ultime sonate per piano di Ludovico in questa apollinea interpretazione del nostro Pollini.


:heart:


Link al commento
Condividi su altri siti

0794881990825.jpg

E da lunedì che non faccio che ascoltare il Wunderhorn in tutte le salse. Questa mi sta piacendo molto...

A burpo e Fibbo.

grazie mille e buona giornata a te e al forum...

ricambio con l'ascolto attuale, Leonin e Perotin coi loro meravigliosi capolavori, stavolta cantano i Tonus Peregrinus

MI0001106318.jpg?partner=allrovi.com

linko una rece a dir poco entusiastica http://www.allmusic.com/album/leonin-perotin-sacred-music-from-notre-dame-cathedral-mw0001550910

estendo a Ives,Pollini,Alucard

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Madiel locked this topic
Ospite
Questa discussione è chiusa.
 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy