Vai al contenuto
Subbasso97

Desiderio antico: regole ensemble flauti dolci

Recommended Posts

Buona sera, premetto che sono un giovane sognatore, quindi, nel caso in cui riteniate superflua questa mia domanda, sarete liberi di non darmi una risposta: lungi da me il desiderio di far perdere del tempo prezioso a qualcuno. Faccio parte di un'orchestra e di un trio (di questo anche come coarrangiatore), e ho qualche nozione di armonia; studio il violoncello e la fisarmonica, ma mi piace approcciarmi (per gioco) anche ad altri strumenti, tra cui i flauti dolci, specialmente il basso in Fa, e da anni desidererei formare un recorder consort (amatorialmente, s'intende, senza grosse pretese), precisamente un ottetto, due parti per modello (soprano, contralto, tenore, basso), sono della stessa idea di Giuseppe Verdi sui quartetti strumentali. Gradirei, per cortesia, avere il parere di un esperto riguardo ad un problema che mi sono posto: premesso che mi riferisco alla famingia in 4', nella sezione grave, onde evitare una carenza di sostegno, sarebbe più opportuno accoppiare ad un primo basso un gran basso (o un contrabbasso) piuttosto che un secondo basso? Personalmente, ascoltando un recorder consort in 4', malgrado l'evidente mancanza di sostegno dovuta all'assenza di gran bassi o contrabbassi, rimango sempre compiaciuto, perchè trovo che la leggerezza dell'insieme sia da considerarsi una peculiarità dei "cori" in 4', e ritengo che un sapiente utilizzo del fenomeno del terzo suono (senza abusarne, chiaramente) possa rendere almeno in minima parte il senso di "pienezza" che danno le sezioni gravi di una famigia strumentale she suona nella tessitura reale; questa è la mia modesta opinione, però ho solo diciassette anni e sto ancora studiando, quindi penso che la valutazione consapevole di una persona più matura nel campo possa essermi di grande aiuto per chiarire questo dubbio. Nel caso in cui non ricevessi alcuna risposta, grazie comunque per aver letto ciò che ho scritto, buon proseguimento.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho modificato il titolo per facilitare gli interessati a leggere e prendere parte alla discussione.


Per il resto... esistono i PM! Ho cancellato lo spam, non è una chat... :prankster2:


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho modificato il titolo per facilitare gli interessati a leggere e prendere parte alla discussione.

Per il resto... esistono i PM! Ho cancellato lo spam, non è una chat... :prankster2:

Mi scusi, forse sono un po' disattento, ma non capisco cosa Lei intenda per "PM".

Modificato da Flaux
Effettuata prova pratica di un PM. ^^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A quanto pare si tratta proprio di una domanda idiota, ma ci tengo, quindi mi sono documentato da me, e ho trovato nel gran basso in Do un validissimo compromesso tra la leggerezza del consort in 4' e la pienezza di un esnsemble in 8': posso ottenere l'effetto soave e angelico di un ensemble di strumenti acuti, ma senza rinunciare completamente ad un accompagnamento dal carattere scuro e profondo tipico di uno strumento grave (in tal caso medio-grave).


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non posso esserti d'aiuto in quanto la famiglia dei dolci mi è praticamente sconosciuta! (manco alle elementari lo suonavo, ho cominciato direttamente con il traverso) Ciò non toglie che il tuo modo di approcciarti all'argomento mi incuriosisce e quindi se hai da scrivere da qualche parte i tuoi pareri ti invito a farlo qui in modo da seguire lo sviluppo! Meglio ancora se riesci in qualche maniera a pubblicare anche qualche resoconto audio della tua ricerca! :)


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

la famiglia dei dolci mi è praticamente sconosciuta!

I membri della famiglia del flauto dolce e i loro estremi gravi sono (dall'alto al basso, considerando il Do3 come Do centrale):

-sopranissimo (più noto con il nome tedesco, "garklein"), Do5;

-sopranino, Fa4;

-soprano (il modello utilizzato nelle scuole medie), Do4;

-contralto, Fa3;

-tenore, Do3;

-basso, Fa2;

-gran basso, Do2;

-contrabbasso, Fa1;

-subcontrabbasso, Do1;

-ottobasso, Fa0.

Curt Sachs, nel suo libro "Storia degli strumenti musicali", fa riferimento anche ad un contralto in Sol3, un tenore in Re3, e un gran basso in Sib1.

Per quanto riguarda la fonte principale grazie alla quale sono giunto ad una conclusione, si tratta del "Passemezzo" per otto flauti dolci di Victor Eijkhout; su IMSLP può trovarne la performance completa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco un esempio sonoro di come ho cercato di sfruttare la mia intuizione sul gran basso, spero almeno un po' gradevole.


<iframe width="480" height="270" src="https://www.youtube.com/embed/QbKcMKGHLnM?rel=0"frameborder="0" allowfullscreen></iframe>


<iframe width="480" height="270" src="https://www.youtube.com/embed/K8IrIkMfY90?rel=0"frameborder="0" allowfullscreen></iframe>


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco un esempio sonoro di come ho cercato di sfruttare la mia intuizione sul gran basso, spero almeno un po' gradevole.

>http://www.youtube.com/watch?v=QbKcMKGHLnM

Purtroppo non si capiscono molto i timbri degli strumenti e molte sfumature sono praticamente inesistenti :blink:, MuseScore (?) non ha delle librerie eccelse purtroppo... ma non sei anche flautista? Perché non hai registrato delle parti con alcuni dolci nelle varie taglie? Il risultato sarebbe stato più apprezzabile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

>http://www.youtube.com/watch?v=QbKcMKGHLnM

Purtroppo non si capiscono molto i timbri degli strumenti e molte sfumature sono praticamente inesistenti :blink:, MuseScore (?) non ha delle librerie eccelse purtroppo... ma non sei anche flautista? Perché non hai registrato delle parti con alcuni dolci nelle varie taglie? Il risultato sarebbe stato più apprezzabile.

Eh, lo so, è l'eterna condanna del mio canale youtube... Sono costretto ad utilizzare MuseScore, perchè mi mancano essenzialmente due elementi: dispositivi in grado di riprendere gli strumenti musicali in maniera almeno accettabile e competenze informatiche sufficienti a creare un buon montaggio delle tracce audio. Per quanto concerne le dinamiche, per fare un esempio, ho rinunciato da un pezzo ad inserirle, perchè manca la gradualità (le funzioni di crescendo e diminuendo esistono solo sotto l'aspetto grafico, ma nella traccia MIDI sono totalmente inesistenti). Per quanto concerne i timbri... I flauti dolci sono, a mio avviso, i più realistici (probabilmente sono i più facili da creare sinteticamente per una questione di armonici), dovrebbe sentire gli archi :ohno01: (se non li ha già sentiti). Ho affrontato, se non mi sbaglio, la questione dell' "eccessiva uniformità timbrica", in uno dei miei video.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eh, lo so, è l'eterna condanna del mio canale youtube... Sono costretto ad utilizzare MuseScore, perchè mi mancano essenzialmente due elementi: dispositivi in grado di riprendere gli strumenti musicali in maniera almeno accettabile e competenze informatiche sufficienti a creare un buon montaggio delle tracce audio.

Io scrivo per pianoforte ultimamente (e quel timbro è tutto sommato accettabile insieme a quello per organo).Potresti provare con un microfono esterno, anche quello incorporato alle cuffie, e un programmino come Audacity.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Potresti provare con un microfono esterno, anche quello incorporato alle cuffie, e un programmino come Audacity.

Ho solo un microfono dinamico da voce, che prende solo se posizionato a un millesimo di millimetro dalla fonte, e comunque è amatoriale, non prende chissà quanto bene gli strumenti... Ci vorrebbe un bel microfono a condensatore, ma chi lo compra?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho solo un microfono dinamico da voce, che prende solo se posizionato a un millesimo di millimetro dalla fonte, e comunque è amatoriale, non prende chissà quanto bene gli strumenti... Ci vorrebbe un bel microfono a condensatore, ma chi lo compra?

Io il flauto traverso lo registravo con uno di quei registratorini dei giornalisti, facendo attenzione a non metterlo troppo vicino alla fonte sonora. Lo so, è un investimento, ma dipende anche dagli obiettivi che uno si pone. Ma siamo off topic. ^^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque per rafforzare il registro grave degli ensemble di flauti dolci una volta era d'uso anche sostituire il basso con uno strumento della famiglia dei cornetti, solitamente il "muto" od il tenore, anche perché molti suonavano strumenti a fiato di diverse famiglie, anche nel corso dello stesso pezzo (le diteggiature erano sempre molto simili).



Può essere un esperimento che vale la pena di fare, anche perché se già i flauti dolci tenore e basso hanno poca risonanza (e non a caso il soprano e soprattutto il contralto erano molto più popolari) dal subbasso in giù si sente davvero poco.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy