Vai al contenuto
J.S. Bach2

Giochino

Recommended Posts

Innanzi tutto, ri-salve a tutti gli amici del forum, che era un po' che non frequentavo. Se qualcuno non si ricorda di me, va tutto a suo indubbio beneficio :)

Vaso subito al punto del 3d. Credo che ogni discofilo obiettivo possa appoggiarmi questa tesi: per quanto noi si possa avere interpreti prediletti, non esiste per ovvi motivi un'integrale di qualsiasi autore che possiamo appoggiare al 100%. Magari perché quel tempo non ci soddsifa, quella registrazione è fiacca o quel trillo io lo farei e l'organista lo salta. Pertanto apro questo sondaggio per chiedervi di formare il disco perfetto, chiedendovi le vostre interpretazioni preferite di una determinata raccolta di opere (vuoi i concerti di Vivaldi/Bach, i corali di Franck o la Nativité di Messiaen), indicando per ogni brano, il musicista che secondo voi meglio lo interpreta. Dato che per certi brani la discografia è realmente sterminata, fisso il limite massimo di indicazioni a tre per composizione.

Parto io con una serie di brani che in realtà ognuno fa storia a sé, ma tant'è: le toccate e fughe di Bach.

Re minore "Dorica" BWV 538: Marie-Claire Alain (sul Silbermann di Freiberg nell'integrale degli anni '90); Jean Guillou (sul Flentrop di Breda, anni '80).

Fa maggiore BWV 540: Marie-Claire Alain (sul Mueller di san Bavone, sempre in quell'integrale)

Do maggiore BWV 564: Daniel Roth (sul C.-C. di Saint Sulpice), Leon Berben (sullo Schnitger di san Lorenzo ad Alkmaar), Jean Guillou (sul van den Heuvel di Saint Eustache in un disco live che ho comprato a Parigi)

Re minore BWV 565: Renato Negri (all'organo Bigi di san Francesco da Paola a Reggio Emilia), Karl Richter (all'organo Riepp di Ottobeuren), Gustav Leonhardt (all'organo Mueller di Waalse Kerk ad Amsterdam)

Do maggiore/Mi maggiore BWV 566: Marie-Claire Alain (sull'organo Silbermann di Freiberg), Ton Koopman (sull'organo Schnitger di san Giacomo ad Amburgo)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bentornato!!! :D

interessante il tuo giochino...

Mi aggrego subito.

Concerto Bach/Vivaldi in La minore: Anton Heiller (organo non specificato nel disco)

Mendelssohn Preludio e Fuga in Do minore Op 37 n.1: Jean Guillou a St. Eustache (organo preesistente, disco del 1974)

Franck Grande Pièce Symphonique: André Marchal a St. Eustache (organo preesistente al preesistente, disco del 1967).

Liszt "Ad Nos...": Daniel Chorzempa all'organo "De Doelen" di Amsterdam

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Innanzi tutto, ri-salve a tutti gli amici del forum, che era un po' che non frequentavo. Se qualcuno non si ricorda di me, va tutto a suo indubbio beneficio :)

Vaso subito al punto del 3d. Credo che ogni discofilo obiettivo possa appoggiarmi questa tesi: per quanto noi si possa avere interpreti prediletti, non esiste per ovvi motivi un'integrale di qualsiasi autore che possiamo appoggiare al 100%. Magari perché quel tempo non ci soddsifa, quella registrazione è fiacca o quel trillo io lo farei e l'organista lo salta. Pertanto apro questo sondaggio per chiedervi di formare il disco perfetto, chiedendovi le vostre interpretazioni preferite di una determinata raccolta di opere (vuoi i concerti di Vivaldi/Bach, i corali di Franck o la Nativité di Messiaen), indicando per ogni brano, il musicista che secondo voi meglio lo interpreta. Dato che per certi brani la discografia è realmente sterminata, fisso il limite massimo di indicazioni a tre per composizione.

Parto io con una serie di brani che in realtà ognuno fa storia a sé, ma tant'è: le toccate e fughe di Bach.

Re minore "Dorica" BWV 538: Marie-Claire Alain (sul Silbermann di Freiberg nell'integrale degli anni '90); Jean Guillou (sul Flentrop di Breda, anni '80).

Fa maggiore BWV 540: Marie-Claire Alain (sul Mueller di san Bavone, sempre in quell'integrale)

Do maggiore BWV 564: Daniel Roth (sul C.-C. di Saint Sulpice), Leon Berben (sullo Schnitger di san Lorenzo ad Alkmaar), Jean Guillou (sul van den Heuvel di Saint Eustache in un disco live che ho comprato a Parigi)

Re minore BWV 565: Renato Negri (all'organo Bigi di san Francesco da Paola a Reggio Emilia), Karl Richter (all'organo Riepp di Ottobeuren), Gustav Leonhardt (all'organo Mueller di Waalse Kerk ad Amsterdam)

Do maggiore/Mi maggiore BWV 566: Marie-Claire Alain (sull'organo Silbermann di Freiberg), Ton Koopman (sull'organo Schnitger di san Giacomo ad v)

Anche a me piace l'interpretazione della BWV 540 a casa ho anche un Cd dell'organista Paolo Baccianella che suona all'organo di S. Teresa di Verona, il titolo è Magnificat e sono interpretazioni di vari autori tra cui sono ottime quelle della Chaconne en sol mineur di Luis Couperin, la fanfara in re M di Lemmens, la fuga alla giga di Bach, preludio, fuga e variazione in si min op. 18 di Franck e bolero de Concert op 166 di Lefebure-Wely. A mio avviso sono magnifiche interpretazioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...