Vai al contenuto

Cosa state ascoltando ? Anno 2014


Madiel
 Condividi

Recommended Posts

Peter Tschaikowsky

Violin Concerto op. 35

Nathan Milstein, violin

Wiener Philharmoniker

Claudio Abbado

DG

51fysGrwTfL.jpg

a chi gradisce

Piglio e porto a casa

Tchaikovsky, concerto per violino

Glazunov, concerto per violino

Berliner, abbado

Vengerov, violino

A chi gradisce

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Risposte 12,7k
  • Creato
  • Ultima Risposta

Top utenti di questa discussione

  • Madiel

    1274

  • Antiphonal

    1065

  • Majaniello

    918

  • Fibbo

    1373

Top utenti di questa discussione

Zitto zitto comincio a ri-scoprire Monteverdi (Vespro della Beata Vergine su TV2000 in questo momento). Forse l'aver cominciato ad apprezzare la musica pre-barocca da qualche tempo sta dando i suoi frutti, perché è la prima volta che riesco ad ascoltare Monteverdi con interesse.

Il miglior metodo se non piace la Musica Rinascimentale è quello di andare indietro gradualmente; Monteverdi è già quasi moderno, è un ottimo punto di partenza.

>https://www.youtube.com/watch?v=5aeLhUEfejg

Mozart suonato su un piano-piano. In dedica a chi gradisce.

A me quest'esecuzione piace molto, in particolare mi paiono molto chiari e "trasparenti" gli archi. Notevole l'uso che fa Mozart del pianoforte in accompagnamento all'orchestra nell'esposizione, cosa che finora ho ascoltato solo in pochissime incisioni "filologiche".

Ora visto che siamo alla fine dell'anno e possiamo lasciarci un po' andare penso che mi ascolterò il terzo Concerto di Rakhmaninoff (Aškenazij/London Symphony Orchestra/Fistoulari) :D :D ...

41DYVBJ71NL.jpg

Prima però magari mi ascolto qualcosa considerato "serio" all'unanimità, poi così vi so dire se resiste.

Link al commento
Condividi su altri siti

Non è questione di politicamente corretto (cosa che detesto profondamente anch'io), ma di rispetto e di moderazione. Io, per esempio, trovo che Verdi fosse un'ottimo drammaturgo ma un musicista di invenzione mediocre e dall'orchestrazione grossolana (me l'hanno anche confermato almeno una cantante ed un maestro di Coro...), ma non è che lo vada a scrivere di continuo e ad ogni occasione.

dicendo che a uno non piace tizio e caio non si manca di rispetto, anzi, si possono pure stimolare le discussioni su aspetti meno noti, meno interessanti o fare considerazioni di varia natura. Da come scrive ha paura che le sue convinzioni vacillino ? Teme qualche lavaggio del cervello ? :D

Riguardo a Verdi ho una opinione molto diversa, ma se me lo chiedeva dieci anni fa sarei stato della sua stessa opinione. Non per questo ora mi offendo.... (per altro, diceva peste e corna pure di Schoenberg :D :D )

Sui "modernisti" continuo a pensare che molti abbiano esagerato, se poi a lei piacciono va benissimo, se li ascolti senza problemi, ma continuo a pensare che un linguaggio neo-modale e consonante o moderatamente dissonante come quello di Hindemith, o persino uno post-Romantico, abbiano ancora piena validità oggi.

certo, ci sono le esagerazioni, ma sono il frutto di precise motivazioni storiche che si stanno ancora oggi indagando. Le esagerazioni, con il tempo, si estinguono da sole. I linguaggi da lei citati sono senz'altro validi, d'altronde coloro che si ispirano ancora alle avanguardie storiche di Stravinsky, Hindemith e Bartok sono tantissimi. Un motivo ci sarà...

Se a molti piace Bach suonato su strumenti d'epoca perché dobbiamo accantonare del tutto nella pratica compositiva Bartók e R. Strauß?

Bisogna vedere cosa si fa di questa pratica. Il problema è solo questo: essere originali, oppure essere epigoni ?

Appunto, già siamo pochi in Italia e poi mi devo pure sentir dire che Mozart, Brahms e Schumann sono dei sopravvalutati :D :D ... E non mi citi qualche minimalista/crossover a me sconosciuto che dopo mi viene la perversa curiosità di andarmeli ad ascoltare :ph34r: :ph34r: !

ho citato due nome celebri di ora, ma si possono aggiungere anche altri nominativi che vanno per la maggiore (Daugherty per esempio). E, comunque, se li ascolta non succede niente, perchè bisogna conoscere per poter criticare. Si figuri, io ho ascoltato pure Allevi proprio per stroncarlo con cognizione di causa.

Link al commento
Condividi su altri siti

Faccio anch'io gli auguri con il III atto del Siegfried (così a Madiel resteranno sullo stomaco lenticchie e cotechino :spiteful::lol:).

Ci risentiamo con l'anno nuovo :hi:.

stasera altro che questo disastro, ne ho evitato uno ben peggiore: volevano costringermi a sentire i Club Dogo dal vivo ( :sick01: ) "tanto per passare una serata diversa". Il freddo polare intenso ha sconsigliato la gita, ho rispedito in paese la dolce metà dalla suocera con la scusa che è sola, e stanotte me ne sto attaccato alla stufa a leggere o a sentire musica sana. Tié

Link al commento
Condividi su altri siti

Per mia discolpa posso dire che era un suggerimento di Youtube al Larghetto di Chopin, ero curiosa di sentire cosa avessero in comune... :mellow: a mio parere nulla. Ma pensavo peggio, qualche strana dissonanza a parte.

il Larghetto di Chopin ? E che c'entra con Mahler ? :scratch_one-s_head:

----

con questo gelo assurdo sono di gusti apocalittici

Berg: Wozzeck, 1° atto

Wiener + Abbado

a tutti, tranne a Masaniellovski, ché altrimenti s'offende :D

Link al commento
Condividi su altri siti

stasera altro che questo disastro, ne ho evitato uno ben peggiore: volevano costringermi a sentire i Club Dogo dal vivo ( :sick01: ) "tanto per passare una serata diversa". Il freddo polare intenso ha sconsigliato la gita, ho rispedito in paese la dolce metà dalla suocera con la scusa che è sola, e stasera me ne sto attaccato alla stufa a leggere o a sentire musica sana. Tié

:rofl:

applausi!

Link al commento
Condividi su altri siti

Richard WAGNER


L'olandese volante



Hotter - Varnay - Svanholm


Haysward -Nilsson - Glaz


Coro e Orchestra del Metropolitan


Fritz Reiner



D'accordo quasi del tutto con la recensione di Wittelsbach. Interpretazione di lusso: incandescente, trascinante, cast nel suo insieme eccellente con Hotter e Varnay superlativi. Non concordo appieno sulla qualità fonica: senz'altro accettabile, tanto da non pregiudicare un ascolto godibile. Ma qua e là il suono si intuba o diventa acido e in alcuni momenti si avverte un fastidioso vai-e-vieni. Dissento poi sul coro: troppa indulgenza dettata forse dai buoni sentimenti che ispira l'insieme dell'esecuzione. Però, diciamolo: il coro è calamitoso e a volte dà l'idea di un branco di cani randagi. Assurdo, infine, il modo in cui è tagliato il duetto Erik-Senta del secondo atto (track 15 a conclusione del CD 1): uno smorzamento del volume fino a zero come a volte fanno alla radio quando il programma sfora e deve entrare la pubblicità o Onda verde. Cosa costava attendere una pausa o, meglio, mettere tutto il secondo atto sul CD 2, dato che ci stava?


Link al commento
Condividi su altri siti

stasera altro che questo disastro, ne ho evitato uno ben peggiore: volevano costringermi a sentire i Club Dogo dal vivo ( :sick01: ) "tanto per passare una serata diversa". Il freddo polare intenso ha sconsigliato la gita, ho rispedito in paese la dolce metà dalla suocera con la scusa che è sola, e stanotte me ne sto attaccato alla stufa a leggere o a sentire musica sana. Tié

Ammiraglio siamo tutti con lei. Tenga duro. Non praevalebunt.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ammiraglio siamo tutti con lei. Tenga duro. Non praevalebunt.

per questo anno sono riuscito a scamparla, conto nella provvidenza per il capodanno 2016 :D

---

continuo con Wozzeck, atti 2 e 3

Abbado

l'apertura della 3a scena atto 2° mi ha sempre molto impressionato. Il violoncello enuncia il tema del largo come se descrivesse con le note l'angoscia del protagonista. E' una pagina terribile, contratta, malata, che sfoga la sua rabbia solo nella conclusione della scena con il ritorno del tema a piena orchestra.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ospite
Questa discussione è chiusa.
 Condividi

  • Chi sta navigando   0 utenti

    • Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy