Vai al contenuto

ance n°uno .......o due


Recommended Posts

ciao oggi per la prima volta in vita mia ho "soffiato" dentro un clarinetto . Ci sono riuscito a farlo suonare !!Ho fatto la scala e per essere il primo giorno sono più che soddisfatto !!.............le ance su questo clarinetto ,un J, Michael con bocchino Yamaha sono tutte del n°1 , che dite:vanno bene o per facilitare l'approccio dovrei provare il n°2


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao oggi per la prima volta in vita mia ho "soffiato" dentro un clarinetto . Ci sono riuscito a farlo suonare !!Ho fatto la scala e per essere il primo giorno sono più che soddisfatto !!.............le ance su questo clarinetto ,un J, Michael con bocchino Yamaha sono tutte del n°1 , che dite:vanno bene o per facilitare l'approccio dovrei provare il n°2

Dipende dal bocchino, ma non credo che la Yamaha faccia dei bocchini tanto aperti da giustificare un'ancia n°1, suppongo che il bocchino in questione sia lo Ymaha 4C che è il più diffuso. Per un allievo che non ha mai fatto suonare un clarinetto con questo bocchino un'ancia n°2 ma anche 2,5 va benissimo. L'ancia n° 1 rischia solo di chiudersi alla minima pressione del labbro

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dipende dal bocchino, ma non credo che la Yamaha faccia dei bocchini tanto aperti da giustificare un'ancia n°1, suppongo che il bocchino in questione sia lo Ymaha 4C che è il più diffuso. Per un allievo che non ha mai fatto suonare un clarinetto con questo bocchino un'ancia n°2 ma anche 2,5 va benissimo. L'ancia n° 1 rischia solo di chiudersi alla minima pressione del labbro

il "4C" non riesco a vederlo sul bocchino comunque sto riuscendo a farlo suonare ..........ma alla prima occasione provo le ance del 2 e 2,5 .Grazie per ora ......

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Maestro c'è scritto Y-12 sul bocchino!!

Non conosco quel modello, ma ribadisco che non credo che la Yamaha produca dei bocchini tanto aperti da giustificare un'ancia n°1. Sono veramente poche le aziende che producono dei bocchini tanto aperti da non tollerare ance con una forza più alta del 2

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

anche io ho cominciato con un cinese un anno fa... poi mi sono appassionato e ho cercato qualcosa di meglio. Ho capito che molte fatiche che facevo erano dovute proprio allo strumento! Vorrà dire che anche tu presto cercherai qualcosa di meglio. Però se non studi un po' di musica... Secondo me potresti cominciare anche solo da un testo scolastico e vedere... Io sono passato dalla biblio comunale ed ho preso tutti i testi interessanti di musica. Se hai 22 euro da spendere ti consiglio Philip Ball. E' un angolazione un po' diversa, ma a me è servito moltissimo , sia a capire molte cose che stanno alla base della teoria , sia a sfatare qualche mito, sia a capire l'importanza delle conoscenze teoriche. Io ho sempre un atteggiamento di questo genere di fronte alle cose nuove, devo capirle "dal di dentro". A quel punto però senza una guida esperta (maestro di clarinetto) che farai? Potrebbe forse bastarti e allora avresti anche fatto bene a prendere il"cinese". Altrimenti vedrai che lo trovi, anche se ti trovassi a Timbuctu! Ciao.


E buon viaggio! (non a Timbuctu, nel senso di "viaggio nella musica" :on_the_quiet2: )


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ti ringrazio della risposta esauriente .Partiamo dallo strumento.Il mio è un J, Michael cl 400 naturalmente da studio con bocchino Yamaha .Ho iniziato studiando sia la musica sul libro di Bruno Italiano "leggere la musica" e sia sul libro clarinettista autodidatta di Eliseo Bellido e mi sto arrangiando cercando guardando su internet .Avrei trovato anche un sassofonista amico che mi darà una mano in un prossimo futuro ma per ora non è possibile per ragioni di lavoro.Sono arrivato a fare le chiavi Portavoce e fino al SI DO RE MI FA SOL E LA riesco ha fare un suono dignitoso il SI e il DO non riesco a fare uscire niente, proprio non riesco ad emettere suono .Credi proprio che sia colpa del "legno" ??? Io penso che molto dipende da me , ma la sua parte la fa anche l'ancia !!


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ti ringrazio della risposta esauriente .Partiamo dallo strumento.Il mio è un J, Michael cl 400 naturalmente da studio con bocchino Yamaha .Ho iniziato studiando sia la musica sul libro di Bruno Italiano "leggere la musica" e sia sul libro clarinettista autodidatta di Eliseo Bellido e mi sto arrangiando cercando guardando su internet .Avrei trovato anche un sassofonista amico che mi darà una mano in un prossimo futuro ma per ora non è possibile per ragioni di lavoro.Sono arrivato a fare le chiavi Portavoce e fino al SI DO RE MI FA SOL E LA riesco ha fare un suono dignitoso il SI e il DO non riesco a fare uscire niente, proprio non riesco ad emettere suono .Credi proprio che sia colpa del "legno" ??? Io penso che molto dipende da me , ma la sua parte la fa anche l'ancia !!

Lo strumento ha la sua importanza , ma l'ancia con il bocchino moooolta di più. Nel tuo caso però hai da lavorare parecchio con l'impostazione della bocca, ed un maestro in questo step è fondamentale. Comunque anche col maestro io pure c'ho messo un anno di dedizione quotidiana di almeno un ora (e credo che fosse cmq pochissimo!) per fare quelle note con una certa disinvoltura (anche i muscoli buccali devono essere portati a compiere agevolmente gli sforzi richiesti)... e non ho fatto che un piccolo passo verso una minima conoscenza dello strumento... ma in fondo , tutto dipende dalla gratificazione che ne riceviamo...

Buono studio!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ti ringrazio della risposta esauriente .Partiamo dallo strumento.Il mio è un J, Michael cl 400 naturalmente da studio con bocchino Yamaha .Ho iniziato studiando sia la musica sul libro di Bruno Italiano "leggere la musica" e sia sul libro clarinettista autodidatta di Eliseo Bellido e mi sto arrangiando cercando guardando su internet .Avrei trovato anche un sassofonista amico che mi darà una mano in un prossimo futuro ma per ora non è possibile per ragioni di lavoro.Sono arrivato a fare le chiavi Portavoce e fino al SI DO RE MI FA SOL E LA riesco ha fare un suono dignitoso il SI e il DO non riesco a fare uscire niente, proprio non riesco ad emettere suono .Credi proprio che sia colpa del "legno" ??? Io penso che molto dipende da me , ma la sua parte la fa anche l'ancia !!

Se ti escono le note alte ma non si e do centrali è perchè non chiudi bene i fori

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non è male , anche se a me il maestro mi consiglio' di cominciare col b40 col quale mi trovo bene... ma il si e il do che non ti escono sono quelli col portavoce aperto e senza dita a coprire i fori, no? (quello sul secondo rigo sopra il pentagramma...) (Per Maestro... sono quelli centrali? no vero?)


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

> quello sul secondo rigo sopra il pentagramma...


Si sono quelle note !!


>ma il si e il do che non ti escono sono quelli col portavoce aperto e senza dita a coprire i fori, no?


Il SI tieni contemporaneamente chiuso il foro nella parte posteriore del clarinetto e apri la chiave 12 e copri il primo foro sopra il clarinetto e il DO tieni contemporaneamente chiuso il foro nella parte posteriore del clarinetto e apri la chiave 12 e tutti i fori aperti .


Mi levate un dubbio : avrei trovato un bocchino Vendoren B40 profilo 88 ......che parametro è questo 88 ??E' un particolare da tenere di conto per la scelta del bocchino ?? Uno era profilo 100 ...........


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cambiare bocchino non è utile per fare uscire le note che ora non ti escono, ma per elaborare in fase un po più avanzata la propria ricerca timbrica.



Per adesso cerca di studiare come puoi e fatti aiutare da altri musicisti o insegnanti.


Sono convinto che se il mercato degli accessori per clarinetto fosse più ristretto un principiante studierebbe assai meglio, perchè dedicherebbe il suo impegno a pensare e sentire la musica, non a cercare cosa comprare.



Piuttosto sperimenta varie misure di ance.



Io comunque ho cominciato a suonare (come molti) solo nei registri senza portavoce. Solo dopo qualche mese ho cominciato a salire con le note, e con i miei allievi principianti faccio sempre questo tipo di percorso.



Certo, producendo un suono orribile e senza nessuna possibiità di articolare decentemente puoi produrre anche da subito gli acuti, ma questo approccio a mio parere non porta da nessuna parte.



Se leggi già un minimo la musica ti consiglio di studiarti: Bela Kovacs: "Klarinetozni Tanulok" (vol.1) che si basa su questo metodo di studio progressivo - ma ovviamente esiste altro materiale valido che ti fa studiare scale e melodie sui soli registri bassi.



Il problema è "cosa studiare", non "cosa comprare".


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cambiare bocchino non è utile per fare uscire le note che ora non ti escono, ma per elaborare in fase un po più avanzata la propria ricerca timbrica.

Per adesso cerca di studiare come puoi e fatti aiutare da altri musicisti o insegnanti.

Sono convinto che se il mercato degli accessori per clarinetto fosse più ristretto un principiante studierebbe assai meglio, perchè dedicherebbe il suo impegno a pensare e sentire la musica, non a cercare cosa comprare.

Piuttosto sperimenta varie misure di ance.

Io comunque ho cominciato a suonare (come molti) solo nei registri senza portavoce. Solo dopo qualche mese ho cominciato a salire con le note, e con i miei allievi principianti faccio sempre questo tipo di percorso.

Certo, producendo un suono orribile e senza nessuna possibiità di articolare decentemente puoi produrre anche da subito gli acuti, ma questo approccio a mio parere non porta da nessuna parte.

Se leggi già un minimo la musica ti consiglio di studiarti: Bela Kovacs: "Klarinetozni Tanulok" (vol.1) che si basa su questo metodo di studio progressivo - ma ovviamente esiste altro materiale valido che ti fa studiare scale e melodie sui soli registri bassi.

Il problema è "cosa studiare", non "cosa comprare".

certo quello che dici non fa una piega!! ............io seguo quel libro sopra citato di Eliseo bellido il clarinettista autodidatta che ora per l'appunto sono arrivato a fare le note "portavoce" ..........

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

> Piuttosto sperimenta varie misure di ance.


Altra curiosità a proposito di questa tuo consiglio : Io sto suonando come con ance dell' 1,5 le 1 con le quali non mi trovo male o meglio meno peggio ,con la n°2 il suono è po' "affaticato" così mi chiedevo se dovessi provare altre ance del 2,5 o il 3 ecc , dal momento che con l'ancia n° 2 il suono non è ottimale se prendo una n°3 credo che sicuramente non riesco neanche a muovere l'ancia ........o non è così????Potrei trovarmici anche meglio???


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ti ribadisco che, a mio giudizio, non ha senso fare le note con il portavoce durante le prime settimane di studio, ci si ritrova in questo modo ad affrontare troppi problemi troppo in fretta. Fatti qualche centinaio di esercizi (melodie, scale, quello che ti pare) nei registri senza portavoce (lo Chalemau) cercando di visualizzare in modo preciso il suono che vuoi ottenere su quella parte dello strumento. Volendo puoi prendere delle melodie scritte anche per altri strumenti e trascriverle per chalemau, oppure puoi tirare giù a orecchio dei brani e suonarli con lo chalemau... (fai finta che il portavoce non esista) e suona cercando le dinamiche, gli attacchi ecc.


Guarda che suonare con un minimo di stile un ottava e sei semitoni su uno strumento ad ancia (e per giunta su uno strumento difficile come il clarinetto) non è una cosa per niente scontata. Se limiti la tua ricerca del suono nell'area dello strumento che ti dico vedrai che già fra un mese o due otterrai un suono più soddisfacente, ricco (e senza sentire di fare fatica) anche con ance del 2,5.


Datti tempo, fai le cose con calma e bene, interiorizzandole.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

in effetti ho tra i tanti anche questo difetto : l'impazienza la furia di arrivare al traguardo !! Sicuramente terrò presente il tuo consiglio .Però non mi hai risposto alla domanda delle ance ............io proverò anche le 2,5 ma .......se faccio fatica con la n°2 immagino più salgo di n° ancia più la vedo dura!! o sbaglio???


Per caso hai una melodia ,una "canzoncina" ,su cui possa esercitarmi e trovare soddisfazione nel sentire che la eseguo !!



Non per ultimo : ti ringrazio di "ascoltarmi" e rispondermi con consigli utilissimi!! :oneeyed02:


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

in effetti ho tra i tanti anche questo difetto : l'impazienza la furia di arrivare al traguardo !! Sicuramente terrò presente il tuo consiglio .Però non mi hai risposto alla domanda delle ance ............io proverò anche le 2,5 ma .......se faccio fatica con la n°2 immagino più salgo di n° ancia più la vedo dura!! o sbaglio???

Per caso hai una melodia ,una "canzoncina" ,su cui possa esercitarmi e trovare soddisfazione nel sentire che la eseguo !!

Non per ultimo : ti ringrazio di "ascoltarmi" e rispondermi con consigli utilissimi!! :oneeyed02:

Di solito la cosa di usare ance via via più dure avviene gradualmente come una specie di necessità di elaborare un suono più ricco e caldo (ma a volte capita di sentire clarinettisti eccezionali che suonano con ance dell' 1 1/2... - quindi: suonare con l'ancia dura non vuol dire essere più bravi). Più migliori in sicurezza nel mantenere un impostazione valida a livello di respirazione, tensione addominale, labbra, insufflazione, più ti accorgi che puoi sostenere ance consistenti senza morire.

Secondo me se ti concentri a suonare solo sullo chalemau cercando rilassatezza e precisione nell'impostazione puoi arrivare a suonare con ance del 2 o 2,5 entro un mese o due, dipende da come e quanto studi, e dipende dal tuo avvertire o meno la necessità di questi cambiamenti.

Per le melodie... che dire... quelle sono nell'aria (e qualche volta anche nei libri). Le note sono dodici. Con lo chalemau puoi suonare già su un po di scale pentatoniche e diatoniche. Chi cerca trova.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

hai provato a vedere il metodo di Pasquero ? (Eilah!! voi Maestri, non storcete il naso !!! :oneeyed01: ) Parte facile facile (solo con il reg di chalumeau) e inserisce dei motivetti semplici... Io ho qualche pagina digitalizzata. Se mi mandi un indirizzo te le invio, però non è completo...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il b 45 è un ottimo bocchino,e non vi è una grande differenza con il b 40,il primo ha più estensione e suono bello rotondo,con una buona facilità di emissione,il b40 è un bel bocchino che da un suono più scuro,ma altrettanto bello.questo bocchino,però,quando andrai a fare lo staccato,ti farà faticare molto di più del b 45 che,da questo punto di vista,è molto più agile,almeno,io,fatico il doppio.Se te lo dico non è per presunzione,ma io li uso entrambi e,le sensazioni sono queste.


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il b 45 è un ottimo bocchino,e non vi è una grande differenza con il b 40,il primo ha più estensione e suono bello rotondo,con una buona facilità di emissione,il b40 è un bel bocchino che da un suono più scuro,ma altrettanto bello.questo bocchino,però,quando andrai a fare lo staccato,ti farà faticare molto di più del b 45 che,da questo punto di vista,è molto più agile,almeno,io,fatico il doppio.Se te lo dico non è per presunzione,ma io li uso entrambi e,le sensazioni sono queste.

ho acquistato il B40 e domani dovrebbe essere montato sul mio clarinetto . Ti ringrazio dei tuoi consigli che per me non sono affatto presuntuosi !! Se hai altri suggerimenti sono qui!! Grazie ancora

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy