Vai al contenuto
g-nov

l'angolo del neofita

Recommended Posts

Siccome poi non so da cosa cominciare, e non ho francamente tanti soldi ( cioè non mi posso permettere di comprare CD "a casaccio"), potreste gentilmente consigliarmi un CD a testa che potrei prendermi? ^^

Sicuramente questo

453c676a48454a1fa9c21ce7b0b27b27.jpg_4bd5a7c022f2e-releaseThumbDetail.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti :-)

Scusate, non so se è la sezione adatta (o il post adatto). Sto cercando di avvicinarmi alla musica classica (non conosco praticamente nulla) e da un punto di vista storico lo sto facendo a partire da un testo che all'epoca mi era stato consigliato: Massimo Mila, Breve storia della musica.

Purtroppo lo trovo molto tecnico (magari non lo è nemmeno un pò, ma considerando che parto da zero ci sono fin troppi riferimenti a concetti che non capisco) e praticamente sono ferma ad un terzo di libro.

Ci sono dei testi un pò più discorsivi e più scorrevoli?

O che magari spiegano un pò meglio i concetti che vanno a trattare'

Grazie a tutti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti :-)

Scusate, non so se è la sezione adatta (o il post adatto). Sto cercando di avvicinarmi alla musica classica (non conosco praticamente nulla) e da un punto di vista storico lo sto facendo a partire da un testo che all'epoca mi era stato consigliato: Massimo Mila, Breve storia della musica.

Purtroppo lo trovo molto tecnico (magari non lo è nemmeno un pò, ma considerando che parto da zero ci sono fin troppi riferimenti a concetti che non capisco) e praticamente sono ferma ad un terzo di libro.

Ci sono dei testi un pò più discorsivi e più scorrevoli?

O che magari spiegano un pò meglio i concetti che vanno a trattare'

Grazie a tutti!

Per significati dei termini tecnici, breve storia della musica, primi concetti e rudimenti di armonia e grammatica musicale puoi accompagnare la lettura di Mila con la consultazione della Garzantina Musica. Tieni comunque presente che quella di Mila è una storia della musica. Complimenti per il nick e per l'avatar. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per significati dei termini tecnici, breve storia della musica, primi concetti e rudimenti di armonia e grammatica musicale puoi accompagnare la lettura di Mila con la consultazione della Garzantina Musica. Tieni comunque presente che quella di Mila è una storia della musica. Complimenti per il nick e per l'avatar. :)

Ti ringrazio miaskovsky, provvederò a procurami la Garzantina dunque :)

Per coerenza avrei dovuto allegare al nick un'immagine almeno di Kirchner ;) (Marcella ad esempio), invece ho scelto Picasso :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti :-)

Scusate, non so se è la sezione adatta (o il post adatto). Sto cercando di avvicinarmi alla musica classica (non conosco praticamente nulla) e da un punto di vista storico lo sto facendo a partire da un testo che all'epoca mi era stato consigliato: Massimo Mila, Breve storia della musica.

Purtroppo lo trovo molto tecnico (magari non lo è nemmeno un pò, ma considerando che parto da zero ci sono fin troppi riferimenti a concetti che non capisco) e praticamente sono ferma ad un terzo di libro.

Ci sono dei testi un pò più discorsivi e più scorrevoli?

O che magari spiegano un pò meglio i concetti che vanno a trattare'

Grazie a tutti!

Mi permetto di suggerire per l'ennesima volta due libretti a poco prezzo e di lettura piacevole, svelta e agevolissima per chiunque, per iniziare. Poi, soprattutto, ascolta, frequenta i concerti dal vivo e va' dove ti porta il cuore...o l'orecchio. :thumbsup_still:
/>http://www.ibs.it/co...coltare-la.html
/>http://www.ibs.it/co...mporre-una.html (tieni conto che in questo caso i suggerimenti discografici sono soltanto indicativi, perché frutto delle preferenze dell'autore e condizionati dal fatto che il libro ha già qualche anno e nel frattempo alcuni dischi potrebbero essere finiti fuori catalogo o potrebbero esserne usciti di nuovi molto più belli; è la presentazione dei pezzi che conta).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti :-)

Scusate, non so se è la sezione adatta (o il post adatto). Sto cercando di avvicinarmi alla musica classica (non conosco praticamente nulla) e da un punto di vista storico lo sto facendo a partire da un testo che all'epoca mi era stato consigliato: Massimo Mila, Breve storia della musica.

Purtroppo lo trovo molto tecnico (magari non lo è nemmeno un pò, ma considerando che parto da zero ci sono fin troppi riferimenti a concetti che non capisco) e praticamente sono ferma ad un terzo di libro.

Ci sono dei testi un pò più discorsivi e più scorrevoli?

O che magari spiegano un pò meglio i concetti che vanno a trattare'

Grazie a tutti!

Beh, visto quanto detto nel topic di Scriabin, io ti consiglierei di ascoltare musica più che leggere libri. Da neofita, sei come cemento fresco: quello che ci imprimi potrebbe restarti a vita.

Non so cosa c'è scritto su questi libri, ma metti che l'autore definisca Scriabin megalomane, Rachmaninoff insignificante, Liszt pattume e Schoenberg schizzato, quando andrai ad ascoltare le musiche quello che hai letto ri riecheggerà nelle orecchie e per forza di cose andrà a costituire un pregiudizio.

Io direi di digitare BACH su youtube e inizia ad ascoltare: quando t'innamori di un pezzo, vai a comprare il CD. Tanto Bach è il Sommo, quindi qualsiasi cosa ascolti di lui, va bene. E poi ha scritto oltre 1000 opere...

Poi magari ti cominci a estendere ad Haydn, Mozart e Beethoven, magari non tralasciando le ouvertures di Rossini, che fanno bene alla salute anche se sei una roccia! :thumbsup_still:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi permetto di suggerire per l'ennesima volta due libretti a poco prezzo e di lettura piacevole, svelta e agevolissima per chiunque, per iniziare. Poi, soprattutto, ascolta, frequenta i concerti dal vivo e va' dove ti porta il cuore...o l'orecchio. :thumbsup_still:
/>http://www.ibs.it/co...coltare-la.html
/>http://www.ibs.it/co...mporre-una.html (tieni conto che in questo caso i suggerimenti discografici sono soltanto indicativi, perché frutto delle preferenze dell'autore e condizionati dal fatto che il libro ha già qualche anno e nel frattempo alcuni dischi potrebbero essere finiti fuori catalogo o potrebbero esserne usciti di nuovi molto più belli; è la presentazione dei pezzi che conta).

ciao giobar, cliccando sui rimandi ad ibs non riesco a visualizzare le pagine :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh, visto quanto detto nel topic di Scriabin, io ti consiglierei di ascoltare musica più che leggere libri. Da neofita, sei come cemento fresco: quello che ci imprimi potrebbe restarti a vita.

Non so cosa c'è scritto su questi libri, ma metti che l'autore definisca Scriabin megalomane, Rachmaninoff insignificante, Liszt pattume e Schoenberg schizzato, quando andrai ad ascoltare le musiche quello che hai letto ri riecheggerà nelle orecchie e per forza di cose andrà a costituire un pregiudizio.

Io direi di digitare BACH su youtube e inizia ad ascoltare: quando t'innamori di un pezzo, vai a comprare il CD. Tanto Bach è il Sommo, quindi qualsiasi cosa ascolti di lui, va bene. E poi ha scritto oltre 1000 opere...

Poi magari ti cominci a estendere ad Haydn, Mozart e Beethoven, magari non tralasciando le ouvertures di Rossini, che fanno bene alla salute anche se sei una roccia! :thumbsup_still:

In effetti, anch'io mi ero posta lo stesso quesito. Ad ogni modo, mi è stata regalata l'opera completa di J.S.Bach. Avevo ascoltato su suggerimento di un utente (non ricordo il nick scusate) il concerto per violino in Mi maggiore (BWV 1042) e me ne ero innamorata. Così ho deciso di approfondire. Solo che allo stesso tempo, vorrei leggere qualcosa per inquadrare ciò che ascolto, e a me è sconosciuto anche il significato di un tono e semitono, tanto per dirne una e fare una figuraccia pubblica bestiale....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In effetti, anch'io mi ero posta lo stesso quesito. Ad ogni modo, mi è stata regalata l'opera completa di J.S.Bach. Avevo ascoltato su suggerimento di un utente (non ricordo il nick scusate) il concerto per violino in Mi maggiore (BWV 1042) e me ne ero innamorata. Così ho deciso di approfondire. Solo che allo stesso tempo, vorrei leggere qualcosa per inquadrare ciò che ascolto, e a me è sconosciuto anche il significato di un tono e semitono, tanto per dirne una e fare una figuraccia pubblica bestiale....

Ciao! Se mastichi l'inglese c'è il bel sito Allmusic che descrive moltissime composizioni di Bach (per il caso specifico del BWV 1042 c'è la pagina http://www.allmusic....530/description), la pagina generale sulla musica strumentale bachiana è invece http://www.bach-cant...nVocal.htm#Solo.

Spero possa esserti d'aiuto :)

Molto utili le note di accompagnamento ai CD (non nel caso delle opere omnia, purtroppo, perché lì si bada proprio ad offrire all'ascoltatore il minimo indispensabile): se sono ben fatte inquadrano storicamente la composizione, il periodo in cui l'autore l'ha scritta e le sue vicende biografiche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Avevo ascoltato su suggerimento di un utente (non ricordo il nick scusate) il concerto per violino in Mi maggiore (BWV 1042) e me ne ero innamorata.

Allora probabilmente ero proprio io! E' una delle prime opere di Bach che suggerisco sempre quando qualcuno chiede consigli! :laughingsmiley:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Fede_Rinhos

Allora probabilmente ero proprio io! E' una delle prime opere di Bach che suggerisco sempre quando qualcuno chiede consigli! :laughingsmiley:

probabilmente è uno dei concerti per violino più belli di sempre :)

comunque è proprio curioso come funziona l'educazione musicale di una persona. Figuratevi, mi sono avvicinato alla contemporanea solo per merito di un mio amico che mi ha detto "ascoltati i Vingt Regards sur l'Enfant Jésus, sono una figata" e poi "ascolta Ionisation di Varèse", e da lì sono finito ad ascoltare Philip Glass :D la vita è strana...il nostro imprinting musicale segue strade contorte..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao giobar, cliccando sui rimandi ad ibs non riesco a visualizzare le pagine :(

Stranissimo, eppure ieri avevo pure provato i link, ottenuti peraltro con un banale copia e incolla.

Comunque, sempre su ibs (o in qualsiasi altro sito di libri o libreria) puoi cercare:

- Claudio Casini, L'arte di ascoltare la musica, Bompiani, 2004 (è la riedizione senza particolari modifiche, del libro publicato da Rusconi nel 1998 e che si trova invece agevolmente nei remainders)

- Giorgio Pestelli, Gli immortali. Come comporre una discoteca di musica classica, Einaudi tascabili, 2007

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao! Se mastichi l'inglese c'è il bel sito Allmusic che descrive moltissime composizioni di Bach (per il caso specifico del BWV 1042 c'è la pagina http://www.allmusic....530/description), la pagina generale sulla musica strumentale bachiana è invece http://www.bach-cant...nVocal.htm#Solo.

Spero possa esserti d'aiuto :)

Molto utili le note di accompagnamento ai CD (non nel caso delle opere omnia, purtroppo, perché lì si bada proprio ad offrire all'ascoltatore il minimo indispensabile): se sono ben fatte inquadrano storicamente la composizione, il periodo in cui l'autore l'ha scritta e le sue vicende biografiche.

Ciao kraus! Sì, con l'inglese me la cavo, grazie 1000, dò un'occhiata!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Allora probabilmente ero proprio io! E' una delle prime opere di Bach che suggerisco sempre quando qualcuno chiede consigli! :laughingsmiley:

:laughingsmiley: credo di sì in effetti! è un video con una scenografia molto de chirichiana :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Stranissimo, eppure ieri avevo pure provato i link, ottenuti peraltro con un banale copia e incolla.

Comunque, sempre su ibs (o in qualsiasi altro sito di libri o libreria) puoi cercare:

- Claudio Casini, L'arte di ascoltare la musica, Bompiani, 2004 (è la riedizione senza particolari modifiche, del libro publicato da Rusconi nel 1998 e che si trova invece agevolmente nei remainders)

- Giorgio Pestelli, Gli immortali. Come comporre una discoteca di musica classica, Einaudi tascabili, 2007

E grazie anche a te giobar! Provo a cercarli in biblioteca, così mi faccio un pò un'idea!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In particolare sul BWV 1042 c'è anche questo:

http://jsundram.free...h_Concerto.html

Per l'ascolto c'è anche un'altra possibilità, quella di seguire la musica con lo spartito davanti agli occhi (molte volte i video su You Tube presentano anche una partitura scorrevole, se non se ne trovano si può consultare il sito della Imslp (http://imslp.org/wiki/, http://imslp.org/ind...itst=Recordings per andare direttamente all'indice dei compositori) e scaricare lo spartito direttamente da lì).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rispolvero questo thread.

Al neofita ambizioso suggerisco di procurarsi una incisione di musiche per tastiera di JS Bach ed ascoltare esclusivamente queste per diversi giorni, cercando se possibile di isolarsi da qualunque suono (dis)organizzato esterno.

In particolar modo il Clavicembalo ben temperato suonato su pianoforte.

Quindi niente radio, niente televisione, niente cinema con colonna sonora eccetera eccetera.

E spararsi il clavicembalo ben temperato per diverse ore al giorno (il massimo sarebbe almeno 4) per un paio di settimane fin quando non si sviene per il piacere e si va in estasi (comprensione completa del linguaggio musicale).

Questo per vari motivi...

Innanzitutto perchè un giorno di follia diversi anni fa definii grande musica tutta quella che era compatibile con la migliore tradizione e quindi compatibile con l'apprezzamento di Bach, er mejo figo der bigoncio... intimamente convinto che tutti i migliori compositori ed improvvisatori moderni si fossero formati su questa musica.

Mi serviva una pietra di paragone per definire la grandezza.

Poi perchè il temperamento fa piazza pulita di stonature, distorsioni a cui l'orecchio ingenuo è (dis)educato.

Alla stessa maniera la presenza di più voci allena la capacità di riconoscere strutture e capire come i diversi strumenti dialogano fra loro. E questo indipendentemente dallo stile e dall'epoca.

La ricchezza armonica poi è notevole. Così come il pulsare ritmico.

Inoltre la presenza di tutte le tonalità maggiori e minori.

Una palestra perfetta.

Anzi ora che ci penso... siccome sono stato fermo un po' di tempo con gli ascolti, e mi si sono intorpidite le meningi mi faccio una bella ripassata!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Poi perchè il temperamento fa piazza pulita di stonature, distorsioni a cui l'orecchio ingenuo è (dis)educato.

eh? Guarda che il temperamento crea distorsioni e stonature. Inoltre di quale temperamento parliamo? Bach di certo non utilizzava il temperamento equabile che viene usato oggi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rispolvero questo thread.

Al neofita ambizioso suggerisco di procurarsi una incisione di musiche per tastiera di JS Bach ed ascoltare esclusivamente queste per diversi giorni, cercando se possibile di isolarsi da qualunque suono (dis)organizzato esterno.

In particolar modo il Clavicembalo ben temperato suonato su pianoforte.

Quindi niente radio, niente televisione, niente cinema con colonna sonora eccetera eccetera.

E spararsi il clavicembalo ben temperato per diverse ore al giorno (il massimo sarebbe almeno 4) per un paio di settimane fin quando non si sviene per il piacere e si va in estasi (comprensione completa del linguaggio musicale).

Questo per vari motivi...

Innanzitutto perchè un giorno di follia diversi anni fa definii grande musica tutta quella che era compatibile con la migliore tradizione e quindi compatibile con l'apprezzamento di Bach, er mejo figo der bigoncio... intimamente convinto che tutti i migliori compositori ed improvvisatori moderni si fossero formati su questa musica.

Mi serviva una pietra di paragone per definire la grandezza.

Poi perchè il temperamento fa piazza pulita di stonature, distorsioni a cui l'orecchio ingenuo è (dis)educato.

Alla stessa maniera la presenza di più voci allena la capacità di riconoscere strutture e capire come i diversi strumenti dialogano fra loro. E questo indipendentemente dallo stile e dall'epoca.

La ricchezza armonica poi è notevole. Così come il pulsare ritmico.

Inoltre la presenza di tutte le tonalità maggiori e minori.

Una palestra perfetta.

Anzi ora che ci penso... siccome sono stato fermo un po' di tempo con gli ascolti, e mi si sono intorpidite le meningi mi faccio una bella ripassata!

Perdonami Caro Tony ma non ti comprendo!! Non comprendo il tuo linguaggio, non capisco questi continui riferimenti (per me esagerati) alle emozioni che provi nell'ascolto ( il già citato problema "percezione-accettazione-comprensione della musica" ...svenimenti botte allo stomaco e via dicendo.

Guarda non prendertela a male se ti dico queste cose perchè IO SONO UN NEOFITA DOC, e non credo che ascoltare ogni giorno 4 ore Il "Clavicembalo" mi porti ad amarlo e soprattutto a comprenderlo, perdonami ma ho i miei sani dubbi. Soprattutto se come credenziali ho un Jarrett!

Penso che tu ami la musica come me e come tutti noi ma non puoi consigliare a dei novizi Le 4 stagioni di Vivaldi (in esecuzione filologica? e perchè?) e contemporaneamente Il pierrot lunaire di Schönberg, e concludere con Concerto alla scala di keith Jarrett (sic).

HO una certà età caro Tony vengo dal Rock (Progressive) e dal Jazz mi sono avvicinato tardi alla classica, per un pò anch'io ho avuto un approccio come dire "trasversale" nel tipo di ascolto. Oggi le cose sono cambiate, per necessità razionali di comprendere al meglio questa stupenda musica ho bisogno (nel poco tempo disponibile) di ben precise coordinate lessicali musicali teoriche storiche e faccio fatica a mischiare Obrecht con i Soft Machine credimi.

Concluso questo mio sfogo ti saluto con enorme simpatia (ho ancora i Sun Bear Concerts cosa credi)e mi scuso anticipatamente se ho fatto l'antipatico Ciao!!! :new_russian:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eh? Guarda che il temperamento crea distorsioni e stonature. Inoltre di quale temperamento parliamo? Bach di certo non utilizzava il temperamento equabile che viene usato oggi.

Non mi risultava che Bach non usasse lo stesso temperamento di oggi. Mi ricordavo che il wtk fosse stato composto proprio per "festeggiare" la nuova invenzione. Il pianoforte di Schiff è comunque accordato :)

Penso che tu ami la musica come me e come tutti noi ma non puoi consigliare a dei novizi Le 4 stagioni di Vivaldi (in esecuzione filologica? e perchè?)

Perchè nelle esecuzioni tradizionali si è persa la dinamica degli strumenti e quindi gran parte del pensiero dell'autore.

e contemporaneamente Il pierrot lunaire di Schönberg, e concludere con Concerto alla Scala di keith Jarrett (sic).

capolavori!

Non hai fatto l'antipatico.

Di quella lista che ho fatto l'unico intruso è forse il concerto di Mozart ...

Poi bisogna capire quale è l'obiettivo di un neofita :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Carlin

Vivaldi filologico e poi Bach sul pianoforte? :embarassed_kid:

Concordo con Rubicon,secondo me hai le idee un po' confuse,anche perchè non capisco la questione delle distorsioni e stonature,cosa facciamo eliminiamo il Novecento?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Perdonami Caro Tony ma non ti comprendo!! Non comprendo il tuo linguaggio, non capisco questi continui riferimenti (per me esagerati) alle emozioni che provi nell'ascolto ( il già citato problema "percezione-accettazione-comprensione della musica" ...svenimenti botte allo stomaco e via dicendo.

Guarda non prendertela a male se ti dico queste cose perchè IO SONO UN NEOFITA DOC, e non credo che ascoltare ogni giorno 4 ore Il "Clavicembalo" mi porti ad amarlo e soprattutto a comprenderlo, perdonami ma ho i miei sani dubbi. Soprattutto se come credenziali ho un Jarrett!

Penso che tu ami la musica come me e come tutti noi ma non puoi consigliare a dei novizi Le 4 stagioni di Vivaldi (in esecuzione filologica? e perchè?) e contemporaneamente Il pierrot lunaire di Schönberg, e concludere con Concerto alla scala di keith Jarrett (sic).

HO una certà età caro Tony vengo dal Rock (Progressive) e dal Jazz mi sono avvicinato tardi alla classica, per un pò anch'io ho avuto un approccio come dire "trasversale" nel tipo di ascolto. Oggi le cose sono cambiate, per necessità razionali di comprendere al meglio questa stupenda musica ho bisogno (nel poco tempo disponibile) di ben precise coordinate lessicali musicali teoriche storiche e faccio fatica a mischiare Obrecht con i Soft Machine credimi.

Concluso questo mio sfogo ti saluto con enorme simpatia (ho ancora i Sun Bear Concerts cosa credi)e mi scuso anticipatamente se ho fatto l'antipatico Ciao!!! :new_russian:

Sono d'accordo, caro Rubicon. Per apprezzare la Musica non occorrono guide, manuali, tecniche o sproloqui presuntuosi. Ognuno prenda dall'Arte quello che crede, come crede, quando crede. Senza teorie strampalate. Ne abbiamo già troppe di coercizioni nella vita...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Carlin

Sono d'accordo, caro Rubicon. Per apprezzare la Musica non occorrono guide, manuali, tecniche o sproloqui presuntuosi. Ognuno prenda dall'Arte quello che crede, come crede, quando crede. Senza teorie strampalate. Ne abbiamo già troppe di coercizioni nella vita...

Secondo me quando una persona interessata ha raggiunto questo Forum ha già fatto metà del lavoro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me quando una persona interessata ha raggiunto questo Forum ha già fatto metà del lavoro

Certo. E credo che più che di teorie strampalate abbia bisogno di leggere i topic, ascoltare gli esempi postati, approfondire con letture adeguate e chiedere delucidazioni ai tanti veri esperti che frequentano il forum.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me quando una persona interessata ha raggiunto questo Forum ha già fatto metà del lavoro

Vero!

comunque tony, suggerimenti a parte, penso tu debba anche pensare che non tutti sono matti (in senso positivo) come te, e sentire bach incatenati, col cilicio e fustigandosi sulla schiena, potrebbe (forse) apparire un po' ostico per chi non abbia intenzione di ascoltare la classica inteso come cammino di espiazione dei propri peccati!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...