Vai al contenuto

Recommended Posts

salve a tutti/e! sono nuovo del forum... mi rivolgo a voi clarinettisti/e professionisti/e perché ho bisogno di un consiglio per un acquisto:


Ho una grande passione per il nostro strumento... ho studiato tre anni al conservatorio, poi ho lasciato perché ho preferito dedicarmi completamente agli studi universitarii... ma sotto sotto il clarinetto continuava ad attirarmi... negli ultimi 2 anni, dopo la laurea, l'ho ripreso in mano e con grande soddisfazione mi sono reso conto che, non solo non avevo dimenticato la diteggiatura, ma ero anche in grado di improvvisare ad un certo livello (non sono nuovo agli studi musicali... prima di iscrivermi a clarinetto ho seguito 4 anni di percussioni + pianoforte complementare)... ora che sono infelicemente disoccupato lo suono quasi tutti i giorni, ma comincio a percepire certe sfumature fredde nel suono...(il mio clarinetto è un buon clarinetto, ma pur sempre da studio... yamaha in vetroresina...)


vorrei passare a uno strumento superiore... in buon legno... il problema è che sono totalmente disorientato dalla varietà dell'offerta (nuovo/usato...) e dai prezzi... (buffet usati a 150 euro... seminuovi... nuovi a 4000...) ed eccomi dunque a voi per chiedere consiglio... meglio uno strumento nuovo o usato? Che marca? Premetto che (con una pausa di due anni) sono 6-7 anni che suono il clarinetto e intendo continuare a suonarlo per un bel po' prima di passare al sassofono (se mai ci passerò... quante arie che si danno quegli sfiatati...;))


Vorrei uno strumento di buona qualità... adatto all'improvvisazione jazz ma anche capace di ottenere un buon suono (non ho tante pretese, ma ogni tanto mi piace rispolverare i minuetti del conservatorio...)


Grazie mille in anticipo per il vostro aiuto!


viva il clarinetto!



Gioele Bianchi


Genova


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nuovo o usato? La varietà è tantissima! Per il jazz si sono sempre usati i selmer , ma è vero che il suono lo fa il clarinettista e il bocchino più che lo strumento! Quindi io consiglierei Patricola! Ottimi strumenti,ottima meccanica e la capacità di plasmare il suono a tuo piacimento con molta facilità!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

salve a tutti/e! sono nuovo del forum... mi rivolgo a voi clarinettisti/e professionisti/e perché ho bisogno di un consiglio per un acquisto:

Ho una grande passione per il nostro strumento... ho studiato tre anni al conservatorio, poi ho lasciato perché ho preferito dedicarmi completamente agli studi universitarii... ma sotto sotto il clarinetto continuava ad attirarmi... negli ultimi 2 anni, dopo la laurea, l'ho ripreso in mano e con grande soddisfazione mi sono reso conto che, non solo non avevo dimenticato la diteggiatura, ma ero anche in grado di improvvisare ad un certo livello (non sono nuovo agli studi musicali... prima di iscrivermi a clarinetto ho seguito 4 anni di percussioni + pianoforte complementare)... ora che sono infelicemente disoccupato lo suono quasi tutti i giorni, ma comincio a percepire certe sfumature fredde nel suono...(il mio clarinetto è un buon clarinetto, ma pur sempre da studio... yamaha in vetroresina...)

vorrei passare a uno strumento superiore... in buon legno... il problema è che sono totalmente disorientato dalla varietà dell'offerta (nuovo/usato...) e dai prezzi... (buffet usati a 150 euro... seminuovi... nuovi a 4000...) ed eccomi dunque a voi per chiedere consiglio... meglio uno strumento nuovo o usato? Che marca? Premetto che (con una pausa di due anni) sono 6-7 anni che suono il clarinetto e intendo continuare a suonarlo per un bel po' prima di passare al sassofono (se mai ci passerò... quante arie che si danno quegli sfiatati... ;))

Vorrei uno strumento di buona qualità... adatto all'improvvisazione jazz ma anche capace di ottenere un buon suono (non ho tante pretese, ma ogni tanto mi piace rispolverare i minuetti del conservatorio...)

Grazie mille in anticipo per il vostro aiuto!

viva il clarinetto!

Gioele Bianchi

Genova

Gioele, un buon clarinetto è un buon clarinetto. Nella realtà non esiste il clarinetto più adatto al jazz che alla musica classica.

Quindi in base al tuo budget puoi solo cercare uno strumento solido, intonato e con una risposta timbrica che senti a te congeniale. Il resto del lavoro sta a te. Se non vuoi spendere troppo e avere un strumento di ottima qualità ti posso consigliare di provare gli Yamaha 450 e 650. Allo stesso prezzo degli Yamaha nuovi puoi trovare ottimi strumenti usati, ma verifica che lo stato degli stessi sia buono. I Buffet a 21 chiavi e i Selmer s9, s10 li trovi tranquillamente con 7-800 eu.

E comunque non è assolutamente vero che nel jazz si sono sempre usati clarinetti Selmer. Io lavoro principalmente in contesti differenti dalla musica classica, suonando clarinetto e sax e ti posso dire che la varietà nelle scelte dei clarinettisti jazz non manca ne è mai mancata.

Poi, indipendentemente dal linguaggio musicale che intendi coltivare il suono sullo strumento va sviluppato. Suonare il clarinetto in contesti diversi dall'orchestra non dovrebbe significare superficialità nella cura di quello che si fa, cioè non è che chi studia musica classica debba mirare al bel suono e chi studia jazz no. Che poi vaghino nelle bettole di periferia sedicenti "jazzisti" intenti a masturbare i propri spernacchianti legni è cosa trascurabile, ed esempi analoghi non mancano del resto nemmeno nei nostri conservatori. Ma, appunto,il suono lo fai tu, rispetto allo strumento da acquistare puoi solo orientarti verso quello che può in qualche modo renderti più agevole e divertente la tua ricerca e il tuo tentativo di progredire. Insomma, prova più strumenti che puoi e segui quello che ti dice l'istinto.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 3 weeks later...

Gioele, un buon clarinetto è un buon clarinetto. Nella realtà non esiste il clarinetto più adatto al jazz che alla musica classica.

Quindi in base al tuo budget puoi solo cercare uno strumento solido, intonato e con una risposta timbrica che senti a te congeniale. Il resto del lavoro sta a te. Se non vuoi spendere troppo e avere un strumento di ottima qualità ti posso consigliare di provare gli Yamaha 450 e 650. Allo stesso prezzo degli Yamaha nuovi puoi trovare ottimi strumenti usati, ma verifica che lo stato degli stessi sia buono. I Buffet a 21 chiavi e i Selmer s9, s10 li trovi tranquillamente con 7-800 eu.

E comunque non è assolutamente vero che nel jazz si sono sempre usati clarinetti Selmer. Io lavoro principalmente in contesti differenti dalla musica classica, suonando clarinetto e sax e ti posso dire che la varietà nelle scelte dei clarinettisti jazz non manca ne è mai mancata.

Poi, indipendentemente dal linguaggio musicale che intendi coltivare il suono sullo strumento va sviluppato. Suonare il clarinetto in contesti diversi dall'orchestra non dovrebbe significare superficialità nella cura di quello che si fa, cioè non è che chi studia musica classica debba mirare al bel suono e chi studia jazz no. Che poi vaghino nelle bettole di periferia sedicenti "jazzisti" intenti a masturbare i propri spernacchianti legni è cosa trascurabile, ed esempi analoghi non mancano del resto nemmeno nei nostri conservatori. Ma, appunto,il suono lo fai tu, rispetto allo strumento da acquistare puoi solo orientarti verso quello che può in qualche modo renderti più agevole e divertente la tua ricerca e il tuo tentativo di progredire. Insomma, prova più strumenti che puoi e segui quello che ti dice l'istinto.

Da che mondo è mondo, i clarinetti più usati e gettonati erano i selmer serie 9 e serie 10!! Si preferivano all'rc proprio perché avendo la cameratura più grossa potevi sfruttare di più il suono! Ma comunque è possibile fare dell'ottimo jazz con qualsiasi clarinetto! Il lavoro lo fa il musicista!
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

I Selmer s9 e s10 erano buoni strumenti, e in quanto tali hanno avuto un buon successo di vendite presso i musicisti di jazz, ma sono strumenti che venivano acquistati e suonati da clarinettisti di tutti i tipi, soprattutto in America, dove non c'e' come da noi la mania dei Buffet. Se tieni presente che quasi tutti i clarinettisti "classici" in USA sono anche (per ovvie ragioni) validi jazzisti è chiaro che viene facile associare Selmer al jazz.


Se poi si parla, come pare, dei vecchi tempi si può vedere per esempio che Benny Goodman dalla fine degli anni '60 suonava con un Buffet e Jimmy Giuffre suonava con un clarinetto sistema Albert che non era un Selmer; Henghel Gualdi suonava un Orsi...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere adesso e registrarti subito dopo. Se hai un account, ACCEDI.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy